O
ur cultural and monumental heritage bears witness to centuries of history, ranging from sacred space, best expressed through magnificent churches, abbeys and shrines, to civil architecture, rich in monuments and ancient stately mansions, to military architecture expressed through many forts, fortresses, castles and fortified walls of great value and importance.

click on "+" for more details

Acquacanina

-Abbazia di Santa Maria di Rio Sacro
Also known by the name of S. Maria di Meriggio, this Romanesque abbey was established by Benedictine monks around the year one thousand and named Santa Maria de Merigu. It had been their convent since the year 1500.
Style: Romanesque

Address Meriggio
Date of building: 10th century
-Chiesa della Madonna del Vallone
This shrine stands along the road crossing the hamlet of Piedicolle, where this road forms an "elbow", and it is surrounded by a moat. This church started functioning in 1747, as it may be deduced from the documents preserved in the parish archive.
Address Loc. Campicino
Date of building: 1747
-Chiesa di S. Margherita
This church stands inside the ruins of the former fortification built by the Da Varano from Camerino (14th century) in the hamlet known as Vallecanto. The church was coeval to the fort and it preserves two frescoes by Girolamo di Giovanni.
Style: Romanesque

Address Fraz. Vallecanto
-Ruderi Castello Varano
These are the ruins of a fortified castle built by the Da Varano from Camerino (14th century) in the hamlet known as Vallecanto. Inside them there is the small S. Margherita’s church.
Address Fraz. Vallecanto
Date of building: 14th century

Apiro

-Abbazia di Sant’Urbano
Abbazia di Sant'Urbano
This Baroque abbey is dedicated the patron saint of the city, Urban, and was built in 1632 by Giangiacomo Baldini. The interior forms a Latin cross with three naves and octagonal dome. This abbey preserves a 17th century altar piece depicting the Coronation of the Virgin and Pope Saint Urban I by Angelo Scoccianti (son of Andrea).
Address On the way to Poggio S. Vicino
Property: privata
Date of building: Before the year one thousand
-Chiesa della Madonna della Misericordia o della Figura
This church was built in the late 14th century and grew up around a fresco called "Figura" attributed to Ottaviano Nelli from Gubbio (1375-1444). This church and the hospice called Ospedale dei Pellegrini (later Monte Frumentario) were once a single unit.
Date of building: Late 14th century
-Chiesa di San Francesco
Chiesa di San Francesco Entro le Mura
This is definitely the oldest church in Apiro, since it was built before the 12th century. In this building two styles overlap: the original medieval style and the baroque interior (early 18th century).
Date of building: Before the 12th century
-Chiesa di San Francesco delle Favete
This church grew up in the homonymous hamlet, few kms far from Apiro. While staying here, Saint Francis of Assisi made several miracles.
Date of building: 14th century
-Chiesa di San Leopardo
The external square-shaped structure, built from irregular stones, is completed by a semicircular apse on which the altar stands. The altar is lit by All the outer structure, built from irregular stones team, is complemented by a square-shaped semi-circular apse on which stands the altar, lit by a narrow lancet window.
Date of building: 10th-11th century
-Chiesa di San Michele Arcangelo
Its first records date back to 1033 but the alley behind this church, called "alley of catacombs" is perhaps referring to an older structure.
Date of building: around 1033
-Chiesa di San Salvatore – Santa Maria ad Nives
This is one of the oldest churches in the province of Macerata. It is nestled on a panoramic hill located South of the town (513 masl). Its structure combines the church and the sacristy and it is built from square-shaped stones.
Date of building: 12th century
-Chiesa di San Sebastiano – Convento dei P.P. Cappuccini
The church was built in 1546. Afterwards the Convento dei P.P. Cappuccini (Capuchin monastery) was outbuilding. Inside a courtyard paved with bricks encloses the cloister and the well.
Date of building: 1546
-Chiesa di Santa Felicita
This is a medieval church whose archivolt preserves a Gothic inscription dating from 1256. Historians agree that the date written should be the year the portal, not the entire church building which is probably older, was built.
Date of building: 13th century
-Chiesa di Santo Stefano (Cà di Chiocco)
This small monastic church, built before the 14th century, was once a parish named in the honour of St. Stephen and known as "Santo Stefano di Buraco" or "di Montalvello".
Style: Romanesque-Gothic

Date of building: Before the 14th century
-Collegiata di Sant’Urbano
Collegiata di Sant'Urbano
This collegiate church dates back before the year one thousand but was consecrated in 1086 and then rebuilt in the 13th century. It began its decline in the early 15th century.
Style: Baroque

Date of building: 1632
-Monastero di Santa Maria Maddalena
This convent once housed a school of embroidery. Currently only a few nuns live there. They follow the Rule of Saint Francis.
Date of building: 1500
-Palazzo Comunale
This huge square-shaped town hall was built in 1246 and has undergone many renovations. The council chamber houses a work by Allegretto Nuzi, depicting the Virgin with Child and Saints (1366).
Property: Proprietà Comunale
Date of building: 1246
-Porta Garibaldi
Once, this gate was known as Porta Musone. Currently it is the main gate to the town of Apiro.
Style: Gothic

-Torrione – Cinta muraria Apiro
These walls have two main building phases, which have been dated to the Middle Ages and the first half the 15th century (commissioned by Francesco Sforza). Around the walls were prepared fourteen irregular polygonal towers, currently there are still five, four of which are privately owned.
Date of building: 12th century

Appignano

-Chiesa dell’Addolorata
This church is named in the honour of Our Lady of Sorrows, which was venerated as early as 1550, when the Council resolved to repair the aedicula. However, in the year 1746, it was re-built in the area of Santa Croce because of its poor conditions. In the place of an aedicule, a church was built thanks to the offerings collected.
Date of building: 1746
-Chiesa di San Giovanni Battista
This church was restored in the 18th century and currently it has longitudinal plan, one nave and a stunning stone portal that is particularly renowned for its tympanum and cartouche. Its Gothic belfry is of particular interest.
Date of building: 16th century
-Convento di Forano
This is a monastery whose origins are not thoroughly documented. In this area, between the 12th and 13th centuries, there was a hospice and perhaps some Benedictine settlements as well. According to Father Cyrus from Pesaro, around 1215 St. Francis arrived in the woodland of Forano where he found a small hospice for monks abandoned and crumbling with a church dedicated to the Annunciation. There, says Father Cyrus, St. Francis established a monastery.
Address C.da Forano
Date of building: 1473
-Palazzo Comunale
This palace (town hall) was designed by architect Mattia Capponi from Cupramontana and built in 1790. Its façade has three arches and two niches giving access to a groin vaulted portico.
Date of building: 1790
-Villa Tusculano
This villa is an enduring symbol of Appignano and valuable monument for history and architecture. It was built during Napoleonic times, commissioned by Count Leopoldo Armaroli and designed by architect Giuseppe Nadi from Bologna.
Style: Neoclassical

Belforte del chienti

-Chiesa di S. Giovanni
Semplice nella chiusura a timpano della facciata, ma suggestiva e severa nella pietra scura con cui è edificata, apparteneva al Monastero Benedettino, poi domenicano ed in seguito a ciò fu chiamata S. Domenico, mentre in precedenza era chiamata de tribio. All' interno interessanti affreschi raffiguranti la Natività e la Madonna del Rosario di Andrea De Magistris del 1558.
Visite: su richiesta ed ingresso gratuito
Address Borgo San Giovanni
Date of building: XV Secolo
-Chiesa S. Eustachio
E' ricordata almeno dal 1218, ma le sue forme attuali risalgono al XVII-XVIII sec. dopo il terremoto del 1741. Se all'esterno non presenta strutture particolarmente notevoli, all'interno l'edificio custodisce alcune opere di grande interesse: tra cui una statua lignea cinquecentesca di S. Sebastiano (un tempo nella chiesa omonima), due tele cinquecentesche, una delle quali firmata e datata da Durante Nobili da Caldarola, allievo di Lorenzo Lotto, una Santa Lucia del pittore ginesino Domenico Malpiedi (prima metà del sec. XVII), e il luminoso e grandioso polittico (cm 483 per cm 323) del 1468, firmato e datato da Giovanni Boccati.
Il polittico fu eseguito nel 1468 dal pittore di Camerino Giovanni Boccati. L'opera, racchiusa in un'elaborata e preziosa cornice in legno dorato, misura m 4,83 di altezza per una larghezza di m 3,25. Si compone di dodici pannelli di cui cinque costituiscono il registro inferiore e sette quello superiore; da diciotto specchi di cui sei sono inseriti nei pilastri laterali e dodici nella predella, e da cinque medaglioni. Complessivamente le tavole figurate ammontano a trentacinque; ad esse si aggiungono i due cartigli laterali con le iscrizioni nelle quali compaiono i nomi dei committenti e l'anno di esecuzione. La firma del pittore si trova nel gradino alla base del trono della Vergine.
Visite: su richiesta ed ingresso gratuito
Address Piazza Umberto I
Date of building: L'antecedente al 1300, ma ricostruita nel sec. XVII-XVIII
-Chiesa S. Maria di Villa Pianiglioli
L' edificio risale al XVI sec. ed era dedicato a S. Giovanni Evangelista. All’esterno presenta bassorilievi in arenaria, mentre all’interno sono conservate tre tele raffiguranti : San Venanzio; S. Eustachio che regge sulla mano sinistra il paese di Belforte; la Sacra Conversazione.
Visite: su richiesta ed ingresso gratuito
Address Via Villa Pianiglioli
Date of building: XVI Secolo
-Chiesa S. Maria d’Antegiano
Le prime notizie relative a questa chiesa risalgono al 1476, in quanto altre fonti del 1421 non fanno menzione della sua fabbrica. La chiesa fu tenuta come luogo dei Clareni secondo quanto si legge in un atto di permuta del 1540. All' interno presenta due lastre in marmo, un confessionale e un altare, inoltre vi si conservava una tela con riferimenti stilistici che riconducono al De Magistris.
Visite: su richiesta ed ingresso gratuito
Address Via Madonna D’Antegiano
Date of building: XV Secolo
-Chiesa S. Maria e Monastero Silvestrino (ora S. Pietro Apostolo)
Appartenente all' omonimo monastero silvestrino e più volte ristrutturata, anche in epoca moderna. All' interno una croce processionale di fattura bizantina del XV sec. e alcune tele attribuite a Luigi Domenico Valeri (XVIII sec.). Ristrutturata nel XVII sec.
Visite: orario Ss. Messa ed ingresso gratuito
Address Via Ciappi
Date of building: XVII Secolo (ristrutturata)
-Chiesa S. Salvatore
E' una piccola chiesa posta in mezzo al verde, di proprietà privata. Nella sua struttura sembra risalire al XVI secolo. L' interno spoglio e le pareti un tempo affrescate da pittori locali mostrano oggi solo due scene probabilmente cinquecentesche: una Sacra Famiglia e un Cristo.
Visite: su richiesta ed ingresso gratuito
Address Via San Salvatore
Date of building: XVI Secolo (circa)
-Chiesa S. Sebastiano
Fuori dall' abitato, quasi a ridosso delle mura cittadine, si pone la restaurata e, nei secoli, allargata chiesa di S. Sebastiano, eretta dalla Comunità a protezione della peste (come allora si era soliti fare erigendo sacri edifici anche a S. Rocco ovvero alla Madonna delle Grazie), dietro autorizzazione rilasciata dal vicario Vescovo di Camerino nel 1479.
Visite: su richiesta ed ingresso gratuito
Address Via San Sebastiano
Date of building: 1479
-Palazzo Bonfranceschi
Nel cuore del centro storico di Belforte del Chienti, in provincia di Macerata, sorge Palazzo Bonfranceschi, elegante dimora storica, che prende il nome dall’ultima famiglia che lo ha posseduto. Costruzione risalente al XVII-XVIII sec., l’edificio, destinato a palazzo nobiliare, si sviluppa su tre piani e comprende una meravigliosa cappellina abbellita da stucchi.
Oggi, il Palazzo si apre, come Residenza d’epoca, grazie all’impegno e all’entusiasmo dei componenti di TDA Universal s.a.s., società attiva nella promozione dell’arte e della cultura. Con laboratori d’arte, sale per ricevimenti, per presentazione di libri e per ogni tipo di evento culturale, spazi espositivi, visite guidate, Palazzo Bonfranceschi si propone come un’oasi di relax, senza per questo rinunciare all’opportunità di fare una vacanza ricca di emozioni.
Visite: su richiesta ed ingresso gratuito
Address Via Cavour
Details
Property: Comune
Date of building: Nel XVII - XVIII sec.
-Palazzo Comunale
Era la sede dove avvenivano le assemblee cittadine costituite dal Consiglio Generale e dal Consiglio di Credenza. Ubicato in una minuscola piazza, conserva della struttura antica la torre civica, risalente al XVII sec. e tuttora fornita di campana, e le arcate ottocentesche.
Visite: orario ufficio 10.30 - 13.00
Address Piazza Umberto I, 13
Property: Comunale
Date of building: XVII Secolo
-Palazzo Vicomandi
Raro esempio di palazzo angolare con giardino pensile, esistente già nell' anno 1766, di cui però non si hanno notizie sulle origini. Il fronte principale del palazzo e quelli laterali sono affacciati lungo le due strade principali e quello retrostante presenta un rigoglioso giardino pensile. Conserva l' arredamento tipico dell' abitazione borghese dell' Ottocento.
Presenta quattro stanze di rappresentanza sul fronte principale con soffitti dipinti con varie allegorie, tra cui i tre saloni con arabeschi. Nelle vicinanze del salone principale si trova l' oratorio di famiglia. Le camere da letto sono anch' esse dipinte con motivi allegorici e grotteschi.
Visite: su richiesta ed ingresso gratuito
Address Via Ciappi, 59
Property: Privata
Date of building: Antecedente al XVIII secolo

Bolognola

-Castello dei Pepoli di Varano
Ruderi del Vecchio Castello Varano.
Address Piazza Giacomo Leopardi
Date of building: XII Secolo
-Chiesa di S. Maria delle Grazie
A pianta centrale, decorata di stucchi e restaurata nel 1990 a cura dell'Amministrazione di Bolognola. Due pregevoli tele raffiguranti S. Maria Egiziaca e S. Macario Eremita, entrambe seicentesche, affiancano l'altare maggiore.
Address Fraz. Villa Malvezzi
Date of building: Metà circa del sec. XVII
-Chiesa di S. Michele Arcangelo
Dal punto di vista architettonico, l’attuale Matrice di S. Michele non dice nulla, trattandosi di una completa riedificazione in stile neogotico, successiva a due catastrofiche slavine che colpirono il paese nel 1930 e nel 1934. Ad oggi vi sono corsevate due opere d’arte di grande importanza: la prima è un affresco staccato dalla diruta chiesa di S. Maria a Piè del Sasso raffigurante una Crocifissione, la seconda è un polittico di Giulio Vergari di Amandola.
Address Villa Pepoli
Date of building: XVI Secolo
-Chiesa di S. Nicolò di Bari
La chiesa, già parrocchiale, risale a circa la metà del XIX secolo. È sorta su una chiesa più piccola e più antica.
Address Villa di Sopra
Date of building: 1800 circa
-Chiesetta di S. Maria a pié del Sasso
Si può ammirare una Crocefissione, affresco di anonimo dei primi del Quattrocento, qui staccato e collocato nel 1970 a cura di Guglielmo Maggi di Roma nella Chiesa di S. Michele Arcangelo in Villa Pepoli.
Address Loc.tà Pié del Sasso
Date of building: 1400
-Edicola Cruciani
Dall'Edicola Cruciani proviene l'affresco raffigurante la Madonna in trono con Bambino tra Angeli musicanti e Santi, del camerinese Girolamo di Giovanni, ora visibile presso la Pinacoteca di Camerino.
Address Villa da Capo
Date of building: Metà sec.XV
-Mulino
Vecchio mulino a pietra risalente agli anni '20. Trattasi di un mulino di notevoli dimensioni che permetteva la macinatura del grano e del granturco non solo per il fabbisogno della popolazione di Bolognola, ma anche per gli abitanti dei paesi limitrofi.
Date of building: XX Secolo
-Municipio “Palazzo Maurizi”
Il palazzo comunale, già residenza della famiglia Maurizi, possiede una ricca decorazione a tempera del primo ottocento.
Address Villa di Sopra
-Palazzo Primavera
Negli scantinati del fatiscente Palazzo Primavera esiste tuttora l'attrezzatura necessaria all'arte della lana, esercitata a Bolognola sin dal Medioevo.
Address Villa Bentivoglio
Property: Comune
Date of building: XII Secolo

Caldarola

-Cappella del Rosario
Si trova all'interno della chiesa di San Gregorio: stile liberty.
Date of building: 1918
-Castello di Croce
La fortificazione è varanesca e difendeva il lato Sud e Est del colle. La cortina di levante è la più gigantesca dei castelli della zona. Al centro si trova la porta d'ingresso ad arco acuto che immette in un cortiletto con cisterna. La parte a sud è occupata dalla chiesa, forse ricavata posteriormente.
L'epoca ed il taglio delle opere fanno pensare alla scuola folignate del primo '400. Straordinario il complesso pittorico per la quantità e la qualità delle opere nonché per l'arco di tempo che le ha prodotte (oltre un secolo e mezzo).. Simone De Magistris illustrò con dovizia cromatica la transenna absidale con tre grandi affreschi: Ascensione, Crocifissione, Assunzione intervallati da due riquadri più piccoli con S.Giorgio e S. Martino. Suoi anche i Misteri del Rosario d'ispirazione lottesca attorno al presepio dipinto dal padre. Di Andrea De Magistris sono: Madonna, Bambino, S.Rocco e S.Sebastiano al centro della navata di sinistra (1538); S.Giorgio salva la principessa e S.Martino dona il mantello al povero (1551), sul fondo; il Presepio entro un rettangolo di lesene con l' annunciazione nei pennacchi, nella nicchia ad angolo (1553).
Date of building: XIII Secolo
-Castello di Vestignano
Il Castello fu assegnato al monastero di Casauria da Ludovico II ed in epoche successive fu dato ai Varano. In zona circondata da boschi, Vestignano conserva ancora possenti mura con torrione cilindrico e torrette a base quadrata, vie strette, case basse, con tetto spiovente, archivolti e sottopassaggi.
I Longobardi che occuparono la zona nell' VIII sec. costruirono un tempio al loro protettore S.Giorgio. Di questa costruzione restano i dipinti del catino absidale, la duecentesca scultura di S.Martino ed altre parti interessanti. Il paese coincide con il castello. Nell'abside della chiesa sono conservati tre affreschi di difficile lettura perchè consumati: un Santo con l'aureola a punte, una Madonna con Bambino e una Adorazione dei Magi. L'epoca ed il taglio delle opere fanno pensare alla scuola folignate del primo '400. Straordinario il complesso pittorico per la quantità e la qualità, con opere di Simone e Andrea De Magistris e Nobile da Lucca.
-Castello Pallotta
Il Castello Pallotta, dall’alto del colle di Colcù, si affaccia su Caldarola creando un suggestivo quadro d’insieme dal sapore fiabesco. Già esistente nel IX secolo, subì una modifica radicale verso la fine del ’500, quando il Cardinale Evangelista Pallotta volle trasformarlo in una maestosa quanto armonica costruzione rinascimentale che adibì a propria residenza estiva, testimoniando il prestigio del casato con le importanti relazioni imbastite dai quattro cardinali di casa Pallotta con la curia romana ed il mondo artistico. Furono molti infatti gli ospiti importanti, come il pontefice Clemente VIII e la regina Cristina di Svezia.
Riaperto dopo anni di lavori eseguiti a causa delle lesioni dovute al terremoto del 1997, l’antico maniero conserva ancora intatte le mura, la merlatura guelfa, i cammini di ronda ed il ponte levatoio. La visita riguarda gli ambienti della residenza storica tra pian terreno e piano nobile, dove ogni arredo, ogni soprammobile, ogni minimo dettaglio è collocato nel proprio contesto originale. La sala d’armi contiene una ricca collezione di cimeli di famiglia come alabarde, spade, armature e fucili. L’esposizione di splendide carrozze e la selleria, odorosa di cuoio, riguardano una vasta collezione di grande valore culturale. Gli ambienti residenziali contengono arredi del XVI e XVII secolo insieme a rivestimenti e tendaggi originali. Inoltre nel percorso guidato è possibile visitare l’antica cucina, con la tipica dotazione di utensili in rame e stoviglie in ceramica e terracotta, il salone dei ricevimenti, l’elegante camera da letto dedicata agli ospiti, la sala da pranzo con le bellissime e rarissime ceramiche settecentesche di produzione marchigiana ed infine, il delizioso salotto giallo impreziosito dal fregio attribuito a Simone De Magistris, grande pittore manierista caldarolese.
Tel. +39 0733 905 467
Details
Date of building: 1875 circa
-Chiesa di Pievefavera
Pievefavera si trova su di uno sperone roccioso orientato in direzione nord-sud e proteso sulla valle del Chienti. Tutti gli edifici sono costruiti con blocchi di roccia marnosa. Il primitivo insediamento era situato più in basso ed era sorto quale "mansio" o "statio”.
Si dispone a semiavvolgimento secondo uno schema a lisca di pesce e si estende lungo il pendio degradante verso la valle del Chienti ed il sottostante lago. La rete stradale interna segue la natura del terreno. Si individuano tre tracciati di fortificazioni che presentano tre portali a sesto acuto. La chiesa eretta nel XII secolo è stata molto rimaneggiata; la facciata presenta un portale a tutto sesto con decorazioni altomedievali. L' interno di gusto barocco si presenta a sala unica con quattro cappelle laterali ed un imponente altare centrale. Dell' antico impianto rimane solo l'abside dietro l'altare centrale. Opera pregevole è il San Sebastiano ligneo cinquecentesco. La canonica è accostata alla chiesa seguendo l'andamento del terreno e formando così il sagrato di forma triangolare. Alla fine del XIII secolo è stata costruita la zona che circonda il sagrato mentre il fabbricato adiacente la chiesa risale al XIV sec. Attualmente sul sagrato sono riportati alcuni reperti archeologici in modo da costituire un "antiquarium" all'aperto.
Date of building: XII Secolo
-Chiesa di Vestignano
Sulla parete absidale della Chiesa si trovano alcuni dipinti di Simone De Magistris.
Nel 1263 i Varano ottennero il diritto di giurisdizione ecclesiastica e civile sul "castrum plebis de Faveria" e lo mantennero fino al Concilio di Trento con una breve interruzione dal 1434 al 1443. Le vicende di questo periodo documentano l'importanza della pievania; infatti la pieve risultava un'ottima fortificazione con una torre di avvistamento (come si può desumere dal testamento di Gentile II da Varano - anno 1350); di maggior rilevanza è che il suo territorio garantisse parte dei confini a sud-est dei Varano ed inoltre le ricche rendite provenienti alla pieve dalle decime e dalle risorse agricole della piana di Caldarola, appartenenti ad essa.
-Collegiata di San Gregorio
Fu fatta costruire dal card. Evangelista Pallotta nei primi anni del '600 forse sulle stesse rovine della chiesa di San Gragorio della Vigna fondata dai Longobardi verso la fine del 700. La costruzione è a croce latina, il soffitto a capriate.
La cappella di sinistra conserva la Madonna del Rosario (olio su tela) con ai lati angeli e alla base i santi Francesco e Domenico. La parte superiore è di Andrea De Magistris mentre i due santi così vigorosi e lotteschi sono di Durante Nobili. Sempre in questa cappella, gli affreschi dei Misteri del Rosario (1918) sono di Augusto Mussini (Fra Paolo). Come altre volte, il pittore si trasformò in poeta. Rappresentano uno dei pochi esempi al mondo di arte Liberty a tema religioso.
Date of building: 1600
-Collegiata di San Martino
Fu inaugurata nel 1590 con bolla di Sisto V che la elevò a collegiata insigne ed il cui stemma domina la facciata vicino a quello del cardinale Evangelista Pallotta.
Con la caduta dell'Impero Romano e le invasioni barbariche subì il destino di tutti i piccoli insediamenti romani. Furono i Benedettini a bonificare il territorio attorno a Pievefavera ma non si conoscono le ragioni dello spostamento di "Faveria" dalla valle allo sperone sovrastante. Le prime notizie di una pieve a Faveria si hanno con un documento del 1170 con cui Pietro Offoni passa in proprietà' alcuni terreni all'abbazia di Fiastra: il documento è firmato anche dal priore Pietro "plebanus de Favero".
Address Fraz. Villa Malvezzi
Date of building: 1590
-Palazzo Pallotta
Sede del Municipio, sorge al centro di Caldarola e forma insieme alla chiesa collegiata di San Martino un complesso edilizio di grande rilievo; nel suo impianto architettonico è disegnata la piazza antistante, probabilmente concepita con progetto unitario per essere chiusa su tre lati da edifici porticati, come fa pensare l'affresco che si trova nella sala del Consiglio (detta Salone dei Cardinali Pallotta).
Il paese coincide con il castello: una sola porta d'ingresso, finestratura e rocchette agli angoli, il tutto cinto da mura cui fa cerniera un torrione cilindrico e varie torrette a base quadrata. Straordinaria è l'evocazione castellare nell'ingresso. I possenti edifici tagliati da porte e piccole finestre sono impostate su grandi archi o, appena entrati, da un'alta galleria sopra le arcate della via. Un' attenta ricerca fa anche scoprire una cerchia muraria su una lunetta appena l'ingresso, Nobile da Lucca affrescò a colori vivi la Vergine e i Santi protettori della gente. E' un piccolo dipinto dei primi anni del '500 che richiama forse certe testine affioranti nella chiesa "extra moenia"del castello. Nell'abside della chiesa sono conservati tre affreschi di difficile lettura perchè consumati: un Santo con l'aureola a punte, una Madonna con Bambino e una Adorazione dei Magi.
-Santuario di Maria SS del Monte
Il santuario chiude il lato sud-ovest della piazza e sorge sullo spazio ricavato dalla demolizione di una precedente chiesa del 1400. L'edificio progettato dall'architetto Augustoni venne aperto al culto nel 1780. La facciata si sviluppa su due piani divisi da una travatura aggettante. La porta principale con timpano è incorniciata da quattro lesene sulle quali poggia una trabeazione; ai lati due nicchie. Stesso motivo per la parte superiore. La cupola con lanterna è di forma poligonale, il campanile riprende i motivi della facciata. L'interno è a croce greca.
Durante i lavori di restauro, sotto l'intonaco sono apparsi degli affreschi attribuiti a Nobile da Lucca. Se Andrea ancora fresco e non ripetitivo tocca spunti fiabeschi nel racconto come non gli avverrà più, Simone liberato da altri ricordi che lo facevano re dei manieristi, prova ad aggiungere alla consumata tecnica, la più libera creatività: il ritratto delle persone e la ripresa del castello e dei suoi colli costituiscono le idealizzazioni; l'alternarsi delle figure in movimento e di quelle statiche stabiliscono l'atmosfera dell'insieme per cui la ripresa di un solo fotogramma falsa la creazione.
Address Piazza Vittorio Emanuele
Date of building: 1780 circa
-Santuario Madonna del Sasso – Valcimarra –
Il santuario nasconde, secondo la leggenda, l'antro della Sibilla Cimaria; annesso alla chiesa vi è un romitorio.
-Stanza del Paradiso
Così denominata per le scene raffigurate dagli affreschi, dedicate all'arte venatoria (paradisòs in greco indica appunto il giardino, il luogo di caccia); questa stanza è un piccolo gioiello incastonato nel Palazzo comunale, quasi nascosto e remoto, luogo di meditazione del Cardinale dove la realtà si sublima nella favola attraverso un paesaggio altamente lirico, che rappresenta una flora e una fauna esotiche e scene di caccia animate da cavalli impennati, levrieri, cacciatori... Gli storici maceratesi l'attibuiscono a Simone de Magistris; nonostranti i fitti richiami alle sue aopere e la riconosciuta capacità di trasferire la realtà nel mondo lirico della favola, i critici pensano che l'opera sia da attribuire a Domenico Malpiedi e antonio Tempesta.
Date of building: XVI Secolo

Camerino

-Basilica di San Venanzio
La chiesa di San Venanzio, costruita fuori dalle mura cittadine di Camerino in epoca medievale, fu poi inclusa all’interno della nuova cinta muraria voluta da Giovanni Varano nel 1384. L’ubicazione extra-moenia, probabilmente in una zona cimiteriale romana (vista la fitta presenza di tombe romane sotto la pavimentazione), fa pensare ad una prima costruzione in periodo romano, forse dopo il martirio di san Venanzio (251-253 d. C. ca). Il nucleo più consistente della chiesa risale, comunque, al periodo romanico, del quale si conservano tuttora molti resti, dalle fondazioni, venute alla luce nei recenti scavi (1963, 1968-72), alle scale a chiocciola del campanile, dai torrioncini posti ai lati del presbiterio alle volte in pietra site ai lati della chiesa. Durante il sacco di Manfredi del 1259 la cassettina in cui erano conservate le reliquie di San Venanzio venne trasferita a Bari e restituita, poi, nel 1269, dopo la disfatta dell’imperatore.
Proprio nei decenni successivi alle distruzioni risalenti al sacco svevo si colloca un’intensa attività costruttiva della chiesa, durante la quale viene anche ricostruito il mausoleo del santo in tre ordini sovrapposti, alcuni elementi della facciata e il portale, da collocare tra la fine del ‘300 e il 1412, data di un documento di pagamento di due statue con l’Angelo annunciante e la Vergine annunciata da collocare ai lati del portale, che ormai era in via di completamento. Un altro momento di rinnovamento si ha in epoca rinascimentale, soprattutto per ciò che riguarda la facciata, il portale della sagrestia, commissionato a Polidoro di Stefano da Perugia, e il timpano, che si presenta ora con l’iscrizione mutila “Iulii Caesaris auspicio pinnaculum templi positum fuit anno MCCCCLXXX”, riferita al pinnacolo crollato durante il terremoto del 1799. Risale, invece, al 1558 la sistemazione del coro, durante la quale viene ritrovata la cassettina con le reliquie del santo all’interno del mausoleo. Pur mantenendo la struttura gotica del presbiterio, su commissione del cardinale Mariano Pierbenedetti, alla fine del Cinquecento, viene distrutta l’abside medievale con lo scopo di ampliarla, su probabile disegno di Domenico Fontana, e si ottiene una cripta sotto il presbiterio dove è incluso il mausoleo del santo. All’epoca barocca risale la cupola emisferica, iniziata nel 1673 e terminata nel 1677 dall’architetto Bernardino Bianchini di Camerino, poi ornata di dipinti. Il terremoto del 1799 distrusse parzialmente la chiesa, sebbene le strutture principali rimasero intatte. La facciata gotica, in gran parte conservata, è scandita in tre zone da ampie lesene, con un portale con ampia strombatura ad arco a tutto sesto, impostato su pilastri che recano decorazione fogliacea e colonnine tortili alternate a tralci di vite, mentre sugli stilobati e tutto intorno si ha una centina di marmo bianco intarsiata di pietre dure in parte asportate. L’architrave è ornato con un fregio col Cristo e gli Apostoli e nella lunetta domina la Madonna col Bambino al centro e San Porfirio a sinistra, (statue attribuite alla scuola di Giovanni Pisano da Lionello Venturi, che assimila il portale a quello del Palazzo dei Priori di Perugia), mentre la statua di San Venanzio si è persa. Risalgono, invece, alla fine del XV secolo la riquadratura orizzontale del portale, il rosone, che conteneva i simboli dei quattro Evangelisti, abbattuti nel terremoto e conservati in frammenti nella sagrestia, il timpano e i leoni, simboli del potere guelfo, posti sopra alle mensole, davanti alle due grandi lesene, opera di Polidoro di Stefano da Perugia che li eseguì tra 1476 e 1477 e commissionati dal priore della chiesa Ansovino di Angeluccio Baranciano de’ Pierleoni e da Giulio Cesare da Varano, signore di Camerino. L’interno, a croce latina, è quindi ricostruito in pieno stile neoclassico, diviso in tre navate da due ordini di colonne a base attica e capitello corinzio a sostenere un’architravatura rettilinea. La copertura è a volta a botte nella navata centrale, con una serie di cornici a stucco a formare delle riquadrature che scandiscono il ritmo man mano che si avanza verso il presbiterio, mentre le navate laterali sono coperte da soffitti cassettonati riquadrati, in un insieme di grande equilibrio e proporzione. L’illuminazione è data dall’apertura di sei grandi finestroni nella volta a botte centrale, tre per lato, e da due finestre affrontate per ciascun braccio del transetto e nell’abside, mentre la cupola, fonte di illuminazione principale, è costruita in perfetta semicircolarità. Ad un forte equilibrio interno, quindi, per il quale il modenese Luigi Poletti (architetto a cui venne affidato il progetto di ricostruzione dopo il terremoto del 1799), era stato libero di organizzare al meglio lo spazio, non corrisponde una felice soluzione all’esterno, dove, invece che mantenere gli elementi strutturali gotici, ben risparmiati perché cari alla comunità camerinese, impone la sua facciata con pronao esastilo e frontone e modanature classiche. Nei suoi disegni il Poletti aveva anche previsto, col fine di ottenere la massima simmetria, il rifacimento del secondo campanile, che però è rimasto incompiuto. Nella cripta l’altare è costituito dal Sarcofago di San Porfirio, del II secolo d. C., sarcofago romano in marmo bianco realizzato per contenere le reliquie di San Porfirio, martire nel 253 d. C., e decorato tra la fine del XIII e l’inizio del XIV secolo su un lato a fingere un tempietto gotico. L’epigrafe, che si trova sul lato addossato al muro, è stata abrasa e si leggono solo D. M. (Dis Manibus). Al di sopra di questo sarcofago, sostenuta da quattro grifoni accovacciati in marmo nero nei quattro angoli, è collocata l’arca di San Venanzio, attribuita da Venturi ad artista toscano, costruita in calcare con colonne tortili sotto Berardo da Varano (1310-1327), che custodisce l’urna con le reliquie del martire, in legno ricoperto da lamine d’argento, decorata con graffiti raffiguranti episodi della sua vita, databile tra X e XIII secolo. La cripta conserva anche un’edicola riccamente decorata con cornice a candelabri, forse opera di Rocco da Vicenza. La statua argentea del Santo fu fatta fondere dal vescovo Francesco Vivani nel 1764 e donata con sei candelabri d’argento.
-Cattedrale
L’originale costruzione della Cattedrale di Camerino, della quale si conservano nella cripta frammenti assegnabili al VII secolo, risale alla prima serie di vescovi, documentati a Camerino dal 465 d.C. Tra il XII e il XIII secolo la chiesa fu invece riedificata a causa dei gravi danni che aveva subito durante il sacco svevo dell’agosto 1259, e doveva essere “a tre navate suddivise da dieci colonne di pietra e numerose cappelle arricchite di stucchi dorati ed eccellenti pitture” secondo le descrizioni dei contemporanei, con presbiterio a pianta poligonale di sette lati e le navate laterali che si aprivano su profonde cappelle, tutto in stile gotico tranne la facciata, ricostruita secondo i dettami neoclassici da Antonio Valeri nella metà del XVIII secolo per cura del vescovo Francesco Vivani.
Il terremoto del 1799 colpì seriamente la Cattedrale, che subì un grave crollo. Per calcolare i danni e progettare un’opera di ricostruzione fu inviato da Roma Andrea Vici, primo architetto della Rev. Fabbrica di San Pietro e allievo del Vanvitelli. Il Vici, accertata la necessità di ricostruire l’edificio, elaborò tre progetti di riedificazione. I primi due (uno che prevedeva una chiesa a tre navate e l’altro a navata unica), ancora legati a forme barocche, avrebbero salvato le parti superstiti della Cattedrale, come il coro, le sagrestie, la facciata, il campanile e le cappelle rimanenti, mentre il terzo progetto, approvato con risoluzione capitolare il 6 luglio 1800, presumeva invece una completa ricostruzione della chiesa, a croce latina, con un asse longitudinale più lungo rispetto alla precedente. La nuova chiesa presentava un’unica navata ed intercolumni a simulare delle piccole navate laterali con grande presbiterio e coro, salvando solo parzialmente le parti superstiti. Lo schema interno risultava quindi più fisso e rigido rispetto alla chiesa precedente, ma molto regolare, con le cappelle, tre per lato, di identiche dimensioni e forma (ad evitare il frastagliamento spaziale precedente) e il ritmo ripetitivo delle colonne con capitelli corinzi (due in corrispondenza di ogni cappella scandita ed individuata da grossi pilastri) a cadenzare lo spazio, mentre un alleggerimento si otteneva solo nelle due cappelle del presbiterio, caratterizzate da angoli smussati. Un altro problema che il Vici dovette risolvere fu quello di accontentare le richieste del vescovado, che avrebbe voluto la facciata della chiesa perpendicolare a quella del Palazzo Vescovile e quindi parallela a quella del lato opposto dello stesso con un portico antistante alla chiesa che fosse una continuazione di quello del palazzo. La pianta della chiesa venne quindi spostata verso nord-est con un conseguente ampliamento della piazza, anche se la proposta originaria formulata dal Vici, bocciata alla fine del 1805, prevedeva una rotazione dell’asse della chiesa di 90° con la facciata affrontata al Palazzo ducale. Si decise quindi per la completa demolizione delle strutture rimanenti in modo da dare inizio immediato ai lavori, che però furono interrotti dall’arrivo dei francesi nel 1807. Alla morte del Vici, nel 1817, i lavori proseguirono sotto la guida dell’ingegner Clemente Folchi, suo genero, che fu libero di modificare ben poco, visto che la chiesa sotterranea e le fondamenta della superiore erano già pronte. Il suo intervento andò comunque a modificare la cappella del Santissimo Sacramento, la quale, ideata a pianta semicircolare, si distinse dalle altre per volere del vescovado. Nel 1823 una parte della chiesa era già messa in funzione, pur mancando ancora molto alla conclusione dei lavori, e soprattutto della facciata. Il Vici aveva già presentato per la facciata un disegno (con prospetto a quattro colonne, frontone e attico sovrapposto), che però non piacque al Folchi, il quale ne progettò altri tre, rifiutati, comunque, dai canonici perché non rispondenti alle loro precedenti richieste. La facciata attuale, caratterizzata da due tozzi campanili, è molto pesante e appiattita (risultando una continuazione degli altri porticati del Palazzo vescovile) e contrasta fortemente con lo slancio verticale dell’interno, che presenta la navata centrale inondata di luce. L’apertura ufficiale al pubblico risale all’8 settembre 1832. L’interno è maestoso, specie nella navata centrale, divisa dalle cappelle laterali da quattro pilastri, movimentati grazie all’inserimento in quattro nicchie di statue dei santi Pietro, Paolo, Leonzio e Ansovino (una per ciascun pilastro e rivolte verso la navata centrale), eseguite da Giuseppe Mazzanti di Cingoli, e intervallati da coppie di colonne in corrispondenza di ogni cappella. I cornicioni sono modanati e sorretti da fitte mensoline, mentre gli stilobati e le zoccolature di calcare rosso scandiscono il ritmo in alternanza al bianco della pietra. Sono da ammirare, all'interno e nelle sagrestie, pregevoli esemplari della scultura lignea policroma del '200 (Crocefisso) e del '400 (Madonna della Misericordia) oltre a interessanti tele di pittori di maniera del '600.
Date of building: 1832
-Chiesa di San Filippo Neri
Realizzata nel 1733 su progetto di Pietro Loni di Lugano e Domenico Cipriani di Cesena come nuova sede dei filippini, la chiesa è caratterizzata da una pianta ellittica con cappelle laterali e dalla facciata in mattoni a vista con zoccolo e capitelli in pietra calcarea.
I Filippini ebbero tra il 1588 e il 1591, sotto la guida di ms. Angelo Matteucci, la loro prima sede a Camerino nella chiesa cinquecentesca di Santa Maria delle Carceri, poco fuori delle mura, per poi spostarsi in città nella chiesa di San Giovanni in Pescheria. La congregazione camerte fu riconosciuta nel 1600 con un breve papale di Clemente VII e fu oggetto di molte donazioni durante tutto il Seicento. Il 24 aprile 1733 fu approvato il progetto di costruzione di una nuova chiesa nel centro della città, ideata dal luganese Pietro Maria Loni (che si sostituisce al camerinese Liborio Raspantini e che a pochi anni di distanza progetta anche la chiesa filippina di Fabriano) e realizzata da Domenico Cipriani da Cesena. Il 5 ottobre 1734 la chiesa era già giunta a copertura, tanto che il 20 maggio 1735 si può dare inizio alle decorazioni interne, mentre risale al 25 maggio 1740 la consegna della pala eseguita dal Tiepolo. Nel 1746 fu innalzato il campanile, che crollò col terremoto del 1799, mentre con l’intervento di Clemente Moghini si ha la conclusione dell’edificio, con la costruzione della facciata a due ordini. La fascia superiore della facciata, culminante in un timpano centinato ad arco ribassato e corrispondente alla larghezza della navata centrale, è raccordata a quella inferiore, divisa in tre campate da paraste binate, tramite delle volute che vanno a poggiare sui pilastri angolari. Il prospetto, in rosso laterizio su uno zoccolo di calcare bianco, con una bicromia che ricorre in tutta la facciata (anche a sottolineare gli altri aspetti decorativi delle basi e dei capitelli ionici delle paraste, dei portali e delle urne del coronamento), è in equilibrio tra tendenze ancora barocche ed un’allusione al classicismo (che si stava diffondendo con l’opera del Vanvitelli), i cui richiami sono ben visibili nell’interno, con una navata ad ellissi allungata e il presbiterio dominato dall’altare della SS. Trinità. Due grandi cappelle laterali, profonde quanto il presbiterio, tagliano in due la chiesa che risulta così modificata in una chiesa a pianta centrale, con l’aggiunta di una profonda abside introdotta da un maestoso arcone trionfale strombato. Alle due grandi cappelle centrali della navata se ne affiancano altre due per ciascun lato, comunicanti con la centrale, in modo da dare grande respiro spaziale al centro dell’edificio. La prima cappella di destra conserva un San Pietro piangente, copia, forse di mano di Bartolomeo Gennari, dall’originale del Guercino del 1639 conservato ad Edimburgo nella National Gallery of Scotland (del quale esiste un’altra copia al Museo di Palazzo Venezia a Roma), e donato nel 1744 da Camillo Matteucci, in memoria del padre fondatore Angelo Matteucci. La seconda cappella, dedicata a San Filippo Neri, conserva il capolavoro del Tiepolo, descritto in seguito più dettagliatamente, mentre nella terza cappella di destra si ha una tela con l’Educazione della Vergine dello jesino Luigi Domenico Valeri. Nella prima cappella a sinistra si conserva, invece, un Crocifisso, mentre nella seconda una Deposizione dalla croce di Anonimo e nella terza una Morte di san Giuseppe sempre di mano del Valeri, a fare pendant all’Educazione della Vergine, collocata nella cappella opposta. La pianta della chiesa si distacca in modo significativo dalla comune tipologia delle chiese filippine delle Marche e i precedenti di questo modello si possono identificare nella chiesa di Sant’Alessandro a Milano di Lorenzo Binago e San Carlo ai Catinari di Rosato Rosati.
-Chiesa di Santa Chiara
Nell’aula liturgica vi sono due dipinti: il primo raffigura “S. Chiara, il beato Pietro da Mogliano e la Beata Battista da Varano” è risalente agli inizi del ‘700, mentre presenta delle dimensioni pari a 300cm. x 178cm. Il secondo la “Presentazione di Maria al Tempio” (di autore ignoto) È possibile inoltre ammirare il magnifico crocifisso ligneo (opera recentemente attribuita con molta probabilità all’Indivini) sull’abside.
Sappiamo che la dedicazione alla Vergine fu conservata in un primo ¬tempo anche dalle Clarisse che successivamente la mutarono, ricordando in tal modo la capostipite dell’Ordine, Santa Chiara. Non ci sono elementi per ipotizzare una dislocazione diversa dall’attuale, e questo fin dall’origine. Piuttosto è da chiedersi se e in che modo il tempio era collegato col piccolo convento olivetano. Le ipotesi fatte dagli studiosi locali parlano di un’ipotetica pianta a U, nella quale il “Bel Maniero” di Giovanni di Bernardo si collegava con delle murature e forse degli ambienti di passaggio con l’attuale facciata della chiesa. Dunque la facciata del monastero che dà su via del Camposanto sarebbe da un punto di vista planimetrico la più antica, e l’operazione di Giulio Cesare da Varano consistette semplicemente nel chiudere organicamente tutti gli spazi che davano su via Medici. Ma l’analisi delle murature esterne, per lo più ricostruite, non conferma né smentisce tale ipotesi. Un’altra teoria a proposito delle trasformazioni del tempio riguarda la sua lunghezza e il suo orientamento. Si è detto che l’edificio iniziale, semplicissimo, ad aula unica con ingresso su via Medici, doveva coincidere con la volumetria dell’attuale coro, in questo caso il campanile era dalla parte opposta. Va anche tenuto in conto il fatto che chiesa e coro in passato erano separati da un muro di cui restano attualmente solo dei monconi nascosti da due colonne; ma anche che il coro è stato ricostruito in muratura leggera, forse proprio a seguito di un’inversione di orientamento. Altra suggestiva ipotesi è quella che ha immaginato per S. Maria Nova un ingresso (sempre su via Medici) dallo stesso lato del coro; cioè ingresso e coro potevano essere originariamente sovrapposti, soprattutto se si tiene conto del fatto che la chiesa era più alta (e, infatti, il soffitto in camorcanna come il rialzo della pavimentazione sono recenti). L’analisi delle murature della facciata attuale della chiesa ci dice altro. Innanzitutto che sul luogo dell’attuale piazzetta di S. Chiara dovevano esservi degli edifici di non precisata planimetria ma con uno sviluppo volumetrico certo, cioè su tre piani (la muratura che si affaccia sulla piazza mostra ancora i fori delle travi su due livelli e il mattonato di una pavimentazione). Il perimetro di tale corpo di fabbrica era tutt’uno con la facciata di S. Chiara. Sempre sulla stessa parete si nota un evidente taglio trasversale crescente verso il cortile, segno esplicito di un’antica falda di tetto che con la sua gemella doveva ricoprire in parte la chiesa, in parte le stanze parallele. Una di queste ultime fu poi trasformata in cripta della Beata Battista (con l’apertura di una porta nel ‘73), mentre le altre di dimensioni e destinazione d’uso imprecisata hanno avuto una storia diversa; tutte comunque erano illuminate da una teoria di finestre che prendevano luce dal cortile. Nel 1904 accadde un fatto grave. Infatti sotto il peso di forti nevicate crollò il tetto del coro, rovinando sull’opera del sanseverinate Domenico Indivini, la quale fu asportata come meglio si potè e collocata nella Pinacoteca dell’Annunziata. Nel 1929 si sfondò anche il tetto sopra la cantoria della chiesa. Infine, il più recente evento traumatico, il terremoto del 1997 che ha reso inagibile la chiesa e il conseguente lavoro di ristrutturazione terminati nel dicembre del 2008.
-Convento di Renacavata
Il convento di Renacavata è strettamente legato agli inizi dell’ordine cappuccino, che nasce il 3 luglio 1528 per iniziativa di due frati minori osservanti (francescani), Ludovico e Raffaele da Fossombrone, e grazie alla tutela della duchessa di Camerino, Caterina Cibo.
Desiderosi di poter condurre una vita più ispirata alla regola di San Francesco e alla sua originaria intenzione, i due frati, seguiti poi da numerosi altri, chiesero alla Santa Sede di legittimare il loro desiderio di vivere una “vita eremitica” improntata ai primitivi modelli francescani, e dopo non poche difficoltà, grazie anche alla duchessa, riuscirono ad ottenere da papa Clemente VII la bolla “Religionis Zelus” (3 luglio 1528), che gli concedeva di vivere secondo la loro ispirazione, sancendo di fatto la nascita di un nuovo ordine francescano, accanto a quelli già esistenti dei Frati Minori Osservanti e dei Frati Minori Conventuali. Tra i primissimi nomi dell’ordine troviamo quello di “frati minori della vita eremitica”, dove per “eremitica” si intendeva un modo di vivere la Regola del poverello di Assisi alla luce del suo Testamento, in luoghi semplici e ritirati, ma non inaccessibili, vivendo in grande povertà, predicando la buona novella e assistendo i bisognosi. I primi cappuccini cercavano così di mettere in pratica l’esempio dell’assisiate e dei suoi compagni, il cui ideale era di vivere appartati, come Gesù e gli apostoli sul monte Tabor, per infiammarsi dell’amore di Dio nel silenzio contemplativo della preghiera, per poi scendere a valle ad accendere dello stesso fuoco della carità popolo di Dio, in una armoniosa sintesi di vita contemplativa ed attiva. Il nome “cappuccini” nascerà pochi anni dopo l’approvazione della bolla: i bambini di Camerino, luogo di nascita dell’ordine, così appellavano i primi frati per la foggia del loro cappuccio tipicamente a punta come era stato quello di Francesco. Questo gioviale modo di chiamare i frati passò subito ad indicare l’intera congregazione, che divenne dei “Frati Minori Cappuccini”. Non molto sappiamo circa i primi sviluppi del convento e della chiesa di Renacavata. La struttura fu donata dalla duchessa di Camerino verso il 1529, ed è probabile che lei stessa, verso il 1540, abbia arricchito l’altare della piccola cappella con la preziosa maiolica di Santi Buglioni, raffigurante una “sacra conversazione” tra la Vergine con bambino e i santi Francesco e Agnese. L’iconografia rimanda direttamente al cuore della spiritualità francescana: da una parte leggiamo il riferimento al mistero dell’incarnazione del Verbo (la Vergine con il bambino), dall’altro quello alla Passione, con la presenza di Francesco stimmatizzato e di Agnese, che nel nome stesso e nel tenero agnellino che porta in braccio allude al mistero sacrificale del Cristo. Da notare che il santo di Assisi viene qui raffigurato per la prima volta con il saio cappuccino e la lunga barba, emblema, quest’ultima, della vita eremitica. La chiesa ebbe una seconda dedicazione nel 1663 alla “Purificazione di Maria”, titolo che tutt’ora mantiene, e fu arricchita di un altro altare dedicato a San Serafino da Montegranaro, forse in occasione della sua canonizzazione nel 1767. Da questo primo convento l’Ordine si estese ben presto in tutta Italia e successivamente in tutto il mondo, accogliendo chiunque Dio chiamasse a seguire più da vicino la strada tracciata da Francesco, fino ad arrivare ai nostri giorni. E oggi proprio qui a Camerino i frati continuano a vivere secondo il modello del serafico padre e dei primi fondatori dell’ordine, seguendo le orme del Cristo obbediente, povero e casto, trasmettendo alle nuove generazioni la fiamma del carisma francescano-cappuccino, in modo particolare qui grazie al Noviziato, che da secoli continua ad aver sede in questo convento.
Address Loc. tà Renacavata
Date of building: 1531
-Convento di San Domenico
Il complesso costruito dopo il sacco svevo della città ha subito varie trasformazioni nel '400 e nel '500 ed è stato restaurato per accogliere i musei cittadini.
Le opere ivi contenute vanno dal XIII al XIV secolo e comprendono in primo la quadreria settecentesca dei Da Varano di Ferrara con dipinti raffiguranti vari esponenti della famiglia, a queste si sono aggiunte varie opere provenienti in gran parte dalla confisca dei beni ecclesiastici dopo il 1860. Vanno ricordate opere di Olivuccio di Ciccarello, Cola di Pietro, Arcangelo di Cola. Al piano inferiore del convento è allestito il museo civico archeologico dotato di importanti reperti databili dal neolitico al medioevo di diversa provenienza.
Aperto dal martedì alla domenica 10.00-13.00 // 15.00-18.00 orario invernale 10.00-13.00 // 16.00-19.00 orario estivo.
Property: Università degli Studi di Camerino
Date of building: XIII Secolo
-Monastero di Santa Chiara
La storia del Monastero è da sempre legata al casato dei Varano, e prende l’avvio dalla decisione di Giovanni Varano, nonno di Camilla, il quale, durante i lavori di ristrutturazione delle mura cittadine, pose a custodia delle porte della città alcune comunità religiose. Per questo motivo il 18 luglio 1384 istituì il Monastero di Santa Maria Nova – che solo successivamente fu dedicato a S. Chiara - affidandolo a 12 monaci olivetani.
Successivamente Giulio Cesare Varano farà trasferire i monaci per dare inizio ai lavori di ampliamento di quel Monastero che avrebbe ospitato la figlia prediletta, ormai lontana dal suo sguardo paterno perché entrata a far parte della comunità delle clarisse in Urbino. Il 4 gennaio 1484, infatti, insieme ad altre otto Sorelle provenienti dal Monastero di Urbino, Camilla Battista torna a Camerino, in obbedienza al Santo Padre. E sarà proprio lei a dare lustro al Monastero - del quale fu abbadessa per parecchi anni - vedendolo prosperare con l’arrivo di molte giovani desiderose di camminare nella via del Vangelo, seguendo fedelmente la forma di vita di Chiara d’Assisi. I suoi scritti mistici e la sua straordinaria esperienza umana e spirituale, attirarono su di lei l’attenzione di chi, in quel tempo di fermento e di ricerca di autenticità, voleva vivere con radicalità il Vangelo. Però, nella sua qualità di figlia del signore del luogo, Camilla Battista subì anche le conseguenze delle dolorose vicende che coinvolsero la sua nobile famiglia. Nel 1502, quando Camerino fu assediata dalle truppe di Papa Alessandro VI, la Beata dovette fuggire da Camerino. Cercò rifugio a Fermo, ma dovette proseguire per Atri, nell’allora regno di Napoli. Qui apprese la dolorosa notizia del massacro del padre e di tre fratelli. Essa poté far ritorno a Camerino solo nel 1503, con la restaurazione del governo dei Varano, dopo la morte di Alessandro VI. Inviata da Papa Giulio II nel 1505 al Monastero di Fermo per ristabilirvi la regolare osservanza, ritornò a Camerino un paio d’anni dopo. Nel 1522 si recò, per lo stesso motivo, anche al Monastero di San Severino Marche. Morì il 31 maggio 1524, probabilmente di peste. Il Monastero da lei fondato attraversò vicende molto dolorose: alcune epidemie di peste, con molte vittime, tra cui la stessa Beata. Successivamente, nel 1799, un violento terremoto distrusse quasi totalmente chiesa e monastero. Nel 1808 il Regio Demanio prese possesso del monastero, permettendo alle Sorelle di abitarlo, ma nel 1810 la comunità venne sciolta, e poté ricostituirsi solo dieci anni dopo. Mentre fino ad allora si era osservata la povertà assoluta della Regola di S. Chiara, per sollevare l’estrema miseria in cui le Sorelle erano venute a trovarsi, il Papa Pio VII volle dotare il monastero di beni stabili che furono, però, nuovamente usurpati dall’autorità civile nel 1861. Nel 1866 le clarisse ricevettero l’intimazione di lasciare il monastero per potervi collocare un ricovero e una scuola di ostetricia. Si ritirarono in pochi locali, cedendo i rimanenti al municipio. Nel 1896, le Sorelle riuscirono a stipulare regolare contratto di compravendita con il sindaco, ritornando così in possesso del loro Monastero. Durante la guerra 1915-18 il Monastero fu sequestrato e adibito a ospedale militare. Le Sorelle dovettero temporaneamente trasferirsi nel Monastero di S. Salvatore, ove rimasero dall’ottobre del 1917 al marzo del 1919. In questa lunga catena di contrarietà e disavventure, non mancarono parentesi di serenità e di vera esultanza con le visite al Monastero di ben due Pontefici: Gregorio XVI il 6 settembre 1841, e Pio IX l’11 maggio 1857. Il primo accolse benevolmente le istanze delle Sorelle al fine di ottenere il riconoscimento del culto alla Beata Battista e due anni dopo, il 7 aprile 1843, egli appose la firma al Decreto di Beatificazione, concedendo in suo onore l’Ufficio e la Messa. Pio IX venerò le sue spoglie e concesse l’indulgenza plenaria nel giorno della festa, il 2 giugno. L’autografo del Papa e la penna di cui si servì per stilarlo, sono conservati nel museo annesso al Monastero. Anche Paolo VI, quando ancora era il Card. Battista Montini, venne in visita alla beata, sua protettrice, con un gruppo di giovani della FUCI. Segnarono momenti di grande gioia anche le visite di diversi Ministri Generali dell’Ordine: P. Luigi Da Parma, P. Serafino Cimino, P. Leonardo Maria Bello e, da ultimo, quella di P. Josè Rodriguez Carballo. Altrettanti anelli d’oro nella storia del Monastero furono pure le tappe del culto della Beata Battista, delle quali oggi anche noi siamo testimoni. Il processo di canonizzazione, introdotto nel 1879, nel 2005 ha visto concludersi l’iter di approvazione fino ad arrivare al 12 luglio 2007 con la chiusura del processo diocesano per l’approvazione del presunto miracolo. Il 18 giugno 2009, la commissione medica vaticana ha dichiarato inspiegabile il miracolo dal punto di vista scientifico. Ora attendiamo il concistoro con il quale il Papa apporrà la firma definitiva per la canonizzazione. Oggi la comunità conta 5 Sorelle, di cui una novizia, tre delle quali provenienti dal Monastero di San Severino M. dal 21 novembre 2004, per rifondare la fraternità numericamente assai ridotta, per seguire i lavori di ristrutturazione del Monastero e della Chiesa danneggiati dal terremoto del 1997, ma soprattutto per mantenere vivo il culto alla Beata Camilla Battista Varano ed essere una presenza e una testimonianza autentica della bellezza di appartenere a Cristo, povero e crocifisso.
-Oratorio di San Giovanni Decollato
La chiesa, non certa nella data di fondazione, dovrebbe essere della fine del '400 o dei primi del '500; era della Confraternita della Misericordia che assisteva i condannati a morte. Nel 1592 fu ceduta dalla Confraternita ai primi filippini che la utilizzarono come oratorio e successivamente inglobata dal complesso monumentale comprendente sia la chiesa di San Filippo che il convento. Nell' '800 seguì la sorte di San Filippo e quindi fu devoluta al demanio. Architettonicamente l'oratorio presenta una pianta ellittica e l'altare centrale di fattura cinquecentesca.
Property: Comune
-Palazzo Arcivescovile
Il Palazzo Arcivescovile fu eretto dal vescovo Berardo Bongiovanni (1574) sulle mura della città e su costruzioni medievali in parte inglobate. Alla fine del sec. XVI i lati nord e ovest della piazza assumevano l'attuale volto.
Si presume che risalga ai tempi del Cardinale Del Bufalo (1601-1606) la collocazione della corte interna, che presenta le tre arcate di fondo aperte sulla valle, del pozzo del De Buoi. Il prospetto principale risulta suddiviso in tre ordini e caratterizzato, al piano terra, dal porticato con volte a crociera e con pilastri, lesene e trabeazione in arenaria.
Date of building: 1572/-80
-Palazzo comunale Bongiovanni
Sede dei vescovi di Camerino, fu ceduto alla città nel 1573 da Berardo Bongiovanni, dopo l'avvio con fondi propri di un nuovo episcopio presso la cattedrale. Sono visitabili la sala dei Priori, tempio delle antiche memorie cittadine, decorata con frammenti lapidei romani e pregevoli busti, la sala degli stucchi e quella consiliare che accoglie un coro in noce proveniente dalla seicentesca chiesa domenicana di S. Caterina, attuale sede dell'Archivio di Stato.
Property: Comune
-Palazzo Ducale
L’attuale palazzo ducale di Camerino è il frutto di successive stratificazioni (che hanno prodotto un progressivo addizionarsi delle strutture in vari momenti storici) e di restauri e rifacimenti (che nel corso dei secoli hanno nascosto sotto pareti intonacate le diverse entità di cui era composto). Occupa uno spazio considerevole ed è il risultato dell’accorpamento di tre palazzi, costruiti in tempi successivi uno accanto all’altro ad inglobare le aree preesistenze e separati, fino all’unificazione architettonica rinascimentale ad opera di Giulio Cesare, da strade che tuttavia comunicavano grazie a dei collegamenti.
Dopo la fine della Signoria dei da Varano (1571) il Palazzo diventa sede degli uffici governativi dello Stato della Chiesa e poi dell’Università, subendo irrimediabili perdite nelle decorazioni pittoriche e nelle strutture. Si erge strategicamente nei pressi della cattedrale, nello spazio più sacro della città, sulla sommità del colle, proprio quando questo raggiunge il suo minimo livello, tanto da rendere necessarie le fondazioni sul ciglio della rupe, su due terrazze più in basso, per evitare di stringere troppo lo spazio della piazza. Le prime notizie del palazzo risalgono agli anni che seguono il sacco di Camerino ad opera del re Manfredi (1259), quando Gentile I da Varano, podestà della città, costruisce il palazzo posto nel quartiere di Sossanto (probabilmente in corrispondenza di un originario insieme fortificato comprendente tutto il lato nord di Camerino), recuperando le cosiddette “Case Vecchie”, e già dal 1266 è in grado di ospitare gli uffici del Comune, privi di una sede propria. Il piano su cui è fondato il palazzo è costruito su pilastri quadrati sui quali si innestano delle arcate a tutto sesto, delle quali ne sono visibili ancora due, che forse dovevano fare parte di una facciata. Il primo nucleo del palazzo è quello più a nord, verso San Venanzio, ed è molto probabile che fosse unito alla Cattedrale fino a quando, alla fine del XIII secolo, questa fortificazione, della quale doveva far parte una torre dalle murature molto spesse che terminava con una loggia a piccole arcate, non venne interrotta con l’apertura della Porta Gentile: resti di questa unione si potevano ancora individuare nel Ponte di Madonna che collegava tra il 1259 e il 1570 il palazzo e la cappella gentilizia del Duomo. Una seconda stratificazione si ha sotto Venanzio, nella seconda metà del Trecento, a seguito dell’ottenimento del vicariato apostolico da parte dei da Varano. Venanzio inizia a costruire un po’ più a monte, accanto alla torre preesistente che diventa così parte integrante di questa nuova architettura, fungendo da collegamento verticale ai tre piani. Il palazzo di Venanzio, ancora incompleto nel 1418, doveva apparire come una vera e propria residenza signorile, visto che al piano nobile aveva una Sala Grande di rappresentanza adibita a feste e ricevimenti, con otto finestre, due camini, soffitto ligneo e di continuo abbellita con arazzi, affreschi, intarsi. Il cosiddetto Palazzo vecchio è composto dalle Case Vecchie (Palazzo di Gentile) e dal Palazzo di Venanzio, i quali, tra il 1464 e il 1475 e per volere di Giulio Cesare, vengono appunto ampliati ed accorpati con la costruzione, ad opera di maestranze lombarde, di imponenti volte laterizie a coprire le strade che li separavano. Caratteristici del palazzo erano anche gli orti, alla base del palazzo e verso la campagna, nei quali si svolgevano i giochi dei tornei, e lo spazio pensile che collegava il piano terra ai giardini sottostanti Tra il 1489 e il 1492 Giulio Cesare fa invece costruire il cosiddetto “Palazzo nuovo”, edificato anch’esso su preesistenze e collegato alle precedenti costruzioni (ma all’epoca forse privo di comunicazione interna col Palazzo Vecchio), del quale è oggi ben visibile il cortile (la logia magna) che lo caratterizza, recuperato nei restauri operati dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici. Il Palazzo nuovo aveva anche un ingresso monumentale sulla piazza, con un pulpito dal quale il signore poteva affacciarsi, posto sopra al portone principale e sorretto da due colonne, mentre le stanze decorate che correvano al primo piano, sostenute dalle arcate del cortile, sono completamente perdute. Nel 1571, terminata la Signoria e divenuto Palazzo Apostolico, vengono costruiti cinque contrafforti a sostenere la costruzione a valle. Nel 1749 dalla sala grande del Palazzo Apostolico, ceduta al Comune, si ricavano, ad uso dell’Università otto ampie aule con corridoio centrale, mentre nel 1760 si effettua un intervento di consolidamento strutturale con la formazione di pilastri e sottarchi nel cortile maggiore e con la messa in opera di catene nei sotterranei. Ulteriori acquisizioni da parte dell’Università si hanno intorno al 1950, mentre tra il 1976 e il 1978 hanno inizio i restauri da parte della Sopirintendenza per i Beni Architettonici per le Marche, che danno il via al recupero del cortile e delle sale voltate delle “case vecchie”, rinvenendo nel 1985, nascosti sotto una scialbatura, gli ambienti affrescati in un salone del piano terra del palazzo di ‘Venanzio’.
Date of building: XIV Secolo
-Palazzo Pierbenedetti
Il Palazzo Pierbenedetti, oggi di proprietà della famiglia Santacchi, venne eretto su commissione del Cardinale omonimo alla fine del XVI secolo, come testimoniato dagli stemmi araldici conservati all’interno dell’edificio monumentale. Da fonti storiche si desume che la costruzione del Palazzo venne avviata nel 1589 circa, anno in cui il Pierbenedetti venne insignito della porpora, e nel 1594 sembra che l’edificio fosse già completato, almeno nella struttura architettonica, e comunque degno di ospitare autorità pubbliche.
L’importante carica ecclesiastica ricoperta da Mariano Pierbenedetti, in particolare la carica di governatore di Roma e i successivi incarichi nelle congregazioni, portarono il Cardinale a risiedere con frequenza nella capitale, dove gli fu possibile conoscere l’architetto Domenico Fontana (1543-1607), attivo nella città richiamato dalla corte pontificia. È certo che il Cardinale commissionò direttamente al Fontana, negli stessi anni in cui eseguiva la tomba di Sisto V in Roma (1588), la sistemazione della chiesa inferiore di San Venanzio in Camerino. I progetti realizzati dall’architetto nella città di Camerino ed il rapporto diretto con il Cardinale fanno ipotizzare, con buona attendibilità, l’attribuzione al fontana del progetto del Palazzo. Attualmente sotto il profilo architettonico l’immobile risulta fortemente rimaneggiato, con ampie parti ricostruite agli inizi dell’ottocento. Esso è caratterizzato da una pregevole facciata in cotto a vista, definitasi canoni dell’architettura del cinquecento, che appare sovrapposta ad una più antica tessitura muraria. In particolare, numerosi rimaneggiamenti sono stati effettuati nella corte interna, senza però cancellare la pregevole configurazione architettonica e spaziale, disegnata da eleganti proporzioni con precise partiture da cui traspare una cura progettuale e realizzativa elevata. La composizione architettonica delle pareti della corte è caratterizzata infatti da una scansione regolare, tripartita, eseguita mediante l’utilizzo di proporzionate lesene. Queste si sviluppano in altezza, in doppio ordine, e terminano per ambedue i piani con capitelli. Una più aggettante cornice marcapiano segna il primo ordine architettonico, nell’evidente ricerca figurativa di dilatare lo spazio della corte stessa, spazio oggi modificato dalla presenza di ballatoi. Arch. Massimo Fiori
-Porta Caterina Cibo
E' una delle porte più antiche di Camerino e fu costruita con lo scopo di presidiare il cuore della città. L'antico nome "Porta Cisterna"deriva dal borgo sviluppatosi intorno alla cisterna di Camerino che si trovava ai piedi del Palazzo Ducale, riserva d'acqua fondamentale per la città.
L'attuale nome "Porta Caterina Cibo" le venne attribuito più tardi in onore della duchessa di Camerino. La porta conserva ancora i battenti in legno e nelle mura sottostanti sono visibili i segni della presenza di un antico ponte levatoio.
-Porta Malatesta
Venne edificata in onore di Giovanna Malatesta, moglie di Giulio Cesare da Varano, nel XVI secolo. Dalla porta si può ammirare il bellissimo panorama dai Monti Sibillini al Catria.
-Rocca Borgesca
Si narra che Cesare Borgia nel 1503 la fece costruire non a difesa della città ma per tenere in soggezione i cittadini nostalgici della dinastia varanesca, pare infatti che i suoi cannoni fossero rivolti verso il centro. La rocca era divisa dalla città da uno strapiombo superabile con un audace ponte, successivamente fu riempito per volere di papa Clemente X Vescovo di Camerino.
Dal piazzale della Vittoria, con il Monumento ai Caduti dello scultore Giuseppe Tonini, si accede ai giardini che furono ricavati dalla riempitura del fossato e spalti adiacenti che circondavano l’antica rocca ai tempi di papa Clemente X (1670-1676). Voluta da Alessandro VI Borgia ‘per sospetto’ dei camerti sottomessi nel 1502 dal figlio Cesare, progettata da Lodovico Clodio (+ 1514), figura poliedrica ed inquietante di prelato, fu quasi ultimata col lavoro di manuali convocati da molte città tra il maggio e l’agosto 1503, prolungando i muri di sostegno che cingevano già il convento di San Pietro in Muralto ed inglobandolo. Giovanni Maria Da Varano la completò, la mise in comunicazione sotterranea con il palazzo ducale e la armò: quarantadue bocche di fuoco in ferro e bronzo, codette e smerigli, archibugi, mortai, cannoni, serpentini.., e corrispondenti cavalli e soldati. La pianta ha tracciato trapezoidale che delimita la piattaforma interna sul bordo di un precipizio; sui vertici ad est e ad ovest due torrioni cilindrici, su quello nord un grande mastio quadrangolare che ai tempi di Clemente VII custodì il tesoro di Loreto; fino al 1852 fu lazzaretto; per prendere pietra, nel 1867, fu parzialmente smantellato insieme alla chiesa di San Pietro di Muralto e parte del convento che Giulio Cesare aveva fatto costruire nel 1480 per i minori, su un precedente monastero. Il piazzale offre ai bambini spazio e aria. L’ala restata del convento (ore sede di un caratteristico ristorante) ha due piani di sale a volta, ariose, rinascimentali, ove morì il beato Pietro da Mogliano, quasi librate sullo spalto con quel panorama sui Sibillini che mandava in visibilio Giulio Cesare. Sulla strada che varca le mura castellane in simmetria con la porta Malatesta, ad angolo, era la porta Della Rovere. Colmati i fossati, demoliti gli edifici interni e rimosse le merlature, la rocca si qualifica come superbo belvedere. Il giardino fu realizzato 1924, integrando alberi piantati già nell’800. Al suo interno sono ospitati i busti di due illustri personaggi: il compositore Filippo Marchetti e il drammaturgo Ugo Betti.
Date of building: 1503
-Rocca d’Ajello
Il nome Rocca d'Aiello deriva del latino "agellum" cioè "campicello": la fortezza sorge infatti a circa 400m. di altitudine su una collina da cui si domina il paesaggio circostante. Il fatto che la costruzione sia stata concepita come fortezza, serve a spiegare il carattere particolare del giardino di Rocca d'Ajello, la cui struttura è rimasta invariata nel tempo proprio perché la configurazione collinare e boschiva del luogo e la presenza di una cinta muraria ne hanno impedito l'espansione e la trasformazione secondo il gusto dei secoli successivi.
Il giardino è in effetti, come ha rilevato un paesaggista inglese, una grande terrazza delimitata da mura merlate con vista sulle montagne e sul paesaggio circostante. Sei grandi aiole circondate da siepi di bosso con al centro una vasca ovale e due panchine in pietra, costituiscono l'impianto originale del giardino. Alle estremità, fra gruppi di pini, aceri, ippocastani e tigli, sorgevano (attualmente ne rimane uno solo) due gazebi di gusto ottocentesco realizzati con piante di alloro: all'interno un tavolo e sedili in pietra. Negli ultimi dieci anni il giardino è stato sottoposto ad una serie di interventi di restauro ed è stato completamente ripiantato: l'impianto attuale è quindi ancora molto giovane. Oltre a consolidare le murature, sono state ripristinate le siepi in bosso in parte danneggiate da un crollo e la fitta coltre di edera che ricopriva la facciata è stata eliminata e sostituita da una serie di rose antiche rampicanti nelle tonalità del bianco e del rosa: Rosa longicuspis, Albéric Barbier, Rosa Filipes Kiftsgate, che in pochi anni si è arrampicata fino a 10 metri di altezza, Rosa Brunonii varietà "La Mortola", Paul's Himalayan Musk, Zéphirine Drouhin, Souvenir de Mme Léonie Viennot. Le clematidi si arrampicano un po' ovunque fra le rose e gli arbusti: sulla facciata troviamo due Clematis Montana, una bianca e una rosa, e poi Comtesse de Bouchaud, Nelly Moser, Perle d'Azur, The President; Polish Spirit, Viticella Kermesina, Rouge Cardinal, Prince Charles, Etoile Violette. Molte altre clematidi si trovano nel frutteto, nel giardino bianco e alla fattoria . Nelle aiole predominano le rose: Iceberg, sempre in fiore fino a Natale, le profumatissime rose inglesi Heritage, GertrudeJekyll, Mary Rose, la muscosa Alfred de Dalmas, e poi Comte de Chambord, Leonardo da Vinci di Meilland, rifiorentissima e dalla forma di rosa antica e molte altre. Insieme alle rose, a seconda delle stagioni troviamo delphinium, nicotiana, campanule, dalie, anemone japonica. Nelle zone più ombrose, peonie, hostas, digitali, crisantemi coreani. Nei grandi vasi intorno alla vasca esuberanti fioriture di rosa Ballerina e poi diascia, aubretia, helianthemum piantati con tulipani e dalie in grandi bigonci di legno. Le due panchine in pietra con teste di leoni sono circondate da rose: Complicata, Baroness de Rotschild , Awakening, Francis E. Lester , White Cockade . Lungo la facciata sud della casa una bordura di arbusti, rose a cespuglio e piante tappezzanti: partendo dal cancello di ingresso, troviamo sul muro a destra le rose Sombreuil , Marie Louise, Wedding Day , una piccola siepe di Douceur Normande di Meilland. La rosa Félicité et Perpétue si intreccia sull'inferriata a fianco del cancello. Alle rose si accompagnano piante di acanto, senecio, caryopteris clandonensis, spirea, aquilegia, weigelia, viburno, forsizia, hypericum, hemerocallis, buddleia, salvia. Una coltre di fragoline, pervinche, ajuga reptans, diascia, erigeron, lamium ricopre il terreno sotto i cespugli. Alle due estremità del giardino, troviamo da un lato un gruppo di pini, dall'altro tigli, ippocastani e aceri. Sotto gli alberi sono state collocate delle mezze botti piene di ortensie, bulbi e crisantemini bianchi . In primavera ovunque spuntano tulipani nelle varietà Angélique, Peach Blossom e White Triumphator, narcisi, giacinti, allium ecc. Le fioriture si susseguono anche fuori dal giardino, lungo il vialetto di accesso, dove troviamo, fra le altre, le rose Rambling Rector, Blush Noisette, Glore de Dijon, Ophelia, Excelsa, Penelope, Nozomi, Golden Wings, Charles de Mills, Ballerina, Bourbon Queen, insieme a cespugli di lavanda, phlomis, corbezzoli, berberis, pyracantha, cotynus, agrifoglio, pitosforo, spirea, teucrium fruticans, cistus, abelia. In primavera il sentiero è bordato da tromboni , cui seguono gli iris. C'è anche un piccolo giardino solo di fiori bianchi, dove crescono le rose Banksiae alba plena, Prosperity, Francine Austin, Little White Pet, Iceberg, M.me Alfred Carrière, insieme ad anemoni, narcisi, dalie, viburnum, buddleie, spiree, Exochorda Macranta "the Bride" , Hydrangea paniculata grandiflora Annabelle.
Details
Date of building: 1382
-Rocca Varano
La Rocca Varano fu eretta all'inizio del XII secolo sullo sperone roccioso a picco fra le valli del Chienti e del suo affluente, il torrente San Luca, a sud di Camerino. Originariamente fu la residenza fortificata dei Da Varano e, antecedentemente al periodo comunale, rappresentò la fortuna degli stessi feudatari che imponevano pedaggi a chi attraversava l'Appennino da Roma all'Adriatico e viceversa.
Dopo il sacco svevo (1259), i Da Varano ampliarono il loro potere nella città camerte fino a diventarne i signori indiscussi e si diedero a costruire il loro palazzo fortificato sulle mura urbiche, costruzione che si protrasse fino a tutto il XV secolo. Il maniero si trasformò in rocca ed entrò a far parte del sistema difensivo dello Stato camerte, un sistema particolarmente efficiente di fortilizi in corrispondenza visiva che perimetrava i suoi confini. Nel 1384 Giovanni di Berardo Varano fece eseguire lavori di trasformazione ed adattamento ai nuovi usi. Presumibilmente i lavori sono quelli che ancora oggi si rileggono sugli apparecchi murari in vista e riguardano la costruzione della seconda cinta muraria che fa capo al rivelino sormontato dalla torre di guardia e l'antistante vallo con ponte levatoio (lato ovest). Tale cinta, ad ovest, comprende il nuovo corpo di guardia, include la preesistente torre maestra (che si erge ancora oggi per 19 metri da 450,40 m s.l. m alla base a 469,40 m alla sommità del rudere) e si prolunga ad L con la scuderia che cinge il palatium verso sud ad una quota ad esso inferiore. La particolarità architettonica dei nuovi parametri murari, ancora visibili sulla parte di muro originaria, è che si presentano all'esterno con filari di pietra calcarea alternati ad arenaria; evenienza giustificabile per la compresenza, nel luogo, delle due formazioni rocciose, ma soprattutto indice di una certa finezza stilistica dei mastri muratori che vi operarono. Con il decadere dell'importanza strategica e politica dei luoghi e con l'avvento della polvere da sparo che imponeva nuovi sistemi bellici e di difesa, i fortilizi a pianta quadrangolare, con le alte torri e muraglie a spigoli vivi, cominciarono a cadere in disuso e quindi in rovina; si salvarono soltanto alcuni di essi trasformati in case coloniche (come nel nostro caso) o trasformati in villa (Lanciano, Rocca d'Aiello). I lavori più recenti eseguiti sulla Rocca riguardano il rifacimento di alcuni tratti di muro negli anni '50, '70 ed il consolidamento eseguito alcuni anni orsono a cura della Soprintendenza ai Beni Architettonici e Ambientali delle Marche, che hanno reso percorribile e visitabile l'intero maniero all'interno della cinta muraria e di ciò che resta del palatium". Dal 1997 Rocca Varano viene gestita dall'Associazione "Arti e Mestieri" che ogni anno ne cura l’apertura al pubblico come Centro espositivo permanente dell'artigianato artistico. Orario: 10,30 – 12,30 / 16,00 – 19,30 Luglio e Settembre: sabato pomeriggio e domenica Agosto: tutti i giorni, escluso il lunedì Ottobre: domenica pomeriggio
Associazione “Arti e Mestieri” tel. 0733 232527 - cell. 338 3828055 - e-mail arti mestieri@gmail.com Rocca Varano tel. 0737 464004
Details
Property: Comune di Camerino
Date of building: Nel XIV secolo Giovanni da Varano restaurò un vecchio fortilizio che sorgeva da almeno un secolo
-Santuario di Maria Madre della Misericordia di Capolapiaggia
Questa chiesa é nota soprattutto perché conserva al suo interno la "Madonna della Misericordia" proveniente dal santuario di Santa Maria di Pielapiaggia, oggi casa privata.
Address Loc.tà Capolapiaggia
-Santuario di Santa Maria in Via
Le prime notizie dell’esistenza di una chiesa di Santa Maria in via a Camerino sono riprodotte nelle “Rationes decimarum” del 1299 e in un testamento del 1341, nove anni prima del ritorno dei mille crociati che secondo la tradizione riportarono da Smirne la venerata immagine. Nel secolo XVI la chiesa era una costruzione povera ed irregolare; l’immagine era custodita in una cappella angusta.
L’attuale chiesa fu costruita con progetto di Andrea Sacchi sull’area della precedente, di un oratorio, della canonica, di altre case acquistate dal card. Angelo Glori, tra il 1639 e il 1642. Nel 1643 accolse l’immagine. Fu consacrata nel 1654. La pianta ha forma ellittica: sull’asse maggiore, m. 28, il. presbiterio e un’esedra con la porta di fondo al lato opposto; sull’asse minore si aprono quattro cappelle semicircolari e due porte laterali. Ai due localini che fiancheggiano l’ingresso, il battistero a sinistra e la cappella del Crocifisso a destra, corrispondono ai lati dell’abside l’oratorio della confraternita e la sagrestia dalla quale si accede all’edicola della Vergine, aperta, sulla chiesa. La volta in mattoni, abbattuta dal terremoto del 1799, fu sostituita dal tetto a capriate, invero troppo alto sul timpano, e dalla volta in camorcanna ribassata ed indipendente. L’esterno, in mattoni, è ovunque assai semplice; la facciata, a due piani sovrapposti, è divisa, verticalmente da paraste. Il portale e l’architrave poggiano su due stipiti; il timpano, a corda, e qualche altra decorazione, è in pietra arenaria, qua e là malamente sostituita da cemento. L’interno presenta sostanzialmente l’aspetto architettonico primitivo, raccolto e armonioso, e la decorazione del secolo scorso: le pareti a finto marmo con policromia un po’ esuberante portata a termine dall’Adami di Roma e dal Ferranti di Tolentino nel 1896; il complesso scenografico dipinto sulla volta dal decoratore camerinese Giuseppe Rinaldi, detto lo Spazza, illustra vita e misteri di Maria; più accademica la decorazione del presbiterio di Orazio Orazi, altro pittore cittadino, anche se narra con figure ancora riconoscibili della Camerino ultimo ottocento l’arrivo da Smirne dell’immagine e la sua incoronazione. La critica ha precisato l’epoca della tavola (1265-75), l’origine umbro-marchigiana e ha chiamato convenzionalmente Maestro di Camerino l’ignoto autore al quale si attribuisce anche la Madonna in Providence della Fogg Art Museum presso l’università di Harvard a Cambridge. Un restauro del 1973, ha consolidato il legno, fermata la superficie pittorica, rinnovata la policromia offuscata da spessa patina di fumo e di sudicio. La Vergine è ripresa in aspetto rigido, ieratica solennità, bizantina trascendenza. Al di là del totale immobilismo e della impeccabile simmetria compositiva; il disegno è sottile, le immagini nobili, gli sguardi profondi, l’abbraccio materno. I colori vanno dal chiaro al giallo, dall’azzurro al rosso; il fondo è argentato con doratura a “mecca”, la corona del capo a lunetta. Finissima l’Annunciazione della base nella quale le figure, che si misurano in uno spazio architettonico ben delineato, accennano a movimento ed esprimono sentimenti raccolti e profondissimi. La scritta a caratteri gotici precisa il tema della composizione: “Virgo parit Christum velut angelus intimat ipsum”. Nella cappellina di destra dell’esedra, ove una volta era la tomba del cardinale Giori, si venera il Crocefisso con il quale nel 1750 San Paolo della Croce, fondatore dei Passionisti, benedisse il popolo di Camerino a coronamento di una missione. Proviene dalla cappella Strada di Beldiletto. Pur in carta pesta è molto espressivo. Il cardinale Giori provvide ad ornare le quattro cappelle con dodici tele di “pittori celebri”, tre per ogni cappella: uno sopra l’altare, il migliore, e due ai lati. In realtà si tratta quasi sempre di copie, anche se di buona fattura. Sull’altare della prima cappella a destra i Santi Francesco di Sales e di Paola sono del Sacchi, come forse i santi della cappella di fronte; nella seconda campeggia una replica dell’Arcangelo. Michele del Reni. Nella cappella di fronte, la Flagellazione, forse la tela migliore, è di un caravaggesco. Al Valentin di Boulogne appartengono due tele, restaurate nel 1973 e conservate in sacrestia: San Giovanni Battista e San Girolamo fatte fare per essere collocate “sopra li portali” delle due sacrestie. I motivi opposti, il vecchio e il giovane, sono cari ai caravaggeschi; lo studio dei modelli e l’analisi psicologica si uniscono nell'impaginazione larga e nobile di spirito classico. I colori trasparenti e la leggerezza pittorica propongono una data attorno al 1628-30; la sobrietà monumentale, la patina melanconica delle figure e il denso cromatismo collocano le due tele tra le opere più poetiche del sempre più stimato pittore. Nell’oratorio della confraternita, insieme a sette apostoli molto vicini all’opera dei Sacchi ed altre tele, il Sant’Andrea è antica copia da Simone Vouet, studioso vigoroso e naturalistico dalla testa modellata e accuratamente eseguita. La chiesa è stata duramente colpita dal terremoto del 1997 e dopo i lavori di consolidamento e restauro è stata riaperta al culto nel settembre del 2006.
Date of building: 1600
-Tempio Ducale dell’Annunziata
Secondo un racconto leggendario, il tempio della SS. Annunziata sorse al posto di una chiesina e di un ospedaletto più antichi, intitolati a S. Maria de’ Vignali, nei cui paraggi si sarebbe posata una piccola icona mariana scappata da casa di un bestemmiatore: di qui il titolo di ‘Madonna della bestemmia’ riservato poi all’immagine, risalente credibilmente all’inizio del XV sec. e raffigurante su fondo oro la Vergine con Bambino ed i santi Antonio abate e Giacomo.
Dell’icona, sottratta nel 1968 al tesoro di S. Venanzio dove si conservava a partire dalla ricostruzione della omonima basilica (1875) e dalla definitiva cessione al demanio del tempio, resta purtroppo un’unica foto in bianco e nero di qualità non eccelsa. Camillo Lili, il maggiore storico di Camerino, riferì l’evento miracoloso e l’avvio della costruzione al 1494: documenti recentemente emersi anticipano l’avvio di un biennio almeno. Giulio Cesare Varano, massimo dinasta del ‘400, sarebbe stato indotto ad assumere l’onere maggiore della costruzione dalla speranza di esorcizzare predizioni oscure - e non di meno inquietanti per la città e la famiglia signorile - fatte dall’icona in lacrime ad una pia donna e dal desiderio di disporre del patronato di un intero splendido tempio, utile a celebrare, oltre che il culto di Dio e della Vergine, i fasti della famiglia. La presenza in quegli anni a Camerino di Baccio Pontelli al servizio del Varano e le strette affinità fra il tempio camerte e Santa Maria di Orciano di cui è certa la paternità dell’architetto, inducono a ritenere l’edificio opera del fiorentino (1450 c. – post 1500), ritenuto autore anche del coevo cortile del palazzo ducale di Camerino. Cade così definitivamente la paternità di Rocco da Vicenza, avanzata sulla affinità fra il tempio camerte e quello sanseverinate di Santa Maria del Glorioso da questo realizzato, ma eretto più tardi e ripreso da quello camerte Testimonianze coeve riferiscono che nel corso della cerimonia di fondazione Giulio Cesare sotterrò due scudi d’oro agli angoli dell’edificio, secondo un rituale antico e raro nel XV sec. ma carico di richiami classici e denso di simbologie. La realizzazione della fabbrica (1493-1508 c.), portata avanti da maestranze locali, è discontinua. Il breve dominio di Cesare Borgia (1502-1503) interrompe la costruzione della chiesa che è successivamente ripresa da Giovanni Maria da Varano, l’unico figlio di Giulio Cesare scampato all’eccidio voluto dal Borgia. L’edificio fin dal 1508, fu affidato ai Padri Fiesolani di San Girolamo che la mantennero fino al 1669, quando subentrarono i Barnabiti. Passato al demanio pubblico con le soppressioni successive all’unità d’Italia, fu adibito agli usi più disparati: fu filanda per la seta, deposito di scotano, sede della Pinacoteca civica, granaio e sede di Archivio di Stato. Non sappiamo quale facciata il Pontelli riservasse all’edificio: sul fronte a capanna fu sistemato un inadeguato ed anacronistico portale trecentesco - forse proveniente dalla demolita chiesa di S. Maria dei Vignali - in pietra bianca e rosa, con arco a tutto sesto strombato sorretto da tre colonnine per lato (due a spirale la centrale scanalata), pallida immagine di quello splendido della vicina basilica di San Venanzio. Il portaletto è sormontato da un grande scudo vaiato in arenaria bianca che riporta l’iscrizione lO.MA.PM.DUX (Giovanni Maria Primo Duca). Fu infatti il primo della famiglia da Varano ad essere investito nel 1515 del titolo ducale che viene così trasferito anche all’edificio sacro denominato ‘Tempio Ducale’. In esso Giovanni Maria e sua moglie Caterina Cybo si riservarono una cappella, dedicata ai Santi Crisante e Daria, dove si fecero raffigurare insieme a molti membri della corte. L’interno, a tre navate divise da due serie di colonne monoliti in arenaria che poggiano su alti plinti, è splendido ed inconsueto: realizza un esempio ‘Hallenkirche’, rarissimo in Italia e appena meno inconsueto nell’Europa del nord, dove appunto si creò la denominazione di ‘chiesa-sala’. I capitelli, diversamente decorati ed ornati con stemmi ed emblemi varaneschi, sono simili, ma più curati di quelli del cortile del Palazzo Ducale. Le volte a crociera della copertura si impostano sui capitelli sormontati da frammenti di trabeazione e si agganciano ai muri perimetrali con peducci, richiamando ancora una volta lo schema compositivo della loggia del Palazzo. Le tre navate terminano con absidi semicircolari. Il pavimento dell’abside principale, leggermente sopraelevato, è decorato con lo stemma vaiato dei da Varano, realizzato ad intarsio con pietre nere e bianche. Nei muri perimetrali, a destra e a sinistra, restano le nicchie poco profonde ed irregolari ad arco a tutto sesto destinate a contenere gli altari. Della decorazione pittorica rimane a vista solo un affresco datato 1508, posto nell’ultima cappellina della navata sinistra ove si legge l’iscrizione PETRI NANZARELLI CIVIS CAMERS IMPENSA SACELLUM ISTUD IN ONOREM B. JOANNIS B. DEPICTUM FUIT MDVIII QUINTILI MENSE MEDIO. Attribuito alla scuola del Perugino, il dipinto - che raffigura il Battesimo di Cristo - è stato poi ascritto a Marchisiano di Giorgio, un artista di origine slava che ha lasciato varie opere fra Camerino, Tolentino, Sarnano ed altri centri della zona. L’affresco, di chiara matrice peruginesca, raffigura, sotto l’emiciclo con Dio padre circondato da cherubini e da due angeli oranti disposti simmetricamente, il Battesimo di Cristo con a lato quattro angeli di cui due in piedi e due inginocchiati. L’affresco è molto prossimo a quello conservato nella chiesa della Nunziatella a Foligno, forse del 1506-07, ed attribuito proprio al Perugino. L’impianto della chiesa della SS. Annunziata, considerata dagli esperti tra le più belle d’ogni epoca realizzate in Regione, trova dei collegamenti con modelli dell’area adriatica tra Ravenna e Venezia: lo schema longitudinale con le absidi, le colonne e l’assenza della cupola richiamano modelli basilicali tardoantichi e altomedievali sopravvissuti in quella ristretta zona.

Camporotondo di Fiastrone

-Chiesa di S. Francesco
Si trova presso il Convento di Colfano: all'interno pala d'altare della Vergine della Devozione, opera di Nobilis De Luca (olio su tavola del 1490).
Property: Frati Francescani
-Chiesa di S. Maria di Carufo
All'interno si trova un dipinto della Vergine risalente al 1299, affreschi risalenti al XVI con scene dell''Antico e Nuovo Testamento.
Property: Proprietà privata
-Convento di Colfano
Questo convento si trova nei pressi di Camporotondo, ha sede sul versante orientale del comprensorio sismico di Carufo (m. 594), a pochi metri della strada statale 502 (al km. 66). Esso sembra rivolto ad osservare tranquillamente il vicino abitato di Camporotondo.
Colfano indica un colle dove c’era il fanum un “bosco sacro” (o tempio pagano), dedicato a qualche antica divinità. Si ritiene però che l’antico fanum romano sorgesse sulla sommità del colle di Garufo, dove si trova attualmente la chiesa di S. Maria di Garufo, conosciuta fin dal 1299. Il monastero sorse in contrada Carrufa, una delle quattro antiche contrade di Camporotondo. Il romitorio si trova a 355 m. s.l.m. a 2,3 km. da Camporotondo, 4,3 da Caldarola e 5,3 da Cessapalombo. La sua posizione, un po’ periferica rispetto alle principali vie di comunicazione, gli ha consentito, nel corso dei secoli, di essere lasciato in disparte dai principali avvenimenti bellici. I monasteri, in genere, venivano fondati sempre vicini ad una sorgente di acqua od un fiume e la lontananza tra uno e l’altro di norma non superava i 20 – 25 chilometri, distanza tranquillamente percorribile a piedi in una giornata. Qui, secondo la tradizione, S. Francesco, in uno dei suoi viaggi nella Marca, fondò un romitorio nei pressi della sorgente che ora sgorga negli ambienti sotterranei del complesso monastico. Francesco Gonzaga (1546 - 1620) in “De Origine seraphicae religionis” edito nel 1587, definisce erroneamente placido il torrente Fiastrone. A causa della forte pendenza in un corso abbastanza breve, questo torrente è impetuoso dopo abbondanti piogge ed è vivace anche nei periodi di magra. Seguendo il corso del torrente dalle acque fredde e pulite, poco prima di arrivare a Camporotondo, sulla riva sinistra, sorge il convento di Colfano. Nei pressi del convento, il regime delle acque è molto ridotto, dato che la maggior parte è utilizzata a scopi idroelettrici e raggiunge, mediante una condotta sotterranea, il fiume Chienti a Valcimarra. Negli ultimi anni ad opera di padre Natale Sartini, parroco di Monastero e frate minore di Colfano, la Grotta dei Frati è stata riportata allo stato originale: si possono così ammirare la chiesetta, l’altare e la cisterna. Il convento di Colfano si inserisce in un itinerario che guida il visitatore in un percorso di spiritualità dall’eremo e la grotta di Soffiano, all’antico convento di Roccabruna (Sarnano), alle Grotte dei Frati di Cessapalombo, ad altri luoghi che ci raccontano le esistenze dei primi francescani.
-La Portarella
Ingresso secondario delle antiche mura castellane con tracce del ponte levatoio.
Property: Comunale
Date of building: XIV- XV Secolo

Castelraimondo

-Cassero
Castelraimondo è stato edificato per necessità belliche, divenendo punto di collegamento per mezzo del suo Cassero con i comuni limitrofi su una linea difensiva di 10-15 Km. Il Cassero è un'imponente torre merlata, alta 36 metri, rastremata a tre "ncrocche", simbolo di Castelraimondo, è l'unico resto dell'antica fortezza sul quale rimangono incorporate successive parti di mura e una torre.
Il Cassero, torre di avvistamento avanzata del sistema dell'intagliata, linea di torri, fossati e muraglioni fatti edificare dalla signoria dei Da Varano a difesa della città di Camerino, per un tratto di 12 km da Pioraco fino a Torre Beregna, durante le guerre con i paesi vicini di Matelica e San Severino. Il Cassero di Castelraimondo, che tutt'ora domina sul territorio marchigiano, è ciò che resta di quella che doveva essere stata una bella fortificazione costruita nel Trecento. La torre, merlata ed alta più di 35 metri, era inserita in una costruzione fortificata di cui oggi restano poche vestigia: tratti di mura di cinta ora inglobati nella chiesa parrocchiale. La torre è divenuta invece la Chiesa del campanile di San Biagio
Details
-Castello di Lanciano
Assieme ad una ventina di torri sparse nel territorio oggi il castello fa parte delle così dette rocche celesti, iniziativa della comunità montana di Camerino che, sfruttando la mancanza di inquinamento luminoso della zona, ha pensato di trasformarle in siti di osservazione della volta celeste.
Telefono attivo dalle ore 9.30 alle 12.30 - +39 331 392 7981
Address Loc. Lanciano
Details
e-mail
Property: Privata
-Chiesa della Sacra Famiglia
Il Sacro edificio ha una struttura tutta particolare. Le due travi a forma di “V” portanti il tetoo, poggiano su tre grandi plinti e sul campanile aperto mostrano le tre campane in verticale. Nell’ala di ingresso, la struttura presenta una grande Sacra Famiglia con un festone ornamentale, una grande vetrata posta all’atrio su cui si aprono un portone in lastre di ferro e due porte in legno che immettono nel sacro luogo. Ampia è l’unica navata con abside sopraelevato con altare, ambone e sede. Su una parete è allineata la Via Crucis e a destra, cinto da un muretto, è situato il onte battesimale. A sinistra dell’entrata, segregata da una grande vetrata, è la “Cappella jemalis” in cui è conservata l’Eucarestia in un artistico tabernacolo, affiancato da una tela con Vergine e Bambinello.
-Chiesa di San Biagio
La Chiesa di San Biagio era situata all’interno delle mura castellane di Castelraimondo, edificata a ridosso e sopra le mura stesse, inglobando nel corso dei secoli anche parte delle torri. Il castello, denominato di “Raimondo”(con molta probabilità in omaggio al Rettore Generale della Marca Anconitana dello stato Pontificio - al tempo di papa Clemente V -, Raimondo di Attone da Aspello, che consentì alla Città di Camerino ed ai nobili Manno de Labranca , capitano del popolo camerinese, e Berardo di Gentile da Varano il permesso di edificare castelli nel loro territorio per difendersi da Sanseverino Marche, Matelica e Fabriano) fu edificato negli anni 1311-1318, quale caposaldo difensivo del territorio della Città di Camerino, posto in prossimità della confluenza del torrente Lapidoso con il fiume Potenza. Detto castello, dalla forma planimetrica pressochè rettangolare, della lunghezza di m.300 e dalla larghezza di m.150, come si evince da una planimetria catastale del 1850 e dalle testimonianze architettoniche pervenuteci, possedeva la torre maestra (cassero,attualmente esistente) ed altre 10 torri situate lungo le mura (attualmente inesistenti: la torre, base campanaria, la torre ad nord-est inglobata nella casa parrocchiale e due torri mozzate poco più in alto del livello del piano viabile); al suo interno vi era insediato un presidio militare.
Nel corso dei secoli l’interno del castello fu intensamente edificato, tanto è che, nel 1911, l’allora Amministrazione Comunale incaricò l’Ing Filippo Amici per la redazione di un Piano di Risanamento del Vecchio Castello, poichè nella prima decade del secolo in corso si era verificata una mortalità del 3-4%, contro una mortalità del 1-1,5%, del restante territorio, dovuta alla tubercolosi, determinata questa dalle pessime condizioni igieniche dell’abitato, facilitate soprattutto dalla particolare articolazione degli isolati e dai limitatissimi spazi liberi fra di essi destinati a fogne a cielo aperto.
Ulteriori informazioni"
-Chiesa di San Giovanni
Dalla frazione ed antico castello fortificato di Castel S. Maria (l'antica S. Maria in Monte), dall'incrocio posto al di sotto delle mura nel quale si separano Ia provinciale per Matelica e la strada comunale per Ia frazione di Sant' Angelo, in località Fonte Vecchia inizia una stradina bianca.
Percorrendo questa strada per breve tratto, si scorgono in alto sulla sinistra i pochi resti di un antico edificio. Qui, a mt. 846 s.l.m. sorgeva l'antica chiesa di San Giovanni, riscontrabile nella documentazione almeno a partire dal XV secolo. La chiesa, definita anche San Giovannino, pur nella grande rovina, mostra tuttora particolari architettonici interessanti come archi in cotto a tutto sesto o ribassati e un rosone in cotto, tamponato. I muri, realizzati con conci di calcare e con grossi quantitativi di mattoni, denotano vane e successive fasi di restauro dell'edificio. La chiesa presentava un'unica navata ed un piccolo presbiterio, entrambi rettangolari, nonchè un tetto a capanna crollato ed una volta a botte nell'abside della quale rimangono scarse tracce. (F. MONTESI)

Castelsantangelo sul Nera

-Chiesa di San Martino
Realizzata in stile romanico attorno al 1300 dagli abitanti di Gualdo e da questo “San Martino dei Gualdesi”. All’interno sono custoditi numerosi affreschi di scuola umbra quattro – cinquecenteschi, alcuni dei quali attribuiti a Paolo Bontulli da Percanestro e a Paolo da Visso.
-Chiesa di San Sebastiano
Costruita nel 1528 secondo un’architettura lineare e semplice. Al suo interno sono presenti affreschi del diciottesimo secolo e, secondo tradizione, sotto il pavimento è conservato lo stendardo strappato agli abitanti di Norcia in occasione della leggendaria battaglia del Pian Perduto.
-Chiesa di Santa Maria Castellare
All’inizio del 1400 venne costruito accanto alla chiesa un convento, che nel 1878 venne trasformato in un ospizio dalla Congregazione di Carità per volontà della nobildonna Angela Paparelli. Negli anni 1980 – 1985 venne ristrutturato e divenne una casa di riposo per anziani.
L’interno della chiesa di Santa Maria Castellare fu arricchito nel tempo con prestigiose opere d’arte, fra cui il meraviglioso polittico ricco di ori e di stoffe arabescate che per alcuni critici resta una delle migliori opere di Paolo da Visso. Attualmente nel Museo - Pinacoteca locale di Visso.
Address Loc: Nocelleto
-Chiesa di Santo Stefano
Risalendo al 1300 circa, deve ritenersi contemporanea alla fondazione del paese. Nella chiesa, che presenta una solenne torre campanaria, si trova un’interessante fonte battesimale in pietra risalente al XIV secolo.
-Monastero San Liberatore
Il monastero fu sempre abitato da monache benedettine di stretta osservanza claustrale ma, dal 1958, passò alle Suore Benedettine della Provvidenza. L’interno è un insieme di volte e di stretti corridoi dove spicca lo splendore della pietra viva.
La deliziosa cappella è ricca di affreschi, al centro dell’abside troneggia il Cristo "Liberatore" tra la Madonna e S. Benedetto; nell’arcata una graziosa Annunciazione, molti Angeli e Santi: il tutto da attribuirsi a Paolo da Visso ed alla sua scuola negli anni 1474 – 1476. Degno di rilievo l’artistico tabernacolo in legno decorato e scolpito risalente ai primi del 1600.

Cessapalombo

-Abbazia San Salvatore
This abbey has today lost its original characteristics since it has been rebuilt and restored many times. Inside the crypt a fresco depicting the Virgin with Child.
Address Fraz. Monastero
Details
Date of building: 11th century
-Castello di Montalto
Even before the year one thousand the lands of Montalto and Cessapalombo belonged to the Bendictine Abbey of Casauria. After the monks abandoned the place, in 1259 the castle is recorded as part of the Paganelli fiefdom.
Style: Romanesque-Gothic

Property: Signori Varano
Date of building: 9th century
-Chiesa di Monastero
This church is located in the hamlet of Monaster and is also known by the name of “Santa Maria in Insula”. Inside is a magnificent crypt featuring vaulted ceilings supported by nine columns and a pillar.
Address Monastero
-Chiesa di S.Filippo Neri
This church is located in the hamlet (or “frazione”) called Colbottoni. The name of this hamlet derives its name from the Saxon name Botto dating back perhaps to the Early Middle Ages.
Address Fraz. Colbottoni
-Chiesa di San Benedetto
This is ancient parish church, part of Montalto Castle, built before the year one thousand by the Benedictine monks, as attested by its name. Inside are some frescoes by Andrea de Magistris: the Mysteries of the Rosary (1526), the Virgin and Child and St. Anthony the Abbot (1544).
Address Tribbio di Montalto
-Chiesa di San Giovanni Battista
This church was rebuilt after the destruction of the older building, as attested by a brick on the outside wall, on which we read the date: 1611. Inside, behind the altar, is a painting depicting the Madonna and Child.
Address Col di Pietra - Fraz. Villa
-Chiesa Parrocchiale di Cessapalombo “Sant’Andrea”
This is the parish church of Cessapalombo. Inside is a wooden statue representing the Virgin and called the “Madonna dell’Impollata” by unknown (thought talented) author.
Date of building: 14th century
-Chiesa S. Maria Ausiliatrice
Behind the altar of this church is the painting “Mater Misericordiae with knights" by Girolamo di Giovanni of Camerino (1400).
Address Villa di Montalto
Date of building: 14th century
-Edicola dell’Impollata
This is a well-preserved aedicula dedicated to the Virgin Mary. Inside a fresco depicting the Madonna with Child.
Address Colbottoni
-Grotta dei Frati
The Grotta dei Frati (Friars’ Cave) is a small cavern where once Franciscan friars took refuge to escape persecutions.
-Monumento ai Caduti
This monument commemorates those who died in World War II.
-Rocca Col di Pietra
These are the ruins of an ancient stronghold. It became a fortress after the year one thousand and later on it became property of the Varano family to serve their defence purposes.
Address Valle del Fiastrone

Cingoli

-Cattedrale di S. Maria Assunta
La cattedrale di S. Maria Assunta risale al 1615. La chiesa è ad aula unica e presenta tre grandi absidi poligonali. Nella sagrestia si trovano il dipinto "La Vergine col bambino in trono" e i "SS. Caterina d'Alessandria, Pietro, Esuperanzio, Bonfilio e La Rosa d'Oro", opera di oreficeria neoclassica, donata da Pio VIII alla città nel 1830.
Address Piazza Vittorio Emanuele II
Date of building: 1615
-Chiesa di San Domenico
Le prime notizie certe su questa chiesa risalgono al 1325. Nel 1519 subì importanti modifiche e, proprio per la nuova chiesa fu commissionata a Lorenzo Lotto la grande tela della "Madonna del Rosario e Santi"(1539). Nel sec. XVIII la chiesa fu riedificata e presenta oggi un ampio interno di forma ellissoidale.
Per informazioni rivolgersi a +39 733 602 877 (biblioteca Comunale)
Address P.le Mestica
Details
Property: Comunale
Date of building: 1325
-Chiesa di San Filippo Neri
E' indubbiamente uno dei gioielli di Cingoli. La facciata in pietra è abbellita da un portale romanico con, ai lati, due piccole monofore. L'interno barocco, con il soffitto decorato da affreschi e stucchi, conserva pregevoli pitture di Calandrucci, Maratta, Marini, Conca, Cignani e Fanelli.
Date of building: XIII Secolo
-Chiesa di San Francesco
La Chiesa di San Francesco è stata eretta nel 1225 e poi ristrutturata alla fine del 1700. Delle originarie strutture romaniche non restano che le pareti, la base del campanile e il portale inserito dopo il rifacimento della facciata nella seconda metà del XVIII secolo
Date of building: 1225
-Chiesa di Santa Caterina
La chiesa fu eretta a pochi anni di distanza dal vicino ospedale dello Spineto (1217) e ricostruita nella prima metà del XVIII secolo. L'interno a pianta centrale, conserva magnifiche cantorie intagliate e decorate.
Date of building: XVIII Secolo
-Chiesa di Santo Spirito
Edificio assai antico con monastero, che risale al 1364. Nella sua forma attuale risale al XVIII secolo.L'interno è decorato con stucchi d'oro zecchino. Le tele degli altari sono conservate nella pinacoteca Comunale.
Address Via Don Giovanni Fenizi, 6/ 8
Date of building: 1364
-Collegiata San Esuperanzio
E' il più importante edificio religioso della città, fondata nel XII sec. L'attuale edificio, in pietra arenaria e brecciato rosa, presenta forme romanico-gotiche. L'interno ha il presbiterio rialzato per ricavare la cripta necessaria ad ospitare le reliquie del Santo. Sul lato destro dell'edificio si trova l'atrio della casa priorale con tre archi che sostengono l'elegante loggetta sovrastante.
Date of building: XII Secolo
-Fontana del Maltempo
E' già citata come "Fontana del maltempo" nel 1513. Fu restaurata e portata alle forme attuali nel 1568, per mano della bottega dei Lombardi, allievi del Sansovino. Deve il suo nome al fatto che l'acqua scaturiva abbondante solo dopo forti piogge. Vi è raffigurato un cervo che riposa ai piedi di un albero di tasso, una variazione sul tema dello stemma di Cingoli.
Address Corso Giuseppe Garibaldi
-Fonte di San Esuperanzio
Struttura solida e armoniosa costruita da tre archi a tutto sesto poggianti su colonne di stile romanico. Sopra gli archi corre un'iscrizione che ne ricorda la costruzione avvenuta nel 1525. Dei quattro stemmi che accompagnavano l'iscrizione, soltanto il primo, quello comunale, è giunto fino a noi.
-Fonte Giulia
Costruzione circolare ostruzione edificata nel luogo in cui, secondo una leggenda, si vuole, che Giulio Cesare, in visita alla città, abbeverò la cavalcatura stanca. Per la sua caratteristica forma, i cingolani la chiamarono "Fonte Tonda".
-Palazzo Comunale
Le strutture più antiche risalgono ai sec. XII-XIII. L'orologio pubblico è del 1482, mentre il prospetto poggiante su otto pilastri è del 1530. Al piano terra dell'edificio ha sede il Museo Archeologico Statale, che conserva preziosi reperti di epoche diverse.
Address Piazza Vittorio Emanuele, 1
-Palazzo Conti
Dimora della famiglia Conti che lo fece erigere fra il XIV e il XV, presenta un bel portale gotico dove era scolpito lo stemma araldico, purtroppo scalpellato dai successivi proprietari.
Address Via Azzio Varo, 2
-Palazzo Puccetti
Di origine cinquecentesca, presenta un portale fiancheggiato da due telamoni settecenteschi che dà accesso ad un ampio atrio e ad un grazioso giardino pensile con nicchie e statue, uno dei pochi esempi riscontrabili nel territorio marchigiano.
-Porta dello Spineto
Delle originarie strutture medievali conserva gli stipiti, lungo i quali spiccano alcuni blocchi di epoca romana. L'arco ricostruito era presumibilmente più basso e a sesto acuto.
Address Viale della Carità
-Porta Piana, detta Pia
Fu costruita in onore di Pio VIII nel 1835 e sostituì l'antica Porta Montana, che si apriva tra due massicci torrioni, dei quali resta solo quello destro.
-Santuario di Santa Sperandia
Lo stile che domina nei locali della chiesa, in parte ammodernati alla fine degli anni Settanta è Barocco. Il tempio conserva dipinti di buona fattura come "Il Miracolo delle Ciliegie" del Fanelli, "la Madonna in trono e Santi" di Antonio da Faenza e una "Crocifissione", copia da Scipione pulzoni, detto il Gaetano.

Civitanova marche

-Chiesa di S. Agostino
Eretta nel XIV secolo e rifatta all'interno nel '600. Ex chiesa ora adibita a spazio culturale, per lo più utilizzata per mostre d’arte.
Apre su appuntamento, da concordare telefonicamente con la Pinacoteca Comunale allo 0733891019
Address Corso Annibal Caro
e-mail
-Chiesa di San Francesco
Della costruzione trecentesca conserva il portale gotico, resti della decorazione romanico-gotica sui fianchi e la torre campanaria. Oggi adibita a spazio multimediale, per convegni, proiezioni, mostre
Apre su appuntamento, da concordare telefonicamente con la Pinacoteca Comunale allo 0733891019
Address Piazza XXV Aprile
e-mail
-Chiesa di San Marone
Chiesa romanica per fondazione, ma completamente rifatta nel XIX secolo, poco conserva dell'edificio originario.
-Chiesa di San Paolo
Ricostruita intorno alla metà del XVIII secolo.
Address Civitanova Alta
-Ex Palazzo Comunale
Edificio cinquecentesco che ospita la Civica Galleria d'Arte Moderna "Marco Moretti" con una raccolta di dipinti italiani contemporanei: Carrà, Morandi, Ligabue, Sironi, Manzù, Tamburi.
Visite ore 8.00-13.00; domenica chiuso.
Address Civitanova Alta
-Palazzo Cesarini
Risalente al XIII secolo ma ricostruito nel '500 e nell'800.
Address Piazza della Libertà, 20
-Palazzo Comunale
Fu eretto nel 1862 su una preesistente costruzione.
-Porta Marina
Torre difensiva, facente parte della cinta muraria del centro storico di Civitanova Alta
Apre su appuntamento, da concordare telefonicamente con la Delegazione Comunale allo 07338222409 Ingresso gratuito
Address Via della Rimembranza
e-mail

Colmurano

-Chiesa della SS. Annunziata
Si distingue per il portale in cotto decorato con motivi floreali e per la presenza, nella facciata, di pregevoli bacini maiolicati. All'interno, un pregevole affresco raffigurante il Presepio, attribuito a Giovanni A. De Magistris di Caldarola (1560)
Address Via SS. Annunziata
Date of building: Fine 1300 prima metà 1400
-Chiesa di S. Rocco
Anticamente rifugio dei pellegrini. Sull'altare, un affresco fatto eseguire dai giovani del paese nel 1536, raffigura la Madonna in trono con ai lati S. Donato e San Rocco. Forti le analogie con un altro affresco situato nella chiesa della Maestà.
Address Via Roma
-Chiesa di San Donato
A pianta centrale, conserva una porticina da reliquario per la quale fu utilizzato un piccolo stendardo ligneo rappresentante la Crocefissione con la Madonna e S. Giovanni, attribuito a Nobile da Lucca (fine sec. XV - prima metà sec. XVI)
Date of building: Primi decenni del sec. Scorso
-Mura Castellane
Ne restano ancora alcuni tratti a testimonianza della formazione medioevale, rafforzate da bastioni e da un torrione a difesa della porta S. Rocco, ultima rimasta degli antichi accessi cittadini.
Address Via Nuova del Mulino/Via Giacomo Leopardi
Date of building: XIV-XV Secolo

Corridonia

-Chiesa dei SS Pietro, Paolo e Donato
Ricostruita su disegno del Valadier su struttura del secolo XIII (di cui resta la cripta, visitabile a richiesta), mostra un interno singolare a tre navate che, a metà, incurvano per generare la cupola.
Conserva un “Crocifisso” del Duecento in legno policromo, davanti al quale la tradizione popolare vuole si sia raccolto in preghiera San Francesco d’Assisi. Nella parte sotterranea della chiesa si trova la Cripta dove sono riposte le spoglie dei sacerdoti e dei chierici della parrocchia, nonché dei componenti delle famiglie nobili del tempo. Accanto alla chiesa vi è la pinacoteca parrocchiale che nata per iniziativa di padre Pallotta custodisce pregevoli opere come: la “Madonna con Bambino” di Carlo Crivelli (1470-1473), la “Madonna dell’umiltà”, di Andrea da Bologna (1373), una “Madonna con Bambino e Santi” di Lorenzo d’Alessandro (1481), una “Madonna con Bambino, San Pietro e San Francesco” di Vincenzo Pagani (1517).
Address Via Cavour
Date of building: XIII secolo
-Chiesa di San Francesco
La chiesa di San Francesco è una delle più antiche del paese. Fu edificata, intorno all’anno 1000, dai benedettini del monastero di Santa Croce al Chienti. Dato che la costruirono nei pressi della roccaforte all’epoca esistente in quella zona, la chiamarono Santa Maria in Castello o Santa Maria di fronte al Castello.
Dell’architettura originale non è rimasto praticante niente che ci possa dimostrare il suo aspetto. In seguito ad alcune donazioni, nelle vicinanze della chiesa vennero realizzati in cimitero ed un convento. Secondo la tradizione del tempo, accanto a questo nuovo luogo di culto venne piantato un olmo. Nel corso degli anni crebbe a tal punto da divenire il simbolo del Comune, che non a caso in quel periodo era ancora conosciuto come Montolmo. Verso l’inizio del 1200 la piccola chiesa di santa Maria in Castello versava in condizioni pessime. Le intemperie che si abbattevano sul colle dove sorgeva rendevano necessari continui lavori di manutenzione. I monaci, però, non avevano risorse sufficienti. Così, il 5 febbraio del 1233, pochi anni dopo la morte di San Francesco, la chiesa venne venduta all’ordine dei frati Minori. Proprio durante questo periodo, infatti, la presenza dei francescani nella zona era aumentata notevolmente. Ottenute una serie di donazioni, si procedette con la ristrutturazione e l’ampliamento della chiesa e dell’annesso convento. Sotto le maestranze di Giorgio da Como, l’intero complesso acquistò un’architettura di evidente stile gotico, in parte ancora visibile. La chiesa vera e propria, dedicata a San Francesco, venne consacrata solo nel 1399 da Giovanni da Montelupone Vescovo Neopatrense, appartenente allo stesso ordine. Il seguito, il suo pregio crebbe moltissimo, soprattutto grazie alla presenza di pregevoli opere d’arte che vi risiedono tuttora. Per un lungo arco di tempo, praticamente durante tutto il Medioevo fino alle porte dell’Ottocento, allorché venne ingrandita quella dei Santi Pietro, Paolo e Donato, la chiesa di San Francesco fu considerata come quella più capiente ed importante della città. In essa si svolgevano le celebrazioni religiose fondamentali, come l’amministrazione della cresima o la predicazione durante il periodo dell’Avvento e della Quaresima. Nel 1476 venne iniziata la costruzione di un campanile, progetto reso concreto grazie ai contributi del Comune e delle famiglie nobili dei Lepretti e dei Filippini, che si erano trasferiti a Montolmo da Recanati. Il risultato fu una torre alta 40 metri, abbellita sulla sommità con una serie di maioliche, culminante con una punta di mattoni a vista. Nel 1575, due orologiai maceratesi, mastro Lorenzo e mastro Ippolito, vi installarono il primo orologio pubblico. Vista l’eccellente altezza della struttura, essa venne utilizzata anche come punto di osservazione, utile per segnalare eventuali attacca da parte di pirati saraceni, frequenti in quell’epoca. Successivamente, nel 1566, sotto il pavimento della chiesa vennero impiantate delle catacombe, in cui ospitare i defunti della maggiori famiglie aristocratiche della città. Tali catacombe, nonostante i diversi lavori di ristrutturazione, sono tuttora rimaste quasi del tutto intatte. Durante il periodo del dominio napoleonico, le soppressioni degli ordini religiosi che allora vennero emanati dai francesi, si scagliarono anche contro l’ordine dei Minori conventuali. Nel 1813, il marchese Anton Clemente Ugolini acquistò l’intero complesso, chiesa, convento ed orto. Una parte della struttura tornò poi nelle mani dei francescani grazie all’operato del frate Francesco Bartoloni, il quale fu anche responsabile dell’ammodernamento che, intorno agli anni 1830 e 1850, trasformò quasi completamente il sacro edifico di stile gotico e gli diede la sua fisionomia barocca. La pianta ad un’unica navata ha altari addossati alle pareti, inseriti tra quattro colonne con capitelli corinzi. Al suo interno si conserva inoltre un organo del 1859 opera di “G. Bazzani” e numerose opere d’arte su tela e su tavola risalenti al XVII secolo. All’indomani dell’annessione delle Marche al nuovo Regno unitario, i decreti di soppressione delle corporazioni religiose, predisposti dai piemontesi nella figura di Lorenzo Valerio, colpirono anche l’ordine dei Minori conventuali di Pausula. Le conseguenze più immediate, come era prevedibile, si abbatterono immediatamente sulla vita degli stessi monaci. Attualmente, i locali dell’ex convento dei Minori conventuali sono occupati ancora dalle scuole, anche se, nel corso degli anni, le diverse tipologie di pubblica istruzione si sono succedute diverse volte. I locali hanno ospitato dal 1908 il nucleo storico dell’istituto professionale (denominato all’epoca scuola di Arti e Mestieri), fondato con il contributo del Comune, dalla Congregazione di carità, del Ministero e della Provincia. La scuola si è trasferita all’inizio degli anni ’60 nel nuovo complesso costruito dall’E.N.A.O.L.I. Dopo aver ospitato anche la scuola elementare, oggi è sede della scuola media. Ulteriori stanze del complesso architettonico sono state predisposte per istituirvi alcuni uffici pubblici, come l’anagrafe e gli uffici elettorali. Diverso è il discorso per la chiesa di San Francesco. Nel 1928 il Comune affidò questo luogo di culto di altissimo valore artistico alla Congregazione dei contadini. L’incarico era quella di provvedere alla sua manutenzione, cosa che venne eseguita fino all’inizio degli ultimi lavori di restauro, risalenti a i primi anni Novanta. Oggi, la chiesa viene utilizzata come Auditorium dove vengono organizzate di carattere artistico e conferenza. D’altronde, i suoi interni sono molto suggestivi. La chiesa è stata dichiarata Monumento nazionale ai sensi della legge n.1089 dell’1.6.1939.
Date of building: anno 1000
-Gli Zoccolanti
L’ex convento dei Frati minori dell’Osservanza con l’annessa chiesa della Madonna dei Monti sorge su una collina a trecento metri dal centro abitato di Corridonia. Da sempre l’edificio è conosciuto come gli Zoccolanti.
Il curioso nome venne loro affibbiato nel 1386, quando alcuni frati, stabilitisi nella zona boscosa di Brugliano, in Umbria, avevano ottenuto il permesso di calzare zoccoli di legno, per difendersi in qualche modo dai serpenti che infestavano la zona. Essi a Pausula venivano cosi chiamati anche per il tipico rumore che gli zoccoli facevano sui san pietrini del centro. Il cenobio, composto da un chiostro cinquecentesco e la chiesa nel medesimo stile, è stato edificato nel 1510 e fu scelto dai frati, che prima risiedevano in una casa di fronte a Santa Maria in Castello, perché il nuovo alloggio era vicino alla cittadina ma adatto al riposo. La direzione dei lavori fu affidata ad un monaco-architetto proveniente dalla casa madre di Osimo che trasse sicuro beneficio dalla particolare terra su cui sarebbe sorto il monastero, particolarmente adatta alla costruzione dei mattoni. La costruzione fu finanziata dal comune di Pausula e da alcune famiglie facoltose del luogo. Ben presto il monastero si impose come uno dei più importanti della provincia anche perché i Frati Minori Osservanti vi organizzarono uno Studio (Università) che attraeva nomi facoltosi. Fino alla fine del 1600 il convento godette di un periodo di grande splendore, ma dopo una pestilenza che decimo la popolazione e un disastroso terremoto nel 1703 subì gravi danni. Dopo queste calamità a causa della povertà che seguì il convento perse il suo antico splendore e molti giovani dovettero interrompere i loro studi. Durante il periodo napoleonico il convento fu soppresso. I frati dovettero abbandonare il convento che fu chiuso con la chiesa annessa nonostante il Municipio avesse più volte sottolineato come esso fosse fondamentale per la cittadina. Gli orti e il fabbricati furono venduti dal Demanio al marchese Clemente Ugolini. Nel 1843 i frati riuscirono a ricomprare dal marchese il convento pagando una somma cospicua. Seguirono opere di consolidamento e restauro che portarono i frati a rientrare nel convento solo nel 1846. Nel 1860 in esecuzione del decreto Valerio la proprietà del convento passò alla cassa ecclesiastica. Il comune comunque concesse ai monaci di continuare a far vita comune negli Zoccolanti almeno fino alle leggi di soppressione degli ordini religiosi del 1866-67. All’inizio del 1867, loro malgrado, i francescani furono costretti a lasciare la loro dimora. Nel luglio 1867 il Fondo per il culto cedette il convento al Municipio, che chiese al governo regio di poterlo adibire a Civico Ospedale. Il comune di fatto entro in possesso del monastero il 1 settembre 1867 ma non lo adibì all’uso che aveva richiesto per la sua lontananza dalla cittadina. Il 10 ottobre 1909 il Fondo per il culto dopo un sopraluogo dell’Ufficio Tecnico di Finanza di Ancona, decise di procedere alla chiusura legale della chiesa e di cederne la proprietà al Comune. Il 7 novembre Giuseppe Russo, ricevitore del registro di Macerata, si recò a Pausula, dove alla presenza del sindaco Francesco Velluti chiuse la chiesa e deliberò che il convento sarebbe stato adibito a luogo d’isolamento per gli infermi di malattie infettive. Dal 1909 gli Zoccolanti subirono un interminabile calvario, il comune, infatti, lasciò lo stabile quasi in uno stato di totale abbandono adibendoli agli usi più disparati tra cui la coltivazione del baco da seta. Nel 1917 dopo la sconfitta di Caporetto, l’edificio ospitò centinaia di profughi provenienti dalle province di Udine, Gorizia e Belluno che si sistemarono alla meglio nei locali dove rimasero per quindici mesi. Dopo la seconda guerra mondiale le stanze furono nuovamente rimaneggiate per ospitare molte famiglie provenienti dal litorale. Dopo la guerra continuo ad ospitare le famiglie più bisognose fino a che negli anni ’60 non vennero costruite le prime case popolari. Oggi la struttura e quasi totalmente inagibile.
Date of building: anno 1510
-Le Porte
Nel XIII secolo Montolmo possedeva una cinta difensiva costituita da torri e bastioni collegati tra loro da vere e proprie fortificazioni. Di essa sopravvivono due porte castellane inserite all’interno dell’attuale circuito murario: Porta San Pietro e Porta San Donato Vecchia. La forma della città murata coincide con quella che volle darle, a partire dal 1433, Francesco Sforza. i lavori di costruzione delle nuove mura iniziarono nel 1436 e continuarono fino al 1471. Il percorso era aperto in cinque punti da porte che, nonostante modifiche e demolizioni, sorgono ancora oggi sugli stessi luoghi originari, ad eccezione di Porta Sejano completamente demolita nel secolo scorso, quando fu sistemato l’incrocio della strada di circonvallazione con la strada provinciale.
Date of building: XIII secolo
-Palazzo Persichetti Ugolini
Il maestoso Palazzo Persichetti-Ugolini, residenza patrizia della famiglia omonima, è compreso nel complesso ex conventuale San Francesco e si erge sul lato sinistro di Piazza del Popolo di fronte all’abside della chiesa.
Fu costruito nel XVIII secolo per accorparlo al complesso ex-conventuale. Tale accorpamento è dimostrato dalla diversa struttura architettonica delle sue parti principali avvertibile chiaramente nel gigantesco portico prospiciente la piazza e nei piani primo e secondo che presentano una tipologia architettonica coerente e tipica dell’800 mentre invece il piano terra e parte del piano primo sono riconducibili ad epoca più remota, XIII e XIV secolo. Il 7 gennaio del 1813 Anton Clemente Ugolini, per salvarlo dalle leggi di soppressioni napoleoniche, acquista dai Reverendi Padri Conventuali Francescani il preesistente Convento e vi edifica quindi il Palazzo. I Persichetti subentrano nella proprietà del Palazzo a fine ‘800 e rimangono suoi proprietari nella veste della Contessa Persichetti Ugolini Elena Fausta fino al 1998. L’anno dopo la morte della Contessa, nel 1999, il Comune acquista l’immobile dalle Sig.re Cardelli Anna e Cardelli Paola, eredi della Contessa Persichetti Ugolini Elena Fausta. All’interno le sale del piano primo e secondo, coperte in parte a volta con mattoni in foglio ed in parte con canne e gesso, sono interessate da decorazioni a tempera di estrema bellezza ed eleganza, espressione tipica della moda dell’epoca. La maggior parte dei dipinti è riconducibile alla prima metà dell’ottocento e lasciano pensare alla mano di un pittore locale. Il settecentesco Palazzo Persichetti-Ugolini è la sede della Pinacoteca Civica è, residenza patrizia della famiglia omonima. La raccolta comprende opere pittoriche, reliquari e crocifissi lignei. All’interno le sale del piano primo e secondo, coperte in parte a volta con mattoni in foglio ed in parte con canne e gesso, sono interessate da decorazioni a tempera di estrema bellezza ed eleganza. Tra gli artisti di maggior rilievo Durante Nobili da Caldarola, i fratelli Morganti, Francesco Trevisani, Giovanni Maria Morandi e Sigismondo Martini. Al secondo piano di Palazzo Persichetti Ugolini è ubicata la Biblioteca Comunale. Il suo patrimonio documentario consta attualmente di circa 2000 monografie, divise fra materiale antico e moderno. Fra le tante opere di pregio (es. dizionari, enciclopedie, mediateca) vanno, senza dubbio, menzionati il ricco fondo di Arte nelle sue molteplici sfaccettature, la vasta scelta di romanzi classici e moderni e la notevole sezione Marche. Peculiari risultano, invece, essere i ricchi fondi tematici relativi ai più importanti personaggi storici locali, quali Filippo Corridoni e Luigi Lanzi, oltre alla sezione Corridonia.
Date of building: XVIII secolo
-Piazza Filippo Corridoni e Palazzo Comunale
La piazza costituisce un importante esempio dell’architettura Razionalista italiana. Costruita sull’antica Piazza Castello, di cui restano la chiesa di San Francesco ed alcune case del XV secolo, la sua caratteristica principale è quella di aver creato un ambiente urbano moderno in un tessuto edilizio antico.
Tutto ebbe inizio con l’abbattimento di alcune costruzioni situate nell’area interessata dai lavori: una fortificazione di epoca medievale, la chiesa di Santa Maria de Jesu e numerose abitazioni già espropriate. Si procedette quindi con un consistente sbancamento di terreno, per livellare la superficie ottenuta a seguito delle demolizioni. Il livello del vecchio piano di calpestio è ancora visibile sul fianco sinistro della chiesa di San Francesco, per la quale si dovette costruire una scalinata di raccordo fra l’ingresso principale, rimasto in posizione sopraelevata, e la pavimentazione della piazza. L’area fu inaugurata alla presenza di Benito Mussolini nel 1936, al culmine delle celebrazioni organizzate in memoria di Corridoni: in onore di quest’ultimo, nel 1931 la città di Pausula aveva mutato il proprio nome assumendo quello di Corridonia. Nell’occasione, il regime bandì un concorso nazionale per la progettazione della piazza, i cui risultati non furono però giudicati soddisfacenti. Si decise così di scindere il progetto, affidando a Oddo Aliventi l’incarico di eseguire l’imponente statua, mentre l’arch. Giuseppe Marrani e l’ing. Pirro Francalancia avrebbero portato a termine la piazza ed un complesso comprendente il nuovo municipio, l’ufficio postale, una fontana-acquedotto e le relative strutture di collegamento. Il Palazzo Comunale funge, inoltre, da cornice al monumento di Filippo Corridoni, scultura in bronzo alta sette metri, realizzata da Oddo Aliventi. Sul lato settentrionale s’innalza il monumento ai caduti, con alla base una fontana in marmo. La piccola chiesa seicentesca del Suffragio chiude la piazza e testimonia l’originaria conformazione della stessa. La scultura di Oddo Aliventi misura sette metri d’altezza; dodici con l’aggiunta del basamento. Per realizzarla vennero fusi diversi cannoni requisiti agli austriaci durante la prima guerra mondiale. Nella porzione inferiore è posizionata quella che potrebbe sembrare la carena di una nave, si tratta in realtà della torretta di un sommergibile concepita con funzione di pulpito. Nella parte sottostante del monumento un arengario, composto da sei bassorilievi in bronzo, illustra i momenti salienti della vita di Corridoni: il sindacalismo, l’interventismo, il sacrificio. Superando il monumento si incontrano i tre ingressi sotto il portico da cui si accede all’atrio del Palazzo Comunale dove è visibile la bella scala d’onore. L’edificio Comunale funge da cornice al monumento all’eroe comprende un corpo centrale e uno laterale collegati da loro da un bel portico. Il palazzo comprende due piani e un ammezzato. Nel piano terreno, dopo un ampio atrio, a cui si accede dal portico mediante tre ingressi, si trovavano, il salone di onore per le pubbliche cerimonie e la biblioteca, gli uffici per le guardie, l’ufficiale sanitario e il veterinario. La Sala Consiliare, prima chiamata la Sala dell’Impero è costituita da un soffitto e un pavimento decorati in modo da riprodurre quelli del Pantheon a Roma. Sulla parete di fondo si trovava l’affresco denominato “Tireremo Diritto”, dell’artista Guglielmo Ciarlantini, raffigurante Mussolini a cavallo come un moderno San Giorgio, con il drago ai suoi piedi e le aquile meccaniche alla maniera futurista che volano in alto a sinistra. Ultimato il 20 ottobre 1936 per l’inaugurazione del Palazzo Comunale, nei giorni seguenti la liberazione di Corridonia, il dipinto venne graffiato e coperto da uno strato d’intonaco. Con una doppia scala si saliva al pianerottolo da cui si accedeva alla pinacoteca, alla logia del salone d’onore e all’archivio. Al primo piano, un grande salone per il pubblico dava accesso a tutti gli uffici. Dal portico si accedeva inoltre agli uffici poste, e telegrafo. Al lato opposto da alcuni gradini si accedeva ad una terrazza scenografica che dà sulla piazza. Fanno da corona alla piazza i vecchi fabbricati restaurati, della monumentale Chiesa di S. Francesco, delle scuole urbane con il grazioso porticato romancio e delle case Bartolazzi, Barconi e Cambogiani. Si segnala, infine, uscendo dalla Piazza, lasciandosi alle spalle il palazzo comunale, alla destra del monumento, la scritta 1936 fatta con mattoncini rossi che si confondono tra i San Pietrini della pavimentazione. Ricordo perenne dell’anno d’inaugurazione.
Date of building: XV secolo
-San Claudio
L’Abbazia di San Claudio sorge in una pianura fertile e produttiva. Nel raggiungerla il viaggiatore si imbatte nel maestoso viale di 548 cipressi di rara bellezza e grandiosità. L’Abbazia è uno dei monumenti romanici più interessanti della Marche e ha origini molto antiche, essendo sorta nel V o VII secolo sulle rovine dell’antica città romana di Pausolae.
Venne restaurata ed in parte rimaneggiata tra la fine dell’IX e l’inizio del XII secolo. L’edificio ha pianta a croce greca, con tre absidi semicircolari posteriori e due laterali. La facciata è stretta da due torri scalari cilindriche, aperte in alto da monofore e bifore, che avevano, oltre alla funzione di collegamento interno delle due chiese sovrapposte, quella di posto di vedetta e di difesa. Lo scalone esterno, per il quale si accede alla chiesa sovrastante, è di epoca successiva così come il portale a strombo di marmo in stile romanico. L’interno dell’abbazia è caratterizzato da numerosi archi a volte e dalle cinque absidi. Nel catino absidale centrale due affreschi gotici di autore anonimo (1486) rappresentano S. Rocco e S. Claudio.
Date of building: V o VI secolo

Esanatoglia

-Abbazia di Sant’Angelo “infra Ostia”
Fu fondata prima del Mille, forse dai Conti di Nocera di origine longobarda.
-Chiesa di San Martino
Sorge al centro della città. Costruita nel Medioevo (XIII-XIV), assunse un'importanza almeno pari a quella della Pieve, nel 1548 quando venne eretta come Collegiata in seguito alla soppressione dell'Abbazia di S. Angelo.
Address C.so Vittorio Emanuele
-Chiesa di San Sebastiano
E' sorta come chiesa succursale della Pieve e come oratorio della Confraternita del Santissimo Sacramento. E' stata costruita nel XVI secolo ma il loggiato antistante il portale è di epoca posteriore.
Date of building: XVI Secolo
-Chiesa Sant’Andrea
Address C.so Vittorio Emanuele
-Chiesa Santa Maria
E' del '200, come alcuni fabbricati adiacenti e il portale della Pieve.
Address C.so Vittorio Emanuele
-Chiesa Santa Maria Maddalena
La Chiesa di Santa Maria Maddalena è un piccolo scrigno di tesori, custodisce infatti un pregevole dipinto, la Crocifissione, sull’altare maggiore, due nature morte di origine fiamminga e una Cantoria lignea istoriata e dipinta con scene della vita dei Santi, dove sono ancora presenti le grate che impedivano alle Clarisse di essere viste.
Address Via Brasca Bartocci
-Chiesa Santi Cosma e Damiano
Address Loc. Cappuccin
-Eremo di San Cataldo
Il suo nome forse deriva da "confinium" cioè confine, terra di confine; infatti il luogo si trova al confine delle Marche con l' Umbria.
-Eremo di San Pietro
Risalendo il corso principale del fiume Esino, nei pressi delle sorgenti, nel punto in cui la strada termina in uno spiazzo erboso, sulla destra in alto, in mezzo al bosco, sorge tuttora l'Eremo di San Pietro. In antico doveva essere probabilmente una struttura edilizia più consistente dell' attuale che consta della chiesa con il suo sotterraneo a volta e delle mura perimetrali del pianterreno dei locali di abitazione.
Gli edifici attuali, costruiti con conci rettangolari abbastanza regolari di pietra calcarea bianca, sembrerebbero risalire al XIV secolo. E' a quest' epoca infatti che risalgono le più antiche notizie su San Pietro che risulta citato negli Statuti di Santa Anatolia del 1324. Da questo e da successivi documenti sappiamo che l'eremo apparteneva al Comune che vi collocava delle persone per la custodia.
-Pieve Chiesa di Santa Anatolia
E' la più antica: forse sorge su un vecchio tempio pagano (vedi pietra romana risalente al I Secolo d.C. incastonata sulla torre campanaria).
Address C.so Vittorio Emanuele

Fiastra

-Abbazia S. Paolo Apostolo
This is a Romanesque church. It has three naves and preserves a painting depicting the “Conversion of Saint Paul” by Baciccia.
Address Loc. tà Fiegni
Date of building: 11th century
-Castello dei Megalotti
These buildings, once the residence of the Podestà (name given to some high officials in Italy) and the General Council, were surrounded by mighty walls with seven towers and a keep. Between 1170 and 1259 it belonged to the fiefdom of the Magalotti, Counts of Fiastra, along with the Castles of Poggio, Macereto and Appennino.
Date of building: 11th century
-Grotta dei Frati
This cave is of Karstic origin located at about 600 m. of altitude, where there is a peaked rock on the Fiastrone Gorges. It had been inhabited by the Clareni monks for many centuries. Afterwards, these monks built a church and an aedicula as well.
-San Lorenzo al Lago
Facing Fiastra Lake, this church preserves many medieval frescoes, which are currently considered as the oldest wall decorations in the Marche region.
Address Loc. San Lorenzo al Lago
Date of building: 12th century
-Santuario del Beato Ugolino
Currently this church is the remains of an ancient Benedictine monastery named in honour of Saint John. Blessed Ugolino, son of the nobleman Magalotto IV, was born in 1400 and, after becoming an orphan, he hermited away in this retreat. Inside this church 15th century frescoes featuring scenes from his life are still well preserved.
Date of building: 14th century

Fiordimonte

-Chiesa “S.Antonio”
La chiesa presenta sul fianco portali e monofore quattrocenteschi. Internamente sulla parete destra vi è una tela settecentesca raffigurante Madonna con Bambino ed i SS, Antonio da Padova, Antonio Abate, Francesco da Paola e un altro santo. Di fronte la SS. Trinità e i SS Nicola, Giovanni Battista, Giuseppe e un altro santo (tela del settecento) e una tempera su muro raffigurante l´Assunta de i SS. Lucia, Francesco, Carlo e Antonio Abate( 1633- Giovanni Antonio Pellegrino da Milano). Sulla parete di fondo vi è un affresco raffigurante la Crocefissione tra i SS, Ansovino, Elena, Bartolomeo e Nicola(1455-Giovanni di Girolamo da Camerino).
Address Fraz. Castello
Date of building: XIII Secolo
-Chiesa “Santa Maria Assunta”
Chiesa in stile romanico, costruita nel XIII° sec
Address Fraz. Nemi
Date of building: XIII Secolo

Fiuminata

-Castello di Orve
Risulta appartenuto ai Chiavelli Signori di Fabriano e, in seguito, ai Varano di Camerino: crollato in gran parte pochi anni fa, era costruito da una rocca fortificata, un secondo edificio, il palatium con un'aia e l'hedifitio in legno.
Date of building: XIII Secolo
-Chiesa dei SS Carlo e Martino alla Forcatura di Caneggia
Contiene un organo del sec. XVII.
-Chiesa di San Paolo di Orpiano
L'edificio attuale risale ai secoli XV-XVI (ma già citata in un documento catastale del XIII secolo).
Date of building: XV-XVI Secolo
-Chiesa di Santa Maria Assunta in Massa
L'edificio originario è ancora visibile nella parete sud, il resto risale ad un rifacimento del secolo scorso.
Date of building: XV Secolo
-Chiesa di Santa Maria della Spina a Poggio
Così chiamata perché secondo la tradizione, è stata edificata in seguito ad un'apparizione della Madonna ad una pastorella sordomuta presso un cespuglio spinoso.
-Chiesa di Santa Maria di Laverino
L'edificio attuale risale a più fasi costruttive ed è quasi interamente ricoperto al suo interno di affreschi datati (1406); inoltre contiene una tavola dipinta risalente al XVI sec.raffigurante la Vergine, Sant'Antonio e Santa Lucia.
Date of building: XIV Secolo
-Chiesa si San Giovanni Battista a Castello
Risale al secolo scorso ma la facciata appartiene all'edificio originario della fine del XIV sec. nel quale in epoca medievale si riuniva l'assemblea dei capifamiglia di fiuminata: al suo interno c'è un fonte battesimale ligneo del XVIII sec.
Date of building: XIV Secolo
-Rocca di Santa Lucia
Detta anche "di Laverino" fu fondata nel 1020 ed abitata nel XII sec. dalla famiglia Cavalca che fece addossare alla torre originaria un nuovo corpo di fabbrica ad uso abitativo. Una terza costruzione, più elegante delle precedenti fu aggiunta nel XIII sec.
Date of building: 1020
-Rocca di Spindoli
E' la costruzione più articolata di Fiuminata. Fu fondata presumibilmente nel XIV sec.. Abbandonata nel XVI sec., andò progressivamente in rovina anche ad opera degli abitanti di Spindoli che demolirono la cinta muraria per riutilizzarne il materiale.
Date of building: XI Secolo
-Romitella di Campottone
Fondata nel 1313 da Meruzio di Monalduccio dei Nobili di Somaregia, conteneva in passato molti affreschi che si presentavano in stato di rovina già nel XVI secolo, come risulta dalla documentazione dell'epoca.
Date of building: 1313
-Santuario della Beata Vergine di Valcora
Al di sopra della Frazione di Valcora, sulla riva destra del Fiume Potenza, esisteva in epoca medievale un villaggio denominato Sarracchiano. Questo villaggio aveva una piccola chiesa dedicata al Crocifisso. La chiesa nei secoli fu ampliata (l'ultima modifica risale al XVIII secolo) e le fu aggiunto un edificio utilizzato come eremo.
La chiesa e l'eremo per qualche anno videro anche la presenza di un eremita dei Padri Serviti nel secolo scorso e poi, acquisirono, con l'abbandono del villaggio di Sarracchiano, la fama di Santuario mariano, quale continua ad essere tutt'oggi. Attualmente la chiesa si presenta a navata unica con tetto a capanna. L'abside l'unica parte originaria e risale almeno al XIV secolo. All'interno dell'abside si possono ammirare una bella crocifissione con la Madonna e San Giovanni, un'immagine della Madonna di Loreto ed un "Ecce homo", affreschi della seconda metà del XIV secolo, restaurati ed attribuiti al pittore Diotallevi di Angeluccio di Esanatoglia. Un cortiletto rettangolare separa la chiesa dall'altro edificio ricostruito in gran parte negli ultimi anni ed adibito a casa di vacanze.
Per visite ed informazioni rivolgersi al Parroco di Castello di Fiuminata: 0737/54134. La chiesa aperta la domenica pomeriggio per la messa.

Gagliole

-Castello – Rocca Varano
Struttura difensiva edificata dai Da Varano per la tutela del territtorio del proprio ducato. Al periodo immediatamente successivo all' annessione di Gagliole alla signoria dei Varano risale, con ogni probabilità, il primo intervento fortificato sull' antico cassero, di cui si conserva intatta la torre in arenaria, con la base terrapinata (per 6 mt. circa) ed i tre lati E-N-W.
La torre fu inglobata, anziché soppressa, in vista di un successivo riuso, da lavori di generale ristrutturazione, avviati negli ultimi due decenni del XIII e proseguiti nella prima metà del secolo successivo, che determinarono l' ampliamento dimensionale e la sopraelevazione della struttura. La difesa del sito, sicuramente imposta dalle circostanze storiche e politiche (la contesa del castello di Gagliole tra i Varano e gli Smeducci perdurò fino a tutto il XV sec.), impose nel 1438, al conte Pietro Brunoro di S. Vitale di Pama, la necessità di rafforzare anche la cortina muraria ai lati N-E e S-W con tre torrioni cilindrici scarpati e muniti ognuno di troniere circolari in pietra. Mentre sul mastio, privo di bombardiere, sono state rilevate caditoie di appoggio ai beccatelli che coronavano in origine la parte sommitale. Gagliole ha tutte le caratteristiche proprie della rocca con funzione esclusivamente militare destinata alla guardia e alla difesa del sito, con capacità ridotta di ospitare anche un presidio militare. Eretta su uno sperone roccioso arenoso che a N viene a costituire un naturale piedistallo, la rocca di Gagliole è stata costruita in pietra a cortine verticali, con l' imponente mastio pentagonale - unico esempio nel sistema difensivo varanesco - circondato da mura. Vi si accede a S per mezzo di una porta, voltata a sesto acuto e profilata a conci di pietra calcarea, in posizione avanzata rispetto alla parete della rocca. Al mastio si accede percorrendo un breve tratto del terrazzamento, poiché l' ingresso alla corte interna, anch' esso lievemente a sesto acuto e piuttosto basso, non è in asse con l' altro. La cinta muraria, costruita nelle locali pietra calcarea biancastra o rosa del lias ed arenaria del terziario, ha due porte di accesso: quella principale aperta a N, costruita in conci di pietra arenaria con arco a sesto acuto, affiancata a destra dalla chiesa di S. Giuseppe e l' altra a S, orientata verso la valle del Potenza, detta porta Zingarina ricavata da una torre cubica e munita di feritoia verticale sopra l' arco. La cinta muraria risulta rafforzata da cinque torrioni: a W da due cilindrici ed uno quadrato, mentre ad E da un torrione cilindrico ed uno quadrato. Dalla Rocca Varano è visibile la collinetta boscosa (730 mt. s.l.m.) di Ancagliano, su cui sono rinvenibili ruderi dell' antica rocca della Bisaccia fatta edificare dagli Smeducci nel 1334. Avamposto di punta della difesa di Gagliole e del versante sanseverinate del Potenza contro le minacce di espansionismo dei Varano, era dotata in origine di cinta muraria, palatium e torre. Della struttura originaria restano esigui resti di superficie, consistenti in conci rettangolari di piccole dimensioni di pietra rosata locale.
Details
Property: Comunale
Date of building: 1274
-Chiesa di San Giovanni
A questa chiesa si riferisce il documento più antico riguardante Acquosi e risalente al 1198, nel quale si legge che essa era soggetta all'abbazia di Sant'Angelo infra Ostia di Esanatoglia.
In tale documento si legge: " jus quod habetis in Ecclesia S. Joannis (sic) de Lacurse", mentre nelle Rationes del 1299 compare un tal Don Angelo cappellano di San Giovanni di Acquosi: "...dompno Angelo cappellano S. Johannis de Iaccufis". Acquosi ricompare come villa nella documentazione notarile del XVI secolo insieme alla Chiesa di S. Giovanni. La medesima chiesa è ricordata in occasione delle Visite apostoliche e Pastorali del 1572 e del 1582. Nel resoconto della seconda di queste Visite, si legge che la chiesa non aveva sagrestia, ma esisteva la casa parrocchiale; la parrocchia comprendeva 61 famiglie (quindi circa 300 persone). L'antica chiesa di S. Giovanni, rimaneggiata più volte nei secoli è un edificio piuttosto ampio, pari a due terzi della Pieve di S. Zenone e non è officiata. Non si notano altri resti di superficie degni di nota.
Details
-Chiesa di San Lorenzo a Torreto
La chiesa conserva, in un altare laterale, la tavola originale della venerata Madonna delle Macchie. Sull' Altare Maggiore, degno di nota è il Tabernacolo ligneo databile ultimo IV del XVI sec.
A circa un chilometro e mezzo ad est di Gagliole, oggi sorge il villaggio di Torreto. Esso che nell'antichità veniva denominato Palazzolo, risultava e risulta tuttora diviso in due parti: la prima più in basso dove oggi sorge la chiesa nuova di S. Lorenzo a mt. 513 s.m., la seconda immediatamente a nord e a monte, denominata il Colle di Torreto a mt. 560 s.m., dove sorgeva la chiesa vecchia di S. Lorenzo e dove esistono i ruderi di antichi edifici. Anche in questo caso le più antiche notizie si riferiscono alla chiesa di S. Lorenzo (la vecchia) di Palazzolo e risalgono al 1171, anno della donazione della Pieve di S. Zenone e di alcune chiese soggette a S. Michele Arcangelo di Domora. La chiesa di S. Lorenzo insieme al suo cappellano Don Nicola è elencata fra quante pagarono le decime per l'anno 1299, nelle Rationes. La chiesa è ricordata ancora nel 1330 come dipendente da S. Michele Arcangelo di Domora. La dipendenza è ricordata anche dall'Amatori che parla di S. Lorenzo di Palazzolo o del Colle, ma pone la chiesa anche in dipendenza dell'Abbazia di S. Maria di Valfocina. Le fonti poi tacciono fino alle Visite Pastorali degli anni 1572 e 1582, nelle quali la chiesa è detta di S. Lorenzode Cellis seu Turiti ed il villaggio è definito villa. La chiesa in tali occasioni risultava parzialmente rovinata ed il Visitatore ordinò di rinnovare il Crocifisso dipinto su una parete, di rifare il pavimento in mattoni e di scavare le fosse per i morti in modo tale che le ossa dei cadaveri non restassero scoperte. Insomma esisteva una situazione di degrado tale che ben presto il cardinale Franzoni, durante la Visita pastorale del 1670, vedendo la rovina, volle che la chiesa si ricostruisse più in basso a Torreto, dove già esisteva la casa del parroco. Ciò avvenne effettivamente nel 1673 e la chiesa vecchia andò in rovina, tanto che nei catasti del 1768 si parla ormai della chiesa di S. Lorenzo vecchio in località Il ColIe, ovvero della località: "S. Lorenzo vecchio terra sodiva con Chiesa dirruta...".
Details
-Chiesa di San Michele Arcangelo
La chiesa, di epoca romano-gotica, conserva dell' impianto originale il portale con le decorazioni in cotto (sec. XIV) e alcune porte laterali. All' interno, che presenta la conformazione neoclassica della ristrutturazione settecentesca, si possono ammirare i due altari laterali in pietra locale (sec. XVIII).
Nel corso del restauro sono emersi pregevoli affreschi dei secoli XV e XVI, ascrivibili alle note scuole pittoriche di Camerino e S. Severino Marche, raffiguranti Santa Caterina d' Alessandria, S. Luca, S. Antonio da Padova, S. damiano, S. Antonio Abate e San Giuseppe. L' altare ligneo dell' abside conserva una tela del XVII sec. vicina ai modi di Simone Cantarini (1612-1678), raffigurante Madonna con Bambino e Santi. La chiesa, di epoca romano-gotica, conserva dell'impianto originario il portale con le decorazioni in cotto (sec. XIV) e alcune porte laterali. All'interno, che presenta la conformazione neoclassica della ristrutturazionesettecentesca si possono ammirare i due altari laterali in pietra locale (sec. XVIII). Nel corso del restauro sono emersi pregevoli affreschi dei secoli XV e XVI, ascrivibili alle note scuole pittoriche di Camerino e S. Severino Marche, raffiguranti Santa Caterina d'Alessandria, S.Luca, S.Antonio da Padova, S.Damiano, S.Antonio Abate e S.Giuseppe. L'altare ligneo dell'abside conserva una tela del XVII sec. vicina ai modi di Simone Cantarini(1612 - 1678), raffigurante Madonna con Bambino e Santi.
Details
Date of building: XIV Secolo
-Eremo della Madonna delle Macchie
Salendo per una strada bianca che parte dalla S.S. 361 in prossimità del Cementificio ma dal lato opposto, si raggiunge l'antichissimo monastero della Madonna delle Macchie. Si tratta di un complesso edilizio monastico costruito in più fasi a partire almeno dal XIV secolo.
Il complesso è costituito da un quadriportico sul quale si affacciano alcuni edifici monastici e due chiese. La più antica di queste ultime, è un edificio gotico con portali a sesto acuto e volte a crociera, all'interno del quale sono presenti vari affreschi attribuiti al pittore Diotallevi di Angeluccio del XIV secolo ed altre pitture, ora in parte distaccate e conservate al museo Diocesano di Camerino, risalenti al XV secolo ed eseguite da un anonimo artista detto Maestro delle Macchie'. Adiacente a questa prima chiesa ne esiste un'altra ottenuta chiudendo con un muro un antico portico. Anche in questa chiesa esistono vari affreschi votivi, ma soprattutto nella parete absidale c'è una grande Assunzione risalente al periodo a cavallo fra XV e XVI secolo di ispirazione Signorelliana.
Address S.S. 361
Details
Property: Ecclesiastica
Date of building: XIV - XV. Secolo
-Madonna della Pieve o di San Zenone
Questa chiesa, che in antico si chiamava Pieve di S. Zenone, è un edificio costruito quasi interamente con conci di arenaria. Pur avendo subito alcune modifiche in varie epoche, si presenta tuttora in gran parte nella sua struttura originaria.
La parte più interessante risulta, a prima vista, la facciata divisa orizzontalmente in due parti e verticalmente in tre da quattro lesene. Un motivo ornamentale di quattro archetti chiusi, a destra e a sinistra della porta, conclude la decorazione della facciata esposta ad Ovest. Nel lato sud della chiesa, diviso da alcune lesene verticali, si apre una porta interamente realizzata in laterizio, risalente al XVI secolo. Il lato est presenta l'abside della chiesa nella quale si aprono delle monofore riaperte a seguito di un restauro. Il lato nord della Pieve, risulta ampiamente ricostruito. L'interno della chiesa è ad una sola navata, la copertura è costituita da travature di legno che sostengono, tramite dei travicelli, delle pianelle colorate per metà di bianco che danno un particolare effetto policromo. All'interno della chiesa è particolarmente degno di nota un affresco del XVI secolo rappresentante una Madonna con Bambino che probabilmente ha fatto modificare la dedicazione dell'edificio sacro.
Details
Property: Ecclesiastica
Date of building: 1200
-San Giuseppe
All'interno visibili un crocifisso ligneo del '500 e un affresco del de Magistris del 1530. Entrando nell'antico castello di Gagliole subito a destra, addossata alla parete interna delle mura di cinta, come dimostra la grande pietra (cm. 50x50) forata per il lancio di pietre sugli assalitori ben visibile all'esterno, è la piccola chiesa, od oratorio, di S. Giuseppe.
Da quanto è dato sapere e ricavare dalla sua attuale struttura la facciata almeno non va considerata anteriore al secolo XVI. Notizie in merito ad un oratorio preesistente non ve ne sono. La fronte dunque è a muro misto, già intonacato, scandita da quattro lesene di mattoni inopportunamente verniciati di rosso e terminanti in alto in un timpano a forte aggetto pure in mattoni. Al centro dell'architrave della porta d'ingresso, come chiave del medesimo, due pietre di chiaro travertino portano scolpite la tiara pontificia sopra le chiavi incrociate di S. Pietro e più sotto le lettere A. S. S. B. L. che dichiarano il sacro luogo dipendenza della Basilica Lateranense e quindi di giurisdizione pontificia. L' interno è costituito da un primo vano a pianta quadrata, due grandi acquasantiere scavate a conchiglia fissate al muro: sulla parete di fondo è dipinta in affresco la Natività attribuita ad Andrea De Magistris e datata 1530. Le figure dei ss. Sebastiano e Rocco che fiancheggiano l'affresco ci sembrano piuttosto opera di anonimo del sec. XVII. Molto probabilmente il titolo della chiesa è riferito al "capofamiglia", S. Giuseppe, raffigurato nell'affresco. A destra si apre la cappella del SS. Crocifisso, che, qui trasportato, come vedremo, alla fine del '700, finì per detronizzare in certo modo il più antico titolare. L'oratorio in origine non dovette esser più grande. Pensiamo quindi che con l'acquisizione del Crocifisso si ritenne opportuno ampliare la recettività dell'ambiente ricavando a sinistra, comunicante attraverso un arco, un altro vano a pianta irregolare, quasi trapezoidale, come una prolunga della navatella originaria con i banchi per i fedeli. Così l'asse si spostò di 90 gradi per convogliare l'attenzione dei fedeli verso il Crocifisso. La parete di quest'ambiente, più ampia delle altre due, è segnata in alto e al centro da una grata sei-settecentesca di legno traforato e dipinto ad uso degli occupanti il retrostante appartamento, proprietà del comune di Gagliole. Lungo la parete destra, anch'essa obliqua, scendono le corde dal campaniletto a vela eretto a filo con il muro esterno. Notevole suppellettile della chiesa una croce di legno con il Cristo dipinto (cm. 56x39) del '500; due lampade pensili di argento o metallo argentato di diversa dimensione. Da ammirare il Maestro Teutonico, Crocefisso ligneo policromo (sec. XVI) Il crocifisso fu trasportato, nel 1789, dall' eremo della Madonna delle Macchie nell' Oratorio di S. Giuseppe per favorirne la venerazione (ove è attualmente visibile). L' opera vanta un certo realismo nella descrizione anatomica, visibile soprattutto nella rete di vene sottocutanee e nelle pieghe dietro ai talloni e sotto i piedi, cui si contrappone la serena pacatezza del viso. Di grande efficienza plastica e cromatica il lungo perizoma rimboccato che si incrocia sul davanti, blu lapislazzuli con decorazioni oro.
Details
Property: Ecclesiastica
Date of building: 1500
-Tabernacolo del Cerqueto
Tabernacolo del Cerqueto, opera di Lorenzo di Alessandro della fine del XV secolo. L' edicola, oggi conservata presso la Casa di Riposo "Chierichetti", proviene da una pintura o tabernacolo viario presso la località Cerqueto, lungo la strada che dal castello di Gagliole conduce al Santuario della Madonna delle Macchie.
L' Affresco, restaurato nel 1968, rappresenta sulla parete in fondo la Vergine in trono che adora il Bambino dormiente che, al pari della tavola di Petriolo, si adagia su un fianco. Ai lati, all' interno della nicchia, sono raffigurati i santi taumaturgici Antonio Abate e San Sebastiano. Il culto di S. Antonio Abate, che veniva invocato per allontanare il cosiddetto " fuoco di Sant' Antonio ", ebbe grande seguito tra il XIV ed il XV secolo in seguito alla Leggenda Aurea di Jacopo da Varazze. Nel tabernacolo è palese il ricordo dell' affresco di Girolamo di Giovanni a Villa Malvezzi di Bolognola, attualmente nella pinacoteca di Camerino. Il pittore sanseverinate schematizza il tutto, tanto che dall' edicola di Bolognola deriva anche la scansione geometrica degli spazi; mentre di gusto squisitamente salimbeniano sono i motivi vegetali al centro della piccola volta. Questo, insieme ai dipinti della Maestà presso San Severino Marche e la tavola del Museo Piersanti di Matelica con S. Anna, la Vergine ed il Bambino tra i SS. Rocco e Sebastiano, costituiscono una sorta di architettura psicologico-religiosa, una specie di messa in prospettiva di devoti pensieri e di affettuosi e malinconici sentimenti (Paolucci, 1974).
Details

Gualdo

-Chiesa di Sant’Elpidio
Al piano terra si trovano la biblioteca e l'archivio dell'illustre personaggio.
Per informazioni rivolgersi a +39 733 668 186 (tel. e fax)
Address C.da Fanelli
-Chiesa Madonna delle Grazie
Un interessante affresco del ‘400 è conservato nella Chiesa della Madonna delle Grazie, forse risalente al secolo XII; il dipinto, raffigurante appunto la “Madonna delle Grazie”, è oggetto di particolare venerazione.
La facciata della chiesa è movimentata da un bel porticato in arenaria disposto su due ordini. Attiguo all’edificio sacro sorge ancora il convento francescano, risalente al ‘500, abbandonato dai frati Minori all’inizio del secolo scorso, interessante soprattutto per il chiostro, formato da dodici ampie arcate, con un pozzo centrale.
Per informazioni rivolgersi a +39 733 668 186 (tel. e fax)
Address V.le Vittorio Veneto
Date of building: XII Secolo circa
-Chiesa Parrocchiale di S. Savino
Edificata nel ‘300 dai Signori Azzolini, Amatori e Vittori di Fermo e fu riscostruita nei primi anni dell’Ottocento su disegno dell’architetto Maggi.
Restaurata dal 1942 al 1945, è di stile neo-classico-ionico, a croce greca. All’interno si possono ammirare il “Gonfalone del Rosario” di Alessandro Ricci, la “Madonna con il Bambino e i Santi Giovanni Battista e Savino” di Antonio Liozzi, una “Ultima cena”, che gli studi più recenti attribuiscono con certezza ad Ubaldi Ricci, che la eseguì nel 1693. Interessante anche un delicato bassorilievo in pietra da datarsi al secolo XVII, raffigurante la “Madonna che offre il Bambino ad un santo inginocchiato”.
Per informazioni rivolgersi a +39 733 668 186 (tel. e fax), visite su richiesta Don Bruno Trapè.
Address Piazza Vittorio Emanuele III
Date of building: XIV Secolo
-Chiesa San Girolamo
Per informazioni rivolgersi a +39 733 668186 (tel. e fax)
Address C.da Castello
-Chiesa Santa Maria Maddalena
Per informazioni rivolgersi a +39 733 668 186 (tel. e fax)
Address C.da Marchesi
-Convento Francescano
Interessante il chiostro formato da dodici ampie arcate con un pozzo centrale.
Address Via della Rocchetta
Date of building: XVI Secolo

Loro Piceno

-Arco di Porta Pia
Costruito nei pressi dell'antica porta San Benedetto, fu dedicato al pontefice Pio IX.
L’Arco di Porta Pia è situato all’imbocco dell’attuale via Vittorio Emanuele II. Originariamente al suo posto si trovava Porta San Benedetto e a questa si aveva accesso attraverso un ponte o una sorta di camminatoio.

Ulteriori informazioni"
Date of building: 1847
-Castello dei Brunforte
Sorto sui resti di un castrum romano, fu residenza dei signori di Loro. L'antico nucleo fotificato comprendeva all'interno il palazzo dei priori ed il palazzo della giustizia adibito dal 1692 a Monastero Corpus Domini.
Posto sulla sommità del paese, il castello rappresenta l'originario nucleo insediativo altomedievale. E' fondato su un terreno con vari speroni rocciosi di arenaria affioranti su cui si innestano le murature di mattoni e pietre.Il sistema difensivo è ancora visibile nei muri a scarpata che circondano il Girone e nei primi nuclei abitativi del paese, nel tratto nord-ovest della via di circonvallazione, verso la cosiddetta "neviera", e lungo la circonvallazione di levante, dove compare un grande arco ogivale con lieve scarpatura. La cortina muraria che cingeva ogni lato del castello lo preservava dagli attacchi dei nemici e permetteva un prolungamento del ciglio della scarpatura con l'elevazione di uno spalto di protezione che fungeva anche da camminamento per le sentinelle. Questo tipo di muraglia è visibile sopra il piazzale denominato fin dall'antichità "Pantanaccio", oggi "Parco St. Nikolai" in onore del paese austriaco gemellato con Loro Piceno.

Ulteriori informazioni"
Date of building: XIII Secolo
-Chiesa di San Antonio da Padova
Fino al 1887 alla chiesa era annesso un convento di cappuccini che secondo la tradizione popolare ospitò S. Serafino da Montegranaro. Vi si conservano un altare ligneo del XVII secolo e tele del XVIII secolo.
La chiesa, che si trova all’interno del cimitero comunale, non più agibile dal 1997 a causa del terremoto, fu eretta tra il 1569 e il 1578. Inizialmente era priva delle due cappelle laterali, che furono aggiunte nel 1684, una dedicata all’Assunta, a sinistra, ornata da una tela raffigurante la Vergine assunta in cielo, oggi nel Comune, e l’altra a S. Antonio, con dipinti raffiguranti il Beato Bernardo da Corleone e, al di sotto, un quadro del SS. Cuore di Gesù. L’altare maggiore, del XVII secolo, ospita una tela che raffigura l’Immacolata, S. Francesco e Sant’Antonio da Padova, ai quali l’altare è dedicato. Pregevole ornamento è un tabernacolo ligneo, coevo dell’altare, cupoliforme, a due ordini, decorato con colonne a torciglione, capitelli corinzi e nicchie. Ai lati dell’altare maggiore sono presenti due dipinti, San Nicola da Tolentino e San Felice da Cantalice. Volgendosi a destra, subito dopo l’ingresso, si può vedere un affresco di San Serafino da Montegranaro, del 1728, di Nicola Ronconi, lorese, artista famoso nella zona. Altre tele del XIX secolo si dislocano per tutta la lunghezza della chiesa, rappresentanti il Creatore, San Giuseppe, San Giuseppe da Leonessa, San Fedele da Sigmaringa, e l’Immacolata.

Ulteriori informazioni"
Date of building: XVI Secolo
-Chiesa di San Francesco
La chiesa fu consacrata nel 1372. L'interno presenta stucchi e dorature del maestro Stefano Interlenghi di Montottone. Annesso alla chiesa è un chiostro costruito tra il 1430-1434.
Nella seconda metà del XVI secolo, la chiesa aveva un solo altare, dietro il quale erano presenti degli affreschi, di cui uno dedicato a Sant’Antonio, che doveva far parte di un ciclo pittorico andato perduto insieme all’affresco. Ora l’unico affresco visibile è quello della Madonna col Bambino, in una nicchia sul lato sinistro della chiesa, probabilmente un ex-voto. E’ dalla fine del XVI secolo che l’altare maggiore ospita una pala raffigurante La Madonna del Rosario, proveniente dalla scuola del De Magistris di Caldarola, probabilmente da attribuirsi ai fratelli Zuccari di Sant’Angelo in Vado (AN). Da un solo altare, nella seconda metà del XVII, si passò a ben dieci, a dimostrazione dello splendore che la chiesa raggiunse. In cornu epistulae dell’altare maggiore, cioè a destra, si trova l’altare del Cordone, che ospitava un quadro del Serafico Priore con l’effigie della Vergine, l’altare di Sant’Antonio, adornato di una statua lignea del santo, l’altare dei Tre di Maggio, in cui vi era un quadro con alcuni santi e tre personaggi reali, l’altare delle Sante Reliquie, prima dedicato a San Silvestro, l’altare di San Liberato, che ospitava una quadro del santo ed altri, l’altare della S.S. Concezione, con un quadro della Vergine, l’altare di Sant’Antonio Abate, che conservava un quadro del santo e un crocifisso ligneo, l’altare della S.S. Annunziata e l’altare di San Michele Arcangelo.

Ulteriori informazioni
Date of building: XV Secolo
-Chiesa di Santa Maria di Piazza
L'interno della chiesa presenta una copertura a capriate ed affreschi del XV secolo; la facciata ha un portale in cotto con motivi floreali. Nella nicchia posta sulla parete esterna un affresco votivo del XV sec. "La Madonna del Soccorso".
La Chiesa, situata in piazza Matteotti, costruita dai Benedettini nel XII secolo, passò agli inizi del XIII sotto il controllo dell’Abbazia di Fiastra. Nel 1452 ai monaci si sostituì il clero secolare e nel 1597 il controllo passò dalla diocesi di Camerino all’arcidiocesi di Fermo. Nel 1581, secondo la descrizione del vescovo camerte Girolamo Vitali de Buoi, la chiesa aveva due entrate e quattro finestre. Sull’altare maggiore, dedicato alla Madonna, si trovava un tabernacolo ligneo dipinto, davanti al quale ardeva perennemente una lampada a spese delle confraternite del Corpo di Cristo e del Sacramento. Ai lati c’erano un reliquiario in argento dorato con numerose reliquie di santi, quattro candelabri e due angeli lignei. Sopra l’altare maggiore si trovava un quadro della Vergine, contornato da immagini di santi e da una cornice dorata, che si potrebbe identificare con la tavola di Vittore Crivelli, trafugata durante l’occupazione francese. A destra, si susseguivano tre altari, l’altare di San Venanzo, l’altare di Santa Maria della Misericordia, sopra il quale c’era un affresco raffigurante la Crocifissione, e l’altare del SS. Crocifisso, a sinistra, c’erano l’altare di San Bartolomeo, l’altare di Santa Maria di Loreto e l’altare di San Giovanni Battista. Lo stemma del vescovo de Buoi fu collocato sulla fonte battesimale, che ancora oggi, dal 1594, si può ammirare nel vano a destra dell’ingresso principale. Presso l’altare del SS. Crocifisso è conservata una croce astile monastica, che veniva esposta all’adorazione dei fedeli in caso di tempesta o grandine. Al suo interno, furono ritrovate nel 1603, le reliquie delle SS. Spine, da cui molti Loresi sostennero di aver ricevuto delle grazie. Le reliquie furono esposte nella cappella del SS. Crocifisso, che, insieme a quella di Santa Monica, fu abbellita con decorazioni e stucchi dalla bottega del Malipiedi di San Ginesio, tra il 1603 e il 1607. Nella seconda metà del XVII secolo erano ancora visibili degli affreschi posti sulla facciata della chiesa volta verso la piazza. Oltre all’immagine di un Sant’Antonio, che fu ricoperta nel 1642, è tutt’oggi visibile l’affresco della Madonna del Soccorso.

Ulteriori informazioni"
Date of building: XII Secolo
-Palazzo Municipale
Fu costruito dall’architetto Pietro Agustoni sul finire del 1600. E’ ornato di portici ed ha un vasto salone ben decorato, dove si ammirano ritratti e specchi antichi su ricche cornici e un grandioso lampadario in cristallo.
Il Palazzo Municipale contiene anche l’archivio storico del comune di Loro Piceno, che si trova attualmente al secondo piano. Tutti i documenti, riordinati e schedati, sono registrati nell’ “Inventario dell’archivio storico comunale di Loro Piceno” .

Ulteriori informazioni"
Date of building: 1600 circa
-Portale del Monte Frumentario
Nel 1728 con l’elargizione di 50 rubbie di grano del lorese Felice Martini fu eretto il Monte Frumentario che funzionò regolarmente per duecento anni e finì trasformato in Banca comunale di prestiti agrari di Macerata.
Del Monte si ha già memoria nel XV secolo, quando i Monti Frumentari sorsero per lo zelo del Santo Minorita Giacomo della Marca, per sottrarre il popolo cristiano al potere degli usurai ebrei, che a Loro dovevano mercanteggiare dalla vicina Macerata, o che forse avevano anche una comunità stabilitasi proprio a Loro. Bibliografia G. Cicconi, Notizie storiche di Loro Piceno, Giuffrè, Milano, 1958.
Date of building: XV secolo
-Torre della Vittoria
Un imponente costruzione di 21 m. da cui si può ammirare uno splendido panorama che si estende dal Monte Conero alla Maiella, dai Sibillini all'Adriatico.
La Torre della Vittoria chiamata anticamente Torre dell’Orologio, sorge ad est del castello, dietro il palazzo comunale. E’ alta 21 m, ha un tetto a padiglione ed è divisa internamente in cinque piani fuori terra, i primi due sono di proprietà delle monache. Dal terrazzino del belvedere si possono scorgere a occhio nudo 56 paesi, dai Sibillini all’Adriatico.

Ulteriori informazioni"

Macerata

-Area archeologica di Helvia Ricina
Sulla sponda sinistra del fiume Potenza si trovano i resti dell' antica Ricina dalle cui rovine sarebbe sorta nell' alto medio evo l' odierna Macerata.
Fondata nel III secolo a.c. fu colonia romana ed importante nodo viario. Ancora nel I secolo Plinio il Vecchio ne parlava come uno dei più importanti centri del Piceno. Nel 205 d.c. al toponimo originario venne aggiunto l' appellativo di Helvia in onore dell' imperatore Elvio Pertinace che ne aveva promosso un rilancio urbanistico. Alla fine dell' impero la citta fu costretta a soccombere sotto gli attacchi delle popolazioni barbariche. Dei passati fasti rimangono i resti del teatro, tra i più grandi delle Marche, che si iniziò a scavare nel 1825 ma fu portato interamente alla luce solo nel 1938.
Orario di apertura Dal 20 aprile al 31 ottobre, sabato e domenica ore 17,00 – 20,00 Ingresso gratuito su prenotazione Telefono: Pro Loco Villa Potenza 0733 492937, 339 7498480
Address Villa Potenza
Details
e-mail
Property: Comunale
-Duomo
L' edificio attuale, con la facciata incompiuta, è opera di Cosimo Morelli che lo realizzò, tra il 1771 e il 1790, sul sito della precedente chiesa.
Fin dal 1022 qui, infatti sorgeva una pieve dedicata a San Giuliano, patrono della città, poi elevata a rango di cattedrale nel 1320 e quasi interamente ricostruita nel XV secolo. Al 1478 risale il campanile, che venne eretto a spese del comune. L' interno è a croce latina a tre navate scandite da colonne binate con capitelli ionici. Da vedere, nell' abside, la grande tela di Cristoforo Unterberger, raffigurante San Giuliano che prega la Madonna per la città di Macerata raffigurata sullo sfondo, e, soprattutto, lo splendido trittico di Allegretto Nuzi "la Madonna col Bambino e i Santi".
Address Piazza Strambi,Piazza della liberta
Date of building: Tra il 1771 e il 1790
-Le Mura
La definitiva cinta muraria di Macerata costituisce un'esemplificazione del mutamento della concezione militare dal XV al XVI secolo. Non più, come agli inizi del Quattrocento, una cortina che impedisca la penetrazione e l'offesa con l'intuitivo adattamento all'orografia del terreno, ma una cinta bastionata che sia in grado anche di offendere con efficacia gli assalitori.
Della realizzazione fu incaricato l'imolese Cristoforo Resse, che nel 1521 realizzò i baluardi pentagonali di Porta Romana e di Porta Mercato con i nuovi tratti di "mura da Sole" secondo i criteri della difesa bastionata.
Address Viale Giacomo Leopardi
-Loggia dei Mercanti
Loggia rinascimentale voluta dal cardinale Legato Alessandro Farnese (futuro Papa Paolo III) come si evince dagli stemmi coi gigli farnesiani scolpiti sui capitelli e sui peducci della volta e dall’iscrizione sul fregio della trabeazione (PUBLICAE PICOENI COMMODITATI MDV IULIO II PONT. MAX. CARD. FARNESUS LEGATUS).
Eretto tra il 1503 e il 1505 da Cassiano da Fabriano e Matteo Sabatini con materiali di recupero provenienti dal palazzo rimasto incompiuto del Cardinal Venieri di Recanati, il loggiato, destinato ad ospitare la stadera del Comune per pesare il grano, nel XVI secolo e luogo di contrattazione e di esposizione delle merci usato anche come ingresso alla cancelleria, al Tribunale della Curia generale e alle sale di riunione dei mercanti. Murata nel piano superiore nel XVII secolo, restaurata da Gaetano Koch nel 1905 in occasione dell’Esposizione regionale e modificata parzialmente per creare un’entrata al Caffè Nazionale, la costruzione è articolata su due piani con arcate a tutto sesto su colonne centrali integrate da un pilastro angolare. Con le sue eleganti e armoniose proporzioni costituisce una scenografica quinta della piazza.
Address Piazza della Libertà
-Palazzo Buonaccorsi
Proprietà del Comune dal 1967 e sede dell'Accademia di Belle Arti fino al 1997, il palazzo ospita oggi le collezioni comunali: il Museo della Carrozza e le raccolte di arte antica e moderna, queste ultime di prossima apertura al pubblico. Nonostante le vicende costruttive del Palazzo abbraccino un lungo lasso di tempo, dalla fine del XVII alla prima metà del XIX secolo, esso presenta uno stile architettonico sostanzialmente neoclassico, ad imitazione delle più imponenti residenze settecentesche romane.
Nel cuore della città sorge il settecentesco Palazzo voluto dalla famiglia Buonaccorsi in seguito al conseguimento del patriziato cittadino nel 1652 e all'investitura a conte di Simone Buonaccorsi nel 1701 da parte di papa Clemente XI. La costruzione del palazzo è il risultato di complesse vicende edilizie che vedono, a partire dal 1697, l'aggregazione di edifici preesistenti su progetto dell'architetto romano Giovan Battista Contini allievo del Bernini. Nel 1718 l'intervento di Ludovico Gregorini completa il palazzo con la realizzazione del cortile interno e del giardino all'italiana di cui rimangono la balaustra con i vasi ornamentali di Antonio Perucci e le tre statue raffiguranti Ercole vincitore in pietra d'Istria, opera dello scultore padovano Giovanni Bonazza. All'interno, l'ampio atrio pavimentato in legno di quercia, la loggia e i saloni decorati, i soffitti a cassettoni e le pitture di soggetto mitologico dell'appartamento nobile offrono alla vista dei visitatori preziosi momenti barocchi e rococò, il cui fasto raggiunge l'apice nel Salone dell'Eneide. Decorato nella volta a botte con le Nozze di Bacco ed Arianna da Michelangelo Ricciolini e ornato alle pareti con un ciclo di dipinti su tela commissionati ai maggiori artisti del tempo, celebra le gesta dell'eroe virgiliano in funzione encomiastica. Anche l’intervento di completamento che risale al 1853, ovvero l’annessione del loggiato in cortina laterizia e l’aggiunta dei quattro cantonali angolari a rinforzo della struttura, risulta intonato all’originale progetto continiano.
Ore 10,00 – 18,00. Chiuso il lunedì
Address Via Don Minzoni, 24
Details
e-mail
Date of building: 1922 - 1922
-San Filippo Neri
Percorrendo il corso principale, si raggiunge la Chiesa di S. Filippo Neri, di forma ellittica, che è considerata il capolavoro dell'architetto romano Giovanni Battista Contini.
Date of building: 1800 - 1810, sec. XIX
-Santuario di Santa Maria della Misericordia
Di ridotte dimensioni è caratterizzato da una lunga vicenda storica, infatti eretto un primo tempietto in una sola notte quale voto contro la peste, l' attuale edificio venne costruito in varie fasi.
Le ali semicircolari della facciata vennero aggiunte nel 1893 da Giuseppe Rossi, mentre il portale centrale in bronzo è di Carlo Cantalamessa (1952). Lo scenario interno si deve al Vanvitelli con pareti rivestite da sontuosi marmi policromici che ben si armonizzano con il ricco pavimento. Sulle pareti della navatella vi sono quattro grandi tele: Annunciazione,Visitazione, Presentazione di Maria bambina al Tempio e purificazione dell' artista Francesco Mancini. Sull' altare campeggia la veneratissima immagine della madonna della Misericordia, attribuita a Giovanni Spagna, in atto di proteggere il popolo inginocchiato ai suoi piedi. Lungo l' ambulacro Storie di Maria, sette grandi affreschi di Biagio Biagetti la cui opera non si è però limitata solo a ciò. Nella sacrestia si custodisce il bozzetto del Conca per la Trinità e una Madonna di scuola bizantina dipinta su tela.
Address Piazza XXV Aprile
Date of building: L' originaria cappella fu eretta nel 1447

Matelica

-Cattedrale
Vi si arriva percorrendo corso Vittorio Emanuele, principale arteria della città. Sicuramente l'attenzione è attirata dal campanile insolitamente eretto al centro della facciata. L'edificio è stato restaurato più volte: nel 1600, nel 1784, nel 1866 e nel 1924; fortunatamente furono conservati parte degli arredi lignei e le due cappelle barocche di San Biagio e della Madonna di Loreto, ricche di dipinti e di ornamenti in stucco.
Address Corso Vittorio Emanuele
Details
Date of building: 1636
-Chiesa del Suffragio
Situata in piazza Enrico Mattei, fu costruita tra il 1704 e il 1715, sull'area occupata da una piccola cappella dedicata a San Sebastiano e su quella dove sorgeva un'osteria, di non buona fama; il nome del progettista non ci è pervenuto. Custodisce nella cappella a destra un dipinto con Crocifisso e anime purganti attribuito a Salvatore Rosa e altre due belle tele di scuola romana.
Address Piazza Mattei
Details
Date of building: XVIII Secolo
-Chiesa di San Filippo
Venne edificata tra il 1655 e il 1660 dai padri dell'oratorio, in forme barocche: la struttura, tipica delle chiese filippine, è ad aula centrale affiancata da cappelle laterali.
Da non perdere la visita alla bellissima sagrestia di forma ellittica, all'oratorio ed al monastero con interessante facciata secondaria. Non si conosce il nome del progettista del grande complesso, sicuramente si tratta di un architetto romano seguace del Borromini.
Date of building: XVII Secolo
-Chiesa di San Francesco
Fu costruita nel 1268 in forme gotiche; delle strutture e dei decori del primitivo edificio si sono conservati soltanto alcuni affreschi dell'abside ed alcuni tratti della facciata.
L'aspetto attuale della grande navata è dovuto al restauro seicentesco. Le cappelle laterali meritano un'attenta visita: nella cappella Ottoni era conservata la Madonna della rondine di Carlo Crivelli, oggi a Londra. All'interno Madonna col Bambino in trono e Ss. Francesco e Caterina d'Alessandria, preziosa composizione di Marco Palmezzano.
Date of building: XIII Secolo
-Chiesa di Sant’Agostino
Risalente al XIII secolo, è una delle più antiche chiese di Matelica . Il bellissimo portale gotico è l'unico elemento sopravvissuto alle successive demolizioni, al di sopra del quale si apre una loggetta cinquecentesca e dietro tutto questo si dispiega l'organismo, raffinato ed elegante, settecentesco. All'interno si apprezzano stucchi meravigliosi. La pianta, a croce latina, è scandita da tre navate sovrastate dalla grande cupola.
Address Piazza Valerio
Date of building: XVIII Secolo
-La romita di Monte Gemmo
Alle falde del Monte Gemmo, a 757 m. s.l.m. ed al di sopra della Villa di Casa Foscoli in comune di Matelica, esistono i resti di un antico eremo ridotto a rudere al quale si può giungere anche dalla Villa di Cantalupo. Si possono tuttora riconoscere Ia chiesa, il campanile, ed alcuni locali dell'eremo completamente avvolti dalla vegetazione.
La fondazione dell'eremo si può far risalire al 19 Aprile 1274 quando frate Rinaldo Topino, converso al servizio del monastero di Santa Maria Maddalena di Matelica, chiese ed ottenne dal capitolo dello stesso, presieduto dalla Badessa Mattia, il permesso di ritirarsi sul Monte Gemmo, in loco qui dicitur trocke, come eremita. L'eremo è citato in vane epoche e nel 1925 risultava ancora funzionante perché era stato restaurato da poco, vi erano un portico davanti la chiesa, l'edificio sacro medesimo ed alcuni locali di abitazione. Sopra Ia porta della chiesa c'era un'epigrafe del 1724 ed un altorilievo romano proveniente dall'antica chiesa di Santa Maria in Pantano di Matelica. Nell'abside era presente una bella tela del XVI secolo attribuita a Bernardino di Mariotto, rappresentante la Madonna con Bambino, San Nicolò, San Venanzo e popolo orante.
-Monastero e Chiesa di Santa Maria Maddalena o della Beata Mattia
Sicuramente il più antico del circondario, fu edificato nel 1225 e deve la sua fama alla vita monastica, dove si osserva ancora la regola di Santa Chiara, che in esso condusse la Beata Mattia. Posto all'estremità meridionale della città, ebbe funzioni difensive, come dimostra l'alto campanile (seconda metà '400), che servì sicuramente da luogo di avvistamento. L'edificio, centrato intorno a tre cortili, presenta nel terzo cortile un portico rustico scandito da pilastri quadrati che sorreggono un tetto a capanna spiovente.
-Palazzo degli Ottoni
Commissionato nel 1472 da Alessandro e Ranuccio Ottoni, il palazzo non fu mai completamente realizzato. Del progetto originario, che prevedeva un impianto a C con corte interna e giardino pensile, sono giunti fino a noi la sola ala principale, con la bella facciata posteriore, l'elegantissima loggetta aerea e un fabbricato secondario. Il palazzo fronteggia fisicamente e anche simbolicamente il palazzo del Governo a testimoniare il predominio della famiglia Ottoni sulla città. Nel cortile sono emersi resti di due ambienti di età romana (II sec d.c.).
Address Piazza Mattei
Details
Date of building: XV Secolo
-Palazzo Piersanti
Oggi sede di un museo, presenta un impianto planimetrico molto complesso che si sviluppa intorno a due cortili orientati uno ad ovest e l'altro a nord. Il nucleo originario è quattrocentesco come la loggetta del cortile e lo scalone d'ingresso. Il palazzo, nella forma attuale, è il risultato dell'accostamento di tre edifici realizzati in epoche diverse, fusi in un unico organismo.
Address Via Umberto I, 11
Details
Date of building: Nel sec. XV
-Palazzo Pretorio
Prospiciente piazza Enrico Mattei, cuore della città. Sullo stesso lato la Torre civica e l'elegante palazzo degli Ottoni.
Address Piazza Mattei
Details
Date of building: 1270

Mogliano

-Chiesa Arcipretale di S. Maria di Mogliano
La chiesa conserva al suo interno la Pala di Lorenzo Lotto -La Madonna in gloria e i santi Giovanni Battista, Antonio da Padova, Maria Maddalena e Giuseppe. (Olio su tela, 330 x 215 cm). L’opera fu commissionata nel 1547 dal sindaco di Mogliano, Jacomo Boninfante, al prezzo di 130 scudi d’oro da versare in più rate, che includevano anche il costo della cornice lignea dorata, realizzata da Bartolomeo intaiador de San Cassano. La pala fu ultimata nel 1548 e consegnata alla comunità dall’allievo Durante Nobili. La cornice originale è custodina nell'attigua sagrestia.
Il dipinto raffigura in primo piano i santi Giovanni Battista, Antonio da Padova, Maria Maddalena e Giuseppe delimitati dall’esedra oltre la quale si scorgono elementi architettonici: una colonna, una torre, il timpano di una chiesa, una cupola e un campanile, tutti elementi che appartenevano al repertorio dell’artista che infatti li utilizzò anche per altri soggetti. Al di sopra la Madonna in gloria sulle nuvole circondata da angeli che, come Lei, rivolgono lo sguardo verso l’alto. La cornice fu successivamente separata dalla pala, ritrovata solo nel 1982 nella Chiesa del SS Crocifisso d’Ete fu restaurata per far riemergere l’originale decorazione pittorica (angeli, un grande calice, boccette per i liquidi utilizzati durante i sacramenti) da sotto la ridipintura settecentesca. L’opera fu commissionata nel 1547 dal sindaco di Mogliano, Jacomo Boninfante, al prezzo di 130 scudi d’oro da versare in più rate, che includevano anche il costo della cornice lignea dorata, realizzata da Bartolomeo intaiador de San Cassano. La pala fu ultimata nel 1548 e consegnata alla comunità dall’allievo Durante Nobili. La Pala può essere ammirata tutti i giorni, secondo l'orario affisso all'esterno della chiesa e consultando un pannello esplicativo bilingue posto alla fine della navata centrale.
-Chiesa del SS. Crocifisso d’Ete
Sorge in territorio moglianese, al crocicchio per Montegiorgio e Francavilla d’Ete, lambito dal torrente Ete Morto. La prima pietra, l’11 novembre 1579, fu posta per meno del vescovo di Fermo mons. Pinelli, che ne scelse la collocazione sulla fatiscente miracolosa edicola. Il governo e l’amministrazione furono attribuiti, con bolla di papa Gregorio XIII, alla confraternita del SS. Sacramento, che tuttora li conserva.
Oggi è nota come Chiesa di Santa Croce, perché nella prima metà del ‘700, tale Marcelli vi custodì, portandola da Roma, una preziosa reliquia della Croce di Cristo.Il rinvenimento del sacro legno sarebbe avvenuto ad opera dell’imperatrice Sant’Elena il 3 maggio del 326, nel corso di un viaggio in Terra Santa. La planimetria della Chiesa, a navata unica con volta a botte di mattoni a vista, che scarica il peso sulle pareti attraverso dieci peduncoli, assume la forma di croce latina per l’apertura di due cappelle laterali all’altezza del transetto. In mezzo al transetto si innalza un tempietto dorico rinascimentale in pietra moscata a base quadrata e piano superiore ottagonale, chiuso da un capolino con tamburo alleggerito da finestre.Il tempietto richiama quello della Santa Casa di Loreto. A definire la zona inferiore esterna, una trabeazione classica coronata da architravi, entro cui si sviluppa un arco a tutto sesto, impiantato su colonne doriche. Negli archi, tranne quello di facciata, una serie di affreschi datata 1594 e firmata da Pier Francesco Renolfi da Novara.
Address località Santa Croce
-Chiesa di San Gregorio Magno
Un tempo ‘extra moenia’ perché costruita al di là del fossato del castello. Ha subito vari cambiamenti, l’ultimo dei quali nel ‘700 quando fu ‘girata’ (il presbiterio fu spostato dalla parte dell’entrata) e fu aggiunta una monumentale gradinata per raccordare l’ingresso al nuovo piano stradale. Al suo interno si possono ammirare una pala d’altare di Durante Nobili da Caldarola, allievo del Lotto e un interessante quadro di G.B.Fagiani raffigurante Mogliano così come appariva nel ‘700. Dopo un recente restauro la chiesa è stata riaperta al pubblico.
-Chiesa di San Nicolò di Bari
Attualmente trasformata in auditorium.Un tempo sorgeva nel pressi del mastio: ricostruita ben due volte, venne ubicata un po’ più in basso rispetto all’antica posizione. E’ un piccolo gioiello di arte barocca. Sopra l’altare, lavoro in scagliola di Interlenghi di Montottone, una tela di A. Ricci, l’Ultima cena; ai lati due quadri, Madonna col Bambino e i Santi Nicola di Bari ed Agata (a sinistra) e Beato Pietro da Mogliano e S.Antonio da Padova (a destra).
Address Via Giuseppe Verdi
Details
Date of building: 1748
-Chiesa di Santa Colomba
La chiesa ha un suggestivo soffitto a cassettoni dipinto dal moglianese G.B. Fagiani tra il 1750-1752. Dietro l’altare, una pregevole tavola di Durante Nobili, allievo del Lotto: Madonna in trono col Bambino tra i Santi Giuseppe, Colomba, Giovanni Battista, Francesco d’Assisi e Benedetto (1554). Di notevole bellezza il chiostro, con le sue lunette affrescate e gli arredi lignei.
Address Via S. Colomba
Details
Date of building: secolo XVII
-Chiesa di Santa Maria in Piazza
L’oratorio della Madonna della Misericordia (1420) venne edificato dai moglianesi per scongiurare una terribile pestilenza; la facciata è adornata da un bel portale in cotto, con lunetta dipinta e l’interno (oggi adibito a sagrestia) ha un bell’interno con volta a crociera.
Nel 1542 la comunità le innalzò a fianco una chiesa più ampia di cui ‘oratorio divenne una cappella laterale; questo nuovo edificio, ad una sola navata con soffitto a cassettoni lignei era consacrato alla Vergine e accoglieva la pala di Lorenzo Lotto. Bisogna arrivare al 1774 per vedere edificata la chiesa nella forma attuale: imponente costruzione di ordine composito a tre navate e abbellita da stucchi. Fra gli altari di particolare interesse c’è quello eretto dal Comune e dedicato al Beato Pietro da Mogliano.
Orari di apertura:
tutte le mattine, compresa la domenica, dalle 9.00 alle 12.30;
tutti i pomeriggi, tranne il martedì, dalle 17.00 alle 19.00;
Orari per le visite guidate:

gennaio-giugno: lunedì e giovedì pomeriggio, dalle 15.00 alle 17.00; sabato mattina dalle 9.00 alle 13.00;
domenica a richiesta;
luglio: lunedì-martedì - mercoledì al mattino dalle 10.00 alle 13.00; pomeriggio dalle 15.00 alle 17.00;
prima domenica di luglio: dalle 16.00 alle 22.00; domeniche a richiesta;
agosto: visita a richiesta;
settembre - dicembre: lunedì e giovedì pomeriggio dalle 15.00 alle 17.00; sabato dalle 9.00 alle 13.00; domeniche a richiesta;
Per prenotare la visita guidata chiamare sempre il numero 338 6564408, almeno una settimana prima;
Orari delle funzioni religiose:

orario estivo : domenica 8.00 - 10,30 - 18.30; giorni feriali 18.30 tranne il martedì; martedì mattino - 9.30;
orario invernale : domenica 8.00 - 10,30 - 17.30; giorni feriali 18.30 tranne il martedì; martedì mattino - 9.30;
-Complesso monumentale di Santa Maria da Piedi
Incastonata nella cinta delle mura, a lato della porta di Levante, prese il nome di Santa Maria ‘a pede castri’. L’adiacente arco gotico conserva all’interno i cardini in ferro delle porte che al tramonto, dopo i rintocchi dell’Ave Maria, venivano serrate. Sull’antico muro, sopra l’arco, sono ancora presenti cinque incassi di altrettanti stemmi che furono rimossi dai soldati di Napoleone dopo la battaglia di Tolentino (1797).
Date of building: secolo XVII
-Monastero di San Giuseppe
Costruito nel 1630 dalle Benedettine di Cassino che vi rimasero per circa due secoli, nel 1855 fu concesso alle suore di San Giuseppe di Torino, che tuttora lo occupano. Meritevoli di nota gli ambienti di clausura, essendo le porte delle stanze tutte dipinte con figure di santi nella parte superiore e paesaggi in quella inferiore. Al monastero è annessa la Chiesa dei SS. Grisogono e Benedetto, prezioso ambiente in stile rococò, intatto nella sua originale struttura ed abbellito da porte e finestre dipinte, da un soffitto a cassettoni e da un organo.
Address Via Regina Margherita, 8
Details
-Palazzo Forti
Quasi alla fine di via Roma, strada che attraversa tutto il centro storico e che si immette nella piazza principale, Piazza Garibaldi, sorge il palazzo più importante di Mogliano, oggi sede del municipio: Palazzo Forti. Progettato alla fine del ‘500 come struttura economicamente autonoma, oltre che come abitazione della ricca e nobile famiglia Forti, consta di tre piani sopra il livello stradale ed altri due sotto, raggiungibili anche da via Carelli.
Tutto l’edificio è stato restaurato e vi si possono ammirare sia i sotterranei con archi e volte originali, sia le stanze del piano nobile con bei soffitti dipinti a cassettoni, sia l’ultimo piano ora adibito ad archivio storico e biblioteca. E’ interessante una piccola stanza a metà scala, ricavata all’interno di un torrione e affrescata in stile pompeiano, una volta studio dei signori Forti.
Orari di apertura:
tutte le mattine, compresa la domenica, dalle 9.00 alle 12.30;
tutti i pomeriggi, tranne il martedì, dalle 17.00 alle 19.00;
Orari per le visite guidate:

gennaio-giugno: lunedì e giovedì pomeriggio, dalle 15.00 alle 17.00; sabato mattina dalle 9.00 alle 13.00;
domenica a richiesta;
luglio: lunedì-martedì - mercoledì al mattino dalle 10.00 alle 13.00; pomeriggio dalle 15.00 alle 17.00;
prima domenica di luglio: dalle 16.00 alle 22.00; domeniche a richiesta;
agosto: visita a richiesta;
Address Via Roma, 54
Details
Date of building: secolo XVI - XVII
-Rocca Medioevale
La rocca medioevale, di cui rimangono solo i bastioni, è il luogo migliore da cui ammirare il panorama; all’interno sorge la Chiesa di Santa Maria del Suffragio, attualmente sconsacrata, costruita nel 1698 ed ampliata alla fine del ‘700. Dalla rocca si possono ammirare anche l’ex ospedale S.Michele costruito nel 1782 e l’Autopalace, complesso in stile liberty, ex autorimessa di pullman, ora restaurato e riconvertito a spazio espositivo.
-Santuario del SS. Crocifisso
Qui si venera un’immagine raffigurante ‘Cristo Crocifisso che si erge dal sepolcro’, affresco della fine del ‘400. In seguito ad un miracoloso evento accaduto nell’anno 1809, la chiesa, ricostruita in eleganti forme neoclassiche su disegno di G. Lucatelli, fu dichiarata Santuario dall’allora viceré d’Italia, Eugenio Beauharnais.
Details

Monte Cavallo

-Chiesa di Cerreto
Contiene una Crocifissione e Madonna di De Magistris.
Address Loc.tà Cerreto
-Chiesa di S. Michele Arcangelo
Chiesa di collazione episcopale con un canonicato. Nel '300 vi erano due cappelle con relative prebende. Nel 1603 è detta chiesa parrocchiale di S. Angelo de villa Plani nucis e, in un elenco di quelle chiese che pagano la decima nel sec. XVIII (zona della pieve taurinate), vi è anche la chiesa di S. Michele Arcangelo rettoria di Pian della Noce.
Address Loc.tà Pian della Noce
-Chiesa Parrocchiale S. Niccolò
Vi si può ammirare una croce in rame dorato sec XIV. Affresco S. Sebastiano sec XV. Altri affreschi affioranti sulle pareti dell'abside sec XV - XVI.
Address Loc.tà Valcadara
-Chiesa Parrocchiale San Cristoforo
Vi si può ammirare una croce in lamine d'argento, sec. XV.
Address Loc.tà Selvapiana
-Chiesa San Benedetto
Fu un tempo abbazia benedettina. Bel portale romanico in calcare rosato e campanile; croce stazionale in rame sec XIV. Affresco nell'abside e antico organo.
Address Loc.tà San Benedetto
Details
-Chiesa Santa Maria Assunta
Vi si può ammirare una croce in rame dorato, sec. XVI e alcuni dipinti. Pochi ruderi della vecchia chiesa.
Address Loc.tà Pantaneto
Property: Comunale

Monte San Giusto

-Casina Bonafede
A circa due km. dal centro abitato, in zona Campiglia, si trova la casina Bonafede, detta " coriolana " , fatta costruire dal Bonafede ed utilizzata come casa di campagna. La casina è stata completamente restaurata
Date of building: XV Secolo
-Chiesa del Monastero
Costruita nel 1600, la chiesa del Monastero Benedettine Maria Santissima Assunta in cielo. Luogo di accoglienza per Esercizi Spirituali, ritiri, oasi di pace e di riflessione per chi ama Dio. Il monastero dispone anche di una grande sala idonea a conferenze e riunioni.
Address Via Recchi Cervinari
Details
Date of building: 1600
-Chiesa della Purità
Detta anche "chiesa dei Frati", contiene l'affresco raffigurante la Madonna con la scritta "Mater Purissima".
Address Viale Giustozzi
Details
Date of building: tra la fine del XVII e l`inizio del XVIII
-Chiesa delle Grazie
Address Via Monti Sala
Details
Date of building: 947
-Chiesa di San Filippo Neri
Chiesa di San Filippo Neri (Vecchia).
Address Via Villa S. Filippo
Details
Date of building: 1374
-Chiesa di Santa Maria della Pietà in Telusiano
Chiesa di Santa Maria della Pietà in Telusiano, fatta restaurare e consacrare nel 1529 dal Bonafede; di stile romanico come testimoniano alcune caratteristiche visibili nelle mura perimetrali; al suo interno è conservata la meravigliosa Pala d'altare che è "La Crocifissione" del Lotto, terminata nel 1531 e commissionata dal Bonafede è l'opera più preziosa per la popolazione di Monte San Giusto.
Raramente, forse mai, la Crocifissione di Nostro Signore è stata raffigurata in uno spirito così vicino a quello di una tragedia greca. Il tragico episodio venne sceneggiato dal Lotto a Venezia su commissione di Nicola Bonafede, vescovo di Chiusi, e terminato nel 1531 a M.S. Giusto, costato 100 fiorini d'oro ed una certa quantità di olio di olive ascolane. Nato a Venezia nel 1480, il Lotto non ebbe maestri. Fu uomo leale, mite, di bontà vera, di fede certa, di grandissimo talento. Dalla fanciullezza fino alla morte, fece la spola fra due regioni: il Veneto e le Marche; e pellegrinando contemplò, ammirò, confrontò pitture di varia natura e statura: ne gioì e ne sofferse abbandonandosi ad ammirazioni spesso trasparenti nell'opera sua. Fu pittore solitario; senza famiglia, senza amici potenti, senza casa; sempre in viaggio tra clientele povere. Morì a Loreto nel 1556. Il tema della Crocifissione, obbligato dal committente, era quello di una Pietà, perché a Santa Maria della Pietà era intitolata la Chiesa parrocchiale. Ma il Lotto, invece di restringerlo al tradizionale gruppo della Vergine che sorregge il Cristo morto, preferì sviluppare il tema con molte figure in movimento, raccordando in un nesso logico il Figlio morto, appeso ancora sulla Croce, e la madre svenuta per l'angoscia, ai piedi di essa, e animando la composizione con una popolatissima e appassionata visione del Calvario. Sul piano arretrato si innalzano le tre croci e le piccole figure ai loro piedi si stagliano contro un cielo verde pallido. In alto, il cielo si vela di nubi, e su di esse spiccano i bianchi drappi fluttuanti dei crocefissi. Due robusti lancieri vegliano ai piedi della Croce mediana e di là da essi si intravedono uomini che si affrettano giù per la collina. Ai lati la scena è chiusa da soldati a cavallo: a destra, uno addita il cattivo ladrone, l'altro ne cinge coi braccio la croce, il terzo innalza uno stendardo giallo; a sinistra Nicodemo trasale, attorniato da figure gesticolanti, abbandonando l'asta sul collo del cavallo bianco. Nessun affollamento. Non si potrebbe pretendere maggiore semplicità e grandiosità di azione. La colorazione sembra un enorme smalto policromo. I rossi, i gialli, gli azzurri, i neri spiccano come zone diversamente luminose; e tuttavia si fondono. San Giovanni, la più grande figura nel mezzo del primo piano è fatta di oscurità: e lo lambe e vi si attorce un rosso vermiglio come una lingua di fuoco che si propaga, si sparpaglia in lingue rosate sulle figure in alto e in basso. Gesti di braccia e linee di lance avviano lo sguardo su per il cupo verdastro cielo, lungo la Croce velatad'ombra, fino a Cristo che segna con le braccia luminose una croce. Due bianchi, a destra in basso sulla Maddalena, a sinistra in alto sul cavallo, inquadrano e reggono tutta la scena. Solo nel 1831 vennero riscoperte firma e data: L. LOTTI 1531. Questa pala della Crocifissione è stata restaurata nel 1953 dal Prof. Pelliccioli e trasportata a Venezia dove fu esposta fra i 108 dipinti del Lotto nella mostra per lui allestita, e dove figurò come il capolavoro dell'irrequieto e solitario pittore lagunare. Ancora oggi, da questa pala, emana un fascino ermetico, un senso di inquietudine misteriosa, quasi suggestione, sul nostro popolo il quale l'ha sempre guardata con ammirato affetto.
Orari di apertura:
Mattino: dalle ore 09.15 alle ore 13.00
Pomeriggio: dalle ore 16.15 alle ore 20.00


Details
Date of building: XIV Secolo

-Chiesa di Santa Maria delle Panette
Ha caratteristiche architettoniche di tradizione barocca, è stata costruita su pianta ottagonale.
Details
Date of building: 1740
-Chiesa di Santo Stefano
Comunemente chiamata "La Collegiata" è stata riedificata sull'antica Pieve nel 1772 della quale oggi, purtroppo, non è a noi pervenuta alcuna traccia. Fu aperta al culto nel 1781 e consacrata da Mons. Andrea Minnucci, vescovo di Fermo.
Details
Date of building: 1772
-Chiesa San Filippo Neri (Nuova)
Chiesa San Filippo Neri (Nuova)
Details
-Chiesetta di San Giuseppe
-Palazzo Bonafede (sede del Municipio)
Il Municipio ha sede nel Palazzo Bonafede costruito tra 1513 ed il 1524, fu un palazzo fortezza, voluto da Niccolò Bonafede per il proprio riposo e per la comodità dei posteri", come è detto nella iscrizione latina della facciata.
Un cortile, ad archi di pieno centro su colonne in pietra viva, accentra i diversi corpi del Palazzo e svolge la funzione di disimpegnare gli ambienti ed assicurare la luce alle strutture interne. In una delle stanze, nel pavimento troviamo lo stemma del Palazzo.
Details

Monte San Martino

-Casina Bonafede
Una delle antiche porte di accesso al paese delle mura castellane medievali con manufatti in pregiato cotto marchigiano ottimamente conservati.
-Chiesa di San Martino
La chiesa di San Martino, Vescovo di Tours, patrono del paese fin da quando i Franchi mutarono il nome da quello antico di Arx Rubetana Romanorum in quello attuale, è un edificio romanico del XIII secolo, posto sulla sommità del colle, in posizione dominante rispetto al paese.
L'edificio, ad una navata, ospita al suo interno opere d'arte basilari per la storia dell'arte italiana: vi si trovano infatti tre polittici di Vittore Crivelli (c. 1440 - c. 1502), su uno dei quali è possibile riconoscere la mano del fratello Carlo (1430/35 - c. 1500): le opere risalgono al periodo intorno al 1490. Vi è inoltre un polittico di Girolamo di Giovanni da Camerino (1449? - 1503?), probabilmente del 1473. In questa chiesa è presente tra l'altro un organo molto antico, sul quale ha lavorato Giovanni Fedeli. Pregevole è anche l' altare, di scuola napoletana, alla cui base sono state poste alcune maioliche, tra i primi esemplari di maiolica su piastrelle.
Address Piazza Vittorio Emanuele II
Details
-Chiesa di Sant’Agostino
Questa chiesa, restaurata nel 2000, ha origini quattrocentesche, anche se ci giunge attraverso un riadattamento del 1729.
Details
-Chiesa Santa Maria del Pozzo
Vi si trovano due polittici quattrocenteschi.
-Chiesa Santa Maria delle Grazie
La chiesa si trova sotto un roccione, a qualche centinaio di metri dal paese. Le cappelline interne furono affrescate due volte, all' inizio del ' 500 e nella seconda metà dello stesso secolo. In corso di restauro si è provveduto a staccare e a spostare l' affresco più recente mettendo in luce il più antico.
-Mura Castellane
-Palazzo Urbani
Address Largo Giambattista Urbani,
Details

Montecassiano

-Church of Saint John the Baptist
It is the oldest part of the Convent of the Poor Clares and was the second parish established in Montecassiano after that of Saint Nicolò. Externally, the church has a rectangular shape with a sloping roof and a double portal, whereas the interior has an octagonal plan with a lobed dome. The decorations of the architectural elements, those of the altars, the cornices on the walls and the dome were made in stucco and include a series of little angels, flowers, shells and volutes. The larger sides are occupied by the counter-façade and by three altars. The walls are articulated by smooth, giant pilasters with varied capitals.
-Church of Saint Mark, also called Saint Augustine and Our Lady of Good Counsel
The church, built in the last decade of the 14th century, was often used as a hall for the Council during the periods of war and the plague. The church and convent were soon given over to the Augustine Order which took up residence in the Municipal building at the end of the 15th century. They enlarged the nearby convent through restorations and extensions. In this sacred place, the Venerable Giovanni Nicolucci took his vows and became rector, taking on the name of Father John of San Guglielmo, known as the Apostle of the Maremma. He lived and worked during the period of the Grand Dukes of Tuscany, Ferdinand and Cosmos II. The interior of the church is a splendid example of a three-nave Marche Baroque style.
Address Piazza Unità d'Italia
Date of building: XIV secolo
-Church of the Holy Cross
It was originally built in 1558, the year in which the Municipality decided to construct a new church that would suitably accommodate the relic of the Cross preserved in a small chapel. Rebuilt starting in 1595, the façade is characterized by a portico constructed in 1660, divided into three spans with cross vaults. The interior, a single hall, presents eight chapels partly re-elaborated in the same year and embellished with stucco, paintings, frescoes and fittings. The chapels belonged to the local noble families, among which were: Buscalferri, Tulli, Antolini, Buratti and Ferri, who placed their coat of arms above the entrance arches. The main altar is one of the most important objects in the church. It was built between the end of the 17th and beginning of the 18th century, in inlaid and gilded wood with great ornamental magnificence. It separates the presbytery from the wood choir at the back and at the centre, there is an impressive wooden crucifix. The choir loft of the counter-façade, in Rococo style, contains an organ of 1750 attributed to Giuseppe Attili from Ortezzano.
-Collegiate Church of Saint Mary of the Assumption
Built on a pre-existing pagan temple dedicated to the Goddess Venus, the original parish obtained the title of Collegiate Church in the 1700s, maintaining the title “Saint Mary.” The single-sloped façade is dominated by a rose window in white stone and a lancet window. The bronze portal narrates the story of the religious community of Montecassiano and was made in 1985 by the Sculptor, Sesto Americo Luchetti. The interior is divided into three naves with a cross vaulted ceiling supported by octagonal pillars topped with simple capitals. The architecture is in the Gothic-Cistercian style. The church’s altarpiece is in glazed terracotta and was painted by the monk, Mattia della Robbia. It represents the Madonna with Child in glory between Saints Sebastian, Rocco, Peter Martyr and Anthony the Abbot. The predella illustrates the stories from Jesus’ childhood alternated with festoons of fruit, a characteristic of Robbia’s paintings. In the lunette, there is the figure of God the Father while blessing, together with angel musicians and surrounded with festoons and cherubs. In the nave on the right one can admire the altarpiece by Giacomo da Recanati, from the mid-15th century, with Coronation of the Virgin among Saints Francis of Assisi, John the Evangelist, John the Baptist, Lawrence and two patrons. The lateral chapel, on the right of the main altar, is dedicated to the Madonna of the Good Heart.
-Entrance Gates and Castle Walls
The surrounding walls of the municipality date back to the beginning of the 1400s. Most of the work was carried out by Lombard workers in 1437, the same period in which the three Entrance Gates were built: Cerreto Gate, Saint John’s Gate and Holy Cross Gate. The Cerreto Gate, now called Diaz Gate, is set back from the steep sloping castle walls and it has a central brattice, an abutment tower and reconstructed battlements. Saint John’s Gate, or the “Pesa” Gate, is at the end of the flight of stairs in Via Roma and it was the ancient entrance into the historical town centre. The Holy Cross Gate, or Saint Nicolò’s Gate, now called Cesare Battisti Gate, was the only drawbridge and today you can still see the crenellated ramparts with slits for shooting and rooms for accommodating the lateral bombardiers.
-Ferri Building
This was the last residence of Camillo Ferri, the Marquis of Monte Ferro, who upon his death in 1902, left all of his belongings to the Municipality: the “Umberto I” hospital, the “Vittorio Emanuele II” preschool, the “Carradori-Pianetti” Orphange, the Worker’s Society, the “A. Scaramuccia Reading Centre” and the Municipal Band. The main façade of the building is in late neoclassical style and the main floor, containing frescoed ceilings with mythological motifs, houses the Historical Archives.
-Municipal Hall (ex convent of the Augustines)
The original building of the convent dates back to the period between 1481 and 1496. Since 2009, it has been the Municipal Hall. After 1861, the church and convent of Saint Mark were declared property of the Municipality. The church was given in custody to an Augustine priest and a lay person until 1910, when the Augustines left Montecassiano for good. Noteworthy are the fresco paintings from the 19th century on the ceiling of the southeast hall of the complex, representing the Allegories of the Arts, and in the central medallion, Diana the huntress. The adjacent room, rather large, has a painting on the ceiling of the municipal coat of arms.
Property: Municipal
Date of building: 14th century
-Oratory of Saint Nicolò
The building dates back to the 13th century. In the wall belfry, there is one of the oldest bells in the Marche region (casted in 1382). The first parish of the town resided here. After the construction of the walls in the 1400s, the building lost its primary importance because it was located outside of the surrounding walls in an undefended position. The oratory is characterized by a Romanesque apse in a single hall. Originally, the walls were covered with frescoes of a devotional nature attributed to the Marche School of the 15th and 16th centuries.
Address Via Giuseppe Garibaldi
Details
Date of building: XIII secolo
-Palace of Priors
The original structure of the building dates back to the 12th century, but it was completely redone in the 15th century. In 1467, the façade and the portico were built, as confirmed by a commemorative stone above the second pillar on the left, carried out according to the design by Master Antonio Lombardo in the Lombard architecture of the times. In the next century, the municipal administration purchased some nearby homes to enlarge the structure. The present aspect of the façade dates back to a restoration in 1938 by the architect, Guido Cirilli, an intervention which restored the battlements and which had a great arch built connecting it to the Compagnucci Building. On the façade, there is a niche between the first and second windows with a 19th century fresco portraying the Madonna with Child. On the interior, there is a funerary headstone dating back to the 1st century after Christ in honour of Cassia Orestina, found in 1602 in the Valle Cascia locality. The Great Hall, formerly the Council Meeting room, has a wooden truss ceiling and is illuminated by three double lancet windows of the façade.
Details
Property: Municipal
-Saints Philip and James Church
Built in the 18th century, it used to be part of a vast hospital complex and was supported by the Confraternity of Saints Philip and James. The church has a simple and linear form with a one-hall interior and ribbed vault ceiling. It houses the Confraternity Museum which collects processional objects, still used today in the solemn processions, which belong to the town’s confraternities. It also preserves official documents of the same.
Date of building: 18th century
-The Horse Fountain
Constructed against the castle walls and near the Cesare Battisti Gate, formerly Holy Cross, it was used for watering the horses that were accommodated in the public stable of Borgo Garibaldi. According to tradition, Victor Emmanuel II’s horse drank from this fountain during the pageant that accompanied the passage of the sovereign around the castle walls in 1860.

Montecosaro

-Basilica di Santa Maria Piè di Chienti (Chiesa dell’Annunziata)
Nella piana alluvionale del fiume Chienti, tra la vecchia strada statale e la dinamica superstrada, si erge uno dei più insigni esempi del romanico marchigiano. I primi dati storici risalgono al 936 ma si ipotizza la sua esistenza già in età longobarda.
Un recente intervento ha in parte ricreato l'antico paesaggio vegetale che circondava il complesso ai tempi in cui i monaci farfensi bonificarono la paludosa Val di Chienti. In effetti, l'area dell'antico luogo di culto si presenta attualmente ricca di aiuole, campi a frumento, siepi d'alloro e agrifoglio. Inoltre, osservandola da lontano, la struttura sembra nascondersi tra robusti lecci, cerri, farnie ed aceri campestri.

Ulteriori informazioni"
Orari delle S. Messe:
Prefestivi
Ore 19.00
Festivi
Ore 7.00 - 9.00 - 10.30 - 19.00

-Chiesa di San Rocco
Venne costruita alle porte del borgo nel 1447, per sciogliere un voto dei montecosaresi colpiti da una grave pestilenza. Nel 1576 venne abbellita con i magnifici affreschi del catino e dell'arco absidale, eseguiti da Simone de Magistris da Caldarola.
Agli inizi dell'800 si aggiunsero i due altari laterali, provenienti dalla chiesa di S.Maria del Monte appena demolita. La sagrestia ed il grazioso campanile a vela vennero infine edificati nel 1887. La chiesa è a pianta ottagonale, con soffitto a capriate sostenuto da una possente colonna centrale. La visita dell'intemo può iniziare dalla pala con la Vocazione di S.Matteo, attribuita a Simone de Magistris ma risultante dall'unione di due distinte tavole. Nella lunetta è raffigurata una Madonna con Bambino di pittore ignoto dei primi decenni del '600; sotto si profilano invece le figure di S.Matteo e del Cristo, seguiti da apostoli espressivi e ricchi di gestualità. Vediamo scorrere Pietro, Andrea con la croce del suo martirio in spalla ed il volto imberbe di S.Giovanni, rivolto a quello che con ogni probabilità è S.Giacomo. Segue l'altare laterale destro che ospita una statua lignea di S.Rocco ed una pittura murale in cui sono raffigurati la Madonna, S.Rocco e S.Lucia.

Ulteriori informazioni"
-Chiesa del Santissimo Crocifisso
E' detta anche Crocefisso dei Sassi, possiamo quindi ipotizzare una sua fondazione su delle rovine, forse di età romana. Alcuni antichi carteggi attestano l'esistenza di un luogo di culto in questo sito già intomo al Mille
Sembra inoltre che la piccola chiesa rurale sia stata meta di pellegrinaggi per parecchi secoli, sorge in effetti presso un trivio alle porte del borgo, in quello che anticamente era un frequentato punto di transito tra i centri di Civitanova, Montecosaro e Morrovalle. Costruita inizialmente a croce greca, venne trasformata nelle forme attuali intomo alla metà del '700.

Ulteriori informazioni"
-Chiesa della Madonna di S. Domenico
Ci troviamo appena al di fuori della cinta muraria trecentesca, in prossimità dell'ormai scomparsa Porta di S.Giovanni. Da qui si domina su un esteso tratto della bassa Val di Chienti e dalle contrade sottostanti giungono solo rumori e odori di vita campestre. La minuscola struttura sorge in un sito tranquillo ed assolato, dove verso la metà del '500 venne edificata un'edicola votiva. Solo in seguito, intomo all'anno 1742, il piccolo manufatto venne trasformato nella chiesa attuale.
La data del 1756 incisa sopra l'ingresso, dovrebbe quindi corrispondere ad una semplice risistemazione o ad un primo abbellimento dell'impianto. Tetto e muratura sono stati ristrutturati di recente e tra breve saranno avviati anche i lavori per il restauro dei tré affreschi dell'intemo. Quello centrale è stato realizzato verso la metà del '500 e riproduce una Madonna con Bambino tra S.Domenico e S.Francesco. L'immagine fu veneratissima nei secoli passati, tanto che nonostante svariate visite di scrupolosi ladri di opere d'arte, vi sono ancora apposti diversi ex voto e coroncine. Nei due affreschi laterali figurano invece S.Antonio da Padova e S.Giuseppe, con in mano degli oggetti che simboleggiano il Bambin Gesù, rispettivamente un giglio ed un bastone fiorito.
-Chiesa delle Anime
Si affaccia su Largo Laureati ed è sede della Confraternita del S.mo Sacramento. Nelle forme attuali risale al 1766, data attestata da un'iscrizione posta all'interno della chiesa sopra il portale d'ingresso. Nulla sappiamo sulle vicende anteriori alla sua costruzione.
Di certo non mancano gli elementi per ipotizzare l'esistenza di un'altra struttura, modesta nelle dimensioni ma vecchia di molti secoli. Ciò potrebbe essere confermato dalla dedicazione del tempio alle anime purganti, le Anime Sante del Purgatorio nel pensiero dei credenti. Il loro culto raggiunse vasta diffusione intomo alla metà del XII secolo, ma solo durante il giubileo del 1300 si pervenne ad una sanzione ufficiale, grazie all'opera di papa Bonifacio VIII. La chiesa delle Anime potrebbe quindi essere sorta sul sito di un'edicola medievale, anche se in riguardo non vi sono ancora certezze.

Ulteriori informazioni"
Address Largo Giovanni Laureati
Details
Date of building: 1766
-Chiesa di S. Agostino
La chiesa, in origine dedicata a S.Martino, venne edificata verso la metà del '200, nella parte sommitale del colle su cui sorge il paese. Ospitò personaggi di grande fede come S.Nicola da Tolentino che qui soggiornò per circa un anno. Durante la sua lunga esistenza, ha subito due radicali opere di trasformazione che hanno completamente cancellato l'antica struttura medievale. La prima risale alla seconda metà del '500, mentre la più recente che gli ha dato le forme attuali, venne intrapresa nel Settecento.
Una struttura semplice ed austera, di cui colpisce il compatto fronte laterizio che domina Piazza Trieste. Questo lato del tempio è abbracciato per intero da un ampio terrazzo con balaustra e scalinata laterale, bianco manufatto realizzato nel 1927 dal costruttore civitanovese Fioretti. A ridosso della zona absidale sorge il maestoso campanile che, dal nucleo più elevato del borgo, s'affaccia sul paesaggio sottostante. L'intemo, completamente restaurato nel corso del 2003, può oggi far mostra del suo pomposo apparato decorativo. La chiesa di S.Agostino è per tradizione la dimora del reliquiario della Croce Santa, veneratissimo esempio d'arte bizantina. Dorato e cesellato, è composto da un'anima lignea rivestita di lamine d'argento. La sua superficie è ulteriormente arricchita da piccole lastre smaltate e da tre coroncine. Le reliquie sono poste in più sedi, scavate nel terminale dei bracci e nel punto d'incrocio di questi ultimi. Lungo la parete di sinistra è collocato un organo realizzato dal celeberrimo Gaetano Callido, sembra entro il 1792. L'attribuzione al maestro veneziano può essere confermata dalla presenza delle sigle G e C, incise assieme ai toponimi Montecosaro e MC. La cassa lignea presenta timpano e paraste laterali inserite in uno scenario di gusto neo-classico. Condizioni di suono ancora discretamente efficienti. L'intemo ospita anche svariate opere pittoriche di grande pregio che attualmente sono oggetto di uno studio approfondito e di un accurato restauro.
Address Via Gatti
Details
Date of building: 1247
-Collegiata (ex Pieve di S. Lorenzo)
Si affaccia sulla centrale Piazza Trieste ed è dedicata alla Madonna Assunta e a S. Lorenzo Martire. Ha assunto le attuali forme nel 1723 in seguito ad un generale rifacimento, mentre l'aggiunta della sagrestia risale al 1766. La storia del tempio è indissolubilmente legata alle vicende della pieve di S.Lorenzo, il più antico edificio sacro di Montecosaro di cui collochiamo le origini in età paleocristiana.
Questa divenne sede di un "ministerium", ovvero di un funzionario minore del conte che esercitava compiti giurisdizionali su distretti poco estesi. Apparentemente il territorio del ministerium di S.Lorenzo ricalcava quelli che grosso modo sono gli attuali confini comunali. La pieve era sita originariamente extra muros, ai piedi del colle lungo la strada fermana. Sul luogo sorgono oggi alcuni edifici moderni e dagli anni '50 la caserma dei carabinieri. Per costruirla si dovettero demolire le fondamenta di un torrione che giacevano interrate da secoli. Forse si trattava dei ruderi della torre campanaria, visto che gli anziani ricordano quel luogo col nome di "Pervecchia" (Pieve Vecchia). Possiamo invece affermare con certezza che nel 1490, le prerogative della pieve vennero trasferite all'intemo del borgo, nella chiesa di S.Maria in Piazza. Durante la prima metà del '700 questa venne infine demolita per far posto all'attuale Collegiata.

Ulteriori informazioni"
Orari delle S. Messe:
Prefestivi
Ore - 18.30
Festivi
Ore - 7.30 - 9.00 -10.00 - 11.15 - 17.00

-Palazzo Cagnaroni
Necessario segnalare anche questo palazzo storico, su cui purtroppo non sono stati ancora effettuati studi approfonditi. Dimora nobiliare di probabile origine seicentesca, costruita a ridosso della cinta muraria.Dimora nobiliare di probabile origine seicentesca, costruita a ridosso della cinta muraria. L'edificio arriva ad inglobare anche il basamento di uno degli antichi bastioni della cortina difensiva, trasformato nel tempo parte in cisterna e parte in suggestivo terrazzo. Dipinti del primo Ottocento decorano i soffitti intemi.
Address Via Saffi
Details
Date of building: secolo XVI - XVI
-Palazzo Cesarini (ex Palazzo dei Priori)
Nacque come Palazzo dei Priori intorno al XIII secolo. Dal 1552, fu sede e residenza del personale amministrativo dei marchesi Cesarmi, capeggiato dalla figura dell'Uditore o Luogotenente. L'arrivo dei nuovi insediati coincise con la realizzazione di alcune modifiche strutturali, tra cui lo sfondamento della stanza occupata dalla "Fraternità del Corpo di Cristo", l'attuale Confraternita del S.mo Sacramento.
Se ne ricavò un palco comunicante con la pieve di S.Lorenzo, grazie al quale i rappresentanti del feudatario potevano assistere direttamente alle funzioni religiose. Nel 1568, il palazzo fu teatro dell'uccisione dell'odiato Luogotenente Dario Attendolo da Bagnocavallo e di suo figlio Francesco. Fu l'episodio più eclatante di una violenta rivolta anti-feudale che tanto costò alla cittadinanza in termini di repressione ed impoverimento. Dopo aver gremito l'attuale Piazza Trieste, i cospiratori assaltarono il palazzo, uccisero i due Attendolo e li scaraventarono sull'impiantito attraverso una delle finestre del primo piano. L'ordine venne ristabilito in pochi giorni dalle truppe del Governatore Generale di Macerata ed alla restaurazione seguirono fughe, torture, processi, spoliazioni totali dei beni e tredici condanne a morte eseguite tramite impiccagione.

Ulteriori informazioni"
Address Largo Giovanni Laureat
Details
Date of building: secolo XVII
-Palazzo Comunale (ex Convento Agostiniano)
La massima istituzione comunale ha sede nell'ex Convento Agostiniano, struttura con oltre 700 anni di storia. Gli eremitani di S.Agostino succedettero alla decadente comunità benedettino-farfense e si insediarono entro le mura del borgo già dalla metà del '200. Erano riconoscibili per la tonaca nera col piccolo cappuccio triangolare, stretta in vita da una cinta in cuoio. Pare che l'ultimo degli agostiniani montecosaresi si spense nel 1873, quando già da tredici anni l'antico complesso era proprietà non più dell'ordine ma del Comune di Montecosaro.
Il nobile e pregiato edificio attuale è frutto di una grandiosa ricostruzione settecentesca. Il pianterreno è dominato dalla presenza del chiostro, armonioso spazio rettangolare trasformato nel tempo ed attualmente sviluppato su tre ordini. Il manufatto al centro del cortile, che a prima vista potrebbe sembrare un pozzetto, è in realtà un'antica cisterna attorniata da un tunnel di ghiaia e carbone che filtra l'acqua piovana rendendola potabile.

Ulteriori informazioni"
-Palazzo de Nicolo’ Massari
L'edificio è situato all'interno delle mura in prossimità della Porta di S.Lorenzo, lungo la strada che dal centro storico portava alla basilica dell'Annunziata.
La costruzione si presenta attualmente in forme settecentesche, appartenne infatti alla nobile famiglia dei Gentili almeno dagli inizi di quel secolo. Per conoscerne le origini occorre invece risalire all'età comunale, visto che al pianterreno sono state rinvenute volte, arcate e porzioni murarie di evidente gusto due/trecentesco.

Ulteriori informazioni"
-Palazzo Laureati
I Laureati provengono dal Veneto, con precisione dal comune di Sacile (PN) dov'è tuttora esistente un Palazzo Laureati in Piazza del Duomo. Sul finire del '400 si trasferirono nel Regno di Napoli e da qui a Montecosaro, passata nel frattempo tra i possedimenti dei Cesarmi. Il personaggio di maggior spessore della famiglia fu il gesuita Giovanni che qui nacque nel 1666. Parliamo del più celebre tra tutti i montecosaresi anche se ai più sconosciuto. Poliglotta e sinologo, fondò il Collegio di Pechino ai tempi in cui fu missionario nelle sconfinate terre di Cina.
L'edificazione del complesso signorile di Montecosaro è collocabile tra la fine del '600 e gli inizi del '700. Fu Giacomo (1640-1710), figlio di Virgilio, a volere una dimora più consona al prestigio ed all'importanza del proprio casato. Acquistò un gruppo di piccole case e provvide alla loro demolizione, ottenendo un'ampia superficie su cui in seguito potè costruire. La facciata dell'edificio, ornata da quattro paraste, presenta sei finestre nel piano rialzato ed otto in quello superiore. Il portale d'ingresso è costruito con materiale laterizio particolarmente curato che forma un'elegante incorniciatura architravata. E' sovrastato dallo stemma gentilizio, in cui si notano un elmo ed una mano che regge un ramo d'alloro, a testimonianza di una lunga tradizione di studio e pratica delle armi.

Ulteriori informazioni"
Address Piazza Garibaldi, 2
Details
Date of building: secolo XVII - XVIII
-Porta S. Lorenzo
Orientata verso Levante è da sempre la principale delle tré porte d'accesso al borgo, l'unica dalla fine dell'800, in seguito alla demolizione di Porta S.Lucia ubicata a settentrione. La struttura ci appare alquanto complessa ma ancor più lo fu in passato, quantomeno fino al tempo in cui venne trasformata prima in residenza privata ed in seguito in dimora gesuitica. Risale a questa fase la perdita del coronamento sommitale merlato, dotato di beccatelli e caditoie per la difesa piombante e non v'è più traccia neanche della cortina merlata che affiancava la torre portaia e ne ampliava la mole rendendola più imponente. A tale riguardo giunge in nostro soccorso un antico disegno, ricavato da un affresco del XVI secolo attribuito a Simone de Magistris e conservato all'intemo della vicina chiesa di S. Rocco.
L'edificio si presenta oggi in fattezze duecentesche, con un finto fornice a sesto acuto molto sviluppato in altezza. La principale porta castellana era in effetti il biglietto da visita della comunità e le raffinatezze architettoniche servivano sia ad esaltarne il valore che ad ostentarne il benessere. E' invece più tardo il fornice intermedio a tutto sesto, già dotato di portone e di probabile estrazione tre/quattrocentesca. Oltre che elegante, la porta era anche forte e sicura ed in aggiunta alle già descritte difese attive dall'alto, era munita anche delle cosiddette difese passive. La prima consisteva nella saracinesca, pesantissima grata in ferro battuto manovrata dall'alto ed all'occorrenza fatta letteralmente precipitare lungo la sede di scorrimento; la seconda era invece costituita dal portone, possente manufatto in legno sprangato dall'interno con sbarre di chiusura anch'esse in ferro battuto. Nel XIX e XX secolo vennero eseguite ulteriori modifiche abitative che fusero Porta S.Lorenzo con l'attuale Palazzo Marinozzi (eredi della proprietà Gatti). Il risultato è un'interessante commistione tra l'eleganza severa dell'originaria struttura difensiva, l'austerità dello stile gesuitico ed alcuni elementi funzionali che ingentiliscono il complesso.
Address Via Mazzini
Details
Date of building: secolo XIV - XV
-Torre Civica
Nonostante varie risistemazioni nel corso dei secoli, la torre civica medievale giunse alla fine del '700 in pessime condizioni... era ormai prossima al crollo, si decise quindi di demolirla e ricostruirne una più grande e robusta. Progettazione e realizzazione vennero affidate rispettivamente all'architetto comasco Augustoni ed al capomastro civitanovese Marazzi che potè iniziare i lavori nel 1791. Interruzioni e lungaggini furono una costante, ma si riuscì comunque ad ultimare l'edificio entro il 1796, utilizzando anche una porzione di Palazzo Cesarini. Sappiamo che, agli inizi dell'800 venne costruito anche il nuovo teatro condominiale, rinnovando gli spazi dell'antico Palazzo Pubblico estesi ed unificati alla vicina sede ducale. La Torre Civica, allora posta nel mezzo, rimase inglobata tra i due edifici e da allora sembra curiosamente spuntare dai tetti di Piazza Trieste.
Nel 1808, vennero collocati due orologi alla francese con mostra in pietra bianca di Cingoli, rivolti: uno verso S.Agostino ed il Cassero, l'altro verso la Val di Chienti. In seguito saranno rimossi e sostituiti con degli altri che comunque conserveranno lo stesso orientamento. Il manufatto è coronato da un cornicione e culmina con cuspide e pesante lantemino in tufo. Pare che l'apposizione di quest'ultimo sia stata oggetto di snervanti controversie tra l'Augustoni ed il Marazzi che, oltre a coinvolgere Comune e cittadinanza, ritardarono il completamento dell'opera. Anche la Torre Civica è strettamente legata al ricordo dell'insurrezione anti-feudale del 1568. E' accertato che i tumulti di piazza iniziarono quando la campana della vecchia torre iniziò a suonare ad arma. Purtroppo la rivolta fallì e la sommossa venne presto sedata e duramente repressa. Oltre alle tredici condanne a morte, vi furono numerose fughe oltre l'Adriatico per sfuggire alle pesanti conseguenze. Per un po' di tempo la torre e la cittadinanza furono anche private della campana, vista dalle autorità come "soggetto insurrezionale". In seguito ricollocata al suo posto, eseguirà tredici rintocchi sul calar della sera per quasi quattro secoli. Tredici furono gli impiccati, tredici furono i rintocchi e in molti li ricordano ancora, almeno fino agli anni '50 del secolo scorso. Un religioso compianto per i promotori della rivolta o/e un monito per la cittadinanza. A scanso di equivoci, la saggezza popolare decise di affibbiare alla macabra rievocazione un appellativo quanto mai emblematico: "li guai de Montecò".
Address Piazza Trieste
Details
Date of building: XVIII

Montefano

-Chiesa di San Filippo Benizi
Annesso al Convento dei Servi di Maria, luogo di meditazione e preghiera.
Date of building: XVI Secolo
-Chiesa di Santa Maria
Con tela del Ridolfi (scuola di Lorenzo Lotto).
Address Vicolo S. Benvenuto
-Collegiata San Donato
Vi vengono custodite le spoglie di Sant'Onorio e di San Saverio. All'interno pregevole tela di autore ignoto raffigurante San Donato e San Giovanni Nepomucemo ai lati dell'Assunta.
Property: Ecclesiastica
Date of building: 1568
-Monumento ai Caduti
Opera commemorativa curiosa ed interessante nel suo genere.
Address Via della Vittoria
Details
Property: Comunale
Date of building: 1922
-Palazzo Municipale
Il Palazzo Municipale, sormontato dalla torre civica, incorpora il Teatro, opera di Virginio Tombolini.
Date of building: Seconda metà del settecento
-Torrione
Dal Torrione delle mura castellane quattrocentesche, mura di cinta a base quadrata, si possono scorgere le cittadine di Loreto e Recanati.
Address Via Carradori, 33
Details
Date of building: XIV - XV Secolo

Montelupone

-Bombardiera Malatestiana
Pur di origine riminese, questa struttura mostra la sua tipicità marchigiana nell'uso, in ogni sua parte, del laterizio. Da notare l'orifizio circolare da dove venivano esplosi i colpi di bombarda e il sovrastante sistema cruciforme di puntamento.
-Chiesa della Pietà
Antica chiesa Parrocchiale dedicata a S. Giovanni Battista in platea.
Sotto il pontificato di Leone X divenne chiesa Curata di proprietà del Capitolo dei Canonici di Loreto e sede della Confraternita della Pietà, passò poi alla Collegiata e da questa alla Confraternita della Pietà e per essa l'acquistò Gaetano Magner nel 1860. Attualmente di proprietà comunale è stata adibita a sala polivalente capace di accogliere mostre tematiche e attività culturali.
Date of building: XV Secolo
-Chiesa di S. Firmano
Nel fondo valle si trova la chiesa di S. Firmano. Proprietà di un' antica abbazia benedettina, fu fondata nel 986 e ricostruita nel 1256 dopo che era stata quasi interamente distrutta durante le lotte tra guelfi e ghibellini.
Presenta una sobria facciata a capanna in laterizio, nella quale si aprono un portale in pietra (si noti, nella lunetta, il bassorilievo con l' ingenua crocifissione risalente alla chiesa primitiva, probabilmente ricavato nel dorso di una statua romana) e il finestrone aggiunto nel settecento. L'interno, a pianta basilicale con tre navate, presenta un presbiterio rialzato sopra la cripta di impianto gotico, con pilastri e colonnine costruiti riutilizzando materiali di epoca romana.
Address Via S. Firmano
Details
Property: Di un' antica abbazia benedettina
Date of building: Fondata nel 986 e ricostruita nel 1256
-Chiesa di San Francesco
Su disegno del bresciano Padre Camaldolese Giuseppe Antonio Soratini (1680-1762), a metà del secolo iniziarono i lavori di rifacimento della Chiesa, in stile tardobarocco, che si mostra in tutto il suo splendore nelle ricchissime decorazioni di stucco presenti all'interno dell'edificio.
Al centro, sopra il portone di ingresso, sono poste tre lapidi e due stemmi. La prima lapide (senza stemma) recita: Frate Giovanni Cola da Montelupone dell'ordine dei Minori Coventuali figlio di questo cenobio di San Francesco, insigne teologo, grazie alle sue doti d'animo e alle sue singolari virtù, venne creato Vescovo neopatense da Bonifacio IX, Pontefice Ottimo Massimo, 1393; per questo motivo per il nome di un tanto grande uomo, Frate Domenico Santoni P. E. Steg. P. E. nell'anno del Signore 1641. La seconda lapide ricorda: Sisto V° Pontefice ottimo massimo, dell'ordine dei minori conventuali, Piceno da Montalto, nell'anno della sua vita 65° l'ottavo giorno prima delle calende di maggio (24 aprile) 1585 del suo ottimo pontificato. Essa è completata dallo stemma di Papa Sisto V. La terza lapide (con uno stemma che non le appartiene), dice: Ad Amico Panici, nobile maceratese, con grande merito Vescovo di Loreto e Recanati, devotissimo del Serafico Padre e vigilantissimo protettore di questo cenobio. Frate Domenico M. Santoni O. S. O. P. E. P. nell'anno del Signore 1648. Lo stemma sovrastante si riferisce probabilmente a un componente della nobile famiglia Tomassini. E' probabile che lo stesso San Francesco sia passato per Montelupone, ma è sicuro che i lavori per la costruzione del Convento e della chiesa a lui dedicati hanno inizio nel 1251: ne dà infatti testimonianza la Bolla con cui Innocenzo IV concedeva quaranta giorni d'indulgenza a quei benefattori che avrebbero concorso alla fabbrica della Chiesa di San Francesco. La sua consacrazione avvenne nel 1397 (data ritenuta come la più attendibile rispetto al 1292 o 1297) ad opera del Vescovo di Umana Antonio da Fabriano e del Vescovo di Nicopoli Giovanni Cecchi da Offida il primo di Maggio, sotto il pontificato di Bonifacio IX.
Details
Date of building: XIII - XVIII Secolo
-Chiesa di Santa Chiara
L'origine della comunità religiosa delle Clarisse a Montelupone risale al 1567, quando alcune Terziarie francescane formarono una famiglia religiosa denominata di "Santa Maria della Misericordia", dal titolo della Chiesa della Confraternita del Gonfalone.
A questa chiesa si trovava unito il Monastero (impropriamente detto, dato che si trattava di una semplice casa) ma alla fine del secolo fu assegnata loro la Chiesa di San Giovanni Evangelista e San Nicolò in Castello, nella quale già nel 1502 era stata istituita la Prepositura dal Cardinale Francesco Todeschini Piccolomini (elevato al soglio Pontificio nel 1503 col nome di Pio III) trasferita poi a metà del Settecento nella Chiesa Collegiata. Nel 1586 Montelupone passò sotto la Diocesi di Loreto, appena creata da Sisto V (era prima sottoposto alla Chiesa Cattedrale di Fermo) e nel 1592 iniziò la costruzione del Monastero, che nel 1636 passò sotto la Regola di Santa Chiara. Quando nel 1747 la Prepositura fu trasferita alla Collegiata la chiesa divenne di proprietà delle Monache. Nel 1789 le Clarisse decisero di ampliare la chiesa, quando era Badessa Suor Maria Eleonora Mazza, morta in odore di santità l'11 Maggio 1806. Esiste un disegno del progetto del Coro della Chiesa di Santa Chiara fatto dall'architetto Andrea Vici d'Arcevia (1743-1817), il che fa pensare che sia suo il progetto dell'intera nuova chiesa, in stile tardobarocco, richiamato anche dalla Cantoria e dai Coretti lignei in essa inseriti; discepolo del Vanvitelli, Andrea Vici operò molto nelle Marche, pur vivendo stabilmente a Roma: nella Basilica di Loreto, ad Offagna, ad Osimo, ridisegnò inoltre la Piazza di Treia, di cui progettò anche la Cattedrale, forse l'ultima importante chiesa tardobarocca in clima di Neoclassico avanzato, essendo essa degli anni 1810-14. Subite le modifiche dovute all'intervento iniziato nel 1789, la Chiesa di S. Chiara fu solennemente consacrata il 14 giugno 1801. Con il passaggio delle truppe napoleoniche, fatto che comportava la soppressione degli Ordini Religiosi e la confisca dei beni, le Monache dovettero lasciare il Monastero e vi fecero ritorno nel 1822. Una seconda soppressione, ad opera del Governo italiano, costrinsero ad un secondo allontanamento le Clarisse, che rientrarono nel 1878 e riebbero la chiesa fino al 1903. In seguito essa fu adibita inspiegabilmente a magazzino. Divenuto proprietario il Comune, che aveva l'obbligo di officiarla, si decise per i lavori di restauro che permisero di riavere l'edificio di Culto aperto per il Dicembre 1924. Fu tra l'altro bombardata nel 1944 dalle truppe tedesche in ritirata. Il 26 Novembre 1972 una leggera scossa di terremoto causò l'adagiamento di una capriata del vecchio tetto sulle volte di legno della chiesa, che nel Gennaio seguente precipitò all'interno. Dopo i lavori di ripristino delle strutture, la chiesa fu riaperta il 23 settembre 1978, in quell'occasione furono recuperati i due mensoloni a foggia di cariatidi che sono ora conservati nella Pinacoteca civica. Negli anni Trenta le Suore dell'Istituto delle Ancelle del Sacro Cuore di Gesù Agonizzante ereditarono l'attività scolastica delle Clarisse. Entrando dalla parte destra della chiesa ci troviamo subito di fronte ad una delle opere che rendono particolarmente interessante questo edificio religioso:si tratta di una delle quattro porte intarsiate per questa chiesa dall'anconetano Cristoforo Casari. Qui troviamo, nei pannelli superiori, San Nicola da Tolentino in atto di celebrare la Santa Messa e le Anime purganti che volano al cielo per intercessione del Santo e quindi San Pietro d'Alcantara. Nei pannelli inferiori è raffigurato tra motivi floreali, lo stemma del Vescovo Francesco Cantucci, primo Vescovo di Loreto nel 1586, della cui Diocesi entrò a far parte Montelupone. Giuseppe Benesi di Recanati eseguì nel 1801 le croci per la consacrazione della chiesa. Il San Giuseppe con il Bambino riprende i modelli del bolognese Carlo Cignani (1628-1716). La pala di questa cappella è una copia dell'Annunciazione della Vergine che Federico Barocci (1535-1612) dipinse per la Cappella dei Duchi di Urbino della Basilica di Loreto; l'originale, trasferito a Roma per essere tradotto in mosaico, rimase poi presso la Pinacoteca Vaticana. Proseguendo sullo stesso lato troviamo un'altra porta intarsiata dove compaiono nei pannelli superiori Sant'Antonio da Padova in atto di ricevere il SS. Bambino e Santa Margherita da Cortona; nei pannelli inferiori è raffigurato l'emblema francescano. Troviamo poi la Porta della Ruota, in cui l'autore "Cristofaro Casari Anconitano" si firma insieme all'anno di esecuzione 1796 ; qui è rappresentata in alto la "Fuga in Egitto" e nel pannello centrale la "Nascita del Redentore". Sull'Altare Maggiore è collocato il dipinto raffigurante l'Immacolata che reca in braccio il Bambino Gesù, Santa Chiara di Assisi, San Giovanni Evangelista e San Nicolò. La tela presenta al centro la Madonna Immacolata (che ai suoi piedi ha la mezzaluna, simbolo della sua verginità) e il Bambino Gesù; alla sua sinistra vi è santa Chiara di Assisi che sorregge l'Ostensorio con il quale mise in fuga i Saraceni in occasione dell'assalto contro il Monastero di San Damiano in Assisi. In basso vi sono, a sinistra, seduto, San Giovanni Evangelista con accanto l'aquila, suo simbolo e a destra San Nicolò nei paramenti di Vescovo Greco; questi ultimi sono i titolari della soppressa Prepositura. Da una iscrizione posta sulla pietra su cui è seduto San Giovanni Evangelista è stato possibile attribuire questa opera al pittore siciliano Onofrio Gabriello (Gesso-ME, 1619-1706) che la eseguì nel 1695. Onofrio da Messina (così si firma sulla tela) a causa del suo atteggiamento filofrancese dovette lasciare Messina nel 1674 e poté farvi ritorno solo nel 1701: è in questo periodo che il Gabriello viene probabilmente in contatto con l'ambiente artistico marchigiano, essendo stata Ancona una delle sue tappe nel lungo girovagare tra Francia e Italia. Al di sopra di questa tela è posta la decorazione plastica raffigurante "Due angeli e teste di cherubini" del 1792 che possiamo a ragione attribuire, grazie ad una ricevuta firmata, di quaranta scudi, conservata nell'Archivio del Monastero di Santa Chiara, allo scultore di origine fiamminga Gioacchino Varlè (Roma,1734-Ancona,1806).
Details
Date of building: XV - XVIII Secolo
-Cinta Muraria
Il paese è stato costruito per fasi successive partendo da un nucleo centrale con ampliamenti detti in gergo a "veli di cipolla". Nonostante in qualche tratto vi siano addossate le abitazioni, la cinta muraria percorre tutto il perimetro del centro storico per circa 1000 metri di lunghezza.
Essa ha conservato i suoi spazi medioevali, anche se alcuni tratti sono stati ricostruiti nei secoli successivi. Le torri presenti sono di due tipi, a pianta rettangolare o a puntone: queste ultime sono la testimonianza dell'avvenuta dominazione malatestiana. Notevole è la zona di mura civiche vicina alla porta del Trebbio dove si possono notare le giunzioni necessarie a unire due tratti costruiti separatamente.
-Grotta “Bonifazi”
Il sottosuolo del centro storico di Montelupone è un autentico groviera, un altro paese a pochi metri dal piano stradale. Un reticolo di grotte e cunicoli, molti dei quali occlusi da detriti, che collegano, come una fitta ragnatela, quasi tutte le cantine delle abitazioni.
Una parte di queste grotte sono state create indirettamente prelevando terra e sabbia dal sottosuolo per produrre malta o intonacare le mura delle abitazioni. I cunicoli più antichi crediamo siano stati appositamente costruiti per permettere il passaggio di persone e rifornimenti durante gli assedi, visto che a volte conducono fuori delle antiche cinte difensive. Alcune gallerie sono lunghe decine di metri, come quella perfettamente conservata che dall'abitazione "Bonifazi" si dirige per 80 metri fin sotto la chiesa di S. Francesco; altre sono organizzate su diversi piani come quella del palazzo Narcisi-Magner, con addirittura all'interno un pozzo d'acqua limpidissima. E' un patrimonio unico che attende di essere monitorato e adeguatamente valorizzato.
Details
-Il monumento ai Caduti
Scultura marmorea con fusione in bronzo a cera persa, opera dello scultore anconetano Vittorio Morelli, inaugurato il 4 novembre 1922, incastonato nello splendido giardino verde adiacente al parco Franchi.
In esso sono elencati i nomi dei monteluponesi caduti per la Patria durante la prima guerra mondiale, cui sono stati aggiunti i nomi dei caduti nel 1935 e nel 1945. Le lampade votive, poste all'ingresso del parco, sono state donate dai monteluponesi emigrati in Argentina. Nella stupenda piazza-salotto, cuore di Montelupone, resa tale grazie anche alla caratteristica illuminazione in stile antico, si affaccia il palazzetto del Podestà o dei Priori con la torre civica.
Address Piazzale della Vittoria
Details
-Il Roccellino
Torretta merlata di avvistamento verso la vallata del Potenza, resto dell'antico Cassero. Un restauro ne ha messo in luce la sua tipicità.
Documenti del 1525 riportano che in questo luogo veniva esposta la reliquia della S. Croce a protezione della campagna, contro la grandine, poiché da qui si scorge buona parte del comprensorio agricolo monteluponese.
-La porta medioevale del Cassero
E' la porta più elevata, che fa riferimento al primo nucleo murato del Cassero. Ristrutturata nel 1500, è stata rifatta nel 1861 con decorazioni geometriche a sbalzo sulle colonne portanti. Nel medioevo doveva essere porta munita. Detta anche porta Castello.
-La porta medioevale del Trebbio
Originale costruzione posta all'incrocio (trivio) di un antico raccordo viario col monte Bubiano (S.Nicolò) e col Monastero Benedettino di S.Firmano. Al suo fianco si può ammirare l'antica casa del custode addetto alla sorveglianza del paese.
-La porta medioevale S. Stefano
Rifatta completamente nel 1804 a mattoni con ringhiera, merlatura, splendide cornici in cotto e guglia su porta preesistente. Al suo interno, nella parte alta è stato ricavato il passaggio che mette in comunicazione il palazzo Emiliani col palazzo Ricci. Detta anche porta Marina o delle Grazie o Fontanella.
-Palazzetto del Podestà e la Torre civica
Di grande valore architettonico è il Palazzetto del Podestà o dei Priori, edificio a forma rettangolare, in cui si evidenzia l'influenza lombarda.
Il loggiato a cinque archi è sovrastato da altrettante bifore ogivali poste nel salone principale del piano nobile, che custodisce un affresco del 1500 raffigurante il Cristo crocifisso con S. Nicola ed il popolo monteluponese, soggetto che interpreta in modo devozionale lo stile espressivo tipico della Controriforma. Vi si trovano anche quattro affreschi di minori dimensioni, con soggetti religiosi, di autori presumibilmente locali. Parte integrante del monumento è l'adiacente Torre Civica, con merlatura ghibellina che accoglie lo stemma più antico della città, l'orologio civico ed il grande campanone in bronzo fuso. Un grosso stemma in pietra del Pontefice Sisto V è posto sulla facciata della torre, la lapide sottostante che recita: Alla virtù e alla prosperità per la benemerenza di Sisto V Pontefice Ottimo Massimo La mancanza di scarpa fa attribuire la torre alla prima metà del XIV secolo. L'apparato a sporgere e la merlatura sono frutto di un restauro. Nel palazzetto anche le bifore sono di incerta autenticità, ma la parte sottostante appare del tutto originale; notevoli le cornici a scudo, probabilmente destinate ad alloggiare gli stemmi del podestà o dei maggiorenti cittadini. Come d'uso nel maceratese gli elementi decorativi sono interamente realizzati in laterizio. Al primo piano del palazzetto del Podestà ha sede.
Details
-Palazzo Calcaterra
Di origine medioevale, noto come convento e dotato di chiostro interno, anticamente in comunicazione con la Chiesa adiacente. Modificato nella parte nord nel settecento. Risulta che nei secoli passati, nel centro storico di Montelupone, esistevano decine di piccoli monasteri e dimore religiose.
Address Via Garibaldi, 52
Details
Date of building: XIV-XVIII Secolo
-Palazzo Chigi-Celsi-De Santis
In origine di proprietà della Comunità Benedettina di S. Firmano, residenza invernale dei monaci e dimora estiva del commendatario dell'Abbazia, Cardinale Flavio Chigi, nipote di Papa Alessandro VII.
Al suo interno decori d'epoca e cicli pittorici sacri. I Celsi sono presenti, fin dal XVI secolo, fra le fila della nobiltà monteluponese: imparentati con i conti Carradori, hanno favorito con consistenti donazioni patrimoniali i padri Gesuiti maceratesi con l'obbligo di fondare un collegio nella loro casa di Montelupone. Fra le varie opere realizzate va ricordata la costruzione della chiesa Collegiata nel 1735 a cura di don Antonio Celsi.
Address Via Borgianelli
Details
Date of building: XIV-XVIII Secolo
-Palazzo Emiliani (già Basvecchi)
Struttura settecentesca a marcapiano, di notevole valore storico per aver ospitato una delle prime vendite carbonare. Conserva al suo interno il ciclo di pitture "Le quattro stagioni" di Biagio Biagetti. L'artista portorecanatese, che ha realizzato tra l'altro le decorazioni della Cappelle Slava e del Crocifisso nella Basilica di Loreto e nella Cappella di Santo Stefano della Basilica di Sant'Antonio a Padova, esegue quest'opera nel 1906, all'età di ventinove anni.
L'insieme della decorazione, definita abitualmente "la storia del pane", è un "quadretto" pittoresco molto realistico, spontaneo, della vita campestre marchigiana dell'epoca ove l'armonia dei colori naturali, fedelmente interpretata dal Biagetti, contribuisce in misura determinante a creare la sensazione di pace che contraddistingue l'ambiente. I quattro quadri in cui è suddivisa l'opera, le quattro stagioni appunto, non possono dirsi propriamente l'uno la continuazione dell'altro, sia per la disposizione sulle pareti della sala, uno per parete, sia per la differenza sostanziale d'ambiente e quindi di colore: sono, invece, quattro quadri distinti e separati che nonostante ciò costituiscono un insieme omogeneo nel quale è legante l'elemento umano, l'uomo di campagna che all'epoca della progettazione e della esecuzione dell'opera è ancora l'elemento trainante dell'economia regionale e nazionale. Il poemetto campagnolo affrescato da Biagetti a Montelupone si conclude con la decorazione dei soffitti di alcune sale. Ludovico Pochini (1790-1870) Fu il capo dei carbonari di Montelupone; arrestato in seguito all'insurrezione del 1817, venne condannato a morte. Successivamente la pena fu commutata in carcere a vita e scontata nel forte di Castel Sant'Angelo. Tornato a Montelupone, a seguito dell'amnistia del 1831, visse in povertà e fierezza di ideali riuscendo a vedere, prima di morire, la Patria unita.
Details
Date of building: 1700
-Palazzo Galantara
Settecentesco edificio nobiliare, antica dimora della famiglia omonima proveniente da Bologna, commendataria dell'abbazia di S. Firmano. In questo palazzo è nato il 18 giugno del 1865 Gabriele Galantara, in arte Ratalanga, caricaturista, giornalista, pittore, fondatore dell'"Asino" e collaboratore dell'Avanti, del "Marc'Aurelio" e del "Becco Giallo". Il palazzo è stato ristrutturato a cura degli IACP.
Address Via Borgianelli, 15
Details
-Palazzo Giachini
Tipico edificio nobiliare ricostruito nell'800 su preesistente costruzione medioevale, che annovera al suo interno un giardino a ridosso dell'alto parapetto murario. Caratteristico, sul portale d'ingresso, un mascherone con temi floreali. Questi palazzi custodivano nei loro sotterranei notevoli cantine con botti di grosse dimensioni, dove veniva stagionato il vino delle terre padronali.
Address Via Giachini
Details
Date of building: XV - XVIII Secolo
-Palazzo Giochi, Palazzo Fesco, Palazzo Bordoni, Palazzo Franchi
Sono solo alcuni degli altri notevoli edifici gentilizi settecenteschi e ottocenteschi, non meno importanti di quelli descritti in precedenza, che contribuiscono a costituire il tessuto urbano del paese.
Edifici color biscotto dalle sfumature mutevoli a seconda della posizione del sole, che concorrono a rendere incantevole una passeggiata fra vicoli, stradine, piazzette, alla scoperta di portali, stemmi, scorci particolari del centro storico di Montelupone.
-Palazzo Narcisi – Magner
Edificio gentilizio che come la quasi totalità della abitazioni antiche del centro storico di Montelupone conserva suggestivi cunicoli sotterranei che si sviluppano per decine di metri sia in profondità che in lunghezza, andando a costituire una ragnatela che collegava in antichità quasi tutti gli edifici religiosi e nobiliari del paese.
Address Via Regina Margherita, 10,8
Details
Date of building: XVIII Secolo
-Palazzo Tomassini
Dimora dei Tomassini conti di Montenovo, probabile opera dell'architetto Valadier (1762-1839), ricostruito nell'attuale forma, sopra un edificio medioevale. Al suo interno, come in molti edifici del centro storico di Montelupone, si possono ammirare stucchi e decorazioni pittoriche di notevole pregio artistico.
Address Via Roma, 2
Details
Date of building: XIV-XVIII Secolo
-Palazzo Tomassini – Barbarossa
Di proprietà di una famiglia tra le più importanti e potenti della nobiltà marchigiana, il palazzo è stato ricostruito nel XVIII secolo, per le mutate esigenze, soprattutto di rappresentanza della posizione sociale, che la famiglia, discendente dall'Imperatore Federico Barbarossa, aveva acquisito. Scuderie, cantine, ampi saloni, biblioteche, collezioni d'arte che il palazzo ha custodito e di cui ben poco è giunto fino ai nostri giorni.
Address Via Roma, 2
Details
Date of building: XIV-XVIII Secolo
-Parrocchia Santi Pietro e Paolo
Per informazioni rivolgersi a +39 733 226 110
Address Via Borgianelli
Details
-Porta medioevale Ulpiana
Detta anche Porta San Michele, il nome è di origine romana, infatti deriva dall'imperatore Marco Ulpio Traiano.
Nel medioevo fu annessa al castello e furono creati un'apertura carraia, il rivello e il ballatoio; restaurata nel XVI secolo, è stata modificata nel periodo barocco, quando vi è stato aggiunto, anteriormente, un arco decorativo, conservando però all'interno un rivellino del XV secolo, in origine a puntone (cioè a pianta pentagonale), che mostra un'apertura simile a quella presente anche nella Porta Galiziano di Potenza Picena. Particolare è la presenza dei cardini in pietra dei battenti di legno, ancora ben conservati.
-Rivellino di Porta Ulpiana
Il grande arco ogivale del rivellino quattrocentesco è perfettamente conservato anche all'interno ed è stato forse eseguito sotto l'amministrazione malatestiana, data la notevole frequenza della pianta pentagonale nelle opere di committenza riminese.
Con ogni probabilità al momento dell'aggiunta barocca dell'arco frontale l'accesso originario è stato occluso dal parametro oggi presente ed è stata scalpellata la soprastante beccatellatura, benché ancora ben percepibile. Il rivellino è quasi sicuramente posteriore all'edificazione della porta, visto che la successiva fortificazione era stata predisposta per due portoni e dato che gli ultimi cardini sono in ferro a ghiera d'arco è ben conservata e di tipologia arcaica, probabilmente trecentesca. Una lapide posta sul fronte della porta nel 1921, ricorda la presenza delle truppe Francesi a Montelupone a cinquant'anni dall'unità d'Italia. All'interno della porta, sul lato destro, è presente una immagine votiva che raffigura la Madonna Addolorata sopra ad una veduta panoramica che mostra l'antico profilo del centro storico di Montelupone.
Details
-Torre a puntone
Edificata probabilmente nel XV secolo, questa costruzione conserva ai suoi lati due bombardiere malatestiane, presenta analogie con le torri che si trovano a Sant'Arcangelo di Romagna, dove esiste il castello fatto erigere da un componente della famiglia Malatesta, Sigismondo Pandolfo.
Date of building: XV Secolo

Morrovalle

-Angolo Paglialunga
È un angolo caratteristico vicino alla chiesa di S. Bartolomeo. Ha preso questo nome dall' ultimo proprietario Ettore Paglialunga, artigiano del ferro battuto.
La casa appartenne in precedenza a Filippo Porfiri, patrizio prefetto dei cavalieri della terra di Morro, come si nota dall' iscrizione posta sopra l' arco d' accesso alla casa. Questa casa è in puro stile rinascimentale. Il portale e le tre finestre superiori sono molto sobrie senza decorazioni tranne nell' ingresso; le colonne che sostengono l' arco a tutto sesto hanno capitelli leggermente scanalati e nello spazio laterale all' arco ci sono due fioroni (tipico elemento ornamentale rinascimentale). Al di sopra l' iscrizione e a concludere l' architrave leggermente sporgente. Quest' ultimo componente lo si ritrova anche al disopra delle finestre caratterizzate da una cornice con un doppio profilo poggiante sopra un sottile davanzale.
Details
-Casa Romagnoli
Questa struttura in pessimo stato, testimonia la presenza nella zona di maestranze dalmate che lavoravano per committenti veneti. Nell’archivio storico, difatti esistevano carteggi (ora trafugati) con sigilli in pasta e lacci in seta che testimoniano il rapporto con la “Serenissima".
Morrovalle e molte altre cittadine delle Marche testimoniano il legame Marche - Veneto nell’attività architettonica, conseguenza di quel più stretto rapporto delle due regioni nell' attività pittorica, con le scuole sanseverinate e tolentinate. In facciata, il portale d' ingresso posto centralmente e le finestre nel piano superiore, per i loro aspetti qualitativi, riferiscono di una stagione tardo gotica. Il portale d' accesso è la risultante di due sistemi di copertura: ogivale esterno profilato con delle sottili cornici e un arco ribassato interno decorato con motivi a girali. Anche le finestre trilobate alcune con degli elementi ornamentali, sono un tipico esempio di tradizione gotica. Tutti questi abbellimenti conferiscono una certa dignità all' edificio considerando soprattutto che si tratta di una casa privata. A sinistra, al piano terra si può notare una piccola porta ora tamponata. Questa veniva chiamata la "porta del morto" e serviva a far transitare la bara di un familiare defunto.
Details
-Chiesa di San Bartolomeo Apostolo
La Chiesa è al centro di un insieme di costruzioni che offrono l' immagine di un angolo ricco di armonie architettoniche create dalla fantasia e dal cuore dell' uomo.
Elegante e snello l' alto campanile ricco di lesene, cornici e di capitelli in stile ionico. La collegiata di S. Bartolomeo è stata voluta da Sisto V nel 1586, con la fusione e soppressione delle parrocchie di S. Venanzo, S. Angelo, S. Pietro. La chiesa era anticamente di piccole dimensioni quindi fu ampliata, ricostruita e trasformata in collegiata nel 1750, È pianta longitudinale, costituita da una sola navata con cappelle laterali, un piccolo transetto e un abside semicircolare. L' interno risente di diversi rimaneggiamenti con decorazioni parietali alla maniera tardo ottocentesca, pur conservando altari laterali del settecento. L' esterno, tutto in cotto a vista, è caratterizzato da un' elegante facciata alla quale si contrappone una pesante articolazione di volumi nei prospetti laterali. La facciata è composta da due ordini sovrapposti collegati da paraste binate, quest' ultime costituiscono l' elemento di continuità di tutta la facciata. Questa è chiusa da un timpano spezzato e al centro è impreziosita da un finestrone con cornice a tutto sesto inglobato in uno spazio più grande tutto in pietra come la balaustra. Al dì sotto di questa finestra il portale d' accesso è anch' esso in pietra bianca. È concluso da un timpano triangolare e sovrastato da una ghiera d' arco a tutto sesto. Sul retro, all' estremità destra del presbiterio si eleva un alto campanile come se fosse un corpo a se stante. Il campanile ha cornici aggettanti in cotto a vari livelli a facce "specchiate" che includono aperture a monofora di grandezza crescente verso l' alto. La cella campanaria che sembra sovrapposta alla torre è segnata da paraste accoppiate e sormontate da un cupolino con tamburo ottagonale e con oculi sulle otto facce. All' interno della chiesa si conservano opere, testimonianza della storia religiosa del paese di Morrovalle. Dopo la soppressione dei beni ecclesiastici da parte del governo italiano e l' annessione del Convento e della Chiesa di S. Francesco, vennero accolte nella collegiata le reliquie del Miracolo Eucaristico del 1560; la bolla pontificia in pergamena di Papa Pio IV riguardante il miracolo eucaristico. Inoltre nella chiesa sono oggi riposti i resti di Beato Masseo da S. Severino (prima sepolto in S. Francesco); altre reliquie di S. Bartolomeo Apostolo, di S. Orsola, del Santo martire Valentino. La collegiata accoglie anche un pregevole organo, opera del celebre Callido e un crocefisso del quattrocento donato nel 1498 da Cesare Lazzarini avuto in regalo nel 1494 dal cardinale Francesco Piccolomini (che fu poi Papa Pio III).
Date of building: XVI e XVIII Secolo
-Chiesa di Sant’Agostino
In facciata regna la semplicità, in altezza la superficie è caratterizzata da quattro lesene poggianti su un alto casamento e da un portale d' accesso centrale con sopra di esso una finestra; a concludere un timpano con cornice leggermente sporgente.
Gli unici elementi ornamentali dell' edificio sono il timpano del portale costituito da una forma esterna triangolare, ed un' altra interna curvilinea, la scalinata costruita dopo il 1852-54 in seguito al livellamento della piazza con la via sottostante. In passato l' altezza della piazza doveva arrivare fino al livello del ballatoio. La scalinata a due rampe e la balaustra costituita da bianche colonne legate a barre di ferro intrecciate furono costruite successivamente. Oltrepassando questo spazio si accede all' interno della chiesa, che di pianta longitudinale ad unica navata termina con un abside. La struttura è illuminata da grandi finestroni posti in alto ai lati delle pareti. L' interno accusa i danni di una tinteggiatura del novecento, forse del dopo guerra che ha rovinato la qualità architettonica dell' edificio. Nella chiesa si possono osservare diverse opere: - una " Madonna delle Grazie " dipinta su cuoio del XIV secolo appartenuta ad un tempio che si innalzava nei pressi dell' ex convento francescano; - una " Contemplazione " attribuita dapprima al Barocci, poi al Ridolfi, artista veronese allievo del Barocci; - un " Crocefisso " del 1500 circa; - un organo posto sopra al portale d' ingresso.
Details
Date of building: XVII Secolo
-Convento dei Frati Cappuccini
La costruzione del convento è avvenuta dopo la liberazione consigliare del 16 aprile del 1560. E' stato possibile costruirlo grazie alla munificenza di Nicolò Collaterali, di nobile famiglia, che volle donare la costruzione ai frati.
Address Via Colli di Asola
Details
Date of building: XVI Secolo
-Convento dei Padri Passionisti
Le origini del convento, posto in contrada Giannino, risalgono all’anno 1656. In quell' anno Alessandro Collaterale di Morrovalle, fece dipingere, in grandi dimensioni, l' effige della Beata Vergine della Quercia, identica a quella più famosa di Viterbo, facendola collocare nel tronco di una quercia.
In seguito vi fu costruita un' edicola, visto che i rami dell' albero non potevano proteggere il dipinto dalle intemperie; l' immagine della Madonna poteva così essere venerata dai passanti. Nel 1271 Giovan Girolamo Collaterale, ereditata la devozione della Madonna Santissima della Quercia, pensò prima di far restaurare il quadro, poi si adoperò a rendere più decente la rustica edicola che venne chiusa con muro e un finestrino munito di ferrata. I numerosi fedeli che giungevano sul luogo della cappella e le numerose offerte raccolte in essa fecero decidere i superiori ecclesiastici ad edificare una chiesa. La cappellina ove si venerava l' immagine della Vergine rimase al fianco della nuova chiesa in un' edicola fu poi ampliata; fu eretto un altare sopra il quale venne collocato il quadro. L' affluenza dei fedeli e la distanza dal paese, rendevano necessaria la costruzione di un fabbricato a fianco della chiesa adibito ad alloggio per i pellegrini più lontani. Nel 1728 era presente un modesto fabbricato, la contrada dove nacque la piccola chiesa, veniva chiamata Santa Maria delle Grazie così per molto tempo si chiamò " Santa Maria Gratiorum " . Il convento annesso alla chiesa venne dedicato ai Santi Ambrogio e Barnaba, chiamati anche gli apostolini. Nel tempo, lo stravagante comportamento di un eremita allontanò il popolo così il tempio e il romitorio vissero un lungo periodo di decadimento. Nell' anno 1765 la cupolina fu demolita in parte e con il materiale ricavato fu costruita una casa colonica. In seguito, grazie all' iniziativa e alla generosità dell' erede dei beni dei Collaterali, Alessandro Bandini, la chiesa venne restaurata. I padri della Congregazione dei Passionisti accettarono di venire a custodire il luogo sacro, mantenendolo al quanto decoroso grazie alla cura del rigoglioso giardino. Era il 1799, tra di essi un giorno arrivò l' angelico giovane S.Gabriele dell’Addolorata.
Address Piazzale S. Gabriele
Details
-Convento Francescano
Il primo convento Francescano morrovallese sorse nella contrada dell' Angelo (Il Corpo) nel 1200. Da quel convento, un romitorio di piccole dimensioni, Giordano di Aglano, Legato di Re Manfredi rilasciò uno speciale diploma alla città di Montolmo.
Al di fuori della cinta muraria di Morrovalle, oltrepassando Porta Alvaro e scendendo dall' altura arriviamo all' antico convento di S. Francesco, chiamato anche dei Minori Osservanti o Zoccolanti. I frati, sin dai primi tempi dell' ordine francescano, si erano stabiliti nel comune, ma avevano dapprima occupato un altro luogo, un piccolo romitorio nella contrada detta del " Coppo ". Da quel convento Giordano di Aglano, legato di re Manfredi, rilasciò un diploma alla città di Montolmo insieme all' ordine di radere al suolo il castello di Petriolo. Era l' anno 1264. Veniva chiamato "Convento del Coppo" per un coppo che disciplinava il corso della fonte d' acqua ancora esistente. I frati rimasero in questo luogo fino al 1389-90, quando il comune a proprie spese edificò il nuovo convento per liberare i frati dall' ambiente insalubre dell' eremo di Fonte dell' Angelo. In mancanza di documenti non si può precisare l' anno in cui si edificò il nuovo convento, la cui fondazione si deve far risalire a parecchi anni prima del 1390. Nel corso dei secoli quest' edificio subì molti restauri. Ciò che rese celebre questo convento fu il Miracolo Eucaristico che avvenne oltre la metà del 500, nel 1560. Bruciò la chiesa detta di S. Francesco, annessa al convento e tra le rovine venne ritrovati intatti: il Crocefisso, il S.S. corpo di Gesù, un Sacramento e la Santa Pisside. Dopo l' incendio la chiesa venne rifabbricata, di maggiori dimensioni col concorso del popolo e di alcune nobili famiglie di Morrovalle: Lazzarini, Collaterali, Marchetti, Moroni, Mazza, le quali posseggono ognuna un altare con sepolture gentilizie. In uno di essi fu esposto il bel Crocifisso scampato all’incendio. Il tempio fu portato a termine nei primi decenni del secolo XVII. All' origine la porta principale della piccola chiesa guardava a ponente e l' altare maggiore era posto ove ora si trova la porta della Sagrestia. Dell' antica struttura pare sia rimasta a testimonianza la torre campanaria. La chiesa a croce latina a una sola navata con un modesto transetto possedeva tredici altari arricchiti da dorature ed intagli, la pila per l' acqua santa di marmo con colonnine a balaustra, una serie di quadri tra cui quello raffiguranti "Cristo sulla Croce" con sotto S. Bernardino da Siena e altri frati dell’ordine francescano e il sorprendente affresco in cui si legge l' anno 1446 e i nomi della S.S. Vergine con S. Gregorio, S. Francesco, S. Giovanni e S. Antonio da Padova, scritti sotto le immagini intere. In mezzo la figura dell' Ecce homo e più di 50 figure in piccolo collocate intorno. Inoltre di altro autore era la bellissima effige di Maria S.S. con il bambino con intorno due religiosi francescani. Nel 1741 scosse di terremoto danneggiarono il tempio e furono necessarie opere di restauro. Nel 1789, 1793,1794, 1841 la chiesa e il convento subirono restauri sia nella pavimentazione che nell' altare maggiore. Nel 1810 la ventata napoleonica disperse i frati e la chiesa fu chiusa al culto. Tornarono nel 1825 ad operare nuovamente, poi con gli eventi risorgimentali del 1861, i frati furono di nuovo cacciati. Dopo diverse vicende il convento fu venduto a Luigi Canali Conte di Vallerengo. Uomo antireligioso, non curò le antichità che erano nella chiesa, lasciò tutto in abbandono. Le celle dei monaci e il sacro tempio furono trasformati. La chiesa fu adattata parte in cantina e parte in rimessa. Morto il Conte Canale, il municipio ereditò i suoi beni, compreso la chiesa e il convento, che secondo la volontà del testatore doveva essere adibito ad asilo laico infantile con l' obbligo di non impartire alcun insegnamento religioso. All’interno del convento, nel chiostro, c' è il busto del Conte Luigi Canale, opera giovanile dello scultore Cantalamessa. Per adattare e collocare l’opera nel chiostro è stato demolito un pozzetto del XVI secolo, tamponato il colonnato del chiostro rovinando la caratteristica struttura architettonica. Ora il tempio e l' ex convento sono ridotti allo sfascio, le opere pittoriche,scultoree e documentarie di eventi lontani avvenuti in questo edificio importanti per il comune di Morrovalle sono stati in parte conservati in altre strutture religiose del comune: nella collegiata di S. Bartolomeo, nella chiesa di S. Agostino.
Address Guglielmo Marconi, 13
Details
Date of building: XI - XII - XVI Secolo
-Le Antiche Fonti
Queste sono denominate Fonte Maxima ed accorpa la Fonte Filello, la Fonte Sabbione, il lavatoio, le vasche e il camminamento che penetra nella collina.
Fonte Sabbione ha un vita a se stante. Le sue vasche sono due e sono sempre colme d' acqua che fuoriesce da eleganti mascheroni. La fonte è incastonata in un' apertura del monte. Due pregevoli archi la sovrastano e costituiscono una cornice in mattone. Frontalmente si apre una porticina in legno che immette in uno spazio rettangolare entro il quale ci sono vasche di decantazione. Accanto il camminamento mattonato detto " la grotta degli gnomi ", lungo 200/250 metri e porta a ridosso del tempio della chiesa della Madonna dell' AcquaSanta. È un percorso mattonato a volta con archetti di sostegno e alla base si snoda un " correntino " che raccoglie le acque di scolo. Ogni tanto nella sommità della volta, si aprono squarci circolari che immettono aria per la respirazione. A sinistra di Fonte Sabbione, c' è una lunga vasca che all' epoca si usava per lavorare vestimenti infetti appartenenti a gente malata. A destra invece si innalza una costruzione, all' interno un pozzo conteneva le acque che alimentavano le fontanelle pubbliche del paese e cisterne che erano una sul colle Bellavista (in Villa Pace - Leopardi - Patrizi) e l' altra sulla sommità dell' area del " Pincio ". Fonte Filello è la prima vasca che si incontra percorrendo la discesa che da Fonte S. Bernardino introduce all' area delle " Fonti ". Questa fonte raccoglie l' acqua di una sorgente sotterranea. In essa potevano essere abbeverati gli animali. La Fonte Filello alimentava anche le tre vasche ad essa collegate che servivano solo da lavatoio per la biancheria. In fondo, nell' ultima vasca, si lavava solo con sapone o " ranno ". Nella vasca intermedia avveniva il primo risciacquo, nell' altra la pulitura finale. Poi si ponevano tutte le cose lavate ad asciugare sul prato prospiciente. In passato al centro dell’ampio prato si innalzavano vasche che servivano a lavare stracci di scarso valore. Oltre tutto le fonti sono state motivo d’incontro, di conversazione, quindi un luogo dalla duplice funzionalità.
Details
-Palazzetto del Podestà
Sulla sommità del Palazzetto c'erano ed esistono ancora merli ghibellini, a testimonianza di un periodo di lotte sanguinose che ha visto schierata la gente di Morro per la fazione imperiale in contrapposizione a quella della Chiesa Romana.
Costruzione completamente ristrutturata all' interno e modificata, negli anni, all' esterno. Il palazzo è posto al centro del paese, in passato fungeva da palazzo comunale ed ospitava anche il Sacro Monte di Pietà sin dalla risoluzione presa dal pubblico consiglio il 25 gennaio 1475. Furono i religiosi francescani a promuovere quest' ente ed a procedere con esso i moderni istituti bancari. Fu forse S. Bernardino a sperimentare l' iniziativa, senza dare ad esso il crisma della validità giuridica. Poi fu il comune nel 1475 a costituire legalmente il Monte, per liberare i cittadini dagli usurai ebrei. Sappiamo che fu legato alla Confraternita del S.S. Sacramento intorno al 1500, di cui è rimasto a testimonianza sopra il portale, lo stemma in pietra. Nel corso degli anni, l' edificio accolse altre realtà, quali la Gendarmeria Pontificia, l' opificio e in seguito gli uffici tecnici comunali, gli ambulatori della USL. In origine, questa struttura, costruita in mattone aveva alle finestre e ai portali cornici ornamentali di pregevole fattura, di gusto gotico, Come si può notare dall' unico portale, posto sulla sinistra, finemente ornato. Altro elemento antico, quali i merli ghibellini, testimoniano un periodo di lotte sanguinose che ha visto la gente di Morrovalle per la fazione imperiale in contrapposizione a quella della Chiesa Romana. Il resto dell' edificio ha subito modifiche per adattarsi ai lavori del centro storico, così la struttura è stata mutata. Le antiche finestre furono tamponate e ricostruite al loro posto altre di diversa forma, così come le porte d' accesso. Furono scalpellati tutti i motivi ornamentali ( i fregi, i capitelli, le cornici ) così da rendere un' antica superficie ridondante di elementi decorativi una superficie levigata. Nonostante tutto, l' immobile è stato restaurato e sulla facciata si possono notare gruppi di lampioni in ferro battuto, opera artigiana di Menotti Simonetti.
Details
Date of building: XIV Secolo
-Palazzo Comunale
Sorge di fronte al " Palazzotto del Podestà ". Lo spazio su cui fu costruito questo edificio fu acquistato dalla comunità morrovallese nel XIV secolo. Fu edificata una casa di terra di piccole dimensioni che doveva servire da Cancelleria ossia da Segreteria del municipio.
Non sappiamo per quanto tempo l' edificio rimase di queste dimensioni ma sappiamo che nel XIX secolo e precisamente nel 1802 la nuova sede fu adattata ad esigenze municipali. L' esterno del palazzo presenta un lungo porticato ad archi a tutto sesto poggiato su tozze e squadrate colonne. I due piani superiori hanno un numero di finestre quanti sono gli archi sottostanti intervallate due a due da una leggera lesena. Al centro dei due piani compare l' orologio. Le bianche lapidi di marmo, esaltano le gesta legate al sacrificio di uomini semplici al patriottismo di quanti hanno creduto alla grandezza dell' Italia nell' epoca risorgimentale o nelle guerre coloniali. Nella facciata laterale sono inseriti lo stemma del cardinale Mimo (1312) e una lapide a ricordo delle ultime vicende militari (39/44). All' interno il Palazzo non conserva niente di clamoroso. Fino al 1964 esisteva un teatrino affrescato con tre ordini di palchi e il telone del sipario dipinto dall' artista Gaetano Galassi di Fermo. È andato tutto distrutto, la stanza è adibita a Sala Consigliare. Nei locali della Segreteria Comunale in pareti diverse sono murate due pietre scolpite. Una evidenzia l' immagine di un grosso volatile con una scritta non facilmente decifrabile, si tratta di uno stemma di famiglia. L' altra è lo stemma di una persona che ha rivestito dignità cardinalizie, con in alto un ampio cappello cardinalizio e al centro un' aquila coronata segno di regalità e potenza. In basso sono scolpiti due marchingegni bellici a difesa di un patrimonio di Fede contro gli scimastici e a salvaguardia di un potere temporale acquisito. Accanto alla sede municipale è la trecentesca Torre Civica, tozza, squadrata e con merli ghibellini alla sommità.
Address Piazza Vittorio Emanuele
Details
Date of building: XIV Secolo
-Palazzo Lazzarini
E' stato più volte trasformato per cui presenta una commistione di elementi originali insieme a quelli ricostruiti in stile neo-gotico.
L' origine di questo palazzo è collegata alla venuta del capostipite dei Lazzarini, il conte Werner della famiglia dei conti di Lenzburg, calato in Italia dalla Germania nel 1053 con Federico di Lorena in aiuto del Papa San Leone I. Costui si impossessò del castello di Morro e lo ampliò. Da qui complessa e ricca è la storia della famiglia Lazzarini. Il castello di Morro fu diverse volte conteso tra questa famiglia e il vescovo di Fermo. Nel 1164 Guarmiero IV della famiglia Lazzarini perse il castello di Morro in favore del vescovo di Fermo Baligano. Poi vennero Gualtiero e Lazzarino da cui ebbe origine il cognome dei Lazzarini. All' interno del palazzo c' era una lapide del 1247 a ricordo di un restauro avvenuto dopo la battaglia del 1245 combattuta tra le fazioni legate alla Chiesa di Roma e quelle all' imperatore Federico II di Svevia. Il restauro avvenne per volere di Lazzarini dopo aver conquistato il castello. Lo perse nel 1248 perché cacciato dalla comunità di Morrovalle. Sul fronte del palazzo una ulteriore lapide testimonia di un secondo restauro avvenuto nel XVIII secolo. Questa iscrizione è posta sopra il portale centrale d' accesso all' edificio. Quest' ultimo costituisce l' elemento più importante del complesso. In stile gotico con colonne a torciglione rappresenta il riutilizzo di un materiale più antico inserito in un architettura neo-gotica. Esso apparteneva ad un castello che i Lazzarini avevano nella frazione di S. Lucia, fatto demolire nel 1500 da Papa Giulio II (imparentato ai Lazzarini) per alcuni misfatti operati dai membri di quella famiglia. Al centro della facciata si nota anche lo stemma della famiglia: un grande delfino abboccante un delfino piccolo. Nei due piani superiori una serie di finestre incorniciate con elementi decorativi, alla sommità un cornicione con motivi incrociati e una lunga fila di merli ghibellini aggiunti in epoca recente.
Address Piazza Vittorio Emanuele
Details
Date of building: XIV Secolo
-Palazzo Nada Vicoli
Questo antico edificio è stato il Convento dei Padri Agostiniani. Una pietra murata nel manufatto porta la data del 1630.
All' interno si gode di un luminoso scalone in marmo rosa. E' attribuito al Vanvitelli. Una relazione del 1650 attesta che gli antichi documenti sul convento andarono distrutti per un incendio all' archivio pubblico, inoltre riferisce che la chiesa era situata tra due piazze e che nel convento annesso dimoravano dieci o dodici religiosi. Il succedersi regolare delle congregazioni si interruppe quando i Francesi entrarono nel 1797 nelle Marche e nel 1808 occupata da Roma, Napoleone pose fine allo Stato Pontificio e nel 1810 emanò un decreto di soppressione di tutti gli istituti religiosi. Il convento fu soppresso in quell' anno, l’edificio e i beni passarono al demanio napoleonico e fu trasformato in locale d' uso pubblico. L' edificio eretto nella parte retrostante della chiesa di S. Agostino, forma con quest' ultima un unico corpo. L' impianto volumetrico della parte conventuale è complesso per le continue aggiunte di corpi di fabbrica, comunque si può ricondurre alla composizione di due corpi quadrangolari disposti a " L ". I prospetti, ortogonali tra loro, chiudono e arricchiscono la piccola piazza su cui si affaccia anche la chiesa di S. Bartolomeo. Le due facciate principali a mattoni, faccia a vista, seguono la teoria dei tre ordini sovrapposti: il primo di finestre di forma quadrangolare con cornici in cotto caratterizza i locali seminterrati; il secondo di finestre di forma rettangolare con cornici di mattoni più ricche che salgono e si raccordano con i timpani arcuati; il terzo di finestre uguali a quelle del secondo ordine con l' unica differenza nel timpano questa volta triangolare. L' ingresso dell' edificio è posto centrale, rialzato rispetto alla quota della piazza antistante. Si accede ad esso oltrepassando una originale rampa semi-ottagonale in mattoni. Delle cinque finestre dei due ordini superiori, quella sormontante il portone d' ingresso è stata modificata per costruire un balcone sorretto da una mensola in materiale lapideo. Sui prospetti che si affacciano sui vicoli si aprono due finestroni, posti al termine di lunghi corridoi interni. All' interno il collegamento dal piano terra ai superiori è affidato ad uno scalone in marmo rosa, attribuito al Vanvitelli. L' antico edificio inoltre è arricchito da un modesto cortile con pozzetto centrale. In questo palazzo visse Lalla Nada, scrittrice, precorritrice della poesia crepuscolare. La scrittrice si sposò con Vincenzo Vicoli, giornalista, amico di D' Annunzio. La signora quindi conobbe D' Annunzio che firmò la lettera prefazione al libro " Versi ", del 1905. La scrittrice morì in quest’edificio a quasi 100 anni. Ora in alcuni ambienti del Palazzo è ospitato il Museo internazionale del Presepio, il resto è occupato da privati.
Address Piazza S. Bartolomeo
Details
Date of building: XVII Secolo
-Palazzo Roberti
Dimora della Marchesa Vincenza Roberti. Ha la facciata di prospetto in mattone a formelle bugnate. Vincenza Roberti ospitò in quest' antico Palazzo il poeta romano Giuseppe Gioacchino Belli, creatore di versi immortali. Il palazzo è una costruzione del XVI secolo rimasta incompiuta.
Ha una forma più tozza, più massiccia rispetto agli altri edifici, evidenziata ancor di più dall' elemento angolare che sporge rispetto alla facciata ed evidenzia un doppio bugnato. Il resto dell' edificio mette in risalto una serie di finestre del piano nobile con una leggera modanatura e un portale d' ingresso all' estrema destra di notevole pregio architettonico. Dimorò in questo palazzo la marchesa Vincenza Roberti, chiamata dal popolo "Sora Cencia". Belli scrisse dei sonetti in lingua per Vincenza Roberti raccolti nel "il Canzoniere amoroso", per questo la marchesa è stata considerata l' ispiratrice del Belli. Il senatore Alberto Canaletti Gaudenzi raccolse questi versi in un volumetto che pubblicò nel 1929. Gioacchino Belli morì nel 1863; la sua "Cencia" nel 1884.
Address Via Gioacchino Belli, 2
Details
Date of building: XVI Secolo
-Porta Alvaro
Porta medievale. E' l' ingresso principale del centro storico.
Il monumento architettonico risale al secolo XIV. Di esso si parla negli Statuti del 1570. La porta ha subito diverse trasformazioni. Nei secoli passati, ad essa era unita un' alta cinta muraria e le porte in ferro che serravano l' ingresso alla sera. C' erano persino, uomini addetti alla chiusura e all' apertura della porta: venivano chiamati " Clavigeri ". Anche il nome della porta ha subito modifiche. Dapprima denominata " Porta Maris " (perché rivolta verso il mare); poi " Porta dell' Alba" (perché vedeva il sorgere del sole); poi " Porta Alvaro " a ricordo di una battaglia avvenuta nel 1445 tra gli Aragonesi, difensori del Papato e le truppe di Francesco Sforza, usurpatore del potere temporale della Chiesa. Lo Sforza asserragliato nel centro storico combatté contro Alvaro, condottiero aragonese, che cadde ai piedi della porta di questa città. Sul fronte della Porta si può notare lo stemma di S. Bernardino: la Santa Eucaristia; un' iscrizione lapidaria indica al viandante che questa è "Civitas Eucharestiae" definizione voluta dal Consiglio Comunale nel 1960 a ricordo del Miracolo Eucaristico avvenuto nel 1560 nel Convento Francescano.
Address Piazza Cesare Battisti
Details
Date of building: XIV Secolo
-Porta delle Fonti o di San Bernardino
Era ed è la seconda porta storica che immette al centro urbano. E' inserita in un insieme scenografico stupendo, le scale mattonate, i muretti-balaustra e le case abbarbicate sulla collina tappezzata del verde dell' erba. E' la seconda porta d' accesso al centro storico.
Di origine medioevale, del XIV secolo, è stata più volte restaurata. E' inserita in un insieme scenografico, legata alla deformazione collinare scoscesa. E' caratterizzata da una lunga scalinata attraverso la quale si giunge ad un arco a tutto sesto sovrastato da un arco semi-acuto ogivale. Sul frontone, si nota il simbolo di S. Bernardino: la S. Eucaristia. Un documento d' archivio del 1428 testimonia che il Santo entrò da questa porta ed uscì da Porta Maris (Porta Alvaro) Vicino alla Porta S. Bernardino era situata anche Porta S. Donato. Questa che si apriva verso la Valle del Chienti. Soltanto dopo la metà del 1800 fu costruita una strada di circonvallazione che univa le tre porte: S. Bernardino, S. Donato e porta Alvaro. La Porta è stata demolita dopo la guerra contro lo Sforza nel 1445. A testimonianza di questa porta è rimasta soltanto una strada in salita con balaustra mattonata.
Details
Date of building: XIV Secolo
-Santuario della Madonna dell’Acqua Santa
Era alle origini un tempietto di piccole dimensioni dedicato alla Madonna della neve per una nevicata avvenuta il 5 gennaio di un imprecisato anno. Poi un fatto suggerì di ingrandirlo e dedicarlo alla Madonna dell' Acqua Santa. Tre lebbrosi, stanchi e sofferenti per le piaghe che la malattia provocava, arrivarono nel paese, bussarono alla Porta di S. Agostino, non venendo ospitati sostarono nel tempietto. Invocarono la Divinità, la Vergine e i Santi e chiesero di essere guariti da quella maledizione. Nella notte durante il riposo sognarono la Vergine che li incoraggiò a bagnarsi nell' acqua di una fonte che zampillava fuori dal tempio. Si bagnarono e guarirono; da quel giorno in poi la gente accorse a magnificare la Madonna dell' Acqua Santa.
Ingrandirono il tempio e lo affidarono a Girolamo Lazzarini, che nel 1697 trasformò il tempio in Cappellania di Patronato per sé e per i suoi eredi. Annessi alla chiesa vi erano un dormitorio, una casa e una pubblica fonte murata. Dalla famiglia Lazzarini è passata in proprietà Grisei, poi a Francesco Paghetti e Sabatino Jacobuzzi, infine a Monsignor Puecher Passavalli. Ora è di proprietà della parrocchia. All' interno le pareti erano rivestite di ex-voto, in seguito trafugati da mani ignote. Un quadro sull' altare raffigura l' immagine della Vergine che appare agli ammalati di lebbra. Nel Santuario sono le spoglie mortali di Pier Francesco Greci. Una lapide lo ricorda, in cui si evidenzia il fatto che la chiesa fu restaurata, abbellita da Fausto Greci, fratello dell' estinto, nell' agosto del 1880. Non ci sono notizie certe sulle origini, in quanto gli statuti del Comune del 1570 non parlano mai né della contrada dell' Acquasanta né di un' edicola dedicata alla Madonna ma forse perché gli statuti passano in rassegna solo i beni comunali e non quelli della chiesa. Solo nel catasto del 1612 si parla per la prima volta di contrada dell' Acquasanta. Al 1722 risale la prima notizia della chiesa nei catasti, che ricordano la presenza in contrada Acquasanta, di una chiesa elevata a cappellanìa laicale dai Lazzarini. Comunque la chiesa apparteneva ai devoti e alla comunità di Morrovalle che l' aveva fatta fabbricare prima del 1697 poi ceduta a Lazzarini che la restaurò e la trasformò in cappellania. Altre notizie le abbiamo nel 1822, quando il rettore Settimo Gresci, chiede il permesso di erigere nella chiesa dell' Acquasanta un sepolcro gentilizio per i defunti della sua famiglia.
Details
Date of building: 1612
-Villa Pace Leopardi Patrizi
E' appartenuta alla famiglia dei conti Grisei. La villa è a impianto rettangolare. In origine era casino di caccia. Si staglia sulla parte centrale del parco. Intorno, costruzioni di minore interesse architettonico: è sia una piccola Chiesa che una depandance.
Date of building: XVII e XIX Secolo

Muccia

-Castello di Prefoglio
Ruderi di fortificazione medioevale dei duchi Varano, signori di Camerino.Si trova nella frazione di Massaprofoglio, accessibile a piedi, in posizione estrema sul territorio comunale e dominante rispetto alla Val Sant' Angelo.
Details
Date of building: 1400
-Chiesa Santa Maria Di Varano
Chiesa a pianta ottogonale, costruita nei pressi di Muccia dai Varano, signori di Camerino. All'interno pregevoli opere di Andrea de Magistris.
Date of building: 1500
-Fondazione Eremo Beato Rizzerio
Questo Santuario sorge a Coda di Muccia, in una bella zona. In questo eremo riposano le ossa del Beato Rizzerio, discepolo di San Francesco di Assisi. L'Eremo è sede dell'omonimo cenacolo vocazionale, con sala riunioni e strutture ricettive complementari. Aperto tutto l'anno
Tel. e Fax +39 0737 646 527
Address Localita' Coda di Muccia
Details
e-mail
Property: Fondazione Eremo Beato Rizzerio
Date of building: 1970
-Santuario della Madonna in Col di Venti
La chiesa venne costruita sul luogo in cui, secondo la leggenda, furono costretti a fermarsi due pellegrini tedeschi che volevano condurre a Roma la tavola della Vergine col Bambino (sec.XIV).
Per informazioni rivolgersi a Don Gianni Fabbrini +39 737 646214
Property: Ecclesiastica (Curia di Camerino)
Date of building: 1600
-Torre di Massa
Detta anche "Torraccia" a m.s.l.m. 808 presso Massaprofoglio, accessibile a piedi. Rudere di fortificazione dei Varano e forse di origine longobarda, a pianta rotonda, in posizione di controllo rispetto alla Valle del Chienti con vicini boschi.
Details
Date of building: 1200
-Villa La Maddalena
Edificata, nella forma attuale, durante la prima metà del 1600, su un preesistente insediamento, dal Cardinale Angelo Giori, originario di Capodacqua di Pieve Torina, che fu Maestro della Camera apostolica durante il pontificato di Papa Barberini (Urbano VIII), della cui famiglia ricorre spesso, nella villa, la rappresentazione dello stemma (tre api). La villa è ora di proprietà della famiglia Zaccarini Bonelli.
Il complesso architettonico, da sempre destinato alla gestione dell’azienda agricola sui terreni circostanti, è diviso in due cortili, uno prettamente rustico caratterizzato dalle strutture rurali (abitazioni coloniche, stalle, cantine, forno, magazzini) e uno padronale ancora oggi riservato ai proprietari. La Villa è visitabile solo dall’esterno. Inglobata nel complesso la suggestiva chiesa di Santa Maria Maddalena con le pareti completamente decorate. È visitabile durante la celebrazione della messa: la domenica alle ore 19 orario estivo, ore 18 orario invernale.
Address Via La Maddalena
Details
Property: Proprietà privata: Ceccaroni Morotti Cambi Voglia
Date of building: XVII Secolo

Penna San Giovanni

-Chiesa di S. Francesco
Costruita per i frati francescani che vi si stabilirono nel 1457. Nel 1700 fu rimodernata in forme barocche. Conserva il portale originale ed un pavimento in cotto con le tombe delle antiche famiglie nobiliari.
Address Via Colucci
Details
Date of building: XV Secolo
-Chiesa di San Biagio
Di San Biagio si ha una memoria documentale risalente al 1303; ma caratteristiche della costruzione fanno collocare la sua costruzione nell' XI sec., romantica nello stile, all'interno vi si trova la statua del santo cui il luogo sacro è intitolato.
Address Ctr. San Biagio
Date of building: 1303
-Chiesa di San Giuseppe
Ornata di un gran rosone in gesso, col campanile lanciato verso l'alto.
Address Ctr. Pilotti
Details
Date of building: 1587
-Chiesa di Santa Filomena
La chiesa è a navata unica, ornata da molti dipinti. La Santa è ritratta in un dipinto che sta dietro all'altare absidale; e ancora, al di sopra di una altro altare sul lato sinistro.
Address Via Umberto I
Date of building: XIII secolo
-Palazzo del Municipio
E' costituito da tre piani. Il piano centrale ha un ordine architettonico più elaborato. Nella sala consiliare si conserva un affresco dell'epoca, il busto dell'abate Colucci, reperti d'epoca medievale.
Address Piazza del Municipio
Date of building: 1739
-Pieve di S. Giovanni Battista
Unica navata a croce latina. La Pieve conserva la statua di S. Giovanni Battista in legno di cedri dipinto. L'opera è del XV sec e di pregevole valore.
Address Piazza del Municipio
Details
Date of building: XIII Secolo
-Rocca
Resti di un'antica fortezza, inferiormente si può scorgere lo stretto pertugio che ha alimentato la leggenda dei "pulcini d'ore".
Address Parco del Monte

Petriolo

-Chiesa dei SS. Martino e Marco
Chiesa ricostruita all'inizio del XVI secolo ed ultimata nel 1512. Da un inventario del 1684 sappiamo che a tale data, la chiesa aveva assunto il titolo di Prepositura dei Santi Martino e Marco.
Address Piazza S. Martino
Details
-Chiesa della Madonna della Misericordia
Edificata nel 1496 e ampliata nella seconda metà del XVIII secolo su progetto di Pietro Augustoni.
Le nicchie della facciata contengono le statue realizzate dell’artista locale Nello Cruciani. All’interno interessante statua lignea della Madonna della Misericordia realizzata da Antonio Aquilano nel 1525 (altare maggiore) e affreschi realizzati da Ciro Pavisa.
Address Piazza S. Martino
Details
-Chiesa della Madonna delle Grazie
Situata lungo la strada che da Petriolo porta a Mogliano, conserva al suo interno un affresco rappresentante la Madonna col Bambino, ritenuto nel corso secoli miracoloso.
In un foglio di mano del preposto Quintilio Catalini, datato 1613, si può avanzare l'ipotesi (una delle tante) che il leone, simbolo dell'Evangelista San Marco, sia stato aggiunto al primitivo stemma della Comunità di Petriolo, proprio in occasione del trasferimento del titolo prepositurale ed alla conseguente nuova duplice dedicazione della Chiesa matrice del Castello. Nella seconda metà del secolo XVIII, fu infine, costruito l'attuale edificio che occupa una superficie molto più estesa del precedente. La bella ed ampia tela dell'altare maggiore raffigurante i SS. Martini e Marco e sullo sfondo il paese è l'ultima opera di Luigi Fontana eseguita, alla bella età di 81 anni dall'artista ormai quasi cieco.
Address Via Roma, 76
Details
-Chiesa di Santa Maria del Soccorso
In origine si chiamava chiesa di Santa Maria e San Basso, perché frutto dell’unione di due antiche chiese.
All' interno sono conservate due interessanti opere: un affresco, "Madonna in trono con Bambino", attribuito a Lorenzo d' Alessandro da San Severino (XV secolo) e un dipinto su tela rappresentante la Madonna del Suffragio (XVII secolo), originariamente destinato all' omonima chiesa di Petriolo.

Pieve Torina

-Eremo Santuario di Sant’Angelo in Prefoglio
La chiesetta fu costruita all'imbocco della grotta nella quale, secondo la tradizione, sostarono S. Pietro e S. Paolo.
Date of building: 1148
-Santuario di Santa Maria in Carpineto
Si trova lungo la statale 209, in località Roti. Il Santuario è affrescato dal Bontulli e risale almeno al Trecento.
Date of building: 1300
-Santuario di Santa Maria in Caspriano di Casavecchia
Il santuario é attorniato da boschi in un zona di notevole interesse paesaggistico.
Date of building: 1350

Pievebovigliana

-Castello dei Conti di San Maroto
Only few ruins remain of the original castle.
Address Loc.tà S.Maroto
Details
-Castello di Beldiletto
This castle had been built by Giovanni Da Varano. In 1464 it was transformed into a fortified villa by Giulio Cesare Varano.
Details
Date of building: 1371-1381
-Castello di Colvenale
These are the ruins of the ancient castle belonging in the past to the Mondaldeschi family. It was ceded to the town of Camerino in 1216, along with the castle of Colpolina.
Details
Property: Comunale
Date of building: 12th century
-Castello e Chiesa parrocchiale di Roccamaia
Inside, it preserves a remarkable gilded copper chalice and a fresco depicting Our Lady of Mercy.
Address Fraz. Roccamaia
Details
Date of building: 15th century
-Chiesa della Madonna della Pecciana
This small 18th century church is located on the road to Fiastra.
Address Fraz. Roccamaia
Details
Date of building: 1700
-Chiesa del Rosario
This church preserves a painting depicting the Madonna with Child and the Saints Anne, John the Baptist, Charles Borromeo and Angels. There is also a 17th century fresco depicting the Crucifix.
Style: Medieval

Details
Date of building: 1600
-Chiesa di S. Maria Assunta e Cripta Romanica
This church dates back to Medieval times. Inside it preserves 18th-19th century paintings by Luigi Valery (i.e. Madonna di Costantinopoli), Girolamo and Antonio Aspri.
Style: Romanesque

Details
Date of building: 11th century
-Chiesa di San Giovanni dell’Isola
This building has an external porch featuring octagonal brick columns and the symbol of Saint Bernardine on them. There are also fragments of a 14th century Crucifixion.
Style: Medieval

Address Loc.tà Isola
Details
Date of building: 14th century
-Chiesa di San Giusto
This church represents a singular example of Romanesque architecture in the Marche region. It was built between 1050 and 1200. It is located in San Maroto The interior is almost bare, also because the baroque period decorations were removed after a recent restoration, however the ground floor of the tower preserves some frescoes.
Details
Date of building: 11th-12th century
-Chiesa di Santa Maria Maddalena
This church is located on the homonymous mountain at 1112 masl. It preserves very few fragments of painting that reveal a half-bust of a Crucifix and the upper part of a Mary Magdalene, in which it is possible to recognize the hand of Cola di Pietro.
Style: Romanesque

Address Loc.tà Santa Maria Maddalena
Details
Date of building: 1370-1380
-Chiesa e Convento di San Francesco
The monastery preserves frescoes from the 14th to the 17th century. Inside there is also a 14th century Crucifix, a copy of the San Damiano Crosso, the renowned Romanesque rood in Assisi. The shrine dates back to the 13th century and preserves diverse frescoes from the 14th to the 16th century.
Address Loc.tà Pontelatrave
Details
-Palazzo Fani
This is a 19th century noble villa built by Nicola Fani, a landlord from Muccia. Inside, this villa preserves some frescoes.
Details
-Pompeiano
This was once a female religious community. Currently, only two farmhouses remain.
Date of building: 11th century
-Ponte Romanico di Pontelatrave
Romanesque Bridge of Pontelatrave.
Style: Romanesque

Details
Date of building: 14th century
-Torre Colombaia e Palazzo Marchetti di Campi
They are both located in the hamlet of Campi. The dovecote was built using local sandstone, perhaps in the 14th century. The palace was built in the 15th century.
Address Fraz. Campi
Details
Date of building: 15th century
-Villa “Filippo Marchetti”
This 19th century building was the house where Filippo Marchetti, famous Italian musician, lived.
Address Loc.tà Gallazzano
Details
Date of building: 1800

Pioraco

-Chiesa del S.S. Crocefisso
Sorge fuori dell' abitato, sulla riva sinistra del fiume Potenza dove anticamente passava la Cammellaria. Pregevole un dipinto a fresco, opera attribuita a Girolamo di Giovanni raffigurante il Crocefisso cui successivamente la chiesa è stata dedicata.
-Chiesa della Madonna delle Lacrime di Seppio
La Chiesa é nota soprattutto perché conserva la tavola che dà il nome al luogo. All'interno un probabile tempietto romano con una pietra sacrificale attorniata da quattro colonne.
La Madonna della Lacrime si trova nell'omonima chiesa parrocchiale di Seppio di Pioraco, l'immagine è dipinta dal Boccati su tavola ed è datata 1466. La Tavola è il residuo di un trittico: il San Sebastiano è passato al Museo Diocesano di Camerino e il San Vincenzo è andato perduto. La Madonna ha sulle ginocchia il Bambino, ai due lati due angeli e in basso il committente.
Details
-Chiesa di San Francesco
Costruita nel primo ventennio del sec. XIV, dedicata a S. Francesco, annessa all'adiacente convento francescano, conserva all'esterno linee romanico-gotiche con abside poligonale in pietra calcarea ed elegante finestra con bifora sopra il portale.
Tratto dal libro “PIORACO – Il respiro di un paese nelle sue foto”
di Mascambruni Amos

L’origine del convento e della chiesa di s. Francesco ci riconducono al medioevo: 1327. Gli umili fraticelli avevano prima un rifugio a Malpasso, isola incantevole che, ala loro partenza, fece gola ai Da Varano. I frati chiamarono un architetto sapiente a costruire in pietra bianca la chiesa romanica di s. Francesco, con abside poligonale e il “Convento” a chiostro quadrato in mattoni rossi. Pochi decenni dopo un pittore marchigiano dipinse l’edicola con la Madonna nel fondo della valle, ove nel secolo successivo i muratori tirarono su la chiesa del Crocefisso; Arcangelo di Cola vi dipinse l’Annunciazione e Girolamo di Giovanni uno dei suoi Crocefissi. Se gli affreschi elle chiese di s. Sebastiano e dell’Annunziata sono stati distrutti in tempi recenti, la tavola del Signorelli e i dipinti della chiesa del Crocifisso sono stati recuperati e testimoniano lo splendore di Pioraco al tempo della signoria.
Details
Date of building: 1300
-Chiesa di San Francesco “Antica Maestà”
Secondo la tradizione si trovava presso l'imbocco del ponte Cannaro. Fu poi trasportata nella Chiesa del S.S. Crocefisso ed adibita ad altare. Oggi gli affreschi attribuiti ad Arcangelo di Cola si trovano nella Chiesa di San Francesco.
-Chiesa di San Vittorino
Antichissima chiesa plebale, con i rifacimenti degli anni 1794 e del 1945 ha perduto la sua originaria architettura romanica. Restano tracce di affreschi e un battistero in pietra del 1646. Custodisce le spoglie di S. Vittorino, patrono di Pioraco.
Details
-Grotta di S. Vittorino
Da una piazzetta posta dietro l'Attuale Caserma dei Carabinieri di Pioraco, una targa turistica posta all'inizio di una ripida scaletta di cemento indica La Grotta di San Vittorino su un fianco del Monte Gualdo.
Inerpicandosi su per la ripida scaletta si arriva ad una grotticella chiusa da un'inferriata e di ferro battuto contenente un altarino, a circa cento metri di dislivello al di sopra del centro abitato. Si tratta del luogo in cui nel VI secolo si ritirò in penitenza San Vittorino, patrono di Pioraco e fratello di San Severino, patrono e vescovo dell'omonima città. Questa grotticella richiama alla mente analoghi luoghi sparsi per i Monti Appennini in cui si rifugiarono molti Santi anacoreti nel Medioevo. A San Vittorino fu dedicata anche La Pieve, Ia più antica chiesa di Pioraco che, dopo vane ricostruzioni, dal 10 settembre 1950 conserva di nuovo le spoglie del Santo riportatevi dal Duomo di Camerino dove erano rimaste per più di 200 anni.
Address Sentiero di S. Vittorino
Details
-Santuario della Madonna della Grotta
La chiesetta dedicata alla Madonna della grotta, già Madonna della carceri, è parzialmente incastonata nella viva roccia. Conserva la statua della Madonna la cui festa ricorre ogni tre anni.
Tratto dal libro “PIORACO – Il respiro di un paese nelle sue foto”
di Mascambruni Amos

La storiografia artistica ignora completamente la Madonna della Grotta. L’origine del nome è dovuto con ogni probabilità ai romiti che furono detti “inclusi o carcerati” i quali vissero qui nel ritiro. Difficile è schedare la statuina in legno dipinto e do viziosamente vestita sia per devozione sia per coprire la brutta ritintura. La somiglianza del piccolo gruppo alla molteplice produzione statutaria che si diffuse alla fine del ‘400 nelle chiese del Camerinese, non toglie originalità a questa Madonna e al su bambino scolpiti per essere collocati nell’alta grotta. Le altre immagini, tutte, abbassano le palpebre, questa le apre perché gli occhi si fissino vividissimi sui fedeli. Il bambino, che stacca decisamente la testa dal corpo materno, pone allo scultore problemi di movimento e di spazio. Per quanto la scelta iconografica appaia ancora goticheggiante, i segni del rinascimento sono più vistosi che negli altri esemplari finora esaminati dagli studiosi a seguito di restauro. A questa straordinaria Madonnina i piorachesi costruirono in diversi tempi la chiesa, parte addossata, parte nel rientro dello scoglio. In un primo tempo era solo un’edicola corrispondente pressappoco all’attuale presbiterio. Il vescovo che nel 1585 visitò l’ “Oratorium sive cappellam s. Mariae carceris”, trovò solo l’edicola o chiamò “oratorio” e “cappella” la piccola chiesa dipendente da s. Maria di Ponte Cannaro? I vescovi che nel ‘600, ‘700 e ‘800 venerarono la Madonna della Grotta furono accolti nella “chiesa”, salirono “per scalas” alla grotti cella della Madonna e tutti lamentarono che una parte della chiesa era aperta alla pioggia. Nelle visite del ‘700 cominciarono a lamentare che il Crocifisso, bell’esemplare cinquecentesco, fosse chiuso in un armadio a destra dell’altare. L’edificio sorto a pianta circolare, più tardi segnato da lesene, fu completato con l’esterno schiacciato agli angoli per introdurre l’occhio allo scoglio e, dentro, alla forma circolare. Non sappiamo quando per il tetto si trovò la chiusura definitiva. La “Madonna della carcera”, sia la statua sia l’edificio a pianta centrale, richiamano i gusti stilistici di Macereto.

Poggio San Vicino

-Chiesa di Santa Maria Assunta
La costruzione risale agli ultimi anni del XVIII secolo e sorge sull'area di quella precedente, le cui vestigia restano all'interno. La facciata è in mattoni con cuspide a quattro pilastri e terminante in un'ampia abside.
Ci sono cinque altari e quello centrale è marmoreo e ricco di pietre rare. il pavimento, molto elegante nel disegno è stato realizzato dal Pizzi di san Severino Marche. In una nicchia è venerato un Cristo ligneo in croce, pregevole opera fiorentina del XVI secolo, con ottimo lavoro di modellatura. Di buona fattura anche la tela che rappresenta la Vergine Assunta sorretta da una schiera di angeli, con in basso i Santi Pacifico Divini e Caterina da Siena. Notevole inoltre un affresco facente parte della vecchia Chiesa e raffigurante la Vergine in trono.
-Torre civica
Dell'antica fortificazione resta soltanto l'imponente e ben conservata torre medievale situata sul punto più alto di Poggio S. Vicino.

Pollenza

-Abbey of St. Mary of Rambona
The abbey is located along the mid-valley of the river Potenza, nearby Pollenza old town centre.
Santa Maria di Rambona is one of the most suggestive religious structure in Macerata’s province, even if the monastery is nearly disappeared, and from the Roman church remain only a three apses presbytery and the crypt. The front part is completely hidden by private houses, but the ancient church entrance and the ancient façade are still visible, in part. During the High Middle Age, the monastery was very important as it had the jurisdiction to all the big area from the slopes of the Sibillini mountains to the mouth of the river Potenza The Abbey, whose origin is related to the arrival in the area of Benedictine monks around the 18th century, experienced its era of maximum splendour towards the end of the 9th century, when the Lombard Queen Ageltrude provided a new impulse for the Abbey by founding a church on the site of a pagan temple dedicated to the goddess Bona, from whom Rambona derives its name. After a long period of prosperity, it was sacked and partially destroyed by Francesco Sforza in 1433 and from then onwards began its period of decline. From 1483 to 1821 it was placed under lay administration and subsequently became private property, retaining, however, its parish functions from 1819. Over the course of time the monastic structure underwent numerous refurbishments, including work which re-used architectural and decorative materials from the Roman period dating back to the 11th and 12th centuries. Of particular interest is the crypt designed with five aisles divided by Roman columns with Romanesque granite and marble columns with sculpted capitals, one different from the other. All the decorations represent the typical Christian symbolism: baskets, little palms, and typical Middle Age beasts (the lion- representing Christ’s resurrection, the pelican – Christ feeding his Church, etc.). Those are typical from the Romanic age (12th Century). But the original structure was built during the High Middle Age, and had a typical structure in Ottonian style: a unique nave, with a deep apse flanked by two rectangular sacellums (with two little apses too), and connected to the central nave with a big lateral arcade. In the central apse remain two frescos representing the Holy Mary sitting on a throne and Saint Amico that is curbing a wolf. Opening times: from Monday to Friday 4 PM - 7.30 PM Saturday and Sunday 10 AM-12 AM / 3 PM- 7.30 PM Guided tours: Saturday and Sunday 10 AM-12 AM / 3 PM- 7.30 PM In July and August guided tours on THURSDAY and FRIDAY (with the same schedule).
For informations and for non-scheduled tours: Don Giuseppe Verdenelli - Tel. 0733 / 216696 - 368 / 7162337 Feliziani Tarcisio - Tel. 0733 / 542131 - 335 / 442496
Address Località Rambona
Details
e-mail
Date of building: VIII sec. d. C.
-Cantagallo’s Battle – 2nd and 3rd of May 1815
In May 1815, a battle took place in the areas around Macerata, Pollenza and Tolentino. This was a real important event for the Italian history. In this battle, the Neapolitan army lost against the Austrian troops. It was a tremendous conflict: on one side, an army led by Gioacchino Murat, king of Naples and Napoleon Bonaparte’s brother-in law, and on the other side the Austrian army, led by the field marshal Federico Bianchi.
The bloody battle had been named in different ways during the years: Rancia’s battle, Cantagallo’s battle, Tolentino’s battle, Macerata’s battle, or even Monte Milone’s battle (Pollenza’s ancient name, until 1862), and it is surely considered the most important historical event of Macerata’s province. On 30th March 1815, Gioacchino Murat invited the italian people to fight for the independence with the famous “Proclama di Rimini” (Rimini’s edict), trying to reinforce his army with patriotic people. Even if the battle went wrong, May 1815 may be considered a first step in the Italian “Risorgimento”, that would lead to the Italian unification.
Address Altura di Cantagallo in Pollenza
-Immaculate Conception’s church
The church was built in the 17th century (as proved by an official document preserved in the Town Historical Archive), and is nestled in the buildings overlooking the main square, “Piazza della Libertà”. According to the official document, Borromeo Accursi, as a testament on the 17th December 1697, left part of his goods for building four chaplaincies inside the Holy Mary Immaculate Conception’s church.
The building of the church started in 1821 (as written in a plague inside the church, at the right side of the transept) and it is very particular, thanks to its neoclassical façade. Four high plinths support flat lesenes, perfectly inserted in the wall. Over these, a frame, enriched with triglyph and metopes decorated with floral elements. In the facade, there is as well a central tympanum, held in a shaped frame. The lateral compartments, created in the middle of the lesenes, have rectangular windows, on the top of the middle part, a half-circular Diocletian window. Over the portal, there is a flat notice with the Latin inscription: DEO MAGNO AETERNO SACRUM IN HONOREM DEI PAR DEIPARAE AB ORIGINE IMMACOLATAE ANNO DOMINI MDCCCXXIII. The interior is in a Greek cross structure and is very narrow, due to the loss of the fourth arm of the church in the 1800, during the renovation of the main square; for this reason, the front part of the church was demolished so to be at the same level as the adjacent buildings. The main altar is decorated with two angels’ figures 8made in an antique factory in Pollenza) over standing the Holy Mary.
Address Piazza della Libertà
Date of building: 1821
-Madonna della Pace’s church
This little church is located on the top of the Colle Della Croce (Crucifix’s hill), in the middle of some trees. It has an octagonal and Greek cross structure, with a round vault dome and a little cupola. Its façade is rose-colored and it is adorned by flat lesenes.
Inside, three altars consecrated to the Holy Mary, to the Blessed Crucifix and to Saint Diego and, on its ornament sides, Saint Anthony from Padua and Saint Francis from Assisi’s representation. There is as well a very interesting fresco, representing the “Madonna Della Pace” (Holy Mary of Peace): it was taken from the demolished Piè di Terra’s church and put here. This fresco represents the Holy Mary with a delicate face, surrounded by golden clouds and seems like she giving her devotees “confidence and devotion”. The priors and the city council decided to put this Holy Mary’s blessed representation (made by an unknown painter) in a deign temple, so it could remind as well the peace’s agreement with the city of Tolentino, signed in 1547, after many bloody conflicts, due to the Rancia’s castle possession. Even if a city council’s deliberation approved the opening on 5th of February 1612, the church was opened for the citizens only in 1644, due to the scarceness of money, and after the donation of the decent ornaments and of a little adjacent terrain.
Address Viale Dante
Date of building: XVII sec.
-Roman sacrifical altar
It is dated from the Roman imperial period.
Address Inside Pollenza’s Civic Museum.
-Saint Biagio’s church
Impressive church, with its greek cross structure; the interiorior is full of paintings and decorations created by Domenico Tojetti, Virginio Monti, Giovanni Cingolani, Biagio Biagetti, Giuseppe Fammilume; over the main entrance there is a Callido pipe organ dated 1793. It is considered Pollenza’s building-symbol, thanks to its white and reflecting surface, its Neoclasical pronaos with a tympanum over standing and the impressive size.
Designed in 1834 by De Mattia, from Treia, was constructed on the ruins of another little church, existed in the same place, since 1269, and that was under the control of Rambona’s abbey. Est-oriented, toward Jerusalem, the previous church had a cloister and a monastery annexed. In 1791, the religious and civil authorities decided to demolish it and to re-build it more ample and adjusted to the population’s needs. The original idea of the building, designed by the architect Bracchi (inspired by the Pantheon of Rome), so as its works did not last so long, as in the 1806 the roof collapsed down. The reconstruction started immediately and in 1834, with the imprimatur of San Luke’s academy of Rome, the design made by the architect De Mattia was realized, inspired by the church of Monte San Pietrangeli (designed by Valadier). The church was consecrated in 1844; It is composed by four protruding Ionic columns, that sustain the tympanum and the bell tower (35 meters high), a little behind considering the façade, as it was built on the ruins of an ancient tower. In its interior (in Greek cross structure), there is an ample cupola, enriched by frescos made by the roman painter Virginio Monti, who decorated as well the Main Chapel and the central part of the church. Behind the altar, a beautiful canvas, made by the roman painter Domenico Tojetti, stands out. It shows Saint John the Baptist and Saint Biagio, standing under the Holy Mary. On the sides, there are two little chapels, reserved for the confraternities: on the left side, the Blessed Sacrament’s chapel and on the right side, the Blessed Crucifix’s chapel. The first one, decorated by the painter Giovanni Cingolani from Montecassiano, represents the Eucharist’s story and the glorification, while the right chapel, shows the “Christ’s passion”, and it was painted by Biagio Biagetti, from Porto Recanati.
Opening hours: during religious functions
Address Via Roma
Date of building: 1834-44
-Saint Francis and Saint Anthony’s Church and convent
This was the ancient Holy Mary’s church, dated 13th century, and that was under the control of Rambona’s abbey. There is a Franciscan cloister annexed to the church.
There are many religious legends on this church: a hospice was annexed to it, and in this place Saint Amico, the most important monk from Rambona’s abbey, died in 996, and in 1215 here was hosted Saint Francis from Assisi, during his long trip to Loreto. That is why in 1285 the Franciscan order received the church and the annexed hospice as a donation. In 1496 Pollenza was stricken by a terrible plague but, according to the legend, Saint Anthony did a miracle and helped the city to destroy the plague; for this reason, Monte Milone’s council commissioned a wood altarpiece, decorated by Lorenzo D’ Alessandro, from San Severino Marche, and today it is still located behind the main altar. The painting shows Saint Anthony, with a book and a lily, and with his sight pointing towards the Holy Mary and Baby Jesus that appear in the upper-right corner. Under the saint, a group of Pollenza’s citizens praying, and in the background, Montemilone in the 15th century. Architect Tranquilli expanded and transformed the original temple in 1784, designing a compartment with a longitudinal map, with a unique aisle with a barrel vault, and with equally spaced Ionic lesenes. In August 1931, Bazzani designed the facade, framing the antique gothic portal. The façade join tradition and modernity, guzzling the antique portal, in a context of saints, made in Liberty style and diluted by the mosaics, a reference to the Middle Age techniques. The choice to put the Holy Mary on the top of the tympanum is for celebrating the Franciscan order, of whom the Holy Mary is the protector. The portal is dated 1377 and it has an ogee and trefoil arch, that is sustained by pilasters, alternated by little columns. The pediment has on its top a gemmed cross and in the center, the Piani’s family emblem. From the Romanic Church remain the polygonal apse, sustained by strong buttress connected to the vertex by small-blank arches.
Opening hours: during religious celebrations
Address Via Roma
Date of building: ending of 18th century
-Saint Joseph’s church and cloister
The church is annexed to the Poor Clare’s cloister. It has an ancient portal, dated 16th century and decorated with triglyph and stylised flower.
The interior is composed by one nave, adorned by three altars, with impressive golden wood machine, dated the end of the 17th century (baroque style). In one of these, there is a painting, representing Saint Catherine’s wedding, and which recall the “roman school” with its colors and its setting; under the main altar, Saint Giacinto’s rests: he was a roman soldier, died as a martyr, and the altar on the right side is consecreted to him. There is as well a copy of a canvas representing Saint Joseph’s transit and painted by Sebastiano Conca, called “il Cavaliere”, the knight (1680-1764). The original painting was stolen by the Napoleonic troops, and now is conserved inside Brera’s art gallery, in Milan. Beyond the iron grating, behind the main altar, you can glimpse a walnut choir, with 2 orders and 25 seats.
Opening hours: every day, for the rituals.
Address Via Roma
-Town Hall
It has an elegant Baroque front door and a Clock Tower with a dome in the Sansovino’s style with a little iron belfry on its top.
Date of building: 1775

Porto Recanati

-Abbazia di Santa Maria in Potenza
L’Abbazia di Santa Maria in Potenza si presenta come un massiccio e disadorno edificio, dotato a levante di un avancorpo semicircolare culminante in una serie di colonnine e archetti, elementi tipici dello stile romanico.
Property: privata
-Area Archeologica di “Potentia”
Pochi chilometri separano l'attuale centro abitato di Porto Recanati dal suo passato, dalle sue origini. Percorrendo la SS 16 Adriatica in direzione sud si scorge, infatti, un sito archeologico riportato alla luce a partire dagli anni ottanta.
Details
-Castello Svevo
Il Castello Svevo di Porto Recanati deve il suo nome a Federico II Re di Svevia, il quale nel 1229 dona le terre sulle quali sorge al Comune di Recanati. La data della sua costruzione è piuttosto incerta: per alcuni storici risale proprio al 1229, per altri appartiene alla fine del Medioevo e del Feudalesimo.
Details
Property: pubblica
-Chiesa del Preziosissimo Sangue
La Chiesa del Preziosissimo Sangue viene edificata a cinquant'anni di distanza dalla data di costruzione della Chiesa di San Giovanni Battista. Questo complesso liturgico prende nome dai Padri missionari che vi operarono fino al 1862, anno in cui furono costretti a lasciare il Comune.
I locali suddetti, quindi, vengono affidati a Don Alessandro Zaccagnini prima e ai Padri Salvatori poi. Dopo la prima guerra mondiale, il complesso viene ceduto ai Padri Salesiani che, secondo quanto ispirato da San Giovanni Bosco, ammodernano l' oratorio trasformandolo in un centro di accoglienza per giovani. Anche la Chiesa, elevata a parrocchia nel 1938, viene restaurata e arricchita di marmi, secondo l' aspetto attuale.
Address Via Ugo Bassi
Details
Date of building: 1861
-Chiesa San Giovanni Battista
La costruzione dell'attuale Chiesa di San Giovanni Battista risale a circa duecento anni fa. Disegnata dall'architetto Paglialunga di Fermo, venne costruita lungo la via principale di Porto Recanati, l'attuale Corso Matteotti.
L'edificio, a pianta ottagonale e originariamente costruito secondo lo stile neo-classico, è stato restaurato e rinnovato in periodi successivi, precisamente nel 1803, nel 1869 e Durante questi lavori, purtroppo, la maggiorparte degli affreschi che la decoravano sono stati coperti perché considerati di scarso valore. L’interno, attualmente, si presenta secondo i moduli dello stile barocco. Tra le opere più significative vi è una Pala del Peruzzi, raffigurante San Giovanni Battista, Patrono di Porto Recanati; l'antico quadro della Madonna del Soccorso, ospitato nella Cappella del Castello Svevo fino al 1829, anno che segna la demolizione di quest'ultima; quattrordici sculture lignee, che rappresentano le stazioni della via crucis.
-Chiesetta del Suffragio
Antico tempio a lungo chiuso e abbandonato, divenne poi un deposito per cereali. Successivamente fu riconsacrato e dedicato alla celebrazione delle messe di suffragio ai defunti. Tra le opere di rilievo, un'antica tela, che ne adorna l'altare, e il portone bronzeo è stato realizzato dall'artista Cecco Bonanotte.
-Chiesetta delle Suore
Fondata nel 1857 per assistere ed educare fanciulle povere e abbandonate venne chiusa nel 1862 per l' allontanamento dell'ordine reggente. Tornate le suore vi aprono un asilo infantile.
-La Banderuola
Luogo di grande valenza religiosa dell'itinerario spirituale Porto Recanati - Loreto è quello della Banderuola, dove nel 1294 sosta per la prima volta la "Santa Casa della Madonna" nella sua traslazione in Italia.
Details

Potenza Picena

-Chiesa Collegiata
La chiesa, denominata "Collegiata di S. Stefano" in Potenza Picena, già Monte Santo, altro non è che l'antica chiesa di S. Ignazio, appartenuta ai padri della Compagnia di Gesù. Anche l'annesso edificio, sulla sinistra del tempio, oggi quasi interamente adibito ad alloggio delle suore della congregazione Figlie dell'Addolorata ed in piccola parte a sagrestia e sala riunioni (congregazione degli artisti), è stato fino al 1773 - anno della soppressione della Compagnia di Gesù - il collegio dei Gesuiti di Monte Santo.
Chiesa e collegio hanno costituito un complesso organico, come dimostra la pianta del progetto, disegnata dall'architetto p. Giovanni De Rosis attorno alla fine del XVI secolo, ma approvata ufficialmente dal p. Generale della Compagnia nel 1616. La pianta è conservata in copia presso l'archivio storico della Compagnia di Gesù in Roma; l'originale è presso la Biblioteca nazionale di Francia a Parigi. Le vicende della progettazione e costruzione della chiesa e del collegio sono strettamente legate alla presenza dei Gesuiti a Monte Santo. I primi Gesuiti si insediarono nella "Terra" agli inizi degli anni Ottanta del sec. XVI, alloggiando provvisoriamente in abitazioni private, e iniziarono subito la loro attività pastorale. Nel dicembre 1584 viene istituita la congregazione dei "Cittadini ed artisti", sotto il titolo della B. V Assunta. Nonostante la soppressione della Compagnia, avvenuta nel 1773, il sodalizio è sopravvissuto a Potenza Picena fino all'ultimo dopoguerra. All'incirca nello stesso periodo dovrebbe essere nata anche la congregazione dei contadini, dedicata alla Purificazione di Maria. Nel sec. XVIII, i suoi membri fanno costruire, nei sotterranei della chiesa, una cappella affrescata da Benedetto Biancolini, ancora oggi esistente. Nel 1604 nasce anche la congregazione dei nobili, le cui riunioni si tengono, la domenica e nelle feste principali, provvisoriamente nella sede della scuola. Alla congregazione dei nobili si unirà quella degli ecclesiastici. Nei primi anni del Seicento sorge un analogo sodalizio che riunisce gli scolari. Nel maggio 1585, il padre provinciale dell'Ordine, il nobile romano Fabio De Fabiis, alla presenza dei magistrati, priori e popolo, pone la prima pietra della fabbrica del collegio. L' area prescelta è la zona sud dell'antico quartiere di S. Paolo dove sorgevano, tra l'altro, l'ospedale di S. Giuliano e la chiesa di S. Lucia. Questi due complessi, insieme ad altre abitazioni private, verranno abbattuti per far posto al "grandioso" collegio, dotato di un ampio cortile interno. Un progetto di tale genere richiede consistenti risorse; pertanto, al fine di continuare i lavori, la comunità dei Padri dovrà essere sospesa per circa un triennio, alla fine del secolo, impiegando nella fabbrica le rendite dovute alla comunità stessa. Viene rimandata altresì la costruzione della chiesa; i padri, una volta tornati a Monte Santo dopo la sospensione, celebrano in una grossa stanza, adibita al culto. Nel 1616, quando, morto il De Rosis, viene approvato ufficialmente il disegno complessivo, poco più della metà del Collegio è ultimata. La prima pietra della costruzione della chiesa, dedicata a S. Ignazio, viene posta dall'arcivescovo di Fermo nell'agosto del 1631, come riferisce al padre generale il rettore dei collegio santese del tempo, p. Mario Viola. Anche in questo caso i lavori procedono con grande lentezza. Questa, comunque, segue il progetto del tardo Cinquecento, approvato nel 1616, salvo modifiche di non grande rilievo. Infatti la chiesa di S. Ignazio, ora dedicata a S. Stefano, conserva sobrie linee tardo cinquecentesche e non vi sono stati introdotti elementi barocchi. Ultimata probabilmente attorno agli anni Cinquanta del sec. XVII, la chiesa resterà abbandonata per oltre un ventennio, dopo il 1773, in seguito alla soppressione della Compagnia di Gesù. Nel 1796 le autorità religiose santesi, per ragioni che oggi appaiono banali e prestestuose, decidono l' abbattimento dell' antica Pieve di S. Stefano, chiesa "matrice" di Monte Santo, elevata a Collegiata insigne da benedetto XIV nel 1754. Essa si ergeva al centro della piazza grande, nella parte più alta della "terra". Di conseguenza, la Collegiata ed il Capitolo vengono trasferiti nella chiesa di S. Ignazio, la quale, da questo momento, assumerà il titolo di S. Stefano. Il quadro raffigurante S. Ignazio, opera del pittore romano Giacinto Brandi, verrà rimosso dall' altare maggiore; al suo posto viene collocato (e si trova tuttora) il "S. Stefano", che attende ancora una valida attribuzione. I dipinti che raffigurano santi gesuiti, verranno quasi tutti accantonati (di essi si sono in gran parte perdute le tracce nel secondo dopoguerra) e sostituiti con opere provenienti dall'antica pieve demolita. Così, ad esempio, la pala del primo altare, a sinistra, che raffigura la discesa dello Spirito Santo, opera del pittore milanese del tardo Seicento Andrea Lanzani. Se si eccettuano le statue dei santi Ignazio, Francesco Borgia, Luigi Gonzaga, Francesco Saverio e Stanislao Kostka, dell'ex chiesa dei pp. Gesuiti resta solo il dipinto nella seconda cappella a destra, raffigurante la morte (il transito) di S. Giuseppe, attribuito a Benedetto Luti (n. 1666 - m. 1724). Nel sec. XIX sono stati aggiunti: la cantoria dell'organo e l'altare in pietra ascolana, donato alla Collegiata santese dal vescovo fermano card. De Angelis, prezioso altare incautamente rimosso e demolito nel corso dei lavori di ristrutturazione effettuati negli anni Sessanta. Più consistenti modifiche ed interventi ha invece subìto il collegio, nel corso dei secoli XIX e XX.
Address Piazza S. Stefano
Details
-Chiesa della Madonna delle Grazie
La chiesa della Madonna delle Grazie, sita in prossimità di Porta S. Giovanni (una delle tre porte di accesso al paese), ricopre un ruolo importante nella storia del culto dei Potentini. Il tempio sembra sorga nel luogo dove, in origine, vi era un'edicola votiva, ampliata nel corso degli anni per volere dei fedeli. La tradizione narra che l'immagine della Madonna con il Bambino, dipinta su muro intorno al 1400, fosse dispensatrice di grazie, tanto che già nello Statuto comunale, approvato nel 1455 si fa menzione del luogo come "Via Gratiarum".
Verso la metà del Settecento la chiesetta venne chiusa al culto per motivi di sicurezza, data la vetustà della struttura; nel 1788 l'arcivescovo di Fermo, mons. Andrea dei conti Minucci, ordinò di demolirla e di riutilizzarne il materiale per il restauro della chiesa di S. Giacomo. Tale decisione incontrò la fiera opposizione del popolo santese, che si rivolse al conte Leandro Mazzagalli, affinché finanziasse le opere di ristrutturazione del tempietto e ne acquisisse il patronato. Così la chiesa fu ingrandita ed abbellita e vide un sempre maggiore afflusso di fedeli. Anche molti pellegrini, diretti a Loreto, erano soliti farvi visita in segno di devozione e di riconoscenza. Numerosissimi sono infatti gli ex-voto donati alla Vergine dai fedeli (tra di essi figurano anche diverse tavolette decorate con scene di miracoli compiuti) e ancora oggi conservati. Visto il notevole afflusso di visitatori, nel 1872 si diede inizio ad ulteriori lavori di ampliamento della chiesa, terminati nel 1883 con il completo rifacimento della facciata. Nel 1894 si procedette solennemente all'incoronazione della Vergine e del Santo Bambino: nell'occasione si tennero imponenti festeggiamenti in tutto il paese. A causa del crollo del tetto (1970) e del degrado della struttura, la chiesa è stata quasi interamente ricostruita. Purtroppo, in tempi non remoti, sono state rubate per ben due volte le corone d'oro poste sul capo della Vergine e del Bambino.
Address Le Grazie, 51
Details
-Chiesa di San Francesco
Piuttosto antiche appaiono le origini del convento dei Francescani Conventuali, detti di S. Francesco. Secondo la tradizione, sarebbe stato lo stesso Santo di Assisi il fondatore del monastero di Monte Santo attorno all'anno 1222-23, quando sarebbe giunto nella nostra cittadina con un gruppo di frati.
Nella circostanza, riferisce la tradizione, gli abitanti, attratti dalla santità di Francesco, avrebbero donato a lui ed ai suoi confratelli alcuni 'casalini', nei pressi della chiesa di S. Nicolò, nell'area dell'attuale Pincio. Queste piccole case ed il tempio avrebbero costituito il primo nucleo del monastero. La chiesa, comunemente detta di S. Francesco, in realtà è intitolata a S. Nicolò, raffigurato nel quadro sopra l'altare maggiore. La tradizione riferita non dovrebbe essere del tutto priva di fondamento storico, in considerazione dei fatto che si conservano documenti pontifici concessi al padri di Monte Santo, risalenti alla prima metà del XIII secolo. Dopo un breve trasferimento a Monte "Grugliano" (o Coriolano), i francescani conventuali tornano a S. Nicolò verso il 1298. La chiesa e, probabilmente, il convento dovevano essere, in origine, di modeste dimensioni, come si rileva nel dipinto di S. Sisto, il quale presenta - sembra - una raffigurazione di Monte Santo prima degli interventi edilizi del Settecento. Dall'inventario compilato nel 1729 (ora nell'Archivio storico diocesano di Fermo), la chiesa si presentava a due navate ed era dotata di sei altari, incluso il maggiore. Tra i dipinti che li ornavano, un posto di rilievo meritava senz'altro il polittico su tavola di Vittore Crivelli del 1493, ricordato anche da padre Civalli nella sua nota "Visita triennale". L' opera, della quale si conserva anche il rogito di committenza, è attualmente dispersa. Forse perduti sono anche gli affreschi realizzati dal pittore severinate Ludovico Urbani nel 1491 per la cappella di Santa Venera degli Albanesi; da ricordare che famiglie albanesi si erano stabilite a Monte Santo sin dalla seconda metà del XV secolo. Restano invece nella parete delle scale che portano alla cantoria parti di affreschi risalenti al sec. XIV, i quali, secondo alcuni studiosi , raffigurerebbero una "Visitazione". La chiesa attuale risale alla seconda metà del sec. XVIII. I lavori si sono protratti per oltre un decennio dal 1766 al 1778. L' esterno ed il campanile, assai elevato, sembra siano stati progettati dall'architetto comasco Pietro Augustoni, attivo anche nella nostra cittadina. Non sappiamo se il medesimo Augustoni abbia realizzato anche l'interno molto scenografico, impreziosito da quattro eleganti statue che raffigurano le virtù cardinali. Da ammirare, nella chiesa, anche il coro ad intagli, opera dell'ebanista Moschetti, ed i confessionali. I dipinti, quasi tutti settecenteschi, hanno patito a causa dell'umidità; quelli sugli altari laterali raffigurano un "Miracolo di S. Giuseppe da Copertino", la "Natività" ed il "transito di S. Andrea di Avellino". Le due tele dipinte, ai lati del quadro d’altare maggiore, ricordano invece altrettanti momenti dell’approvazione della regola francescana. Anche i conventuali di Potenza Picena hanno subito le soppressioni napoleoniche e post-unitarie. Oggi la chiesa è di proprietà demaniale; appartiene invece al Comune ciò che resta del convento, in buona parte demolito nella seconda metà del sec. XIX. I suoi locali oggi ospitano la Biblioteca, l' Archivio Storico e la Pinacoteca Civica.
-Chiesa di San Giacomo
La chiesa di S. Giacomo Maggiore, nel pressi della porta Galiziano, risale alla seconda metà del secolo XIV. Oltre che allo sviluppo edilizio di Monte Santo (crescita del borgo di Galazzano), la costruzione e l' officiatura della chiesa sono legate all'attività della confraternita del "Corpus Christi", detta anche di S. Giacomo.
Si tratta di un sodalizio un tempo unito alla confraternita di S. Maria Maddalena, che aveva sede presso l'omonima chiesa dei pp. Agostiniani. In data 13 novembre 1430 la curia vescovile di Fermo indirizza a Ludovico di Tommaso, priore della Confraternita di S. Maria Maddalena di Monte Santo (che è "ad servitium Dei, sanctae Mariae Virginis, sancti Jacobi ac beatae Mariae Magdalenae"), un privilegio col quale autorizza la costruzione di un "ospedale" per accogliere poveri e malati, intitolata a S. Giacomo nel borgo anzidetto. La chiesa, all'epoca, era già stata edificata, come rivela il catasto di Monte Santo del 1371. D'altro canto, secondo alcuni autori, il rosone in pietra arenaria, ancor oggi esistente sulla facciata della chiesa, risalirebbe proprio agli ultimi decenni del Trecento. Di certo chiesa ed ospedale hanno costituito un complesso unico fino alla metà del sec. XVIII. L' ospedale è gestito dalla confraternita del "Corpus Christi" o di S. Giacomo, la quale, almeno dal sec. XVI, si rende autonoma da quella di S. Maria Maddalena. I confratelli di S. Giacomo si riunivano nell'omonima chiesa. I loro delegati, nel 1507, hanno commissionato al pittore Percanestro, nei pressi di Camerino, il trittico su tavola, ancor oggi ben conservato, raffigurante la Vergine col Bambino tra i santi Giacomo Maggiore e Rocco. Nella predella, Bontulli ha dipinto Cristo benedicente tra gli Apostoli e, alle estremità, l' Annunciazione. L' ospedale, già più volte sospeso dalla curia vescovile per "scorcerti" che vi si erano verificati, viene chiuso d' autorità nel 1765, per essersi ridotto a ricovero di malviventi, in particolare di ladri. Contemporaneamente la chiesa assume dignità di parrocchia con giurisdizione sulla parte sud-ovest della "Terra" e del suo territorio. Non cessa invece l' attività devozionale e caritativa della confraternita, che sussiste tutt' oggi con circa 50 aderenti. La chiesa viene ristrutturata totalmente all' interno alla fine dell’Ottocento, assumendo connotati neo-gotici. La facciata verrà in parte rifatta nel 1943, su disegno dell' architetto Eusebio Petetti.
-Chiesa di Sant’Agostino
Discendendo via Silvio Pellico, si scopre l'ex complesso di S. Agostino, che si estende su una porzione non trascurabile del centro storico. Oltre l'ex convento, adibito fino ad alcuni anni or sono a scuola elementare, vi sono la chiesa, il campanile ed il chiostro.
Il primo documento, che attesta la presenza degli Agostiniani a Monte Santo ed il loro insediamento nella preesistente chiesa di S. Maria Maddalena, è conservato presso l'Archivio segr. Vaticano e reca la data del 2 luglio 1250. In quel giorno il vescovo di Fermo, Gerardo, concede loro quella chiesa - già appartenente alla mensa vescovile fermana -, con case, "spiazzi", pertinenze e rendite ad essa spettanti. La concessione venne ratificata dal pontefice Innocenzo IV il 20 settembre dello stesso anno. Nel sec. XIV si hanno notizie di alcuni agostiniani che hanno dimorato nel convento santese e dell'esistenza della chiesa alla quale il Comune offriva della cera. Un testamento, rogato nel 1348, testimonia che certa signora Gebelosa lascia beni per la "fabrica" di S. Maria Maddalena. E’ probabile che il convento fosse stato ricostruito o, quanto meno, rimaneggiato, attorno all'anno 1420. Fin dalle origini la chiesa è stata intitolata a S. Maria Maddalena. Proprio nel complesso è stata rinvenuta, agli inizi di questo secolo, una terracotta che raffigura la santa penitente; il manufatto, attribuito ad Ambrogio Della Robbia, già conservato nella stanza della Giunta municipale, è stato rubato nel gennaio 1997. Secondo alcuni studiosi, il semibusto della santa era in origine collocato sopra l'altare maggiore della chiesa. E la stessa Maria di Magdala è raffigurata nel grande quadro del pittore pesarese Pietro Tedeschi (sec. XVIII) collocato proprio sull'altare maggiore dopo la ristrutturazione settecentesca (ora la tela è esposta nella pinacoteca civica). La denominazione popolare di chiesa di S. Agostino è dovuta al fatto che il tempio era officiato dai pp. Agostiniani, ospitati nell'annesso convento. Fino al primi decenni del Settecento la chiesa era a due navate, con quattro archi, otto altari e tre porte; tracce di due aperture sulla strada pubblica ("il corso") sono visibili ancora oggi. Incerta è la data del rifacimento del complesso, in particolare della chiesa. La sistemazione attuale viene fatta generalmente risalire alla metà del Settecento. I lavori, comunque, si sono protratti almeno sino agli anni Settanta del secolo. Circa i dipinti che osavano il tempio, di rilievo il "S. Nicola da Tolentino intercede per le anime del Purgatorio", attribuito alla scuola di Cristoforo Roncalli, detto il Pomarancio: si fanno i nomi del recanatese Pietro Paolo Giacometti e, soprattutto, dell'umbro Giovanni Antonio Scaramuccia, come possibili realizzatori dell'opera. Ascrivibile alla medesima scuola è forse una piccola tela raffigurante S. Tommaso di Villanova che distribuisce elemosine.
-Chiesa di Santa Caterina
Restano ancora incerte le origini del monastero e della chiesa di Santa Caterina di Potenza Picena. Secondo un catalogo generale benedettino, segnalato dallo studioso mons. Cotognini, i due complessi sarebbero stati eretti nell'anno 1280.
La prima testimonianza certa, però, è il testamento dettato nel 1348 da una signora santese, Gebelosa, la quale lascia alcuni suoi beni terrieri anche al locale convento di Santa Caterina (il documento in pergamena è nell'archivio storico comunale); l'istituto risulta pertanto esistente a quella data. Esso ha ospitato le monache dell'ordine di S. Benedetto, le quali, fino al 1840, non hanno avuto una vita comunitaria perfetta; nel monastero si riunivano donne pie, anche vedove, che si davano agli esercizi di pietà e forse all'educazione delle ragazze, senza sottostare ad una rigida regola né alla clausura. Queste ultime vengono invece introdotte nel 1840 in seguito ad un apposito capitolo celebrato nel monastero e che, insieme al nuovo regolamento, avrà l'approvazione dell'arcivescovo di Fermo. Nel 1446 il cardinale legato della Marca aveva concesso il permesso di dipingere, probabilmente nella chiesa, un'immagine della Madonna, che sarà molto venerata e diventerà meta di pellegrinaggio. La chiesa ed il monastero erano e sono intitolati a S.ta Caterina d'Alessandria vergine e martire (non a S.ta Caterina da Siena). In questo monastero hanno vestito l'abito religioso donne appartenenti anche alle famiglie più illustri di Monte Santo e dintorni. Nel 1638, ad esempio, risulta badessa suor Anna della nobile famiglia Augeni. Incontriamo poi tra le monache i nomi di Adriani, Ruggeri, Spiriti, Ciamberlani, Guarnieri, Gabrielli, Antici e Cenci. Attorno al 1760 si effettuano grandi lavori di ampliamento e di ristrutturazione del convento. La chiesa invece viene quasi ricostruita di nuovo negli anni Quaranta dell'Ottocento. Anche la comunità di S.ta Caterina ha subìto la soppressione napoleonica: dopo il 1810 il convento passa al demanio; verrà ripristinato nel 1820, durante la Restaurazione, ma subirà un'altra, forse più pesante soppressione dopo l'Unità d’Italia, in seguito al noto decreto del 3 gennaio 1861 del commissario Lorenzo Valerio; in base a tale norma alle monache viene tolta la proprietà del beni. Pur ridotte di numero, le monache possono restare in affitto nel loro convento per alcuni anni. Nel 1881 un decreto governativo impone loro la concentrazione presso altro istituto; lasciano pertanto il monastero di Santa Caterina, senza farvi più ritorno. Per qualche anno saranno ospitate dalle Clarisse; poi si offrirà loro l’opportunità di acquistare palazzo Marefoschi, detto anche Massucci, con annessa la chiesa di S. Sisto, eretta dalla confraternita della "Morte ed orazione". Il contratto di acquisto viene stipulato nel 1887; da allora, insieme ad una lenta trasformazione dell’edificio privato in convento, inizia una nuova fase della storia delle monache, le quali da questo momento saranno denominate monache benedettine di S.ta Caterina in S. Sisto.
-Chiesa di Santa Maria della Neve
Fuori della cinta muraria, che divideva il centro abitato dalla campagna, davanti ad ogni porta d'accesso a Potenza Picena (allora Monte Santo), erano state costruite piccole chiese dedicate alla Madonna, probabilmente in segno di riconoscenza alla Vergine da parte della popolazione scampata a gravi crisi epidemiologiche ed a conflitti bellici del sec. XIV.
Tali edifici vengono fatti risalire dagli studiosi agli anni Venti del sec. XV, epoca nella quale, per la crescita del nucleo abitato potentino, viene costruita una nuova e più ampia cinta muraria, terminata nel 1425, rafforzata nel 1471, nel 1480 e nel 1566. Tra queste chiese un posto di particolare rilievo nella storia religiosa e civile di Potenza Picena occupa quella dedicata alla Beata Vergine della Neve, sita nel pressi della porta principale della cittadina. L' ipotesi che le origini della chiesetta risalgano al periodo indicato sembra trovare conferma anche nel fatto che l'affresco presente al suo interno, sopra l'altare, è stato da alcuni attribuito a Pietro da Montepulciano - denominato anche Pietro da Recanati - pittore attivo nelle Marche agli inizi del sec. XV. E' probabile che la chiesa sia stata in origine di modeste dimensioni; qualcuno ipotizza che si sia trattato di una semplice cappellina o edicola. Col tempo, però, viene ampliata e riceve benefici e donazioni. Dal catasto dell'anno 1543, conservato presso l'archivio storico comunale, risulta che la chiesa (e, per essa, il Rettore che ne è titolare e la officia) possiede, nelle immediate vicinanze, un piccolo appezzamento di terra olivata. E' significativo il fatto che, già all'epoca, l'area attorno alla chiesetta viene denominata "contrada di Santa Maria della Neve". La chiesa non "sfugge" alla visita apostolica del 1573, effettuata nella diocesi di Fermo da rnons. Maremonti. Nell'occasione il presule ordina di sistemare il pavimento, imbiancare le pareti nonché migliorare e curare gli arredi sacri. La chiesa attuale sarebbe stata realizzata nel sec. XVII, forse nel 1663 come ricorda un'incisione su cotto ancora oggi visibile. E’ probabile che all'epoca siano stati costruiti anche il nuovo altare (nel quale sembrano affiorare elementi baroccheggianti), e la casa adiacente, che nel Seicento e nel Settecento ospitava un "eremita", forse custode del tempietto. Nel sec. XVIII viene aggiunta la loggetta all'ingresso della chiesa, forse per offrire riparo ai viandanti (da ricordare che Potenza Picena era località di transito per i pellegrini diretti al santuario di Loreto). Casa, loggia e, forse, la chiesa stessa costituivano anche un rifugio per coloro che fossero rimasti fuori delle mura dopo la chiusura serale delle porte. Nel luglio 1672 il pontefice Clemente X concede il particolare privilegio di indire ogni anno una fiera il 5 agosto, festa della Beata Vergine della Neve, e nei giorni precedente e successivo, con la possibilità di portare e vendere mercanzie - " panni, seta, animali di qualsivoglia spetie" e prodotti agricoli -, il tutto esente dal pagamento di certi dazi. Il privilegio viene citato anche da un "chirografo" del tesoriere generale della Camera Apostolica del 1743, nel quale si ribadiscono le esenzioni ed i diritti accordati per la fiera e si concede la possibilità di dirimere con rito abbreviato le controversie che possono insorgere nel corso della fiera medesima. Quest'ultima si è svolta fuori delle mura, nei pressi della chiesetta, fino a tempi recenti. La chiesa suburbana della Beata Vergine della Neve, oltre che alla storia religiosa ed economica, è legata anche al ricordo dei principali avvenimenti politici della cittadina. Di qui, il 19 settembre di ogni anno, partiva, guidato dalle magistrature comunali nonché dai rappresentanti del clero e delle confraternite, il pellegrinaggio popolare al santuario di Loreto, in esecuzione di un voto fatto dal Comune alla Vergine per lo scampato pericolo d' " infeudazione " tentata dalla Santa Sede e dal duca di Ferrara, Francesco d'Este, nel 1562. Il tentativo, come è noto, era fallito anche perché la popolazione reagì concorde obbligando il duca a rinunciare al feudo. All' inizio del Settecento nella chiesetta viene sepolto il marchese Ludovico Marefoschi, benefattore della cittadina, il quale istituì, col suo testamento, il conservatorio per le orfane povere del luogo.
-Chiesa Padri Cappuccini
Una volta isolati dal centro abitato, oggi il convento e la chiesa dei Cappuccini si trovano quasi al centro di un nuovo quartiere, il Colle Bianco.
Il primo tentativo infruttuoso, di introdurre i Cappuccini a Monte Santo sembra risalga al marzo 1560, quando il consiglio comunale stabilisce di concedere loro la chiesa di S. Girio con l'annesso convento, in precedenza occupato dai Carmelitani. Alcuni anni più tardi, mentre Monte Santo vive un particolare momento di euforia per la vittoria riportata sulla S. Sede e sul duca Francesco d'Este - che aspirava ad ottenere in feudo la cittadina (1562)- il consiglio comunale invita di nuovo i cappuccini ad insediarsi (1658), offrendo loro un nuovo sito per costruire il convento, sul colle che sarà chiamato, appunto, "dei Cappuccini"(oggi Colle Bianco). L' offerta viene accolta; i lavori sono effettuati nel biennio 1571-72. La chiesa è dedicata a S. Lorenzo Martire. Ma agli inizi del Seicento i frati chiedono di demolire l'intero complesso e, costruire - sembra - a poca distanza dal precedente, un nuovo convento. Non si conoscono le vere ragioni di tale iniziativa. Il secondo convento, che sussiste ancora oggi, viene realizzato tra il 1653 ed il 1657, grazie alle elargizioni dei cittadini, in una posizione che si può definire incantevole. Nella famiglia cappuccina di Potenza Picena si sono distinti diversi frati nella cultura e nella pietà. Vissero vari anni e sono sepolti nel nostro convento, tra gli altri, il p. Michelangelo Bosdari da Ragusa (Dubrovnik), dedito all'apostolato e grande predicatore, mons. Simone Mancinforte, santese, già referendario di Segnatura presso la curia romana. Uno degli ultimi frati distintosi nella pietà è p. Gabriele Felci, il quale ha istituito nel convento un'importante Biblioteca Mariana che esiste ancora oggi. Pure i Cappuccini hanno subìto le soppressioni napoleoniche (1810) e post-unitarie. Dopo il decreto del 7 luglio 1866, la fraternità di Potenza Picena, composta da 7 sacerdoti ed altrettanti laici, abbandona chiesa e convento per trasferirsi in abitazioni private. Frattanto, nell'area adiacente la proprietà dei Cappuccini, era stato edificato il cimitero civico, fin dai primi anni dell'Ottocento. Nel 1869 il Comune acquista dal demanio l'ex convento per installarvi un ricovero di mendicità. Sei anni più tardi i Cappuccini chiedono ed ottengono dal Comune il permesso di assistere i vecchi ricoverati. Alla fine del secolo i frati riacquistano i vecchi stabili, inclusa la chiesa, che sarà in seguito restaurata. All' interno di questa sono conservate importanti opere d' arte; si pensi alla nota "Deposizione" del De Magistris (1576) sulla quale è stato molto scritto, alla "Sacra Famiglia e S. Giovannino", attribuita al toscano Santi di Tito, principale continuatore dell'opera di Andrea Del Sarto (fine sec. XVI) ed alle numerose opere dei secc. XVII-XVIII.
-Chiesa San Tommaso
Il monastero di S. Tommaso Apostolo di Potenza Picena è uno dei più antichi insediamenti del secondo ordine francescano. Secondo la tradizione, il cenobio sarebbe stato fondato, vivente S. Chiara, da due consorelle della Santa.
Alle fondatrici vengono pure attribuite alcune tonachelle ancora oggi conservate nel luogo. Il monastero rivela un'architettura povera, in sintonia con gli ideali dell'ordine francescano, e si è sviluppato con interventi di vario tipo nel corso dei secoli, occupando una vasta area del centro storico, dalla parte di tramontana. La chiesa invece, è stata ricostruita tra la fine del sec. XVII e gli inizi del seguente, demolendo quasi del tutto la precedente struttura. Infatti l'interno mostra linee e decorazioni barocche. Fanno eccezione gli altari in pietra policroma di stile neoclassico, realizzati nel 1780. Sopra i due laterali sono altrettanti dipinti ("L' Annunciazione" e "L' Immacolata tra i SS. Gioacchino e Anna, Francesco e Chiara d'Assisi") forse di scuola romana (fine sec. XVII - inizi sec. XVIII). La pala dell'altare maggiore, invece, che raffigura l'incredulità di S. Tommaso, è stata attribuita a Francesco Caccianiga (1700-1781). Nel cenobio è sempre stata in vigore la regola francescana; le monache hanno fatto vita comune. Fino all'arrivo delle armate napoleoniche, nel 1797, il monastero possedeva vari beni terrieri, in genere ricevuti con lasciti testamentari da persone pie. Le soppressioni napoleoniche e ancor più quelle post-unitarie del commissario Lorenzo Valerio (1861) determinano uno sconvolgimento dell'assetto, non solo economico, del monastero. Questo però è sopravvissuto alle vicissitudini, tanto che, nel 1881, per alcuni anni, il monastero di S. Tommaso ha ospitato anche le monache benedettine di S. Caterina, cui era stata imposta, per decreto, la concentrazione presso altro istituto. La famiglia religiosa, cresciuta di numero e prosperata nella prima metà di questo secolo, soffre oggi di carenza di vocazioni. Il primo documento che lo riguarda è una bolla, in pergamena, emessa dal pontefice Gregorio IX in data 20 ottobre 1227.
-Collegio dei Gesuiti
Il collegio dei Gesuiti era un edificio annesso, sino al 1773, alla chiesa di Ignazio, fondatore della omonima Compagnia. Dopo la soppressione dell'ordine, il plesso è stato adibito ad alloggio delle Suore della congrazione "Figlie dell'Addolorata" e in piccola parte a sacrestia e sala riunione (congregazione degli artisti) annessa alla Chiesa (divenuta Collegiata) della Parrocchia dei S.s. Stefano e Giacomo.Il collegio dei Gesuiti è frutto di una dazione ereditaria di 10.500 scudi alla Compagnia di Gesù in Roma da parte del nobile Antonio Casagrande.
-Convento degli Zoccolanti
Risale alla fine del Quattrocento, anche se sono documentati precedenti tentativi di insediamento degli Zoccolanti a Potenza Picena. Infatti, nel 1463, il papa Pio II, con due bolle inviate al Comune, promuoveva la costruzione di un convento presso la chiesa di S. Girio. I frati però, forse anche a causa dell'insalubrità della valle del Potenza, preferiscono un luogo più vicino al centro abitato.
Viene scelta la collina prospiciente la porta di Galiziano. Nel giugno 1498 il pontefice autorizza l'insediamento e l'anno successivo si pone la prima pietra del convento e della chiesa, dedicata a S. Antonio da Padova. Accanto vi sono orti ed una selva. I frati di Monte Santo sono appartenuti al ramo dei "Riformati", i quali - come è noto - si sono fusi con quelli dell'Osservanza in questo dopoguerra. Nei secoli XVIII-XIX vi si mantiene uno studio di filosofia per chierici di "Professorio", i quali possono usufruire di una biblioteca abbastanza ricca. Importanti alcune opere pittoriche che ornano la chiesa, nella quale hanno avuto sepoltura alcune tra le famiglie santesi più in vista: i Marefoschi, gli Scoccia, i Mancinforte. Questi ultimi sono stati i committenti della tavola, attribuita a Bernardino di Mariotto ("Madonna col Bambino tra i Santi Francesco e Antonio" - anno 1506), ora conservata in Comune, e della nota "Crocifissione" del veneto Palma il Giovane (1599). Rilevante anche la pala dell'altare maggiore di Simone De Magistris (1576). Pure il convento dei minori riformati subisce le soppressioni napoleoniche. Gli stabili vengono venduti a privati, i quali modificano e manomettono le strutture, che verranno utilizzate anche come lazzaretto durante l'epidemia di tifo del 1817. Al tempo della Restaurazione, nel 1831, i frati riacquistano il convento ed il terreno annesso. Dieci anni più tardi riapre anche lo studio di filosofia. Una nuova soppressione si verifica dopo il 1861: lo stabile è demanializzato e trasformato anche in caserma militare. I frati sono rientrati in possesso della chiesa e del convento alla fine del secolo scorso; poco dopo è iniziata l'opera di ricostruzione. Delle decorazioni che ornavano la vecchia chiesa restano solo alcuni piccolissimi frammenti di affreschi. Oggi il convento di Potenza Picena è sede del centro missionario della provincia dei Frati minori e custodisce, all'interno, un ricco museo missionario.
-Corso Vittorio Emanuele
Lungo l'attuale corso Vittorio Emanuele, nel primo Ottocento denominato "il corso", si affacciavano vari palazzi gentilizi.
Delle loro linee e decorazioni originarie resta ben poco. Tuttavia merita particolare menzione il palazzo Trionfi (oggi Mazzoni), che conserva, dalla parte del vico Solanelli, un bel portale in pietra, nel cui frontone compare al centro, sorretto da due angeli, lo stemma di famiglia; alle estremità due figure: una maschile ed un'altra femminile. Il portale è stato fatto erigere da Giovanni Trionfi, patrizio anconitano, nel 1469, forse per onorare i suoi avi e ricordare la sua casa natale. I Trionfi infatti sono originari della nostra cittadina; negli anni Quaranta del sec. XV si sono trasferiti ad Ancona, divenendo una delle famiglie più in vista della città. Nei pressi del palazzo Trionfi sono la chiesa e l'ex convento di S.ta Caterina, il quale un tempo ospitava le monache benedettine; oggi è sede della casa di riposo. Lungo il Corso, prima del vecchio ospedale (ora poliambulatorio) è il palazzo Magner (inizi sec. XVIII), che necessita di restauro. Il vecchio ospedale è stato istituito da Alessandro Bonaccorsi nel 1737, come attesta la lapide esposta nell'atrio del palazzo, sotto lo stemma gentilizio.
Address Corso Vittorio Emanuele
-Palazzo del Comune
Incerte appaiono le origini del Palazzo Comunale. Secondo Galiè, sembra che in origine il palazzo fosse del vescovo di Fermo e che risalisse agli anni 1199-1200.
Con la progressiva conquista dell'autonomia comunale, in particolare dalla metà del sec XIII, l'edificio diventa sede dei Consigli Generale e di Credenza, del Magistrato e di uffici del Comune. Il palazzo viene praticamente ricostruito negli anni 1745-50 per mano del ticinese Pietro Bernasconi, principale collaboratore di Luigi Vanvitelli. Bernasconi aveva già lavorato alla villa Bonaccorsi ed al Palazzo Apostolico di Loreto. L’edificio di Monte Santo era dotato di una loggia anche al piano superiore, come dimostrano le sue raffigurazioni nei dipinti di Benedetto Biancolini. Al di sopra della loggia era una "torretta". Attorno alla metà del sec. XIX la loggia superiore viene chiusa per far posto agli uffici comunali, mentre la "torretta" viene abbattuta per dar luogo ad una soffitta con finestre ad occhio di bue. Dalle piante del 1816-18, risulta che il piano terra era diviso in 13 stanze; ospitavano il forno e lo spaccio del pane venale, la pòsta, il Monte di Pietà e l'Archivio pubblico.
Address Piazza Giacomo Matteotti
Details
Date of building: 1199 - 1200
-Palazzo del Podestà
Il Palazzo del Podesta è di origine trecentesca. E' stato in gran parte ristrutturato nel sec. XVIII (quando sarebbero stati aggiunti i merli ghibellini), e nel primo Ottocento. Ai piani superiori ha ospitato gli uffici del Podestà, eletto dal Comune almeno fin dal 1252, in seguito a privilegio pontificio. Questi era un magistrato, che esercitava eminentemente funzioni giudiziarie; nel sec. XVIII e, ancor più, nell'Ottocento ha visto accresciute le sue competenze in materia amministrativa (controllo dell'operato degli organi e degli 'ufficiali' del Comune e funzioni di polizia).
Il piano terra ed il seminterrato dell'edificio erano adibiti a carcere, del quale restano le porte, ora esposte nella Pinacoteca civica , e il disegno della pianta, risalente alla prima metà del sec. XIX.
Address Piazza Giacomo Matteotti, 28
Details
Date of building: 1199 - 1200
-Piazza Matteotti
La piazza centrale di Potenza Picena, oggi piazza Matteotti, ha più volte mutato la sua intitolazione. Nel medioevo, prima del sec. XIII, viene denominata Piazza di S. Stefano, per la presenza dell'antica pieve dedicata al Protomartire, la quale, secondo alcuni, risalirebbe al VI sec. d.C. In antico regime è generalmente denominata "platea communis" (o "platea magna") e, dopo l'Unità d'Italia, piazza Principe di Napoli. Vi si affacciano i palazzi di alcune tra le famiglie un tempo più in vista: Mazzagalli (ora palazzo Pierandrei), Carradori, Buonaccorsi, Marefoschi (nell'angolo della via omonima, oggi sede di un istituto di credito).
Non ci sono più invece gli edifici di culto già presenti nella piazza: anzitutto la pieve di S. Stefano, elevata nel 1754 a Collegiata insigne, ma demolita nel 1796, e la chiesetta di S. Giovanni "de platea", oggi sede di un ufficio del Comune. Tra gli edifici pubblici che la circondano si segnalano: il palazzo del Podestà (o "pretorile"), la torre civica, il palazzo del Comune e il teatro Mugellini. Il primo, di origine trecentesca, è stato in gran parte ristrutturato nel sec. XVIII (quando sarebbero stati aggiunti i merli ghibellini), e nel primo Ottocento. Ai piani superiori ha ospitato gli uffici del Podestà, eletto dal Comune almeno fin dal 1252, in seguito a privilegio pontificio. Incerte appaiono le origini del palazzo comunale. Secondo Galiè, sembra che in origine il palazzo fosse del vescovo di Fermo e che risalisse agli anni 1199-1200. Con la progressiva conquista dell'autonomia comunale, in particolare dalla metà del sec XIII, l'edificio diventa sede dei Consigli Generale e di Credenza, del Magistrato e di uffici del Comune. Il palazzo viene praticamente ricostruito negli anni 1745-50 per mano del ticinese Pietro Bernasconi, principale collaboratore di Luigi Vanvitelli. Bernasconi aveva già lavorato alla villa Bonaccorsi ed al Palazzo Apostolico di Loreto. L’edificio di Monte Santo era dotato di una loggia anche al piano superiore, come dimostrano le sue raffigurazioni nei dipinti di Benedetto Biancolini. Al di sopra della loggia era una "torretta". Attorno alla metà del sec. XIX la loggia superiore viene chiusa per far posto agli uffici comunali, mentre la "torretta" viene abbattuta per dar luogo ad una soffitta con finestre ad occhio di bue. Dalle piante del 1816-18, risulta che il piano terra era diviso in 13 stanze; ospitavano il forno e lo spaccio del pane venale, la pòsta, il Monte di Pietà e l'Archivio pubblico. Nel 1856 a Monte Santo sorge un comitato per la costruzione di un teatro stabile. Tra i promotori dell'iniziativa troviamo il conte Osvaldo Carradori, Achille Gasparrini, il dr. Silvestro Bravi ed il conte Filippo Bonaccorsi, che ottengono le necessarie autorizzazioni governative e comunali. Per la costruzione non vengono impegnate nuove aree, ma si decide di utilizzare un'ala del palazzo comunale. Ne risultano sacrificate, al piano terra, le stanze una volta adibite a deposito dei pegni del Monte di Pietà e ad Archivio pubblico. La progettazione dell'opera è affidata al recanatese Giuseppe Brandoni, che già si era cimentato nel parziale rifacimento della villa di campagna dei Compagnoni Marefoschi. Brandoni ha utilizzato al massimo l'angusto spazio disponibile, creando, oltre la platea, due ordini di palchetti ed il loggione, per complessivi 152 posti. Gli stucchi e le decorazioni pittoriche sono dovute ad un altro recanatese, Filippo Persiani, che terminò l'opera poco dopo l'Unità d'Italia; forse per celebrare tale evento, sulla parte centrale del soffitto è stata dipinta l'incoronazione di una giovane donna (l'Italia). Adibito a sala cinematografica in questo dopoguerra, il teatrino è stato restaurato negli ultimi anni Ottanta.
Address Piazza Matteotti
-Piramide de Mayo
Il monumento, copia di dimensioni ridotte dell'originale sito in Buenos Aires, rappresenta nel modo più evidente e suggestivo, quali rapporti legano Potenza Picena alla terra argentina. Donata alla città dalla Sociedad Potentina de Mutuo Socorro, importante organizzazione di potentini emigrati, fu posizionata a ridosso del Pincio nel contesto di grandiose manifestazioni celebrative, il 16 luglio 1967.
Interamente realizzata in marmo, è abbellita da pannelli bronzei opera dell'artista Giuseppe Asciutti. La piramide è sormontata da una statua, anch'essa in bronzo, raffigurante la Libertà argentina realizzata da Mario Percossi, allora segretario della Sociedad (presidente Faustino Fontinovo). L' emblema della Libertà argentina diventa così, a Potenza Picena, simbolo di un passato che ha visto numerosissimi potentini emigrare oltre oceano. Il monumento è la testimonianza di immensa riconoscenza nei riguardi del paese ospitante e di un amore verso la propria terra natia che il tempo non potrà mai scalfire. Oggi la Piramide de Mayo di Potenza Picena è meta di numerose visite di turisti e soprattutto di quanti, orgogliosi delle proprie radici, tornano a visitare la loro terra ed a riabbracciare i propri affetti.
Address Largo Giacomo Leopardi
Details
Date of building: 16/07/67
-Porta Galiziano
Il nome della porta sembra derivi da un rivo o fosso così denominato, sul cui corso è stata costruita l'omonima fonte, utilizzata nel secoli passati come lavatoio e per abbeverarvi uomini e bestiame.
Il 13 agosto 1365, il Consiglio Comunale discute intorno ad una casa privata sita fuori di "Porta Galazzano", che - come noto - si trova nella parte sud-ovest della "Terra". Quella menzionata nel documento non doveva essere però nel luogo dove si trova l'attuale, costruita invece più tardi, tra la fine del Trecento e gli inizi del secolo seguente, quando viene allargata la cinta muraria cittadina, includendovi un consistente gruppo di case denominato borgo del quartiere di S. Pietro (a sud-ovest della "Terra"), più tardi di "Galazzano" e, in tempi più recenti, di "Galiziano". La porta, in realtà una costruzione che ospitava il corpo di guardia, si apriva tanto verso l'interno della "Terra" quanto verso la campagna. Essa ha subìto varie ristrutturazioni; documentate sono quelle del 1566-72 nonché del 1775, è rifatta la facciata esterna secondo il gusto neoclassico, e si sono aggiunti, alla sommità, dei pinnacoli come mostrano le prime raffigurazione del manufatto risalenti agli anni 1816-18. Nel 1894 si è intervenuti sulla porta per un restauro.
Address Porta Galiziano, Circonvallazione Le Grazie
Details
Date of building: 1775
-Santuario di San Girio
Il Santuario di S. Girio, posto sulla provinciale omonima che unisce Potenza Picena alla S.S. 'Regina', è uno dei luoghi di culto più cari ai potentini. La chiesa, edificata originariamente sopra la tomba del Santo nel 1298, fu ricostruita nel 1560 a spese della comunità di Monte Santo.
Dal parroco D.E. Acciarri, nel 1936, fu trasformata in tre navate ed arricchita di nuova facciata e nuovo campanile. Nel 1951, il parroco D. Elia Malintoppi costruì l'abside e scavò la cripta, ove sono stati rinvenuti elementi appartenenti ad antichi edifici, certamente importanti ma tuttora incerti. Nello stesso periodo l'intera chiesa fu fatta decorare perché cantasse meglio la gloria del Santo. Gli affreschi che dominano l'interno sono stati eseguiti da Ciro Pavisa - che ha utilizzato come modelli, tra gli altri, anche alcuni abitanti del luogo - e rappresentano i momenti salienti della vita del Santo. All'interno del santuario vi è anche un dipinto, raffigurante S. Girio, opera di Benedetto Biancolini, in cui è possibile osservare una antica veduta d'insieme del paese di Monte Santo. Secondo la tradizione, il Santo, nato a Lunello, in Francia, nel 1274, giovanissimo decise di abbandonare ogni ricchezza per recarsi in viaggio con il fratello in Palestina. Dopo essere stato a Roma, volle unirsi al vescovo di Ancona, ma durante il viaggio, in territorio di Monte Santo, colto da grandi ed improvvisi dolori, morì, nonostante le amorevoli cure del fratello. Allora le campane della Pieve di Santo Stefano cominciarono miracolosamente a suonare. Quando gli abitanti di Recanati e Monte Santo si contesero le spoglie del Santo, un bimbo in fasce parlò e disse di lasciare che fossero due buoi senza guida a stabilire dove dare sepoltura al corpo: i buoi si fermarono nel luogo dove oggi sorge il Santuario.
-Torre civica
Della medievale torre civica ben poco si conosce; si ipotizza sia quella raffigurata nel quadro di S. Sisto nell'omonima chiesa. E' certo invece che è stata ricostruita nel sec. XVIII; i lavori iniziarono il 10 giugno 1732 con la solenne cerimonia di posa della prima pietra. Più slanciata dell'attuale, era dotata di una cuspide, alla quale lavorò l'architetto Pietro Augustoni sul finire del Settecento. Colpita da un fulmine, la torre fu di nuovo edificata su disegno dell'ingegnere anconitano Gustavo Bevilacqua (1886).
Address Piazza Giacomo Matteotti
Details
-Torre di Sant’Anna
La cosiddetta "Torre di S. Anna" è ciò che resta di un edificio fortificato di origine medievale, che ha subìto vari rimaneggiamenti nel corso dei secoli. Nei documenti il manufatto viene in genere definito "edificio del Porto", o più semplicemente, "Porto" di Monte Santo. Ripercorrere la storia della "Torre" significa dunque, in gran parte, analizzare le vicende di questo fabbricato che, dalle raffigurazioni settecentesche, appare di forma quadrangolare, dotato di cortile interno, con la porta rivolta verso il mare.
Le sue origini appaiono incerte. Il primo documento che ne attesta l'esistenza è un foglio membranaceo, forse facente parte di un registro, nel quale sono annotate le spese del Comune; vi compaiono, in particolare, acquisti di utensili per il "Porto communis", pagamenti per il trasporto di materiale dal capoluogo al Porto, nonché per il salario di certo Alessandro di Domenico, "capitano dei Porto". Tale pergamena risale alla prima metà del secolo XV. Nell'archivio storico comunale si conserva pure un altro foglio membranaceo, sul quale, nel febbraio del 1426, si annota la nomina di un capitano del Porto, seguita dall'inventario, forse parziale, di beni mobili conservati nell'edificio, che doveva essere, già all'epoca, fortificato. Per il secolo XVI si dispone di maggiori informazioni. Nella prima metà del Cinquecento sono documentate presenze "barbaresche" al largo del nostro mare, pertanto si sente la necessità di rafforzare i1 Porto. Nel 1564 il pontefice Pio IV concede al Comune il privilegio di trattenere il denaro "delle pene dei malefitii" ed i beni confiscati ai rei per riparare le mura castellane nel centro abitato e la rocca del "Porto". E' possibile che questa venga quasi ricostruita integralmente alla fine del secolo, come ricorda una piccola lapide ancora presente sul manufatto. Si ritiene che la Torre sia opera dell'architetto recanatese Verzelli, anche se l'attribuzione si basa su notizie generiche. Relativamente al XVII secolo non è stata rintracciata documentazione rilevante, ad eccezione del rinnovo dei "capitolati" per il Porto, che, però, non si riferiscono all'edificio o alla sua manutenzione, ma solo al capitano. E' quasi certo che l'area portuale registri in questo periodo una progressiva decadenza. La contrazione dei traffici commerciali, in particolare nell'Adriatico, determina, forse, un diminuito interesse del Comune per il Porto, ormai utilizzato quasi solo a scopo di difesa militare e sanitaria. Se ne ha conferma nella prima chiara "descrizione" dell'edificio, forse risalente al primo Settecento, nella quale è ben messa in rilievo la "Torre quadra", il cui "maschio" appare ancora "ben alto e forte, coperto di tegole, commodo da far sentinella". Nonostante l'edificio sia ampio, dotato di un pozzo "d'acqua buona" entro le sue mura ed anche di una cappella "di dir messa", esso è abitato da un solo oste con la sua famiglia; lamentando la quasi completa mancanza di valide armi da difesa, l'anonimo estensore della relazione ricorda i lavori di restauro che sarebbe necessario effettuare. Dopo la metà del secolo XVIII, a favore del Porto si registrano tangibili segni di interesse, sollecitati dalla crescita economica (questa volta limitata al mero settore agricolo) e demografica. Nel 1766 il Comune interviene in modo consistente sull'intero edificio, e, dunque, sulla Torre che sarà "coronata", anche da merli "ghibellini", al pari dei muraglioni perimetrali. I lavori sono documentati dagli atti consiliari nonché dalla data incisa su un mattone presente nel manufatto. A quest'epoca risale anche la prima raffigurazione, che offre la prima immagine in prospetto dell'edificio. La pianta in scala sarà disegnata invece in occasione del primo catasto geometrico - particellare, generalmente detto "gregoriano", che risale al primo Ottocento. Dopo la fine delle guerre napoleoniche, esauritosi il fenomeno delle incursioni "barbaresche" sull'Adriatico, viene meno anche la sua funzione di difesa; l'edificio, che in età napoleonica era stato demanializzato, viene poi lasciato in stato di semi abbandono. Dopo l'Unità d'Italia il Comune ne riacquista la proprietà e qualche anno dopo decide di demolire il manufatto conservando solo la torre vera e propria. Questa subirà un nuovo intervento nel 1884.
-Villa Buonaccorsi
Villa Giardino Buonaccorsi. Una gemma preziosa incastonata fra le colline rigogliose di una delle zone più belle d'Italia. A farle da cornice, uno tra i più affascinanti giardini d'Italia, unico nel suo genere, assai noto all'estero. Sin dalle sue più lontane origini il luogo dovette andare famoso soprattutto per questo giardino: un luogo dove il tempo sembra essersi fermato, tanto che è l'unico giardino italiano del settecento conservato intatto in ogni particolare: dagli arredi delle grotte, al disegno delle aiuole a forma di stella e di losanghe.
Purtroppo si conosce ben poco della storia di questo magico luogo, ma l'intero giardino costituisce un miracolo quasi incredibile di sopravvivenza da un'altra epoca. Sembra probabile che il Giardino fosse disegnato da Andrea Vici (assai attivo nelle Marche) o dai suoi aiuti, sulla traccia di un giardino addirittura preesistente, giacchè parte della casa risale al XVII secolo. Il Giardino Buonaccorsi è un esempio classico di giardino delle Marche, e grazie alle amorose cure dei suoi proprietari (i soci dell'Agripicena srl, proprietaria dell'interno complesso) si è conservato in ottime condizioni. E' questo il motivo per cui l'arte dei giardini in genere e la conservazione di complessi come il giardino Buonaccorsi in particolare, sono realtà così rare e preziose, posto che la loro bellezza è di gran lunga più effimera di qualsiasi altra e la trascuratezza di una generazione può bastare a distruggere tutto ciò che fu fatto in precedenza. Il Giardino Buonaccorsi possiede anche un vasto bosco che cresce distante dalla casa, ed è separato dal giardino mediante un'altra muraglia. Attualmente il bosco si presenta come un giardino all'inglese con molti alberi, un lago artificiale ed un monticello, dalla cui cima si gode una vista splendida sulla vallata fino al mare. Villa Buonaccorsi sorge in questa magnifica cornice. Residenza di campagna della famiglia nobile che aveva dimora nell'omonimo Palazzo del centro storico di Macerata, la Villa rispondeva alle esigenze di una vita comoda e confortevole, con le ampie sale ed il cortile interno. La tenuta di campagna è completata da altri edifici: i granai (una superficie di oltre 5.000 mq), una serie di case a schiera, le scuderie, una piccola Chiesa dove tutt'oggi ogni Domenica mattina si celebra la Messa. La villa si erge sui resti di un luogo fortificato, noto già nel XII secolo e divenuto poi, nel XVI, un palazzo fortificato per il controllo della tenuta agricola della famiglia Buonaccorsi di Macerata. Sull'antico nucleo edilizio cinquecentesco si progettò, dopo il 1665, il cosiddetto "giardino segreto", attualmente occupante l'area tra la villa fortificata e la chiesetta barocca intitolata a S. Filippo. A tale periodo risale anche la ristrutturazione della palazzina originaria, con la loggia rivolta al cortile interno, attribuita a Mattia de' Rossi. Agli inizi del XVIII secolo, al complesso vennero aggiunti edifici (magazzini, mulino ad olio, ecc.) e venne creato il cortile interno con ampie loggie vetrate che si ricollegano a quelle del palazzo posseduto dai Buonaccorsi a Macerata. Prima del 1720 venne realizzato il giardino vero e proprio capolavoro. Nel colle dietro la costruzione e nel versante a Sud furono ricavate una serie di terrazze chiuse e riparate, e pur esposte al sole e dotate di una vista splendida. Tali terrazze offrono un ambiente propizio alla fioritura degli agrumi, coltivati a centinaia a spalliera, ad alberelle, in grandi vasi di terracotta dell'ultimo Ottocento. Complessivamente le terrazze sono cinque: la prima terrazza, che si estende all'altezza del "piano mobile" della villa comprende anche un "giardino segreto" contornato da ciottoli da cui un tempo fuoriscivano simmetrici zampilli d'acqua, che formavano di fatto una galleria in cui un poter passare senza bagnarsi. Sempre sullo stesso piano possiamo ammirare la grotta detta "dei frati". La seconda è caratterizzata dalla razionalità dell'intero impianto di aiuole e rallegrata da due statue raffiguranti Arlecchino e Pulcinella. Nel terzo gradone, denominato "viale degli Imperatori", possiamo ammirare, posta in una nicchia, la meravigliosa statua della dea Flora. Nella quarta terrazza ci si compiace della sobrietà e della linearità delle aiuole e, nella ultime due terrazze sono di epoca più recente rispetto al resto del giardino. Nel giardino vi sono anche un teatrino degli automi ed una chiesetta, oltre numero di meccanismi, non tutti funzionanti, di giochi d'acqua. La casa sorge in cima a un piccolo colle con un panorama incantevole di verdi colline e vallate che si snodano tra esso e il mare. L'esposizione non è casuale: ben orientata al sole e protetta dai venti dominanti in modo da consentire la crescita di piante ornamentali e soprattutto di agrumi, in piena terra e vaso. L'edificio, a pianta irregolare, è composto da diversi corpi di fabbrica che racchiudono un cortile con un portico ingentilito da quattro eleganti Bonazza (primi decenni XVIII). Accanto alla casa c'è anche qui lo spirito malizioso del tempo è testimoniato da un diavolo che spunta inatteso da una nicchia maestosa. Villa Giardino Buonaccorsi riserva al visitatore una serie di sorprese indimenticabili: i giochi d'acqua nei giardini, le serre dove si perpetua la vita di piante secolari, sopravvissute dalla lontana epoca della costruzione del complesso, le statue dei musici che si muovono ritmicamente con i loro strumenti al passaggio dell'acqua, i sotterranei, dove erano conservate le grandi botti de buon vino prodotto dai vigneti della collina e dove son ancora intatte le vasche di pietra per la decantazione dell'olio.
Address Via Giardino
Details
Date of building: 1585

Recanati

-Bastioni
Torri cilindriche, erette nella prima metà del sec. XV ai tempi degli Sforza. Ai piedi delle mura si estende l'area dell'antico "gioco del pallone", ora trasformato in campi da tennis, ove vinse il giocatore a cui il Leopardi dedicò nel 1821 l’Ode "A un vincitore nel pallone". Vastissimo panorama da una terrazza sovrastante le mura.
Address Via Giogo Del Pallone, senza numero
Details
Date of building: 1443 e il 1480
-Casa Bruglia
Edificio semplice in linea di particolare valore storico e architettonico (sec. XV) con decorazioni in terracotta sulle finestre. Fu sede della Congregazione di Carità.
Address C.so Persiani, 77
Details
-Casa Capretti
Detta comunemente "Casa del Boia" risale al sec. XIV. Interessanti le finestre in cotto dei piani superiori.
Address C.so Persiani, 60/a
-Casa Malpeli
Edificio del ’400. Caratteristici i quattro archi murati in cotto.
Address Via Calcagni, 13
-Case Quattrocentesche
Gruppo di case costruite sui resti di un portico ad archi leggermente acuti con fregi in terracotta, del XV secolo. Era la Loggia dei Mercanti, di costruzione medioevale, dove si svolgeva l'antica fiera.
Address Via Falleroni dal 23 al 37
-Cattedrale di San Flaviano e Museo diocesano
Fu ampliata e completamente trasformata nel sec. XVIII. La facciata fu incorporata nel nuovo Episcopio edificato all’inizio del '600.
Nel piccolo atrio che precede il "Sancta Sanctorum", ci sono i sarcofaghi del Cardinale Angelo da Bevagna Vescovo dal 1383-1412, del vescovo Nicolò delle Aste da Forlì che iniziò il Santuario di Loreto (m. 1469) e del Papa Gregorio XII che rinunciò al papato e fu Vicario generale per la Marca (m. 1417). Il soffitto a cassettoni fu fatto eseguire dal cardinale Galamini nel 1620. Il vecchio Episcopio, risalente come l’antica Cattedrale al '300, è ora adibito a Museo Diocesano di arte sacra, ricco di dipinti (sec. XIV-XVI), sculture, reperti archeologici, preziosi reliquiari ecc.
-Chiesa dei Cappuccini
Secondo la regola dell’Ordine è senza ornamenti. Nell'altare maggiore, costruito in noce, si trova un quadro della Madonna di Loreto dipinto dal Pomarancio, mentre nel secondo altare, alla destra di chi entra, è esposta "La Madonna dell'Insalata" (inizio secolo XVII).
Address Piazzale dei Cappuccini
Details
Date of building: 1618
-Chiesa di S. Anna
Costruita nel 1400 e rifatta nel 1700. In essa vi è una fedele riproduzione della Santa Casa di Loreto quale era prima dell’incendio del 1921 e un'antichissima immagine della Madonna.
Address Corso Persiani
Details
Date of building: 1400
-Chiesa di S. Maria De’ Mercanti
È dedicata alla natività di Maria Santissima e appartiene all'antica Confraternita dei Mercanti che al tempo delle fiere era proposta alla vigilanza dell'onestà delle mercature. Fu fabbricata intorno al 1770. Pala dell'altare era il quadro dell’Annunciazione, opera giovanile del Lotto, ora conservato presso il Museo Villa Colloredo Mels.
Address C.so Persiani
-Chiesa di S. Michele
Risale al 1234. Fu rifatta nel '700 su disegno di Orazio Leopardi.
Address Via Cavour, 15
Details
Date of building: dal 1772 al 1778
-Chiesa di San Domenico
Costruita dopo la venuta dei padri Domenicani nel 1272. Nel convento, ora demolito, sostò San Pietro martire che vi lasciò una reliquia della Santa Croce. La Chiesa fu trasformata agli inizi del '700. Nel primo altare a sinistra affresco raffigurante S. Vincenzo Ferreri di Lorenzo Lotto (1513), di fronte allo stesso il S. Sebastiano in terracotta, opera del Torregiani. Il portale è dell’architetto Giuliano da Majano. Scendendo nella via, a destra della chiesa, si incontra Porta S. Domenico del XVI sec., una delle tredici porte delle vecchie mura cittadine.
Address Piazza Leopardi
Details
Date of building: 1272
-Chiesa di San Filippo Neri
La settecentesca facciata è stata restaurata. Interno barocco, a una navata, l'altare maggiore è in legno con una velatura in oro zecchino, come in oro sono le decorazioni delle cantorie, del pulpito e dei coretti. La tela con l'Estasi di San Filippo è di Pier Simone Fanelli, agli altari laterali le tele di San Carlo e della Madonna e Santi rispettivamente di Andrea Pasqualino Marini e di Saverio Moretti.
Address C.so Persiani
-Chiesa di San Francesco
Eretta insieme al convento nel 1200, fu completamente rifatta nel 1766-68. Nell'interno pregevoli opere di Palma il Giovane: Risurrezione nel primo altare a sinistra; Immacolata in sagrestia.
Address Via Castelfidardo
-Chiesa di San Pietrino
Gli ornamenti esterni risalgono al XIV secolo, mentre il portale si presume sia del Vanvitelli. Nel fianco destro sono visibili resti di costruzione romanica.
Address Via Leopardi, 10
-Chiesa di San Vito
Risale al secolo XI, rifatta e ampliata nel sec. XV e XVII. La facciata semplice e vigorosa in cotto con colonne dicromatiche a spirale è del Vanvitelli. L’interno a tre navate è un rifacimento della seconda metà del sec. XVII di Pierpaolo Jacometti.
Da vedere: la tela di F. Damiani (S. Vito al Circo Massimo) 1582; la tavola di G. Valeriani (Crocifissione) e quella di P. De Matteis (Santa Famiglia e santi). Nell’oratorio delle Congregazioni annesso alla chiesa, dove Leopardi giovinetto recitava i suoi discorsi religiosi, è ammirabile una pala (Presentazione) del Pomarancio. Nel lato dell’altare maggiore la tomba di Nicola Bobadilla insigne filosofo e predicatore, compagno di S. Ignazio.
Address Piazzale San Vito
Details
Date of building: 1228
-Chiesa di Sant’Agostino e Torre del Passero Solitario
Fu costruita in stile gotico insieme al convento degli Eremitani di S. Agostino, verso il 1270, poi rifatta un secolo dopo. Il bel portale, di pietra d’Istria, fu eseguito da Giovanni di Fiandra su disegno di Giuliano da Majano (1484). Nella lunetta la statua di S. Agostino. L’interno, rifatto su disegno del Bibbiena, conserva delle tele del Bellini. A destra della Chiesa è il Chiostro dal quale è visibile la torre (sec. XIII) che ha ispirato il Leopardi nella nota poesia "Il passero solitario". Nel Chiostro si trova il Museo di Arte Contemporanea e dei Pittori dell’Emigrazione.
-Chiesa di Santa Maria di Varano
Costruita nel 1450 per i Minori Osservanti insieme al Convento annesso. Nel 1873, cacciati i frati e abbattuti due lati del convento, l’orto divenne pubblico cimitero. Vi si conserva ancora il pozzo di S. Giacomo della Marca ed affreschi nelle lunette del portico. La chiesa subì trasformazioni alla facciata e al soffitto a travatura nel sec. XVIII.
-Chiesa S. Maria di Castelnuovo
Chiesa di fondazione romanica. Ha ancora l’antica struttura a capanna. La facciata a tre grandi occhi (quello centrale in parte occluso) ed il pregevole portale risalgono a un rifacimento del XIII secolo.
La Madonna in Trono della lunetta in pietra, firmata da mastro Nicola Anconetano e datata 11 aprile 1253, è fiancheggiata dagli arcangeli Michele e Gabriele. La torre campanaria nella sua primitiva forma, è la più antica della città (sec. XII). Nell’interno, sottoposto a lavori di restauro, sono stati scoperti frammenti di antichi affreschi di Pietro da Recanati (inizio sec. XV).
Address Via Angelo Giunta
Details
Date of building: XIII
-Colle dell’Infinito
Centro mondiale della poesia e della cultura (ex Convento S. Stefano). È la sommità del Monte Tabor da cui si domina un panorama vastissimo, ispiratore dell’omonima poesia composta da Leopardi a 21 anni. Attualmente è aperto al pubblico come sede del Centro Mondiale della Poesia e della Cultura G. Leopardi, con Biblioteca, Auditorium e Foresteria.
Address Viale Badaloni
Details
Date of building: Il 6 Aprile del 1433
-Ex Casa Gigli
Edificio signorile del XVII secolo. Il 20 marzo 1890 vi nacque il celebre tenore recanatese Beniamino Gigli.
Address Via Piaggia Castelnuovo, 22
-Palazzo Antici Mattei
L'edificio risale al XVI secolo. Casa nativa della marchesa Adelaide Antici, madre di Giacomo Leopardi. Di fronte all’ingresso del palazzo il cardinale Tommaso Antici (1731-1812) fece costruire una scuderia, ornata di un tipico prospetto con alcune statue e busti di epoca romana provenienti dal circo Flaminio di Roma.
Address Via Antici, 7
Details
-Palazzo Benedettucci
Già Melchiorri, fu casa natale di Nicola Badaloni. Qui ha sede la Biblioteca Padre Clemente Benedettucci (45.000 volumi, incunaboli, manoscritti, rare e preziose stampe) ceduta in uso al Comune. Le finestre sotto le arcate della facciata sono settecentesche mentre il portale è seicentesco.
Address C.so Persiani, 44
Details
Date of building: 500
-Palazzo Ceccaroni
Settecentesco Palazzo, già Massucci, costruito su edifici trecenteschi, disegno di Carlo Orazio Leopardi. Fu l’abitazione del ceramista Rodolfo Ceccaroni.
Address Via Roma,14
Details
Date of building: 1612
-Palazzo comunale
Iniziati i lavori nel 1872 su progetto di Pietro Collina, fu inaugurato nel 1898 in occasione della celebrazione del 1° centenario della nascita di Giacomo Leopardi. Al secondo piano: la grandiosa Aula Magna decorata da Gaetano Koch, la Sala di Rappresentanza con il busto del poeta di Giulio Monteverde, la Sala degli Stemmi con le insigne delle città che parteciparono alle celebrazioni leopardiane nel ’98 e l’Aula consiliare decorata da Matteo Tassi. Al piano superiore si trovano il "Museo della Chitarra" intitolato a Oliviero Pigini, la sala dedicata al cerimista Ceccaroni e le sale leopardiane. Davanti al Palazzo Comunale è il monumento a Giacomo Leopardi di Ugolino Panichi.
Address Piazza Giacomo Leopardi,
Details
Date of building: Piazza Giacomo Leopardi,
-Palazzo Dalla Casapiccola
Palazzo nel centro storico di Recanati: la parte centrale, rimasta intatta, fu edificata nel 1600, le ali laterali furono trasformate nel 1800. Fu costruito per ospitare cardinali e altri prelati che da Roma si recavano in pellegrinaggio verso il Santuario di Loreto.
I saloni del piano nobile hanno i soffitti splendidamente affrescati con scene mitologiche e grottesche. In quello principale si possono ammirare un camino in pietra del Settecento e un raro fortepiano a coda datato Vienna 1840. Dal bel giardino settecentesco nel cortile interno del palazzo si può ammirare il "Colle dell’Infinito".
Address P.le Gioberti, 2
-Palazzo Galamini
Fu originariamente della famiglia del Cardinale Agostino, poi degli eredi Carancini. Nella sua struttura sono ben visibili tracce di architettura cinquecentesca, il portale fu rifatto nel '700. Nel cortile è segnalato un capitello a foglie di giglio del sec. XIII.
Address Piazza Leopardi, 10
Details
Date of building: 500
-Palazzo Leopardi
Casa natale del Poeta tuttora abitata dai discendenti della sua famiglia. L' elegante edificio, che riunisce due antichi palazzi, fu eseguito su disegno del canonico conte Orazio Leopardi (1714-1799). Al primo piano vi è una biblioteca di 4 sale che raccoglie oltre 25.000 volumi; nella prima sala sono conservate le opere del Poeta.
Address Via Giacomo Leopardi
Details
Date of building: 700
-Palazzo Luciani-Bambini
Il prospetto ha subito alcune modifiche, ma conserva tuttavia il suo stile cinquecentesco. Sotto le finestre, nella fascia, vi è scolpito: "anno 1514". Durante il Governo pontificio fu sede del Governatore della città che nel piano nobile teneva il suo tribunale. Il disegno è stato eseguito da Cassiano da Fabriano.
Address C.so Persiani, 36
Details
Date of building: 1514 e il 1517
-Palazzo Mazzagalli
Costruzione in mattone cotto, con ornamenti in pietra; il disegno viene attribuito a Giuliano da Majano (fine 1400). Lo stemma sovrastante il portone è dei Massucci della Stella, una delle più antiche e importanti famiglie nobili, ora estinta.
Address Via Roma, 4
Details
Date of building: 1472 al 1484
-Palazzo Podaliri
Ha all'interno una sala decorata con affreschi di scuola romana del sec. XVI. La facciata fu rifatta nel secolo scorso su disegno di Carlo Orazio Leopardi. Interessanti gli infissi lungo Corso Persiani.
Address Corso Persiani, 7
Details
Date of building: 1298
-Palazzo Roberti
E' uno dei Palazzi più belli della città appartenuto alla famiglia dei marchesi Roberti, ora Carancini. Il prospetto fu rifatto nel ’600, su disegno di Ferdinando Bibbiena, in cotto con decorazioni in travertino. Sempre del Bibbiena è il disegno dell’atrio di ingresso e della scala maestosa che è la più ampia e tra le più belle che si possono vedere a Recanati.
Address Via Calcagni,19
-Palazzo Venieri
Costruito dal recanatese Cardinale Venieri, sotto la guida dell’architetto Giuliano da Majano, nella seconda metà del XV secolo. La facciata e l’interno furono completamente trasformati nel 1700. Dell’antica ed elegante costruzione non rimane che il peristilio con un caratteristico arco balcone sormontato da un orologio con la scritta "Volat irreparabile Tempus".
Address Via Cavour, 53
Details
Date of building: 1472
-Porta Marina
Fu ricostruita in sostituzione dell’antica "Porta a Mare" in occasione della visita di Pio VI nel 1782 su disegno dell’arch. Francesco Ciaraffoni di Jesi. Sono state restaurate anche le antiche porte in legno dell’epoca. Ai lati si possono ammirare i due posti di guardia in cui risultano evidenti, oltre ai piccoli camminamenti, bocche di fuoco laterali.
Address Viale Carducci
Details
Date of building: secolo XIII
-Porta Romana
Detta anticamente di Santa Margherita. La trasformazione, ideata dagli architetti Masserini e Brandoni nel 1844, ha incorporato nella sovrastruttura la merlatura ghibellina demolendo il corridoio di difesa che l'univa alla guardiola presso casa Monti.
Address Monte Conero
Details
-Porta S. Filippo
Questa porta ghibellina fu parzialmente restaurata dall'ingegnere Collina nell'800. Conserva i caratteri medioevali. È formata da un grosso torrione con beccatelli a sporto ed una cortina di difesa tagliata da una grande apertura
Address Viale Battisti
Details
Date of building: 1300
-Porte della Pace
Realizzate dall'artista Vincenzo Bianchi. Le opere scultoree sono state donate dall’artista e sistemate in Via I luglio, ribattezzata Strada della Pace.
Address Via I luglio o strada della Pace
-Torre del Borgo
Alta 36 metri e coronata da merlatura ghibellina, fu costruita nella seconda metà del secolo XII come simbolo della fusione in un unico Comune degli antichi castelli. Rimase isolata dopo la demolizione del quattrocentesco Palazzo Comunale nel 1872.
L'attuale merlatura ghibellina su beccatelli a sporgere appartiene ad un posteriore rifacimento. Sulla torre: targa dei caduti di Guido Cirilli (1923); bassorilievo bronzeo rappresentante la Traslazione della S. Casa di Loreto di Pier Paolo Jacometti (1634); orologio il cui quadrante risale al 1562; leone rampante raffigurato nello stemma cittadino, scultura del Sansovino.
Date of building: 1915-1920

Ripe San Ginesio

-San Michele Arcangelo
Parrocchia anticamente custodita dai monaci benedettini, domenicani e cistercensi.
Address Piazza Vittorio Emanuele
Details
Date of building: XIV Secolo
-Torre Leonina
Si innalza all'inizio del centro storico. Ospitò fino a quasi il periodo napoleonico un castellano e soldati a scopo di controllo del territorio.
Property: Comunale
Date of building: XIII Secolo

San Ginesio

-Abbazia di Santa Maria delle Macchie
This Medieval abbey keeps an impressive crypt inside.
Date of building: 1000
-Auditorium di S. Agostino
This was a church formerly administered by Augustinian monks.
Address Via Giacomo Matteotti
Details
-Chiesa di San Francesco
This church is a building of particular political importance for the town of San Ginesio. It was, in facts, the meeting place for popular assemblies.
Address Via Capocastello
Details
Date of building: 1050
-Chiesa di San Tommaso e Barnaba
This church had been a hospice in the past.
Address Via Brugiano
Details
Date of building: 1365
-Collegiata-Chiesa di Santa Maria Assunta
The façade is a combination of two styles: Romanesque on the bottom level and Gothic further up.
Date of building: 1000
-Monumento di Alberico Gentili
This monument was made by Guastalla in the 20th century.
Date of building: 1908
-Ospedale di San Paolo
This hospice is located at the entrance of the town. It was formerly know as Hospice of Pilgrims (“dei Pellegrini”).
-Parco della Rimembranza
This is a War Memorial for those who died in war.
Address Piazza Porta Picena
Details
Date of building: 1925
-Santuario di San Liberato
This shrine was built in the 13th century, commissioned by the Brunforte family, to keep the relics of the Saint.
Address Strada Provinciale di S. Liberato
Details
Date of building: 1274

San Severino Marche

-Abbazia di Val Fucina
Abbazia benedettina del X-XI secolo, particolarmente interessante la cripta ornata di capitelli a volte.
Address Loc.tà Elcito
Date of building: X-XI Secolo
-Area archeologica di “Septempeda”
Resti della romana Septempeda, con torri di tufo del II secolo a.C., avanzi di mura, di edifici pubblici e di un impianto termale.
Visite su prenotazione al Museo archeologico
-Castello di Aliforni
Il castello fu venduto nel 1257 al Comune di San Severino da Guglielmo, vescovo di Camerino. All’inizio del XV secolo il Castrum Alifurni, messo sotto assedio dal Rettore della Marca, venne parzialmente distrutto. Dell’impianto originario resta la quadrata torre di vedetta (m.23-25), in pietra arenaria, dove sono ancora visibili i beccatelli che sostenevano la piattaforma merlata.
Intorno alla torre permangono i resti della cinta muraria, il cui perimetro misurava circa 240 metri, e dell’abitato medioevale di cui si colgono evidenti segni nelle basse porte, in qualche archivolto in arenaria o in cotto e nei gradini scavati nella roccia. Nei pressi sorge la Chiesa di S. Maria Annunziata (XIV sec.), ampliata nel XIX secolo su progetto di Ireneo Aleandri, che conserva un’Annunciazione di Filippo Bigioli e un delicato affresco attribuito a Lorenzo Salimbeni.
Visibile dall’esterno
Address Località Aliforni
Details
e-mail
Date of building: XIII sec.
-Castello di Carpignano
Il Castello di Carpignano, già esistente all’inizio dell’XI secolo come dimora di qualche signorotto del tempo, nel XIII secolo assolveva a funzioni di controllo e di prima difesa proprio nella zona di confine tra i feudi di San Severino e Tolentino spesso, se non sempre, in lotta tra di loro per il possesso dei contigui territori.
Entrò definitivamente in possesso di San Severino nel 1471 e ad opera di Pier Martino Cenci, console della città, fu ampliato e trasformato per poter competere contro le prime artiglierie da fuoco come è testimoniato dai resti della poderosa cinta muraria che originariamente misurava un perimetro di circa 200 metri e dei tre torrioni semicircolari angolari. Sono ancora in piedi la porta di accesso al castello con arco a tutto sesto e la torre maestra (m. 25) munita del cassero (m. 12) a base pentagonale, a cui è addossata la piccola chiesa. Su una delle piccole case costruite all’interno delle mura, con le pietre ricavate dai crolli dovuti al trascorrere del tempo, è possibile notare uno stemma in pietra, infisso a rovescio, su cui è scolpito il “leone rampante”, emblema della fazione guelfa.
Visibile dall’esterno
Address Località Carpignano
Details
e-mail
Date of building: XIII – XV sec.
-Castello di Colleluce
L’importanza strategica del Castello di Colleluce è dovuta alla sua posizione tra la valle del Potenza e del Chienti, strada percorsa nel Medioevo dai vari eserciti che minacciavano alternativamente le signorie dei luoghi. L’antico insediamento fu costruito con una doppia cinta muraria e la torre di avvistamento, a guardia e difesa del territorio di San Severino. Nel 1240 l’imperatore Federico II, in lotta contro il papato, lo devastò e incendiò. Ricostruito venne poi quasi completamente distrutto dall’esercito del re di Napoli, Alfonso V d’Aragona.
Oggi, anche a causa dell’impiego delle pietre come materiale da costruzione, rimangono resti della cinta muraria e l’aspetto di luogo fortificato. La tradizione vuole che il toponimo abbia origine da “Lucus”, il bosco sacro che circondava il tempio pagano sulle cui rovine fu costruito l’insediamento medioevale.
Visibile dall’esterno
Address Località Colleluce
Details
e-mail
Date of building: XIII sec.
-Castello di Elcito
Il Castello di Elcito (fitonimo da “leccio”), abbarbicato su un contrafforte roccioso della catena del Sanvicino a più di 800 m. di altitudine, con le grigie abitazioni dei montanari che fanno corpo con i rocciosi balzi dei circostanti dirupi, conserva pochi segni del castello medievale, qualche traccia di mura e, nel lato nord una delle porte di accesso alla originaria struttura fortificata, costruita ad arco in pietra corniola.
Pur non restando alcuna traccia della torre, il paesino conserva l’aspetto di un castello grazie alla sua posizione tra le alte rocce che costituiscono la sua naturale difesa. Si tratta di un struttura medievale fortificata. Eretto a salvaguardia dell’Abazia benedettina di S. Maria di Valfucina (IX sec.) e come residenza dell’Abate, nel 1298 fu venduto al Comune di San Severino e, ancora oggi, è uno dei luoghi più suggestivi ed aspri del territorio severinate. A circa due chilometri l’altopiano del Canfaito (da “campo di faggi”) con le sue secolari faggete.
Visibile dall’esterno
Address Località Elcito
Details
e-mail
Date of building: XIII sec.
-Castello di Isola
Feudo dei conti Gentili di Rovellone, nel 1305 il castello fu venduto al Comune di San Severino per 8.000 scudi. Notevole l’impianto urbanistico medioevale di cui rimangono pochi resti delle mura e degli edifici circostanti, mentre ancora quasi integra resta la torre maestra in grossi blocchi in pietra arenaria (m. 25), che presenta all’interno interessanti elementi architettonici.
Accanto alla torre si nota qualche vecchio edificio con porte e finestre ad arco a tutto sesto. Dentro le mura del castello si trova la Chiesa parrocchiale dedicata a San Giorgio Martire, il cui ingresso principale è insolitamente situato sotto un grande arco che dà accesso all’abitato. All’interno una serie di pregevoli affreschi eseguiti da Sebastiano Ghezzi nel 1604.
Visibile dall’esterno
Address Località Isola
Details
e-mail
Date of building: XIII – XIV sec.
-Castello di Pitino
Sorge sull’ultima formazione collinare alla sinistra della valle del Potenza, visibile da larga parte del territorio provinciale. Era il Castello più grande e strategicamente più importante del sistema difensivo di San Severino. Si vuole fondato sulla sommità del colle omonimo dal nobile romano Marco Petilio al tempo delle invasioni barbariche.
Del castello, riedificato nel XIII sec., restano ancora oggi imponenti resti: la porta di accesso in pietra arenaria, notevoli tratti della cinta muraria che si estendeva per un perimetro di 400 metri in cui si alternavano i superstiti, rettangolari torrioni. Dalla struttura si erge l’imponente mastio (23 m.) senza aperture, al quale si accedeva solo attraverso un sistema di cunicoli sotterranei ora sigillati. All’interno del perimetro murario si trovano due edifici sacri, uno più piccolo quattro-cinquecentesco con coevi affreschi votivi, e la chiesa di S. Antonio ricostruita intorno al XIX sec. con il caratteristico campanile a cupolino. Fu qui che in epoca pre-romana sorgeva uno dei più importanti abitati piceni che creò ai piedi del colle le tre necropoli di Monte Penna, Frustellano e Ponte di Pitino i cui preziosi corredi funerari sono divisi tra il Museo Archeologico di San Severino e quello Nazionale di Ancona.
Visibile dall’esterno
Address Località Pitino
Details
e-mail
Date of building: XIII sec
-Castello di Serralta e Rocca di Monte Acuto
Andando da San Severino verso Cingoli, alla sommità di un’altura, varcata l’originaria porta del Castello si accede all’antico abitato di Serralta, che conserva resti della cinta muraria e della torre incorporata nella piccola chiesa antistante la suggestiva piazzetta. Nelle vicinanze si scorgono i ruderi della Rocca di Monte Acuto e le grotte di S. Sperandia, dove visse in penitenza la santa di Gubbio.
Visibile dall’esterno
Address Località Serralta
Details
e-mail
Date of building: XIII sec.
-Chiesa della Maestà
Edificata nel 1473 nel luogo di una Maestà, conserva l' originario portale in cotto con belle decorazioni floreali e i due piccoli portali laterali. All'interno si trovano pregevoli affreschi votivi, dipinti da Lorenzo D'Alessandro (XV sec.)
Address Loc.tà Parolito
-Chiesa di S. Maria di Cesello
Costruita agli inizi del XV sec, è singolare dal punto di vista architettonico per il largo spiovente del tetto che protegge un affresco seicentesco.
All'interno tutte le pareti sono rivestite da affreschi votivi (XV - XVII sec.). Altri interessanti affreschi quattrocenteschi sono da segnalare nella Chiesa di S. Maria di Valdiola (XIII sec.), nei pressi della vicina frazione di Chigiano.
-Chiesa di S. Maria di Valdiola
La chiesa del XIII secolo è ricca di interessanti affreschi quattrocenteschi. È situata nei pressi della frazione di Chigiano.
Address Loc.tà Valdiola
Details
Date of building: secolo XIII - XIII
-Chiesa di San Domenico
Costruita con l'annesso convento nella prima metà del XIII secolo, fu riedificata agli inizi del sec XIV e trasformata nelle forme attuali nel sec XVII. All'interno è conservata una pregevole tavola cinquecetesca di Bernardino di Mariotto.
In sacrestia si possono ammirare resti di pregevoli affreschi dei fratelli Salimbeni. Nel Chiostro dell'annesso convento si trovano lunette affrescate, attribuite a Sebastiano Ghezzi e a Ludovico Lazzarelli (XVII sec.).
Address Via. E. Rosa
Details
Date of building: XIII sec.
-Chiesa di San Giuseppe
Costruita nel 1628 a spese della famiglia Tinti, fu fatta riedificare nel 1768 da Vincenzo Tinti, su progetto di Carlo Maggi. La facciata è di gusto rococò.
Address Piazza del Popolo
Details
Date of building: 1628
-Chiesa di San Lorenzo in Doliolo
Secondo la tradizione venne fondata nel VI secolo, ma la chiesa attuale risale al XII secolo e venne più volte rimaneggiata. Il trecentesco campanile costituisce la facciata dell'edificio, nella cripta vi sono resti di affreschi dei fratelli Salimbeni.
Addossato al fianco sinistro della chiesa è il campanile, anch' esso in laterizi e coevo alla facciata, con la cella campanaria aperta in due grandi bifore sotto le quali corre una fascia di archetti. L' interno dopo i radicali rifacimenti del 1741 non conserva nulla dell' impianto originale; a seguito del terremoto sono inoltre stati asportati gli affreschi dei fratelli Salimbeni ( ora conservati nella Pinacoteca ) che un tempo ornavano la prima cappella a sinistra. Di interesse è il coro, intarsiato da Domenico Indivini e allievi.
Address Via della Galetta
Details
Date of building: secolo XI
-Chiesa di Sant’Agostino
La Chiesa, in origine dedicata a S. Maria Maddalena, fu assegnata nel XIII sec. agli Agostiniani. Rimaneggiata a più riprese, subì radicali restauri quando, nel 1827, divenne cattedrale. Interessante la facciata (XV sec.) in cui si nota il bel portale cuspidato in laterizio con tracce di affreschi di Lorenzo d'Alessandro; all'interno si trovano numerose opere.
Address Piazza del Duomo
Details
Date of building: 1827
-Chiesa di Santa Maria della Pieve
Dell'originaria struttura romanica conserva l'abside e il fianco destro; nell'interno affreschi votivi del XIV-XV secolo. Intorno si estende la zona archeologica in cui sono stati riportati ala luce i resti della romana città di Septempeda.
Visite a richiesta al Municipio, tel.+39 733 641 184
Address Loc.tà Pieve
-Chiesa ed eremo di San Michele Arcangelo di Domora (ora grotte di S. Eustachio)
Percorrendo la strada statale che da San Severino Marche conduce a Castelraimondo, a circa due chilometri sulla sinistra, si apre una valletta lunga e stretta fino e diventare una gola. Risalendo una stradina sterrata che costeggia un torrente, sulla sinistra si intravede la chiesa di San Michele Arcangelo con ruderi dell'antico monastero ed una grande grotta che si apre nello spazio antistante.
Gli edifici superstiti risalenti al XIII secolo, constano di una chiesa in parte scavata nella roccia ed in parte coperta da una volta a crociera e di alcuni locali sotterranei già appartenuti ai monaci Benedettini che abitavano l'attiguo monastero e che si recavano e pregare nelle varie grotticelle poste nei pressi e scavate nella roccia. Gli edifici furono realizzati in pietra calcarea locale e furono abbandonati nel 1393 quando il Monastero fu unito a San Lorenzo in Doliolo.
Address Loc.tà Valle dei Grilli
-Duomo Antico
Dedicata a S. Severino, fu la chiesa del primitivo Castello. La facciata in laterizi, degli inizi del XIV secolo, presenta un bel portale trecentesco, sopra il quale si presentano una graziosa edicoletta a tre archi trilobi e un occhio.
Visite a richiesta al personale addetto all’apertura del MUSEO ARCHEOLOGICO “G. Moretti”
Address Loc.tà Castello al Monte
Date of building: Eretta forse verso la metà del X secolo e poi rifatta nel 1061
-Madonnetta di Gaglianvecchio
Già esistente nel XV sec. come Maestà, venne trasformata successivamente in Chiesa. Restaurata e ampliata nel 1853, conserva un affresco di Madonna con Bambino del XVI sec., probabile opera di scuola locale.
Address Loc.tà di Gaglianvecchio
-Maestà di Panicari
Conserva affreschi di Jacopo e Lorenzo Salimbeni. Inizio XV sec.
-Monastero delle Clarisse
Sulla destra della Torre comunale si allunga il muro di cinta del monastero delle Clarisse che termina in una bassa costruzione; è quanto resta del duecentesco Palazzo consolare.
-Monastero di Santa Caterina
Il Monastero fu edificato nel 1261 dai monaci Benedettini e nel 1523 fu donato alle monache Benedettine Cistercensi.
Attualmente le 15 monache che vi vivono continuano la loro esistenza di clausura e di preghiera secondo gli ideali della spiritualità cistercense. Si accolgono giovani in ricerca vocazionale. Si eseguono lavori di ricami e maglie e preparano gustosi dolciumi.
Address Via di Santa Caterina
Details
Date of building: XIX - XIX
-Palazzo Comunale
Eretto nel 1764 su disegno di Clemente Orlandi, ha la facciata interamente in laterizio. Ai lati delle due colonne che sostengono il balcone, si trovano i busti di due illustri cittadini: l'anatomista Eustachio e lo scultore Ercole Rosa.
Address Piazza del Popolo
Details
Date of building: 1177
-Palazzo Franchi, poi Servanzi
Fu fatto costruire da Antonio Jacopo Franchi. Vi abitò il conte Severino Servanzi Collio. Vi si conserva la sua ricca Biblioteca.
-Palazzo Gentili di Rovellone
Fu fatto edificare da Francesco Gentili di Rovellone. La facciata, che poggia su un portico bugnato, è arricchita da cornici in travertino e da belle finestre guelfe.
Address Via Salimbeni
Details
Date of building: 1524
-Piazza del Popolo
Ampia e armoniosa, la piazza del Popolo è il fulcro della città, ha una caratteristica forma allungata ed ellittica ed è circondata da portici. L’impianto planimetrico e le sue dimensioni rimandano all’antica funzione di luogo di mercato, ma la sua attuale configurazione è il risultato di interventi architettonici che vanno dagli inizi del ‘400 alla fine dell’800. Si affacciano sulla piazza, fra gli altri edifici, il palazzo comunale, il teatro Feronia e la chiesa di San Giuseppe.
-Rocca di Monte Acuto
Ruderi della rocca di Monte Acuto (XIII sec.), nei pressi le grotte di S. Sperandia, dove visse in penitenza Sperandia di Gubbio (XIII sec.).
-Rocca di Schito o Rocchetta
Costruita su ruderi di età romana, nel 1415 la Rocha Schiti era un complesso fortificato di importanza strategica in un passaggio obbligato sul passaggio vallivo che congiungeva Tolentino a Treia. Nonostante la quasi completa ricostruzione, con il rifacimento anche delle merlatura a coda di rondine, restano consistenti elementi architettonici come il fossato e due campate del ponte. Delle due torri originarie, è stata ricostruita quella di sud-est. Il complesso è oggi proprietà privata, adibito a casa colonica.
Visibile dall’esterno
Address Località Rocchetta
Details
e-mail
Date of building: XV sec.
-Santuario della Madonna dei Lumi
Fu edificato nel XVI sec. in seguito ad un fatto prodigioso, avvenuto nel 1584, di un grande e ripetuto scintillare di lumi nel luogo dove, su un pilastro, era dipinta l'immagine della Madonna. La costruzione, deve le forme attuali ai Barnabiti, che nel 1657 ebbero la custodia del Santuario, oggi affidato ai Cistercensi.
La costruzione del primo piccolo tempio dedicato a Santa Maria dei Lumi fu iniziata nel 1586, ad opera dei Filippini, sul luogo dove nel gennaio del 1584 si era verificata l’apparizione di un ripetuto scintillare di “lumi” intorno ad una immagine della Madonna dipinta da Giangentile, figlio di Lorenzo d’Alessandro, su un pilone all’ingresso di un podere di un certo Luca di Ser Antonio. Nel 1601 i Barnabiti succedettero ai Filippini nel completamento e nella custodia dell’edificio. Si devono a loro le attuali forme del Santuario con la realizzazione della cupola ottagonale posta all’incrocio del braccio longitudinale con i due bracci laterali e con la costruzione del catino ottagonale. L’interno, a croce latina, presenta diverse cappelle riccamente affrescate e decorate tra cui quella in cui è venerata l’immagine della Beata Vergine Maria dei Lumi il cui altare è stato impreziosito da un rivestimento di pregiati marmi policromi e lapislazzuli. Numerosi gli architetti, i pittori, gli scultori che furono chiamati a decorare il Santuario tra cui Felice Damiani, Giulio Lazzarelli, Venanzio Bigioli, Gian Tommaso da Ripoli, Felice Torelli e G. Andrea Urbani. Nella cappella della Visitazione, la prima a sinistra dell’entrata, sono sistemate le urne con le spoglie dei beati Pellegrino da Falerone e Bentivoglio de Bonis da San Severino, entrambi tra i primi discepoli di san Francesco. Sul pilastro della cappella della Madonna una piccola lapide in marmo nero ricorda che qui è sepolta la mistica del 1500, Francesca Trigli dal Serrone, la cui vita santa consentì l’inizio del processo di beatificazione e con esso l’attribuzione del titolo di “venerabile serva di Dio”. Dal 1901 il Santuario è affidato alla custodia dei monaci Cistercensi che già dalla metà del XVIII erano nella Chiesa di S. Lorenzo in Doliolo. Orario sante messe: festivo 9,30 – 11,30; feriale 16,00 (I) – 17,00 (A) – 18,00 (P-E). Le visite non sono consentite durante le celebrazioni liturgiche.
Per informazioni rivolgersi a +39 733 638 100
Address Via Madonna dei Lumi
Details
e-mail
Date of building: 1560
-Santuario di San Pacifico
Ampliata e restaurata più volte, conserva un antico portale a sesto acuto in laterizio, riccamente ornato con sculture di foglie e di animali.
La chiesa primitiva di S. Maria sub monte “sotto il monte Aria” (XII sec.) con annesso convento retto dagli Agostiniani, passò nel XV secolo ai Frati minori osservanti, prendendo il titolo di S. Maria delle Grazie. Ampliata e restaurata più volte, dell’antico prospetto conserva il portale gotico in laterizio formato da otto colonnine su cui poggiano altrettanti archetti avvolti in sculture di foglie e fiori tra i quali sono accovacciati vari animali. Le forme attuali si devono ai rifacimenti voluti dal conte Severino Servanzi Collio che, a seguito della canonizzazione di Pacifico Divini (XVII sec.), nel 1842 finanziò i lavori per la chiesa che custodiva le spoglie del santo compatrono della città e del quale la chiesa francescana era destinata a diventare il santuario. Il tempio ebbe quindi una nuova facciata realizzata con il classico schema palladiano delle chiese veneziane su progetto dell’architetto Ireneo Aleandri e una rivisitazione degli interni e del campanile su disegni di Venanzio Bigioli. L’interno, a tre navate, presenta sulla destra la cappella con altare marmoreo ed arca del santo. Molte opere d’arte ornano il tempio tra cui, sul fondo, incorniciata da prospetto di altare barocco, una pregevole tela di Bernardino di Mariotto raffigurante la “Madonna e san Giovanni, genuflessi Maria Maddalena e san Bernardino”. Il luogo è da sempre, per il culto di san Pacifico, meta di numerosi pellegrinaggi provenienti da tutta la penisola. Orario sante messe: 10,00 – 11,30 – 16,30 (I) – 17,30 (E) Le visite non sono consentite durante le celebrazioni liturgiche.
Per informazioni rivolgersi a + 39 0 733 638 110
Address Via San Pacifico Divini
Details
Date of building: XII-XIV sec.
-Santuario di Santa Maria del Glorioso
Il santuario di Santa Maria del Glorioso, terminati i lavori di ristrutturazione post terremoto, torna ad accogliere opere d'arte e arredi sacri che la Sovrintendenza al patrimonio storico-artistico delle Marche ha restaurato e riportato al vecchio splendore.
A seguito della lacrimazione di una statua in terracotta della Madonna della Pietà avvenuta il venerdì santo del 1519, fu dato l’avvio alla costruzione del Santuario di S. Maria del Glorioso, su progetto dell’architetto Rocco da Vicenza. Fino al 1860 la custodia della chiesa fu affidata ai domenicani; nel 1861 fu avocata dal Demanio che nel 1872 la cedette al Comune di San Severino. Costruita interamente a mattoni, ha la facciata di forma cuspidale. La porta principale è rettangolare con frontone acuto e intagli in travertino. La tribuna è sormontata da una cupola di forma ottagona rivestita con lastre di piombo che nel 1720 sostituirono la precedente copertura di tegole. Internamente la chiesa ha tre navate, una traversa e l’abside fiancheggiata da due vani rettangolari ad uso di cappelle. Le navate sono sostenute da otto colonne cilindriche alle quali corrispondono sedici mezze colonne che dividono le nicchie ove sono collocati gli altari laterali. I recenti restauri hanno riportato alla luce molti affreschi che tra Cinque e Seicento, durante la prima campagna decorativa del tempio, le famiglie nobili e le confraternite avevano commissionato ad artisti della scuola pittorica severinate. In fondo alla navata centrale vi è una tribuna sostenuta da quattro piccole colonne a forma di tabernacolo chiusa da tutti i lati al fine di creare una cappella votiva; il tempietto contiene la statua miracolosa della Pietà, oggetto di profondo culto popolare, riconducibile all’arte nordica del XV secolo. Sopra la tribuna è stata collocata una statua lignea del Cristo risorto del XVII secolo. Nel 1737 la chiesa si arricchisce anche di un prezioso organo di sette registri fabbricato da Feliciano Fedeli. Per moltissimo tempo il Santuario del Glorioso è stato, nelle Marche, secondo solo a quello di Loreto per numero di pellegrini. Orario festivo sante messe: ore 10,00. Le visite non sono consentite durante le celebrazioni liturgiche. Per informazioni circa la visita rivolgersi al n. 0733.639348 (famiglia Anibaldi)
Address Via del Glorioso (SP 502 direzione Cingoli)
Date of building: XVI sec.
-Santuario S. Severino Vescovo – Duomo Vecchio
La chiesa, risalente al X sec., fu riedificata ed ampliata nell’XI sec. e completata con la trecentesca torre campanaria. L’interno conserva un bellissimo coro ligneo intarsiato ed intagliato da Domenico Indivini alla fine del 1400.
Il corpo del santo vescovo Severino, morto nel 545, fu trasportato nel 590 dai settempedani sul colle del Monte Nero che era stato eletto a sede civile e religiosa dopo le devastazioni di Septempeda da parte dei Goti di Totila. Da allora il nuovo abitato prenderà il suo nome. La chiesa, risalente al X sec., fu riedificata ed ampliata nell’XI sec. e completata con la trecentesca torre campanaria a bifore costruita nella tipica facies severinate e la coeva facciata gotica in laterizio, abbellita da un rosone dentellato, da una edicola in travertino a tre archi lobati, poggianti su colonnine con capitelli d’ordine corinzio, e da un bel portale con colonne a spirale. L’interno, rimaneggiato nel settecento e nei primi del novecento, conserva un bellissimo coro ligneo intarsiato ed intagliato da Domenico Indivini alla fine del 1400, suo capolavoro insieme a quello in Assisi. Sul fondo della chiesa si impone il prezioso organo di Giuseppe Catarinozzi con la cantoria intagliata e indorata dal francese Denis Pulvier (XVII sec.). Sono oggi custoditi presso la Pinacoteca civica “P. Tacchi Venturi” i pregiati affreschi di Lorenzo e Jacopo Salimbeni con le storie di san Giovanni Evangelista (inizi XV sec.) ed un paliotto su pelle (XVIII sec.) raffigurante il trasferimento da Septempeda al Monte Nero del corpo di san Severino le cui spoglie sono custodite in una cappella votiva laterale. Dopo lunghi restauri, la chiesa è stata riaperta al culto l’8 giugno 2010. Orario sante messe: festivo ore 12,00 Le visite non sono consentite durante le celebrazioni liturgiche. Per la visita rivolgersi al personale dell’attiguo Museo Archeologico “G. Moretti” (Orari: E. 9,00 – 13,00 / 16,00 – 19,00 I. 9,00 – 13,00) Tel 0733.633919
Address Castello al Monte
Date of building: XI – XVIII sec.
-Santuario SS. Salvatore in Colpersito
Appartiene dal 1576, con l'annesso convento, ai Cappuccini. Risalente all'XI sec., fu in origine sede di una comunità religiosa femminile.
Colpersito è un luogo ricco di memorie francescane: qui san Francesco, venuto a San Severino nel 1212 e nel 1221, convertì il famoso trovatore Guglielmo da Lisciano “re dei versi” che divenne fra Pacifico. La fabbrica – all’epoca delle visite del santo di Assisi - era sede di una comunità religiosa femminile alla quale, secondo la tradizione, nella seconda visita lo stesso Francesco affidò una pecora la cui lana fu utilizzata dalle “povere recluse” per far dono al santo di una tonaca che gli inviarono alla Porziuncola. Solo dal 1576 la chiesa con l’annesso convento diventa proprietà dei Cappuccini. Il tempio ha subito nel tempo varie trasformazioni: le forme attuali si devono agli interventi realizzati tra il XVII e il XVIII secolo anche se l’ultimo restauro mostra l’originaria struttura in pietra locale con qualche elemento architettonico caratteristico. Nell’interno di particolare pregio è l’ornato ligneo dell’altare maggiore, realizzato nel 1750 dagli intagliatori Francesco e Gaetano Gentili, e il ciborio in noce con intarsi d’avorio. Orario sante messe: festivo ore 12,00 – feriale ore 19,00 Le visite non sono consentite durante le celebrazioni liturgiche.
Per informazioni circa la visita rivolgersi al Padre guardiano +39 0 733 638 126
Address Viale dei Cappuccini
-Torre civica
Il piazzale degli Smeducci, sulla sommità del Monte Nero, è dominato dall’alta (m. 40) e inclinata Torre civica, eretta nel XIII secolo con funzioni di avvistamento, di difesa e di segnalazione alle altre torri dei castelli del territorio comunale.
Davano accesso alla torre due piccole porte che conservano l’antica forma con il loro doppio arco a sesto acuto. Circa a metà della Torre si notano due bassorilievi scolpiti in pietra; il primo dall’alto raffigura un “morso di cavallo” e potrebbe rappresentare l’emblema di uno dei podestà, ma la tradizione lo attribuisce alla dispotica signoria degli Smeducci che, al ritorno da una delle cacciate subite, lo fece apporre per mostrare il trattamento che sarebbe stato riservato al popolo ribelle. Più in basso il bassorilievo che raffigura un “leone passante”, simbolo dei ghibellini per i quali parteggiò San Severino in perenne lotta con la guelfa Camerino. A destra della Torre si notano scarsi resti dell’antico Palazzo dei Consoli. Le mura urbane completavano il sistema difensivo del “Castello” che oggi, a seguito di un attento recupero, sono percorribili per un lungo tratto come al tempo del medioevo.
Visibile dall’esterno
Address salendo al Castello, dista circa 2 km da Piazza del Popolo
Details
e-mail
Date of building: XIII secolo
-Torre dell’Orologio
Fu eretta su disegno di Ireneo Aleandri nel sec. XIX. Si impone come scenografico elemento architettonico a capo della Piazza, sottolineandone l'andamento fusiforme. Sul lato sinistro fu riedificata nelle forme attuali l'antica Fonte della Misericordia.
Address Piazza del Popolo
Details
Date of building: 16/08/33
-Villa Collio
E' un bellissimo esempio di villa neoclassica con sala centrale a pianta ottogonale e ampia gradinata. Fu fatta costruire nel 1812 da Giovan Battista Collio su progetto di Giuseppe Lucatelli, che ne curò anche la decorazione interna.
Address S.S. n. 361
Details
Property: privata
Date of building: XVII - XVII sec.

Sant'Angelo in Pontano

-Chiesa di S.Salvatore
Di stile romanico-gotico, con cripta e con campanile trecentesco. Accanto alla chiesa c'era la Canonica, dove vivevano appunto i Canonici sotto la Regola di S.Agostino.
Date of building: Prima metà sec. XII
-Chiesa di San Nicola e adiacente Convento agostiniano
Vi si possono ammirare un ciclo di affreschi di Domenico Malpiedi, alcune tele del '600, ' 700 e ' 800 e un coro ligneo. Il Convento con Chiostro ha avuto successivi ampliamenti.
Date of building: XIII Secolo
-Chiesa di Santa Maria della Misericordia, detta anche delle “Pietre”
Con portico e colonne conserva l’affresco della " Madonna della Misericordia ".
Date of building: XV Secolo
-Chiesa Santa Maria delle Rose ed annesso ex Convento delle Benedettine
La Chiesa fu praticamente fatta di nuovo nel 1764. Il complesso è attualmente adibito a sede comunale.
Property: comunale
Date of building: XIV Secolo
-Collechiarino
Luogo ameno poco distante dall' abitato, ricco di antiche querce.
Address Via Collechiarino
Details
Date of building: XVII-XVIII
-Fontanelle di San Nicola
Luogo di preghiera del Santo Patrono San Nicola, immerso nel verde e situato nelle vicinanze del fiume Salino.
-Monumento a S. Nicola
L'opera in bronzo dello scultore Gustavo Latini, è stata eretta nelle vicinanze dei supposti ruderi della casa del Santo.
-Rocca di S. Filippo
Casa-torre fortilizio ubicata subito al di fuori della cinta muraria del Castello ma successivamente rimaneggiata e modificata.
Address Via S. Filippo
Details
Date of building: XIII Secolo
-Rocca e resti del Palazzo Vicariale
Questa Rocca fu la residenza anche del Vicario di Fermo. Attualmente sono visibili solo i ruderi dello spazio panoramico del Belvedere.
Date of building: 1160 circa
-Torre Civica
L'orologio posto sulla torre, attualmente funzionante, è stato costruito nel 1846 da Pietro Mei di Montecarotto. Il meccanismo manuale originale è attualmente esposto nella sede comunale.
Date of building: 1397

Sarnano

-Abbadia di Piobbico o San Biagio
Conosciuta in origine con il nome di Santa Maria "tra i torrenti", la chiesa è situata ai piedi della montagna di Sassotetto in un avvallamento presso il punto di confluenza di due corsi d'acqua. Fu dedicata alla Madonna fino al Quattrocento quando prevalse l'intitolatura a S. Biagio.
Date of building: XI secolo
-Chiesa di Santa Maria Assunta
La Chiesa edificata nella seconda metà del sec.XIII. All'interno ci sono diverse opere di notevole pregio.
Date of building: 1200
-Eremo di Soffiano
L'Eremo ha origine nel 1101 quando alcuni signori del luogo donarono al "prete Alberto" ed ai suoi compagni un certo territorio dove avrebbero dovuto edificare una chiesa e condurre una vita eremitica.
Address Monte Ragnolo
Details
Date of building: 1101

Sefro

-Eremo di San Bartolomeo delle Carceri
Percorrendo la strada che da Agolla sale a Montelago, giunti in località Il Tribbio, dove la medesima rispiana prima di affrontare l'ultima salita, sulla destra inizia un sentiero che costeggia il Monte Crestajo.
Percorrendo leggermente in discesa il sentiero, dopo alcuni minuti si giunge in una sorta di terrazzo naturale che sporge a strapiombo sopra il fosso detto di San Giovanni e nella parete sud -ovest del M.Crestaio. In questo luogo sono visibili delle grotticelle nella parete rocciosa e le fondamenta di un piccolo edificio antico. Le fondamenta appartengono ad un'antica chiesa dedicata a San Bartolomeo edificata in questo luogo perché qui si rifugiò in eremitaggio (da cui il nome di Carceri) il Beato Bernardo da Quintavalle, primo compagno di San Francesco, negli anni 1237-1239, in seguito alle lotte sorte all'interno dell'ordine Francescano alla morte del fondatore. La chiesa risultava già in rovina in un documento dell'anno 1783 ed oggi si rende quanto mai necessaria la sistemazione di tutto il luogo dove si registra un aumento di visitatori negli ultimi anni.
-Torre Varano
La torre è ciò che rimane del castello medievale appartenuto ai Varano, signori di Camerino, che qui trovarono ospitalità dopo il sacco della loro città nel 1259 ad opera dei ghibellini.

Serrapetrona

-Chiesa di S. Elena (loc.tà Villa D’Aria)
L'edificio sacro è una modesta costruzione a capanna e capriate scoperte, lunga e bassa senza alcuna pretesa architettonica. Nel suo interno è custodita una croce di legno con dipinto a tempera.
Address Presso Villa D'Aria
Details
Date of building: XIII Secolo
-Chiesa di S. Francesco
Tutta la costruzione si articola in un grande quadrilatero composto dal convento e dalla chiesa; essa, senza facciata, si salda a questo corpo al di sopra di un arco di accesso al convento.
ORGANO SAN FRANCESCO
Quando Francesco Santilli, artigiano di Caldarola, iniziò i lavori sull'organo della chiesa di s. Francesco, Serrapetrona, non lontana dalla sua terra d'origine, era tornata da circa quattro lustri nella delegazione di Camerino. Il periodo antecedente agli anni trenta del secolo XIX non si poteva qualificare, né per il piccolo paese semi–montano, né per tutte le Marche, fra i più felici dal lato storico – economico, perché dopo l'imposizione del trattato di pace tra Napoleone e Pio VI (1797), Ancona ebbe un governo repubblicano e successivamente, con Pesaro, Fano, Senigallia ed Ascoli Piceno fu aggregata alla Repubblica Romana (1798), voluta dai patrioti locali, che avevano rovesciato il potere temporale del papato, dovendo accettare, però, l'occupazione militare francese. La discesa degli Austro – Russi, favorita dalla sollevazione lealista delle masse rurali, aveva cacciato i francesi, ma con la battaglia di Marengo (1800) si ristabilì il dominio di Napoleone che, smembrando il territorio residuo dello Stato Pontificio, annetté le Marche al Regno d'Italia. Nel 1815, poi, una zona pianeggiante non lontana da Serrapetrona, fu teatro del vano tentativo di Gioacchino Murat, cognato del neo – imperatore, per unire la causa personale a quella, prematura, dell'unità italiana. Un trentennio dopo, circa, nel 1848, troviamo Serrapetrona a far parte, insieme con Camporotondo e Cessapalombo, della circoscrizione governativa di Caldarola, nella delegazione o provincia di Camerino, città alla quale, però, diciassette anni prima (1831), nell'assemblea delle Province Unite di Bologna, era stata tolta la funzione di capoluogo, con una deliberazione che aveva causato delusioni ed aspri dissensi camerinesi. L'organo serrano fu commissionato in questa temperie, qui riassunta molto concisamente, e l'organaro caldarolese in realtà dovette affrontare una sorta di rifacimento di un antico organo secentesco già esistente nella chiesa serrana di s. Francesco, finito di costruire poco prima del 1331. La famiglia d'organari caldarolesi aveva iniziato a lavorare nel 1828, e la loro opera si limitò quasi esclusivamente all'ambito dell'entroterra maceratese, con qualche rara eccezione riscontrabile a Comunanza (AP), nell'organo della chiesa di s. Anna, ed a Roma, nel restauro del grande organo della chiesa di s. Agostino in Campo Marzio. Gli artigiani di Caldarola costruirono strumenti aerofoni di medie e piccole dimensioni, con una tastiera soltanto, basati su un principale d'otto piedi, su cui erano sovrapposti i registri della famiglia (accordati in base ai successivi suoni armonici) in modo da formare una “piramide fonica” fino alla decimanona (intervallo di 19 note della scala musicale) o alla vigesimaseconda (intervallo di 22 note), oppure alla vigesimanona (interv. di 29 note) o ancora alla trigesimasesta (interv. di 36 note). Nella pedaliera, che è sempre di tipo a leggio, ossia inclinata con pedali corti e paralleli, realizzati in legno di noce, sono presenti i contrabbassi di 16 piedi (negli organi più grandi), o i bassi di 8 piedi a volte rinforzati dalle rispettive ottave. Per il comando dei registri, gli organari caldarolesi impiegarono sempre tiranti con pomelli di legno, collocati a destra della tastiera, entro una tavola sagomata, in una singola o duplice colonna. Le facciate di questi strumenti musicali aerofoni presentano un'unica campata, con canne disposte in vario modo: a cuspide, a cuspide con ali minori, ad ali convergenti al centro. Sempre di stagno, esse hanno il labbro superiore (piano della fessura dove s'infrange l'aria) sagomato a “mitria”, il profilo che determinano è costantemente piatto, ed anche le bocche sono di regola allineate. Il somiere maestro (cassa di legno nella quale è immessa l'aria soffiata dai mantici) del tipo a “tiro” è costruito in noce, mentre quello della basseria è di legno tenero (abete o pioppo). Il crivello (sostegno forato per mantenere verticali le canne) è invariabilmente ligneo, e le bocche di quest'ultime sono sopra di esso. Con molte peculiarità di questo genere (tiranti a destra della tastiera, pedaliera a leggio, ecc.) fu costruito anche l'organo della chiesa serrana di s. Francesco: la firma del suo autore, Francesco Santilli, si trova all'interno della secreta del somiere maestro in un cartellino che contiene anche la data (1838) di costruzione dello strumento musicale. Francesco Santilli fu coadiuvato nel suo lavoro di organaro da due dei suoi cinque figli, Antonio e Giuseppe, che appresero il mestiere del padre nello “stabilimento” di Caldarola (1). Luigi Maria Armellini
Address Strada Comunale di Carpignano-San Giovanni
Details
Date of building: XIV Secolo
-Chiesa di S. Giovanni Battista (loc.tà Collina)
Se ne ha memoria da una pergamena del XIV secolo dove si dice eretta dai coniugi Maurizi e Claudi di Serrapetrona che vi fondarono una cappellina laicale.
Address Presso Villa Caraffa
Details
Date of building: 1199
-Chiesa di S. Lorenzo (loc.tà Castel S. Venanzo)
L'interno della chiesa è a pianta rettangolare con soffitto a capriate e presenta un ampio vano illluminato da due monofore aperte sulla parete sinistra. Sulla parete absidale c'è la Crocefissione attribuita al pittore Girolamo Di Giovanni.
A 4 Km da Serrapetrona, risalendo la vallata del rio Cesolone lungo la Strada Provinciale “Serrapetrona – Torre Beregna” per Camerino, in posizione di forza, imponente sul ciglio di uno sperone del Monte Letegge che precipita con ripidissimo pendio fino al fondovalle, sorge la ex Chiesa Parrocchiale di San Lorenzo della Frazione Castel San Venanzo. Da antichi documenti storici emerge che la chiesa possedeva il titolo di Pieve fin dalla seconda metà del XIII secolo. Il titolo di Pieve presuppone una collocazione centrale rispetto ad abitati più o meno vicini, dei quali rimane come protezione e fulcro socio-religioso. Questo spiega la funzione primaziale che la Pieve di San Lorenzo in Castel San Venanzo ebbe su tutta la valle dell'alto Cesolone, compresa la Chiesa di Sant'Elena a Villa D'Aria e la Chiesa di San Clemente a Serrapetrona. La fortificazione dell'abitato di Castel San Venanzo avvenne nei primi anni del XIV secolo ad opera dei Da Varano, Signori di Camerino, che la consacrarono al nome del santo protettore della loro città. Il 9 gennaio 1428 il Castrum S. Venantii venne assegnato a Gentilpandolfo di Rodolfo III Da Varano. In occasione della festa del patrono di Camerino, il 18 maggio, il castello teneva il sesto posto fra i rappresentanti del terziero distrettuale di Sossanta nel corteo che partiva dalla chiesa di S. Stefano per l'offerta dei ceri da tre libbre e mezza alla fabriceria di S. Venanzio. Tale tradizione viene rispettata tutt'oggi con la partecipazione di Serrapetronesi in abiti tradizionali al corteo storico. Oggi dell'antica fortificazione resta solo la torre minore da cui fu ricavato il campanile della chiesa, grazie alla costituzione di una sovrastante cella campanaria, eseguita a mattoni, con quattro fornici cuspidati e centinati da cornici sporgenti ornate da sette "azulejos" in alto e tre in basso. L'incontro tra le pietre squadrate della torre e i mattoni della cella campanaria, è segnato da una mensola di mattoni che corre lungo i quattro lati. L'ingresso principale della chiesa è sul lato destro e vi si accede tramite un portico a quattro archi sorretti da colonne a mattoni. Si entra da una porta in noce inserita in un portale di calcare rosa con arco a tutto sesto e fregi ai capitelli che concludono gli stipiti (XV-XVI secolo). A sinistra della porta una lapide, apposta il 5 settembre 1920, ricorda gli 11 caduti della guerra 1915-18; a destra un'altra con data 20 agosto 1967 porta i nomi dei quattro caduti della seconda guerra mondiale. L'interno dell'edificio di culto ha il pavimento a mattoni e la copertura pianellata con capriate in legno. Le pareti anticamente dovevano essere tutte decorate con affreschi eseguiti in varie epoche; sulla parete destra, in alto fra le due porte d'ingresso, si conserva un crocifisso affrescato e frammenti di altre figure. Sulla parete absidale sinistra vi è la splendida tavola della Crocifissione (cm.167x98), dipinta nel XV secolo (1452?) da Giovanni Angelo, natio di Bolognola, figlio di Antonio di Domenico detto Pazzo. Sul fondo dorato, oro su oro, si intravedono gli angeli che raccolgono in coppe il preziosissimo sangue di Cristo. Il meraviglioso Cristo dolente è attorniato dalla Vergine e da San Giovanni Evangelista, mentre ai suoi piedi è prostrata la Maddalena. La tavola in passato era custodita nello stesso sito in un credenzone di legno con ante dipinte e veniva portata in processione per le vie del paese nel suo baldacchino processionale dorato. Paolo Mariantoni
Address Loc.tà Castel S. Venanzio
Details
Date of building: XV Secolo circa
-Chiesa di S. Maria di Piazza
L'interno, ad unica navata ed abside semicircolare scandite da lesene con capitelli a foglie d'acanto e stilobati modanati, presenta una grande tela con la Vergine Assunta tra gli Angeli.
Address S. Maria in Piazza, Piazza Santa Maria
Details
Date of building: XVI Secolo
-Chiesa di S.Giacomo (loc.tà Caccamo)
La piccola chiesa è costituita da un unico ambiente di modeste proporzioni. La facciata in cotto è coronata da un timpano e ha due piccoli campanili che continuano le lesene alle due estremità.
Address Loc.tà Caccamo sul Lago
Date of building: XIV Secolo circa
-Chiesa S.Paolo (loc.tà Borgiano)
La chiesa è ad una navata con capriate scoperte, abside quadrata e volta a crociera. L'altare maggiore è arricchito da un tela seicentesca rappresentante il Santo titolare con un libro in mano e un angelo.
Address Loc.tà Borgiano
Date of building: XIII - XIV Secolo
-Fonte delle Conce
E' molto probabile che il nome della Fonte sia legato all'arte della concia, dal momento che la presenza in quel luogo di una risorgiva copiosa e la disponibilità di un prodotto naturale per la lavorazione delle pelli abbia richiamato in quel luogo artigiani addetti a quel mestiere, domus a cuncia, da cui “Fonte delle Conce”.
L'abbondanza di acqua è sempre stata una delle maggiori risorse di Serrapetrona.
La Fonte si presenta con l'aspetto caratteristico di tutte le fonti a due fornici, presenti in tutti gli antichi borghi del territorio. Ma questa di Serrapetrona, nel pilastro in mezzo alle due vasche, proprio nel punto da cui si dipartono i due archi, reca ancora visibile la l'incavo della nicchia rettangolare che ospitava l'affresco di una Madonna e Bambino, quasi copia dell'affresco di S. Maria delle Grazie, che ora si trova al sicuro nella chiesa di S.Francesco.
In passato la Madonna fu ospitata nell'edicola di viale Umberto I, sotto la lussureggiante galleria di ippocastani che, uscendo dall'abitato, conduce alla strada per Sanseverino.
L'edicola si chiama Edicola delle Conce e, posizionata sulla seconda cornice del monte, è allineata alla Fonte delle Conce.
Esternamente alla parete destra dell'edicola è incisa una lapide che riassume le vicende dell'affresco:
LA SACRA IMMAGINE
CHE LA PIETA' DEGLI AVI POSE A ORNAMENTO E TUTELA
DELLA FONTE DELLE CONCE
LUNGO L'ANTICA STRADA COMUNALE
E CHE COL MUTARE DI QUESTA FU PIU' VOLTE SPOSTATA
EBBE STABILE E DECOROSO ASILO
NEL 1895
PER INIZIATIVA E CURA DI ELVIRA CONFORTI FABRINI
COL CONCORSO DEI FEDELI
Fonti
Giacomo BOCCANERA, Serrapetrona, Macerata, Ristampa 1990
Luigi Maria ARMELLINI, Con tre Vergini di Lorenzo d'Alessandro ed antichi miti a Serrapetrona, Comune di Serrapetrona, Macerata 1994
Address Fonte delle Conce
Details
Date of building: sec. XII
-Madonna del Ponte (loc.tà San Venanzo)
Piccola chiesa completamente ristrutturata negli anni '50 all'interno si può ammirare un affresco di Giovanni Andrea De Magistris (madonna col Bambino).
A 4 Km da Serrapetrona, risalendo la vallata del rio Cesolone lungo la Strada Provinciale “Serrapetrona – Torre Beregna” per Camerino, in posizione di forza, imponente sul ciglio di uno sperone del Monte Letegge che precipita con ripidissimo pendio fino al fondovalle, sorge la ex Chiesa Parrocchiale di San Lorenzo della Frazione Castel San Venanzo. Da antichi documenti storici emerge che la chiesa possedeva il titolo di Pieve fin dalla seconda metà del XIII secolo. Il titolo di Pieve presuppone una collocazione centrale rispetto ad abitati più o meno vicini, dei quali rimane come protezione e fulcro socio-religioso. Questo spiega la funzione primaziale che la Pieve di San Lorenzo in Castel San Venanzo ebbe su tutta la valle dell'alto Cesolone, compresa la Chiesa di Sant'Elena a Villa D'Aria e la Chiesa di San Clemente a Serrapetrona. La fortificazione dell'abitato di Castel San Venanzo avvenne nei primi anni del XIV secolo ad opera dei Da Varano, Signori di Camerino, che la consacrarono al nome del santo protettore della loro città. Il 9 gennaio 1428 il Castrum S. Venantii venne assegnato a Gentilpandolfo di Rodolfo III Da Varano. In occasione della festa del patrono di Camerino, il 18 maggio, il castello teneva il sesto posto fra i rappresentanti del terziero distrettuale di Sossanta nel corteo che partiva dalla chiesa di S. Stefano per l'offerta dei ceri da tre libbre e mezza alla fabriceria di S. Venanzio. Tale tradizione viene rispettata tutt'oggi con la partecipazione di Serrapetronesi in abiti tradizionali al corteo storico. Oggi dell'antica fortificazione resta solo la torre minore da cui fu ricavato il campanile della chiesa, grazie alla costituzione di una sovrastante cella campanaria, eseguita a mattoni, con quattro fornici cuspidati e centinati da cornici sporgenti ornate da sette "azulejos" in alto e tre in basso. L'incontro tra le pietre squadrate della torre e i mattoni della cella campanaria, è segnato da una mensola di mattoni che corre lungo i quattro lati. L'ingresso principale della chiesa è sul lato destro e vi si accede tramite un portico a quattro archi sorretti da colonne a mattoni. Si entra da una porta in noce inserita in un portale di calcare rosa con arco a tutto sesto e fregi ai capitelli che concludono gli stipiti (XV-XVI secolo). A sinistra della porta una lapide, apposta il 5 settembre 1920, ricorda gli 11 caduti della guerra 1915-18; a destra un'altra con data 20 agosto 1967 porta i nomi dei quattro caduti della seconda guerra mondiale. L'interno dell'edificio di culto ha il pavimento a mattoni e la copertura pianellata con capriate in legno. Le pareti anticamente dovevano essere tutte decorate con affreschi eseguiti in varie epoche; sulla parete destra, in alto fra le due porte d'ingresso, si conserva un crocifisso affrescato e frammenti di altre figure. Sulla parete absidale sinistra vi è la splendida tavola della Crocifissione (cm.167x98), dipinta nel XV secolo (1452?) da Giovanni Angelo, natio di Bolognola, figlio di Antonio di Domenico detto Pazzo. Sul fondo dorato, oro su oro, si intravedono gli angeli che raccolgono in coppe il preziosissimo sangue di Cristo. Il meraviglioso Cristo dolente è attorniato dalla Vergine e da San Giovanni Evangelista, mentre ai suoi piedi è prostrata la Maddalena. La tavola in passato era custodita nello stesso sito in un credenzone di legno con ante dipinte e veniva portata in processione per le vie del paese nel suo baldacchino processionale dorato. Paolo Mariantoni
Address Strada Provinciale Serrapetrona-Torre Beregna
Details
-Madonna della Croce (loc.tà Colli)
E' una costruzione a capanna a pianta rettangolare con capriate a vista. Il nome e il fabbricato hanno origine da una tradizione secondo la quale una croce del trecento rubata nella chiesa arcipretale, fu lasciata in quel punto dai ladri.
Address Loc.tà Colle del Castagneto
Details
Date of building: XVI Secolo
-S. Maria delle Grazie
La facciata è a capanna e l'interno consta di un vano rettangolare con decorazioni di fastoso barocco settecentesco.
Date of building: 200
-San Giuseppe
Piccola chiesetta ubicata in via Cameraldo nella frazione di Borgiano.
Address Via Cameraldo
Details
-Sant’Angelo in Collina
La piccola costruzione è a pianta rettangolare entro la quale è iscritto il vano a pianta rettangolare, e il campanile è a vela appoggiato alla parte posteriore.
Visite su richiesta
Address Contr.da Collina
Property: Privata (famiglia Botta)
-Santuario Madonna Della Neve (loc.tà Madonna del Monte)
La chiesa e il rifugio furono costruiti sul luogo di un precedente rifugio con le offerte degli abitanti di Villa d' Aria e furono inaugurati il 5 Agosto 1714, festa della Madonna Della Neve. Sviluppata su pianta rettangolare, ha la forma di capanna.
Address Presso Villa D' Aria
Date of building: XVIII Secolo

Serravalle di Chienti

-Abbazia camaldolese
Fondata da San Romualdo, poi ricostruita nel XIV secolo in stile gotico. All'interno sono da notare due altari lapidei di linea gotica e diversi strati di affresco alle pareti.
Address Loc.tà Acquapagana
Date of building: Intorno al 1000
-Basilica di Plestia
Sorge sulla cripta paleocristiana e sulle rovine del tempio romano di cui sono stati recuperati i materiali da costruzione. La chiesa non presente particolari pregi architettonici, essendo impostata su un impianto rettangolare con un ordine di colonne
Address Loc.tà Plestia
Details
Date of building: Forse del IV
-Botte Varano
E' un'importante opera idraulica in pietra squadrata. Fu fatta eseguire da Giulio Cesare Varano su progetto di ingegneri idraulici fiorentini. Le acque di drenaggio fuoriescono a monte di Serravalle per dar vita al corso del fiume Chienti.
Address Botte dei Varano
Details
Date of building: Seconda metà del 1400
-Casa-bottega
In Piazza Federici sono ancora apprezzabili i dettagli e l'unitarietà d'insieme di questa struttura urbana.
-Castello
Rimangono imponenti rovine e una delle cinque torri. Nel 1240 il papa Innocenzo IV lo diede in donazione al Comune di Camerino. Nel 1438 gli Sforza dominarono su tutta la regione e il castello subì vari tentativi di conquista.
Address Castello di Dignano
Details
Date of building: 1240
-Castello di Elci
Rimane ancora intatta l'ultima delle torri dell'antico castello; tutt'intorno pietre e tracce di mura in rovina.
Address Loc.tà Elci
-Chiesa “Madonna del Sasso”
All'interno soltanto "il Giudizio Universale " si è salvato grazie ad un sapiente restauro; questo affresco è interessante per l'ambiziosa orditura strutturale suddivisa in tre fasce, i dannati, i penitenti e San Pietro e il Cristo in trono.
Address Loc.tà San Martino
Details
Date of building: XV-XVI Secolo
-Chiesa di S. Lucia
La chiesa è sorta su un impianto monastico, di cui non rimane che la sacrestia; questa presenta diversi strati di affresco , tra cui una crocifissione del '500 opera di Simone e Giovanfrancesco De Magistris e una tela di Giovanni Andrea da Caldarola.
Address Via S. Lucia
Details
Date of building: 1200
-Dignano
Uno dei castelli dei Baschi, passato alla signoria del Comune di Camerino.Nella chiesa parrocchiale si conserva una tela attribuita alla Scuola del Perugino (XV sec.).
Address Castello di Dignano
Details
Date of building: sec. XIII
-Ex convento di Brogliano
Fra le sue mura, nel 1368, per opera del b. Paolo Trinci, nacque la riforma dei francescani "osservanti" chiamati zoccolanti dal tipo delle calzature che indossavano.
Address Nei pressi di Colfiorito
Details
Date of building: XIII Secolo
-L’ospizio dei Pellegrini
Allo stato attuale presenta un lembo di facciata superstite, con un portale in pietra ad arco acuto. Era questo un complesso importante per i viandanti durante il trasferimento delle greggi . Dal 1549 i suoi beni sono passati all'ospedale di Camerino.
Date of building: XIII-XIV Secolo
-Magazzino del Grano
E' apprezzabile come testimonianza di consistente struttura economica. Sotto il profilo architettonico è rilevante la sua simmetria rinascimentale e l'uso di cornici in pietra squadrata.
-Palazzo Comunale
Unica opera dell'architetto P.Luigi Nervi nelle Marche.
Date of building: 1960
-Palazzo del Comune Vecchio
Oggi destinato ad albergo, conserva dei caratteri apprezzabili, quali il prospetto sulla piazzetta ed un portale in pietra squadrata con arco a sesto rovesciato.
Date of building: 1600
-Piazza Federici
Ha un impianto monumentale a tre vasche in linea a ridosso di un fondale ben modulato da lesene a conci di pietra squadrata. Ora è in stato di abbandono.
Address Piazza Federici
Date of building: 1875
-Rocca di Percanestro
Insieme alla torre restano tracce delle mura perimetrali che , a giudicare dalla loro estensione, danno l'idea di un castello.
-Santuario della Madonna del Piano
Il luogo è adorno di affreschi del XVI Secolo
Date of building: 1400

Tolentino

-Abbazia di Fiastra
Questa abbazia è uno dei più puri esempi di arte romanico-circestense che si trovino in Italia. I monaci giunsero nella valle del Fiastra il 29 novembre 1142, guidati forse dallo stesso S.Bernardo di Chiaravalle.
Visite: tutti i giorni, ore 9.30-12.30 15.30-18.30; lunedì solo di pomeriggio.
Per informazioni rivolgersi a +39 733 202190
Address Ctr. Abbadia di Fiastra
-Auditorium San Giacomo
Auditorium San Giacomo, sala congressi. In origine dedicata a S.Giacomo. Le prime notizie sulla Chiesa della Carità si riferiscono ad una pergamena del 1233. La chiesa ha un bel portale romanico.
Details
Date of building: 1100
-Basilica Santuario di San Nicola
Risale al sec. XIII, ma venne rifatta nel XIV e completata con la costruzione del portale tardogotico (1432). E' nota per lo splendido "Cappellone di San Nicola" interamente decorato con un ciclo di affreschi di scuola giottesco-riminese del XIV secolo.
Details
Property: Ecclesiastica
-Castello della Rancia
La costruzione, in origine fattoria e granaio fortificati dipendenti dall'abbazia di Fiastra (fine del XII secolo), fu trasformata in castello nel 1353-57 per i da Varano di Camerino. Nelle vicinanze si svolse la battaglia di Tolentino (2-3 maggio 1815).
Visite a richiesta, tel. +39 733 973349
Address S. S. n. 77 della Val di Chienti
Details
-Cattedrale di San Catervo
Altomedievale per fondazione (VII-IX secolo), ma riedificata nel '200 e completamente rifatta intorno al 1830, questa cattedrale è dedicata a S. Catervo, patrono della città. All'interno vi è conservato il grande sarcofago dei Ss.Catervo, Settimia e Basso (IV sec. D.C.).
Details
-Chiesa del Sacro Cuore
La chiesa del Sacro Cuore ha un'interessante facciata completamente in laterizio.
Address Via Filippo Corridoni
Details
-Chiesa del Ss.Crocifisso
La chiesa trae le sue origini dalla venuta dei Cappuccini nel territorio tolentinate. Fu consacrata nel 1596 con la denominazione di S.Maria Costantinopolitana. Solo nel 1926 fu intitolata al Ss. Crocifisso.
Address Contrada Marezi
Details
Date of building: 1589
-Chiesa di San Francesco
Eretta nel XIII secolo e trasformata a più riprese (specialmente intorno al 1765 e al 1875): della costruzione primitiva conserva l'abside poligonale e, all'interno, un'altra cappella con volte a crociera, ornata di affreschi trecenteschi.
Address Piazza Mauruzi
Details
-Chiesa di Santa Maria della Tempesta
Nel caratteristico quartiere medievale del "Fondaccio" è interessante visitare la chiesa che, riedificata nel XVII secolo a pianta centrale, conserva tracce dell'antica costruzione.Sull'altare maggiore si può ammirare una statua lignea del tardo trecento.
Details
Date of building: 1499
-Palazzo Comunale
Sembra che l'antico Palazzo Comunale fosse fatto costruire da Berardo di Varano e risalga al 1361.
Address Piazza della Libertà
Details
-Palazzo Parisani Bezzi
E' detto Casa della Pace perché qui, il 19 febbraio 1797, fu firmata tra Pio VI e Napoleone Bonaparte, la cosiddetta pace di Tolentino. L'edificio è sede del Museo Napoleonico.
Visite a richiesta, tel. +39 733 969797
Address Via Pace, 20
Details
-Palazzo San Gallo
Palazzo Parisani, detto Palazzo Sangallo dal nome del progettista Antonio da Sangallo il Giovane, viene costruito per il tolentinate Cardinale Ascanio Parisani.
Details
-Ponte del Diavolo
Il ponte, eretto nel 1268 su disegno di Mastro Bentivegna, unico nella sua forma per tutto il corso del Chienti, ha cinque arcate centinate sorrette da possenti piloni, con torre-barriera quadrangolare, merlata alla guelfa.
Address Via del Ponte,
Details
Date of building: 1265 e il 1268
-Torre degli Orologi
E' opera di Antonio Podrini di Sant'Angelo in Vado che lo costruì nel 1822.
Address Piazza Nicolò Mauruzi
Details
Date of building: 1314

Treia

-Cattedrale SS. Annunziata
The building of this church took more than thirty years from 1782 to 1814. It was designed by the Rome born architect Andrea Vici, pupil of Vanvitelli. It is considered one of the most impressive and architectonically purest churches in the Marche region.
Address Via Giuseppe Mazzini
Details
Date of building: secolo XII - XII
-Chiesa di San Filippo Neri
Located in Piazza della Repubblica, this church dates back to 1766-1773 and was built by architect Carlo Augustoni. Currently the church is being restored and will house a Diocesan Museum.
-Chiesa San Francesco
This church is located in the centre of the town. It had been built in the 13th century and named in honour of St. Francis in 1300.
Address Piazza del Duomo
Details
-Chiesa San Michele
The prevailing style of this church is Romanesque, mixed with some Gothic elements. It features a square apse and three naves divided by pilasters on which stand Gothic large arches. Narrow and pointed windows are on the walls.
-Chiesa Santa Chiara
The interior is pure Baroque style and keeps the statue of Our Lady of Loreto, made from cedar of Lebanon wood and they say carved by St. Luke himself. Tradition has it that the statue of the Virgin is a statue originally venerated in Loreto and that a new exchange after the return of the statue by the French never happened. The bell tower is peculiar.
-Piazza della Repubblica
This is the very centre of the town of Treia. It is surrounded by a high balustrade, designed by Andrea Vici, and offers a breathtaking view that sinks in a vast horizon of fields and rolling hills.
-Porta Vallesacco
Porta Vallesacco is one of the seven Medieval gates that, in the past, gave access to the town of Treia. There an important historical event occurred in 1263: the inhabitants of Montecchio (Treia’s Medieval name) captured Corrado d’Antiochia and his barons, so avoiding a siege.
Address Porta di Vallesacco
Details
-Santuario del SS. Crocifisso
This early XXth century sanctuary was built by Cesare Bazzani on the ruins of an earlier church. Inside are a sixteenth century fresco (Umbrian school of painting) representing St. Sebastian and, above the altar, a 16th century Crucifix.
Address Uscendo da Treia ad 1 km in direzione San Lorenzo
Date of building: Primi del 900
-Torre Onglavina
This tower is located in the town area known as Onglavina (hence the name of the tower). A walk along the sandstone spur where the Tower of Onglavina is located in highly recommended: here the view is breathtaking overlookin the valley below and stretching from the Sibillini Mountains to the Maiella, Mt. Gran Sasso, Mt. Conero, rolling green hills, slopes and valley and, then, sinking into the Adriatic Sea.
Address Piazzale Trento e Trieste
Details

Urbisaglia

-Abbazia di Chiaravalle di Fiastra
L'abbazia venne fondata nel 1142 dai monaci cistercensi provenienti dall'abbazia madre di Chiaravalle di Milano.
L'abbazia di Chiaravalle di Fiastra venne fondata nel 1142 dai monaci cistercensi provenienti dall'abbazia madre di Chiaravalle di Milano. Nei tre secoli successivi l’Abbazia si sviluppò sia dal punto di vista religioso, con il fiorire di numerose vocazioni, che da quello economico, grazie a lasciti e donazioni da parte di privati e di signori feudali. Nel 1422, all’apice della sua potenza economica e spirituale, l’Abbazia venne saccheggiata da Braccio da Montone, capitano di ventura e Signore di Perugia. Persa in conseguenza a ciò l’autonomia, l'Abbazia venne prima affidata a cardinali commendatari, che restaurarono il chiostro e la chiesa, poi ai Gesuiti, che gestirono i beni dell’Abbazia costruendo magazzini, stalle e case coloniche. Nel 1773 l’Abbazia venne ceduta alla nobile famiglia Giustiniani Bandini, che edificò sul lato sud del monastero un ricco palazzo. L’ultimo dei Giustiniani Bandini, morto senza eredi nel 1918, lasciò tutta la sua proprietà ad una fondazione agraria intestata. I monaci cistercensi sono ritornati all’Abbazia di Fiastra nel 1985, e nello stesso anno è stata istituita, sui 1.800 ettari di proprietà della Fondazione Giustiniani Bandini, la Riserva Naturale Abbadia di Fiastra. Chiesa La chiesa è a croce latina a tre navate. Misura 70m di lunghezza, compreso il portico, e 20m di larghezza. Le volte della navata centrale, alta 25m, erano originariamente tutte a crociera come quella della prima campata vicino alla porta e quella del presbiterio. Ora invece mostrano la copertura a capriate da quando l’Abbazia fu saccheggiata da Forte Braccio da Montone nel 1422. Lo stile della chiesa esprime in modo autentico le sue caratteristiche di povertà, semplicità, essenzialità tipiche dell’ordine cistercense. Unici motivi di decorazione i capitelli, tutti diversi fra loro, e i due rosoni che illuminano la chiesa da est e da ovest. Dalla metà del XIV secolo la chiesa venne arricchita con alcuni affreschi, fra cui una Madonna col Bambino (ultimo pilastro a sinistra) della scuola dei fratelli Salimbeni, e una Crocifissione attribuita al Folchetti (abside). Per la costruzione della chiesa venne usato molto materiale edilizio prelevato dalla città romana di Urbs Salvia. Di particolare importanza all’interno dell’abside un’ara pagana, attualmente usata come base per l’altare. Refettorio dei Conversi. Il refettorio dei conversi è caratterizzato dall’uso massiccio e particolarmente creativo del materiale prelevato da Urbs Salvia: i sette sostegni centrali, infatti, sono capitelli, fusti e basamenti di colonne romane, tutti diversi fra loro. Giardino e Palazzo Giustiani Bandini. Il palazzo Giustiniani Bandini fu edificato, all’inizio del XIX secolo, su disegno di Ireneo Aleandri, architetto autore dello Sferisterio di Macerata. E’ in stile neoclassico e conta circa 200 stanze. Il giardino antistante il palazzo rappresenta un raro esempio, per il Maceratese, di giardino all’inglese: lo ornano lecci secolari ed una rara quercia da sughero. Chiostro. Simbolo della vita monastica, ha la forma di un grande quadrato di 37m per lato. Nelle sue forme attuali è frutto della ristrutturazione operata alla fine del XV secolo. Pozzo e cisterna. Al centro del chiostro si trova un pozzo ottagonale in pietra e mattoni, sovrastato da una struttura in ferro aggiunta dai Gesuiti. Il pozzo era usato per attingere acqua dalla cisterna sottostante, all’interno della quale confluiva l’acqua piovana. Prima di affluire alla cisterna, l’acqua percorre un sistema di decantazione e filtraggio. Cellarium. Il Cellarium era usato dai monaci conversi ed era adibito a magazzino e deposito. Il Corridoio che si trova fra il chiostro e il Cellarium permetteva ai conversi di raggiungere la chiesa attraverso una porta (attualmente murata), senza dover passare per il chiostro, riservato ai monaci di coro. Sopra il Cellarium era collocato il dormitorio dei conversi (ora utilizzato come sala convegni). Sala delle Oliere. In questa stanza si conservava l’olio d’oliva prodotto dall’Abbazia. Per favorire un’adeguata pulizia della stanza il pavimento fu realizzato in pendenza (a terra sono ancora visibili i fori per l’eliminazione dell’acqua), mentre il canale sotto il muretto (sul quale venivano collocate le grandi brocche piene d’olio) convogliava l’olio in appositi pozzetti nel caso di rottura di un recipiente. Raccolta Archeologica. La Sala delle Oliere ospita una raccolta di reperti archeologici provenienti da Urbs Salvia e portati alla luce durante varie campagne di scavo effettuate per conto della famiglia Giustiniani Bandini a partire dalla fine del ‘700. I documenti epigrafici costituiscono il nucleo più importante di questa raccolta. Da notare i ritratti di Augusto e Druso Maggiore, in mezzo ai quali è collocato un donario dedicato agli dèì e alle dee di Urbisaglia. Capitello Ionico. Guardando alla base del muro della chiesa, si può scorgere, fra le altre pietre, un capitello ionico capovolto proveniente da Urbs Salvia. Le Grotte. Erano le antiche cantine dell’Abbazia. Coperte con volte a botte e a crociera, si snodavano sotto il pavimento della chiesa fino a raggiungere una profondità massima di 5,73 metri . Sala del Capitolo. I monaci si radunavano qui ogni mattina. Prima si leggeva il martirologio, poi un capitolo della Regola di San Benedetto (da cui il nome della stanza). La sala è divisa in sei campate quadrate con volte a crociera, sostenute da due colonne romane che furono successivamente rivestite di mattoni (all’interno della colonna a destra dell’entrata è possibile vedere la colonna romana).
ORARIO VISITE GUIDATE (0733.202942 MERIDIANA SRL)
Address Abbadia di Fiastra
Details
-Acquedotto
Presenta le pareti in opera laterizia ed il cunicolo a volta. Ha pareti rivestite da cocciopesto idraulico ed una capacità massima di mille metri cubi d'acqua. La cisterna è articolata su due vani lunghi 51 m., larghi m.4.20.
Date of building: 1854
-Anfiteatro
Costruito fuori dalla cinta muraria, a margine della Salaria Gallica, è uno degli anfiteatri romani meglio conservati nelle Marche. Fu fatto erigere intorno all’81 d.C. da Lucio Flavio Silva Nonio Basso, come si legge nell’iscrizione conservata nel Museo Archeologico di Urbisaglia.
In riferimento all'immagine: A) Ingressi all’arena, che in origine erano coperti a volta. Di qui entravano i gladiatori e le processioni che precedevano i giochi; B) Arena. L’antico piano dell’Arena è situato a circa un metro di profondità rispetto a quello attuale, e non risulta che sotto di esso vi fossero gallerie e locali di servizio. Al contrario di quanto spesso indicato non vi sono attualmente elementi per supporre un suo uso per le naumachie, cioè per le battaglie navali; C) Condotto di immissione dell’acqua per la pulizia dell’arena; D) Condotto per il deflusso delle acque per la pulizia dell’arena. I due condotti per l’afflusso e il deflusso dell’acqua sono coperti a “cappuccina”; E) Cavea. Destinata agli spettatori, era formata da due o forse tre ordini di gradinate: probabilmente quella inferiore con i posti d’onore per i dignitari dello stato, quella mediana per i cavalieri. Quella superiore riservata ai plebei, alle donne e agli schiavi. Alla cavea vi si accedeva attraverso 12 vomitoria, coperti con volta a botte, che portavano direttamente alla gradinata inferiore, ed attraverso una serie di scale poste al di sotto di un corridoio anulare che circondava tutta la struttura; F) Porta Libitinense (da Libitina, dea della morte). Era la porta da dove venivano fatti uscire i morti o i moribondi al termine dello spettacolo; G) Opus reticulatum mixtum; H) Muro esterno: presenta in vista una serie di grosse nicchie cilindriche e di speroni di cm 60 di spessore. I nicchioni si comportano come dei veri e propri archi orizzontali, che trasmettono la spinta della terra, per mezzo degli speroni, sui pilastri esterni. Le nicchie, probabilmente ornate da statue, sono occupate modularmente da rampe di scale per l’accesso al piano superiore. Si rileva con una certa frequenza la mancanza del rivestimento esterno che rende visibile il nucleo cementizio interno poiché i mattoni vennero prelevati in epoca medievale anche e soprattutto per la costruzione del borgo di Urbisaglia e dell’Abbazia di Fiastra; I) Basi dei pilastri. Resti dei pilastri sui quali poggiavano le strutture dei piani superiori dell’edificio e che nello stesso tempo costituivano un ampio porticato esterno. Le fondazioni dei pilastri erano legate a quelle del muro perimetrale da una serie di diaframmi in muratura, che rivelano l’impiego di un ingegnoso procedimento costruttivo.
ORARIO VISITE GUIDATE (0733.512628 COMUNE DI URBISAGLIA – 0733.202942 MERIDIANA SRL)
Date of building: 75-76 d.C.
-Chiesa del SS. Crocifisso
E' questa una delle Chiese di cui difettiamo maggiormente di notizie, per quanto la sua edificazione sia di data relativamente recente. Forse esse andarono perdute insieme a molte altre, non meno interessanti, nella soppressione degli ordini religiosi del 1810 e 1860. Ad ogni modo i documenti ci fanno certi che verso il 1500 esisteva fuori delle Mura di Urbisaglia un "sacellum" o cappellina dedicata al SS. Crocefisso.
Si ha memoria di una Chiesina, le cui dimensioni sono tuttora visibili, che il Sig. Carlo Nisi (1900) trovò scavando nel suo giardino, in cui fu rinvenuta anche una "Via Crucis" in pietra che, come già tanti altri oggetti di pregio, esulò dal nostro Paese. La notata vicinanza e la "Via Crucis" fanno pensare che quello possa essere stato l'antico "sacellum", di cui ci parlano gli Atti di S. Visita del 18 Ottobre 1581. In questi però non si fa punto menzione dei Religiosi del Terzo Ordine Regolare di S. Francesco, che risiedettero nel vicino Convento; anzi vi si asserisce che certo danaro di proprietà di quell'oratoria era custodito da un tal Valentini Sante; cosa questa assolutamente impossibile, se il luogo fosse stato di una comunità religiosa. I primi cenni della presenza in Urbisaglia del Terzo Ordine Regolare di S. Francesco si trovano solo il 6 Gennaio 1618, e forse nel Luglio 1606. La venuta, quindi, di quei Religiosi e la costruzione del loro Convento e Chiesa attuale, non potendo questa essere l'antico "sacellum", vanno posti verso il 1600. I Religiosi risiedettero qui fino al 1860, in cui avvenne la loro soppressione e l'ultimo di essi, che vi dimorò quale Sacerdote ufficiale della Chiesa, rimasta aperta al culto, fu il R.P. Alfonso Deminicis di Massa Fermana, qui morto il 20 Settembre 1895. Il Convento, con l'annessa Chiesa ed orto dell'Amministrazione del Fondo per il Culto, fu ceduta al Municipio di Urbisaglia il 10 Agosto 1868 a rogito del Notaio Pasquale Cecchi.
Details
-Chiesa della Madonna della Maestà
La chiesa chiamata anche S. Maria del Massaccio di aspetto modesto, con porta rinascimentale. La cappella incorpora un'antica edicola ricavata sui resti di un manufatto romano. Fu edificata in riconoscenza alla Vergine per aver liberato dalla peste.
La chiesa di S.Maria del Massaccio, o chiesa della Maestà, è dal punto di vista pittorico il gioiello più notevole di Urbisaglia. Il nome di Maestà le deriva dall’omonima denominazione che designa le edicole sacre poste vicino alle strade. In questo caso l’edicola fu ricavata su un rudere romano, forse un imponente monumento funerario, ancora ben visibile all’esterno. Secondo la tradizione in questo luogo, nell’anno 1429, apparve la Madonna : in cambio della costruzione di una chiesa in suo onore ella promise la liberazione dalla peste che imperversava in quel tempo ad Urbisaglia. All’interno della chiesa le figure ricorrenti negli affreschi ed i numerosi ex voto sembrano avvalorare l’ipotesi che la costruzione della chiesa sia legata ed una epidemia di peste. La quasi totalità degli affreschi infatti furono realizzati per grazia ricevuta e per invocare l’intercessione dei Santi protettori dalla peste (Santi Sebastiano e Rocco). Le immagini, che furono fatte dipingere a scopo devozionale, ripetono gli stessi temi e gli stessi schemi iconografici, mettendo in evidenza la firma del committente piuttosto che quella dell’autore (sono firmati dall’autore soltanto il San Sebastiano dipinto di fianco alla Vergine all’interno dell’abside e la Sacra Conversazione sulla parete Nord). Parete Sud: - Gruppo di tredici ex voto. Dipinti sugli spazi rimasti liberi nelle pareti, seguono uno schema fisso: la Vergine con il Bambino assistono da una nube coloro che li invocano; - Crocifissione. I personaggi ai piedi della croce recano ciascuno uno strumento del martirio (chiodi, lancia, canna con spugna e tenaglie); - Pietà attribuita a Stefano Folchetti di San Ginesio; - Affresco quasi completamente illeggibile, riporta in basso piccoli devoti in preghiera che richiamano l’iconografia della Madonna della Misericordia; - Madonna con Bambino e Sant’Anna; - Madonna del Soccorso con San Nicola da Tolentino. La scena è legata alla novellistica medievale: la mamma promette il figlio particolarmente vivace al diavolo, ma quando questi viene a prenderlo, ella invoca la Madonna per non consegnarlo. Questo affresco ritrae la Madonna in atto di cacciare il diavolo con un bastone, la madre inginocchiata che invoca soccorso ed il bambino spaventato. La perdita di colore della figura del diavolo non appare casuale, piuttosto sembra indicare una precisa volontà di cancellarlo; - Madonna con Bambino e i Santi Rocco e Sebastiano. Questo affresco, come rivela l’iscrizione ai piedi della Vergine, fu commissionato da due persone: uno fece dipingere la Madonna col Bambino, l’altro i due Santi; - Gruppo di quattro ex voto. Nel secondo da sinistra la presenza di un monaco bianco lascia pensare ai monaci cistercensi dell’Abbazia di Fiastra. Nella nube, insieme alla Madonna, compaiono San Sebastiano e San Rocco; - San Rocco. Vissuto nel sec. XIV, protettore dei pellegrini e degli appestati, viene raffigurato con l’abito del pellegrino caratterizzato dalla corta mantella. Egli mostra un bubbone della peste sulla coscia: era il primo segnale della malattia; - San Sebastiano. Vissuto nel III sec., venne condannato a morte a causa della propria fede tramite il supplizio delle frecce. Sopravvissuto alla pena, fu successivamente flagellato a morte. La sua figura è legata alla peste perché per sua intercessione fu debellata la pestilenza del 680 a Roma; - San Rocco. L’affresco, come quello di San Sebastiano sulla sinistra, ne ricopre un altro dello stesso soggetto; - Madonna in trono con Bambino e i Santi Rocco e Sebastiano. Parete Ovest: - Madonna con Bambino e i Santi Sebastiano e Rocco; - Santo Stefano. Il santo, primo martire cristiano, è raffigurato con una pietra sulla la testa che simboleggia la morte per lapidazione; - San Rocco e Sant’Antonio abate. L’affresco, incorniciato da un motivo che imita il marmo, è datato 1506; - San Sebastiano alla colonna. Ai piedi del santo l’iscrizione del committente; - Gruppo di sei ex voto. Da notare, nel primo e terzo riquadro in alto, scene di situazioni pericolose legate a lavori domestici e agricoli per le quali si invoca l’aiuto della Vergine; - Gruppo di cinque ex voto. Parete Nord: - San Nicola da Tolentino. Importante santo taumaturgo nacque nel 1245 a Sant’Angelo in Pontano (Mc). Fu monaco agostiniano e morì a Tolentino nel 1305. Si riconosce dal giglio e dal sole rappresentato sull’abito; - Frammento di ex voto; - Sacra Conversazione. Raffigura la Madonna col Bambino, un santo monaco e San Rocco inginocchiato. L’affresco riporta il nome del committente e la data 1525. La scena è realizzata all’interno di una elaborata cornice architettonica. Tra le foglie di acanto del fregio sottostante la firma dell’autore Marchisiano di Giorgio; - Frammento di ex voto; - San Sebastiano; - Madonna adorante il bambino; - Madonna con Bambino e San Rocco. La figura di San Rocco sulla destra sembra sia stata aggiunta a lavoro iniziato. Sullo sfondo gli usuali drappi decorati; - Santi Sebastiano e Rocco. I santi si trovano all’aperto davanti a due drappi che ne esaltano la figura. San Rocco che indossa il mantello in un’inedita versione, porge a San Sebastiano un cappello rosso; - San Rocco; - Santa Lucia; - San Domenico. Il santo è ritratto nell’atto della predicazione con il libro aperto. Parete Est: la parete Est presenta gli affreschi di maggior pregio artistico. Da sinistra l’Adorazione dei Pastori, al centro Dio Padre, a destra una Annunciazione. L’Adorazione dei Pastori ha sullo sfondo un imponente edificio con archi e colonne che fa pensare alla struttura del vicino anfiteatro romano. Nella stalla si scorgono il bue e l’asinello mentre fuori San Giuseppe la Madonna ed i pastori adorano il Bambino, disteso a terra e con il capo appoggiato ad un covone di grano. Dall’esame delle figure presenti si evidenzia una diversità stilistica e la partecipazione di più mani al lavoro. Al centro dell’arco è raffigurato Dio Padre che sostiene il globo del mondo nella mano sinistra e lo benedice. L’Annunciazione si presenta con una disposizione spaziale insolita: la Madonna è raffigurata all’interno di una stanza rinascimentale mentre l’angelo Gabriele, con le braccia conserte e privo di volto per un maldestro restauro del tetto, è dipinto ancora in volo nell’atto di scendere sulla terra. Interno della cappella La cappella, chiusa da una pesante inferriata, è la parte più antica della chiesa, alla quale venne poi aggiunto il resto dell’edificio attuale. Al centro è raffigurata la Madonna della Maestà, l’affresco più antico della chiesa, che viene fatto risalire al Trecento. La Madonna tiene in braccio il Bambino che regge un uccellino sul dorso della mano destra. Alla destra del dipinto della Madonna vi è San Rocco, sulla sinistra San Sebastiano, datato 1437 e firmato da Gasparino da Parma. La cappella venne rivestita di stucchi raffiguranti le scene del Battesimo di Cristo e di San Giovanni Battista nel XVI secolo e fu coronata da una piccola cupola a pianta ellittica e a sesto ribassato.
Address Chiesa della Maestà, S. S. n. 78 Picena
Details
Date of building: XIII Secolo
-Chiesa SS. Addolorata
E’ la chiesa più antica esistente nel centro storico. Non si conosce con precisione quando sia stata edificata, ma le sue forme architettoniche la fanno risalire al XV sec. circa. Dai documenti storici risulta che questa era la sede della pievania di S. Lorenzo prima della costruzione della Collegiata di S. Lorenzo del 1800. Nel 1828 la chiesa, non più sede parrocchiale, fu acquistata dalla Confraternita dell’Addolorata, che le attribuì il nuovo nome e ne fece la propria sede.
L’edificio è costruito con mattoni a faccia vista, con contrafforti di sostegno alla struttura sul lato nord. Lo stile della costruzione richiama nella sua architettura la coeva Chiesa della Maestà. Il portale in pietra bianca è di origine romana, quasi certamente proveniente da un arco trionfale. La facciata ha subito un rifacimento nel 1886 quando, per allineare gli edifici del corso, fu arretrata di circa 1,5m. In quella occasione il rosone da circolare fu reso semicircolare. L’interno è ad una sola navata, il tetto è a copertura lignea a capriate. Alle pareti si aprono cinque nicchie, che corrispondono alle strutture di rafforzamento esterno. Gli affreschi, recentemente restaurati, risalgono ai primi del ‘500. Sulla parete a sinistra dall’ingresso: - Battesimo di Cristo con San Giovanni; - Madonna col Bambino seduta in trono con San Sebastiano e San Rocco. In un riquadro sotto l’affresco, una scritta ricorda un evento straordinario accaduto il 14 giugno 1530 ad Urbisaglia; - Quadro su tela ad olio raffigurante la Madonna di Loreto con Sant’Antonio da Padova e Sant’Antonio Abate. L’autore, Giuseppe Locatelli nato a Mogliano nel 1751 e morto a Tolentino nel 1828, dipinse l’opera prima di essere chiamato a Milano da Napoleone Bonaparte; - Sant’Antonio Abate in trono con gli angeli. Nei riquadri superiori l’Annunciazione e a fianco, storie di Sant’Antonio; - Santa Lucia e San Rocco. Sulla parete a destra dall’ingresso: - Madonna in trono con il Bambino. A fianco un frammento di ex voto; - Santa Caterina d’Alessandria, Sant’Antonio da Padova e Santa Lucia; - Quadro su tela raffigurante la Madonna di Loreto in volo con la Santa Casa , Sant’Antonio e Mosè; - Madonna in Gloria con il Bambino, San Catervo con in mano la città di Tolentino, San’Antonio da Padova ed un santo non distinguibile, probabilmente San Nicola da Tolentino; - Deposizione con Padreterno in alto e San Giovanni a destra. A fianco frammenti dei Misteri del Rosario. Sulla parete di fondo, sopra le porte laterali all’altare, a sinistra la Vergine della Purità col Bambino provenienti da una chiesa scomparsa (sec. XV), a destra un dipinto a tempera del tardo ‘800 raffigurante Sant’Andrea d’Avellino. La chiesa è dotata anche di un gruppo ligneo dell’800, utilizzato nella processione del Venerdì Santo, raffigurante i personaggi della Passione: Gesù Morto (sotto l’altare), la Vergine addolorata, San Giovanni e Santa Maria Maddalena.
Ingresso libero
Address Corso Giannelli
Details
Property: confraternita
Date of building: XV Secolo
-Collegiata di San Lorenzo
La chiesa, a pianta circolare con otto colonne che sorreggono gli archi a tutto sesto, venne costruita fra il 1790 e il 1800. Dal 1925 iniziò la sua ristrutturazione e la decorazione secondo lo stile del tempo. Nello stesso periodo Ciro Pavisa (1890-1973) affrescò l’abside con cinque episodi della vita di San Lorenzo.
Gli affreschi, che fanno riferimento alla vita di san Lorenzo, completati da una epigrafe che ne chiarisce il significato, sono, da sinistra: Guarigione degli ammalati (“Diede la vista ai ciechi”), I Tesori della Chiesa (“Questi sono i testori della Chiesa”), Il supplizio sulla graticola (“Sulla graticola non negò Dio”), Arresto di Sisto II (“Dove vai, padre, senza il figlio?”), Esercizio del Ministero (“Sbrigati a battezzarmi”). Di notevole interesse, nella prima cappella a destra dell’ingresso, il Trittico di Stefano Folchetti di San Ginesio, del 1507, come riferito dal cartiglio centrale. Esso rappresenta al centro lo sposalizio mistico di S.Caterina d’Alessandria con Gesù e, ai lati, San Lorenzo martire e San Pietro apostolo. Sulla predella sono raffigurati i dodici apostoli con al centro la figura del Cristo. Nel pilastro laterale sinistro le figure di San Sebastiano, San Francesco d’Assisi e San Nicola da Tolentino. Nel pilastro laterale destro San Rocco, Sant’Agata e Santa Apollonia. Nei semipennacchi è raffigurata l’Annunciazione. Nella seconda cappella a destra dall’ingresso l’altare del Sacro Cuore, la cui effige, molto venerata dagli urbisagliesi, fu portata in processione nell’aprile del 1893 per invocare la pioggia dopo un lungo periodo di siccità. Secondo la devozione la richiesta venne esaudita e da allora, ogni 28 aprile, si celebra ad Urbisaglia la festa votiva del Sacro Cuore. Ai lati del Sacro Cuore altri due affreschi del Pavisa: la Crocifissione e l’Ultima Cena. Nella seconda cappella a sinistra dall’ingresso, la Vergine del Rosario, opera che imita la Madonna del Rosario di Lorenzo Lotto conservata a Cingoli nella chiesa di San Domenico. La tela, datata 1577, raffigura la Madonna in trono con il Bambino, circondata dalla rappresentazione dei 15 misteri del Santo Rosario, legati fra loro da una corona. La tela conservata sulla sinistra della stessa cappella rappresenta la Madonna circondata dai santi patroni di Urbisaglia: papa San Pio V, San Lorenzo martire, San Giorgio e San Marone.
Ingresso libero.
Address Piazza Garibaldi
Details
-Criptoportico
Si sviluppa con pianta ad U intorno al tempio dedicato alla Salus Augusta, come attesta la scritta "Salus Augustae Salviensis" presente sui bolli impressi sui mattoni dell'officina.
Il complesso, delimitato da un ampio recinto sacro, si apriva sulla strada antistante ( la Salaria Gallica ) e prospettava con grande effetto scenografico sull’area forense. Il Tempio prostilo esastilo (con sei colonne sulla fronte), delle dimensioni di circa m 16 x 30, era dedicato alla Salus Augusta e di esso attualmente si conservano solo parte del podio, privo dell’originale rivestimento di blocchi e lastre calcaree, e le tracce dei muri divisori interni. L’ingresso principale avveniva in una prima fase attraverso un’ampia scalinata centrale, in una seconda - successiva al crollo di un corridoio ancora in situ -, probabilmente attraverso due rampe simmetriche sui lati, che portavano ad una piattaforma dalla quale, un’ulteriore scalinata centrale, permetteva l’accesso al pronao. Da questo, attraverso un ampio portale si entrava nella cella dove, sulla parete di fondo di un abside semicircolare era contenuta la statua della divinità. Il Criptoportico è una struttura semi-sotterranea formata da quattro gallerie che circondano il Tempio. Tre di esse erano divise in due navate mediante una serie di pilastri rettangolari collegati da archi. Le due gallerie laterali nord e sud sono lunghe 52 metri , quella di raccordo orientale misura 42 metri .Le gallerie erano interamente decorate ad affresco: il braccio meridionale, aperto alle visite, permette ancora di apprezzare le interessanti decorazioni pittoriche di età tiberiana, riferibili al III stile pompeiano, divise su tre fasce delle quali quella superiore quasi completamente perduta. La parete presenta, sopra ad uno zoccolo decorato con pannellature di colore scuro, una serie di quadri raffiguranti trofei militari nei quali si distinguono ancora elmi, lance, scudi, etc. Questi riquadri sono separati da listelli verticali decorati da candelabri. Nella fascia superiore, conservata solo in parte, la decorazione presenta raffigurazioni naturalistiche con animali esotici, scene di caccia e maschere lunari; nel complesso i modelli iconografici scelti sono legati alla propaganda augustea ed imperiale. I muri perimetrali sono in opera mista, costituita da conci di pietra alternati a file di mattoni, raddoppiati all’esterno da un secondo muro e protetti all’interno, dalle infiltrazioni d’acqua e dall’umidità, da un pavimento in opus spicatum.La costruzione del Criptoportico risale all’inizio del regno di Tiberio (prima metà del I secolo d.C.).
ORARIO VISITE GUIDATE (0733.512648 COMUNE DI URBISAGLIA – 0733.202942 MERIDIANA SRL)
Address Contrada Anfiteatro
Date of building: Prima metà del I secolo d.C.
-Edificio “a nicchioni”
Si tratta di una struttura di contenimento, realizzata presumibilmente nelle prime fasi di urbanizzazione, che permetteva il raccordo dei vari terrazzamenti in base ai quali era organizzata la città.
L’edificio è formato da un muro con cinque nicchie con funzione di controspinta al terreno retrostante, ed era obliterato alla vista dalla presenza di un criptoportico - forse costituito da tre gallerie su due navate, due delle quali visibili e decorate da affreschi parietali oggi scarsamente leggibili - che abbracciava la piazza antistante, anche questa terrazzata ad est ed affacciata verso l’area pianeggiante della città e sul Foro. In quest’area i resti romani vennero adoperati in epoca moderna anche per la costruzione di case coloniche utilizzate attualmente dalla Soprintendenza per Beni archeologici delle Marche e dall’Università degli Studi di Macerata come laboratorio e magazzini in funzione degli scavi che si stanno tuttora conducendo. Da notare un tipico forno a legna moderno costruito nei pressi del muro a nicchioni.
ORARIO VISITE GUIDATE (0733.512648 COMUNE DI URBISAGLIA – 0733.202942 MERIDIANA SRL)
Address Contrada Anfiteatro
-Mura
Le Mura costituiscono uno degli esempi di fortificazioni fra i più appariscenti e meglio conservati delle Marche. Perfettamente aderenti alle necessità imposte dalla conformazione del pendio su cui sorge la città, la loro costruzione risponde piuttosto che a delle necessità difensive - nell’Italia augustea ormai pacificata anche il problema del brigantaggio era ormai estremamente ridotto - ad una volontà di autoaffermazione e auto-rappresentazione della città, emblema e simbolo della comunità e strumento propagandistico.
La tecnica costruttiva è quella laterizia a doppia cortina, ed il perimetro completo, oggi solo in parte visibile, è di circa due chilometri e mezzo. Lungo il circuito murario vi erano delle torri di guardia, a pianta poligonale, poste quando possibile ad una distanza regolare di ca. 40 m , misura che corrisponde all’incirca alla distanza percorribile da un tiro di freccia. Due le porte di ingresso facilmente individuabili: la Porta Nord e la Porta Gemina. La Porta Nord era posta al fondo di un cortile di forma trapezoidale, cosa che consentiva una migliore difesa in quanto il nemico che avesse cercato di superare la porta poteva essere colpito non solo di fronte, dall’alto della cinta, ma anche dai due fianchi, da una posizione quindi fortemente dominante. Porta Gemina, è così denominata perché caratterizzata da due aperture, secondo una tipologia frequente presso i romani. Il monumento è oggi di difficile lettura poiché alla Porta Gemina è stata sovrapposta in due fasi nel corso del XIX sec. una casa colonica. Monumenti funerari a torre. Nei pressi della Porta Nord si possono osservare due strutture di cui resta il solo nucleo cementizio: si tratta di due monumenti funerari a torre che fiancheggiavano, al di fuori delle mura, il percorso stradale e che in origine dovevano essere decorati da lastre di rivestimento, contenere l’urna sacra con le ceneri del defunto ed anche l’epigrafe che ne tramandava la memoria ai posteri.
Address Via della Circonvallazione
Details
-Palazzo Comunale
La fronte del Palazzo Comunale, lungo il C.so Giannelli, conserva murate quattro interessanti epigrafi romane, di cui due in copia e due originali.
La prima da sinistra (originale) è dedicata a Gaio Salvio Liberale Nonio Basso, uno dei personaggi più importanti di Urbs Salvia il cui nome di famiglia “Salvio” rimanda probabilmente ad un antenato schiavo della città successivamente liberato. Fu grazie alla sue capacità retoriche, ma soprattutto all’aiuto del “parente” urbisalviense Flavio Silva -costruttore dell’anfiteatro-, che percorse un’eccellente carriera fino ad accedere al consolato, carriera esaltata proprio da quest’epigrafe funeraria. La seconda da sinistra è la copia del testo epigrafico iscritto su di un piedistallo che sorreggeva un dono -la cui natura è a noi ignota- che, dopo l’età traianea, Tito Flavio Massimo -di ordine equestre e la cui origo è probabilmente urbisalviense, mentre era amministratore dell’imperatore in oriente dedicò agli dèi e alle dee di Urbs Salvia. L’originale è conservato presso la Raccolta Archeologica dell’Abbazia di Fiastra. Anche l’originale della terza epigrafe è conservato presso la Raccolta archeologica dell’Abbadia di Fiastra, e si tratta di un’ara funeraria che Marco Calvio Sabino, ex schiavo, dedicò al padrone, Marco Calvio Clemente, che gli concesse la libertà. Quest’ultimo era certamente un personaggio importante nella città, avendo rivestito la carica di quattuorviro, carica forse legata ad Urbs Salvia al collegio sacerdotale degli Augustales. La quarta è un’epigrafe funeraria (originale) dedicata a Vitellia Rufilla, moglie del console Gaio Salvio Liberale e madre di Vitelliano autore di questa dedica. Come testimoniato dal testo Vitellia Rufilla fu per tutta la vita flaminica Salutis Augustae, ovvero sacerdotessa della Salus Augusta, il cui culto veniva officiato nel principale Tempio forense di Urbs Salvia.
Address Corso Giannelli
Details
-Parco Archeologico di Urbis Salvia e Rocca
Il Parco gravita nell’area della colonia romana di Urbs Salvia, che si estende su di una superficie di circa 40 ettari , a cavallo della Strada Statale 78, tra le frazioni di Convento a Sud e Maestà a Nord. L' assetto monumentale che la città ancor oggi conserva va riferito ad un piano urbanistico coerente ed unitario avviato a partire dall' età augustea e proseguito in quella tiberiana, caratterizzato dallo sfruttamento e monumentalizzazione dei terrazzi naturali che caratterizzano questo lato della valle del Fiastra, costituendo certamente un imponente effetto scenografico.
Visite:
1 novembre/28 febbraio - 16 settembre/31 ottobre
Sab. dom. e festivi 10.00 - 13.00/15.00 - 16.30
1 marzo/15 giugno
Sab. dom. e festivi 10.00 - 13.00/15.00 - 18.00
16 giugno/15 settembre
Tutti i giorni 10.00 -13.00/15.00 - 19.00
-Piazza Minerva
Piazza Minerva è un compendio di poetica, simbolismo e funzioni. Progettata dall’artista romano Giuliano Giganti, ha come motivo conduttore l’uomo raffigurato come sagoma, l’uomo geometrico, che ora esalta la tecnologia simboleggiata dall’automobile, ora stringe fra le braccia la nuvola come metonimia della natura.
La piazza impegna circa 2100mq e presenta una pavimentazione di fondo in pietre di porfido grigio: l’intero spazio è nettamente connotato come luogo destinato a raccogliere il movimento del sole e ad essere suo interprete. Il centro della piazza è costituito dalla rosa dei venti, da cui si dipartono otto grandi sagome d’uomo, del tipo che si è descritto. La rosa dei venti segnala le direzioni intercardinali dette “venti”, poiché indicano le direzioni di provenienza dei venti i cui nomi sono scritti in nero nelle sue punte. La parte centrale della rosa riporta una scritta circolare che formula un’antica e sempre attuale domanda: “Che genere di speculazione si ricava dallo scorrere del tempo”. Un altro elemento importante di questa costruzione è l’orologio analemmatico. Questo tipo di orologio solare non utilizza un proprio stilo o gnomone predeterminato e istallato come elemento fisso. E’ la figura umana che, collocandosi nella casella corrispondente al mese corrente, funge da stilo e quindi, con la propria ombra, segnala l’ora solare del luogo. Un ulteriore elemento che caratterizza piazza Minerva e la grande scacchiera che fa da cerniera tra la piazza e la scena del teatro. Il teatro, di forma semicircolare, può ospitare circa 500 spettatori. La cavea è limitata da una recinzione in cui sono istallate 30 figure, realizzate combinando triangoli di ferro zincati a caldo e saldati fra di loro negli angoli. Le figure si muovono da destra e da sinistra rispetto al centro presidiato da un grande triangolo, somma di tanti triangoli, e si librano liberamente per afferrare la luna, una nuvola, una casa, una tavolozza, giocando con candele, tenendo un’automobile, un arcobaleno, rincorrendo un pallone. C’è anche una figura acefala attorno alla quale ruotano 8 teste, a rappresentare la continua ricerca della propria identità. Ai lati di Piazza Minerva Giganti ha collocato sette panchine zincato: ciascuna panchina è sorretta da una coppia di sagome-uomo. Ciascuna coppia è colta in una posizione diversa: riversa a terra, poggiata su una mano e su una gamba piegata a terra, oppure su un piede e con la gamba sollevata da terra, tutte a simboleggiare il legame dell’uomo con la terra e il suo progressivo distacco.
Address Piazza Minerva
-Porta Trento e Porta Piave
Le mura di Urbisaglia medievale erano interrotte da due porte ogivali, Porta Piave (già denominata Porta Fiastra perché si affaccia sulla valle del Fiastra) e Porta Trento (già Porta Entogge, dalla valle del torrente Entogge). Quest’ultima, con una ghiera in cotto, è ad arco acuto e parzialmente interrata. Imponente il fornice che delimita uno spazioso vano con volta a botte. Le porte avevano la funzione di isolare il paese durante la notte e quando scoppiavano casi di epidemia. In questo caso restava aperta solo Porta Piave (Fiastra), nella quale le guardie cittadine dovevano effettuare severissimi controlli ai forestieri che si presentavano, sotto la rigida responsabilità di due deputati eletti dal Consiglio Comunale.
Ancora visibili all’interno della porta i cardini per la chiusura e, a destra della fonte, un piccolo sportello in metallo appartenente al sistema di illuminazione stradale ad olio istituito nell’800: all’interno dello sportello, tenuto chiuso a chiave, veniva agganciata la catena che sosteneva la lampada; la catena veniva sganciata quando si doveva abbassare la lampada per rifornirla d’olio. Le porte erano difese da torrioni, alienati dal Comune nel sec. XIX ed abbattuti per edificare le abitazioni dei nuovi proprietari. Sulle porte erano collocati, per tradizione, gli stemmi del papa regnante e della comunità, raffigurante San Giorgio che uccide il drago.
Address CIRCONVALLAZIONE DI LEVANTE E DI PONENTE
-Rocca medioevale
Imponente costruzione destinata alla difesa della valle, fu più volte danneggiata dalle guerre tra i signori dei castelli limitrofi.
La Rocca è posta nell’angolo occidentale del tracciato delle mura della città antica. La sua posizione, dominante l’intero spazio cittadino, fa ipotizzare che qui fosse localizzato l’arce o il Campidoglio. Tracce consistenti di agglomerati in calcestruzzo di epoca romana sono ancora oggi visibili all’interno della Rocca. In questo luogo si rifugiò la popolazione nel periodo successivo alla caduta dell’impero romano, quando ci fu il ritorno alle alture per motivi di sicurezza, dando origine al Castro de Orbesallia. Già i documenti del XII secolo ci testimoniano la presenza di una fortificazione, più volte rimaneggiata e riadattata nei secoli a causa dei continui scontri fra Urbisaglia e Tolentino. La Rocca , nelle sue forme attuali, fu terminata nel 1507, dopo due secoli di dominazione tolentinate, per prevenire ribellioni della cittadinanza insofferente al suo potere. Nella costruzione dell’edificio sono state applicate le tecniche caratteristiche delle fortificazioni concepite dopo l’avvento della polvere da sparo: i torrioni e le cortine sono provvisti di una forte scarpatura e, a livello del piano di calpestio, sono presenti le bombardiere dove venivano piazzate le bocche da fuoco. La Rocca ha forma di trapezio, con lati disuguali e quattro torrioni agli angoli. Questa forma asimmetrica risponde alle funzioni che Tolentino attribuiva alla Rocca: difesa da un eventuale attacco dall’esterno e, nello stesso tempo, controllo e repressione di una eventuale ribellione interna. L’ingresso originario si apriva nella torre di guardia posta sotto al mastio. Vi si accedeva per mezzo di una scala di legno che, in caso di pericolo, poteva essere ritirata. L’ingresso era comunque protetto dal prospiciente torrione settentrionale e dal sovrastante mastio. L’interno della Rocca è in parte occupato dai ruderi delle precedenti fortificazioni. Nei torrioni sono situate le troniere per effettuare il tiro diretto e fiancheggiante. In particolare, all’interno del torrione sud, si scorgono le tracce delle mura romane, e fra il torrione sud e quello est si nota una sorta di caditoia che probabilmente serviva da latrina. Il Mastio, che ha subito vari rifacimenti dal XII al XV secolo, conserva all’interno tre vani, adibiti ad abitazione della guarnigione. I camminamenti di ronda, ancora percorribili, erano forniti di caditoie e feritoie per il tiro ficcante e piombante. Dall’alto della Rocca si apre un magnifico panorama che spazia dai Monti Sibillini fino al mare, e una vista d’insieme sul borgo di Urbisaglia.
ORARIO VISITE GUIDATE (0733.512648 COMUNE DI URBISAGLIA – 0733.202942 MERIDIANA SRL)
Address Via della Rocca
Property: comunale
Date of building: XII-XIII Secolo
-Sacrario ai Caduti di tutte le Guerre – Museo delle armi e delle uniformi militari
Folkloristicamente conosciuto come "il Sacrario", il Museo delle Armi e delle Uniformi Militari occupa in realtà un sito prestigioso essendo ospitato dalla Chiesa di San Biagio, struttura posta appena al di fuori della Cinta muraria e da sempre, per i paesani, ipotetico anello di congiunzione tra i ruderi di Urbs Salvia e la Città contemporanea.
0733.506566 (PRO LOCO) – 0733.202942 (MERIDIANA SRL)
Address Via Sacrario
Property: comunale
Date of building: Ultimo dopo guerra
-Serbatoio
Si tratta del Serbatoio di arrivo e decantazione dell’acquedotto romano, acquedotto costituito da un cunicolo sotterraneo coperto a volta e con pareti in opera laterizia che percorreva il crinale del colle per una lunghezza di oltre km 1,5.
Il Serbatoio serviva a raccogliere, far decantare e pulire l’acqua proveniente dall’acquedotto prima che defluisse al sistema di distribuzione della città. La struttura, alla quale si accede oggi tramite uno stretto passaggio, è formata da due gallerie a volta comunicanti, rivestite di malta idraulica, della capacità di 1.000 metri cubi d’acqua, lunghe circa 50m e larghe 2,90m. In riferimento all'immagine: A) Pozzetti di aereazione: avevano la funzione di purificare l’aria e permettere, allo stesso tempo, l’uscita dell’aria all’ingresso dell’acqua. Consentivano inoltre l’ispezione del serbatoio; B) Foro di uscita dell’acqua: da questa uscita l’acqua veniva convogliata verso il sistema di distribuzione caratterizzato certamente dalla presenza di un castellum aquae, da condutture di piombo e terracotta che distribuivano l’acqua a terme, fontane pubbliche ed ad alcune case private; C) Apertura di comunicazione fra le due gallerie; D) Bocca d’immissione dell’acqua: l’acqua proveniente dall’acquedotto affluiva al Serbatoio tramite questa apertura; da notare le concrezioni calcaree formatesi nel corso dei secoli. Nella volta a tutto sesto sono ancora visibili le impronte lasciate dalle tavole usate per gettare la malta cementizia.
ORARIO VISITE GUIDATE (0733.512648 COMUNE DI URBISAGLIA – 0733.202942 MERIDIANA SRL)
Address Via Sacrario
-Teatro
Fatto costruire da Gaio Fufio Gemino negli anni precedenti il 23 d.C., sfrutta il pendio del colle secondo modalità costruttive di origine greca. Fu realizzato in opera laterizia con nucleo cementizio, e subì dissesti già in epoca antica a causa di movimenti franosi. Le sue imponenti dimensioni testimoniano l’importanza di Urbs Salvia in epoca augusteo-tiberiana e la sua monumentalità contribuì notevolmente all’esaltazione dell’immagine della città, dominando il foro con un imponente effetto scenografico. Durante le campagne di scavo, avviate già nel XVIII sec., furono rinvenuti, tra l’altro, una testa di Apollo, due statue acefale una femminile ed una raffigurante un personaggio togato, conservate presso il Museo Archeologico statale di Urbisaglia.
In riferimento all'immagine: A) Tempietto a pianta quadrata dedicato forse ad Apollo; B) Cavea. Addossata in parte al pendio della collina ed in parte poggiante su sostruzioni, ospitava gli spettatori. Le gradinate erano suddivise in tre settori separati tra loro da due corridoi anulari. Misura 85m di diametro; C) Vomitorium. Passaggio di accesso alla cavea; D) Ambulacrum. Corridoio anulare che permetteva l’accesso e la distribuzione del pubblico alla cavea, proteggendo contemporaneamente l’edificio dai dissesti del terreno; E) Scala di accesso all’Ambulacrum. Da notare il dissesto operato dalle frane del terreno; F) Parascaenia. Ambienti rettangolari disposti simmetricamente ai lati della scena per il deposito dei materiali necessari allo spettacolo e per l’accesso al teatro; G) Resti di decorazione parietale; H) Aditus. Corridoio di accesso all’orchestra; I) Orchestra. A forma di semicerchio, misura 27m di diametro. Qui potevano prendere posto i musici; J) Proedria. Fila di sedili riservati alle autorità; K) Euripo. Rete di condotti di scolo che permetteva il deflusso delle acque; L) Scena. Dell’ampio edificio scenico, lungo 54m, rimangono scarsi resti dei muri di fondazione, coperti in epoca recente con materiale cementizio di color rosa. La scena era certamente ornata da un ricco e sontuoso apparato scultoreo; M) Porta regia. Entrata in scena riservata agli attori protagonisti; N) Porta hospitale. Entrata in scena degli attori non protagonisti; O) Camerino. Da notare, sull’angolo, una latrina; P) Pozzetti quadrati che ospitavano le armature lignee del sipario; Q) Porticus post scaenam. Porticato quadrangolare che si ergeva dietro l’edificio scenico, e di cui scavi ora coperti hanno rimesso in luce i resti dei plinti delle colonne in laterizio; R) Porzione ben conservata di opus reticolatum.
ORARIO VISITE GUIDATE (0733.512648 COMUNE DI URBISAGLIA – 0733.202942 MERIDIANA SRL)
Address Contrada Anfiteatro
Date of building: Prima del 23 d.C.

Ussita

-Santa Maria Assunta
Conserva ancora elementi della costruzione originaria. All'interno affreschi attribuiti a Paolo da Visso (sec. XV) e a Camillo e Fabio Angelucci (sec. XVI).
Address Loc.tà Pieve
Date of building: 1300
-Ss.Vincenzo e Anastasio
Chiesa romanica di antichissima origine, conserva una suggestiva abside semicircolare con monofore ed una porta ad arco con ghiera dentellata.
Address Loc.tà Casali
Date of building: 1093

Visso

-Collegiata di Santa Maria
Presenta uno stile romanico-gotico. E' abbellita da una stupenda facciata.
Date of building: 1500
-Museo e Pinacoteca
Interessanti le opere contenute perché provengono tutte dalle chiese del territorio vissano.
-Pieve di S. Maria Assunta
L' antica Pieve dedicata a Santa Maria Assunta è situata nella frazione di Fematre. Nell' alto medioevo Fematre apparteneva al feudo dei conti Alviano, nel luogo dove si trova il paese sorgeva il castello, che data la sua posizione strategica in zona di confine tra Marche ed Umbria aveva acquisito notevole prestigio sul territorio.
La Pieve fu eretta nel 1100 alle falde del Monte Fema, in forme romaniche e grazie alla sua collocazione divenne un fulcro molto importante non solo religioso ma anche civile per tutte le comunità limitrofe. La vita associata pulsava tutta attorno alla Pieve, nei giorni festivi dopo la messa, si svolgevano anche riunioni di Consiglio. Agli inizi del 1200 il dominio feudale dei Conti Alviano cessò, a causa della vendita del Feudo al Comune di Norcia, si costituì la Communitas Fematris comprendente le ville vicine. Nel 1471 il castello di Fematre passò al comune di Visso. La chiesa ha pianta ad aula, coperta nelle prime due campate, da grandi volte a crociera poggianti su pilastri. Questo corpo centrale dell’edificio corrisponde alla pieve del XII secolo. Nel 1135, al lato sinistro della chiesa, fu aggiunto un altro corpo che fungeva da oratorio, ora è adibito a sacrestia. Nel XIV sec. in seguito ai danni di un terremoto e alle aumentate esigenze demografiche, l' aula fu allungata con l' aggiunta di un presbiterio a base quadrata coperto da volta costolonata e separato dalla navata con un arco trionfale; fu rifatta la facciata con l' aggiunta di un rosone, il campanile a vela fu sostituito da una vecchia torre di vedetta che è l' attuale campanile. Il presbiterio è completamente affrescato con scene della vita di Maria. Gli affreschi eseguiti dagli Sparapane da Norcia (dal 1497 in poi) si possono trovare nel presbiterio, come anche in altre parti della chiesa, mentre nella parete appena si entra sulla sinistra un grande affresco raffigurante la Madonna del Rosario datato 1583 è attribuito a Fabio Angelucci. Sulla destra per ripararsi da intemperie, per i battesimi, per maggiore comodità della liturgia della Candelora, della Settimana Santa e delle Processioni, fu aggiunto un nartece formato da cinque archi a tutto sesto; in fondo venne aggiunta nel 1506 una cappellina affrescata sempre dagli Sparapane da Norcia. La parete sud della Pieve era affrescata fino a qualche tempo fa ad opera dei pittori umbri del Quattrocento. Si scorgono ancora lievemente le immagini di S. Sebastiano, della Vergine con il Bambino, di S. Stefano e di S. Cristoforo col bambino in Spalla. La Pieve sorta come edificio in forme romaniche, nonostante nel tempo abbia subito vari rifacimenti e rimaneggiamenti, mantiene inalterati i caratteri architettonici e tipologici delle costruzioni tipiche montane.
Address S. C. di Fematre
Details
Date of building: 1100
-Santuario di Macereto
Il Santuario di Macereto é un edificio di eccezionale interesse architettonico; costruito sul modello bramantesco da Giovan Battista da Lugano.
Details
Date of building: 1399